Giallo - thriller - noir

Le Vendicatrici: Ksenia

Carlotto Massimo, Videtta Marco

Descrizione: Ksenia, giovane e bella siberiana, è costretta dalla povertà e dalla mancanza di prospettive a credere ciecamente a un fascinoso italiano che le ha promesso un matrimonio da favola. Un atroce inganno che la rende prigioniera del suo stesso sogno. Da sola non ce la farebbe a uscire dall'incubo ma con l'aiuto di Luz, Eva e di un'altra misteriosa donna, il riscatto può avere inizio e la vendetta compiersi. Senza esclusione di colpi.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Einaudi

Collana: Stlie Libero - BIG

Anno: 2013

ISBN: 9788806212698

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

Ksenia” è il primo dei quattro romanzi della serie Le Vendicatrici di Massimo Carlotto e Marco Videtta.
Le vendicatrici sono quattro donne che intrecciano i loro destini in nome della vendetta. Ogni libro è dedicato a una di loro, che da vittima diventa strumento di redenzione.
La prima è Ksenia, ragazza siberiana, che arriva in Italia inseguendo il sogno di un buon marito e trova tutt’altro. Non conquista il quarantenne benestante che si aspetta,  ma viene “venduta” a Antonino Barone, strozzino di professione, “sessantenne tozzo e bolso, con una calvizie incipiente”. La prima reazione è subire in silenzio le sue perversità, ma dalla sofferenza scaturisce il coraggio di ribellarsi, con l’aiuto di altre amiche: Luz, prostituta colombiana; Eva, profumiera vittima di un marito vigliacco e dipendente dal gioco; e Sara, che investiga misteriosamente su tutti.

Il romanzo è scritto dal punto di vista di queste donne, senza troppa compassione. I personaggi maschili sono assolutamente negativi, quasi inconsistenti, non fosse per la loro crudeltà…
La vicenda ricorda la crudezza della famigerata Banda della Magliana e la Roma immorale e senza freni della malavita. Qualsiasi attività, svolta nella zona dove regna Antonino, subisce le angherie e paga il pizzo alla famiglia Barone: persino le banche e alcuni poliziotti sono iscritti nel suo libro paga.

La finzione letteraria, puro frutto di fantasia, prende spunto da un fenomeno reale, come spesso accade nei libri di Carlotto, che ama lasciarsi ispirare dalla cronaca. Qui è la volta della “tratta delle spose” e della malavita di quartiere.
Il romanzo è un noir sui generis: non importa indovinare come andrà a finire, perché la conclusione è prevedibile. Il fascino del libro consiste piuttosto nella capacità di immergere il lettore nelle perversità.
La cattiveria assoluta affascina, tanto più che da questo putridume emergono le personalità delle quattro amiche, che sanno lottare con tenacia per un futuro migliore.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Videtta

Massimo,

Carlotto

Libri dallo stesso autore

Intervista a Carlotto Massimo, Videtta Marco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Finalmente qualcosa in comune tra lo Sheikh Zayed e l’Arabic Booker

Ciò che avviene fuori di noi può passare senza lasciare traccia, o modificare per sempre la traiettoria della nostra vita. L'autobiografia di ciascun italiano è una scheggia impazzita nell'autobiografia del Paese. "Il 22 giugno 1974, al settantottesimo minuto di una partita di calcio, sono diventato comunista". Sono i Mondiali del '74, ai quarti di finale si gioca una partita storica: Germania Ovest contro Germania Est. Un bambino di dieci anni, seduto davanti alla televisione insieme a suo padre, si rende conto tutt'a un tratto di tifare per la squadra sbagliata. "Mentre lo stadio ammutolisce, tra la poltrona di mio padre e la mia, un piccolo muro, invisibile e incompreso, comincia a venire su, come se fossimo nel centro di Berlino". Francesco Piccolo ha scritto un romanzo personale e politico, divertente, serissimo, provocatorio, per raccontare la storia d'amore irrisolvibile che lega ogni uomo al suo tempo. Perché in fondo la nostra vita è il modo che scegliamo ogni giorno per partecipare al mondo.

Il desiderio di essere come tutti

Piccolo Francesco

La giovane insegnante precaria, Silvia Martini, è al suo primo incarico annuale nella Scuola "Edmondo De Amicis", collocata in un quartiere periferico e multietnico della città di Torino. Si ritrova ad insegnare in una quarta primaria, una classe difficile da gestire che affronterà con i consigli dell'amica Mirella Sciascia, insegnante alle soglie della pensione. Molteplici saranno le vicissitudini che gli alunni della classe (tra cui la disadattata Pamela, il bullo Alessandro, la viziata Nicoletta e i tanti alunni stranieri), ma a volte anche i colleghi, le faranno vivere, fino al concretizzarsi di un drammatico incidente. Evento che la colpirà profondamente nell'animo, inducendola a sentirsi indirettamente responsabile e a riconsiderare il proprio operato, raccogliendo del materiale, sull'anno scolastico trascorso, in un dossier che poi porgerà al Procuratore (e quindi al lettore) che si occupa del caso, sia per fornire un aiuto alle indagini, ma soprattutto per vedere assolta la propria coscienza.

NON C’E’ CUORE

Caprio Franco

Arthur Bramhall, un professore di letteratura dell’università del Maine, durante il suo anno sabatico lavora, in una fattoria, alla realizzazione di un libro. Ma quando la fattoria brucia il manoscritto segue la sua stessa fi ne. Con i soldi dell’assicurazione, Arthur si costruisce un rifugio dove comincia la seconda stesura del suo libro Destiny and Desire. Una volta fi nito il romanzo lo sotterra sotto un pino prima di andare a festeggiare in paese. Mentre Arthur se la spassa un orso affamato scopre la valigetta con il mascritto e dopo una veloce lettura decide che il libro può diventare un best seller. L’orso, Hal Jam, viaggia fino a New York dove viene acclamato come autore di successo e ospite d’eccezione per i party mondani, mentre la disperazione animalesca di Bramhall cresce sempre di più fino a portalo all’isolamento dai suoi vecchi amici.

L’ORSO CHE VENNE DALLA MONTAGNA

Kotzwinkle William