Giallo - thriller - noir

Le Vendicatrici: Ksenia

Carlotto Massimo, Videtta Marco

Descrizione: Ksenia, giovane e bella siberiana, è costretta dalla povertà e dalla mancanza di prospettive a credere ciecamente a un fascinoso italiano che le ha promesso un matrimonio da favola. Un atroce inganno che la rende prigioniera del suo stesso sogno. Da sola non ce la farebbe a uscire dall'incubo ma con l'aiuto di Luz, Eva e di un'altra misteriosa donna, il riscatto può avere inizio e la vendetta compiersi. Senza esclusione di colpi.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Einaudi

Collana: Stlie Libero - BIG

Anno: 2013

ISBN: 9788806212698

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

Ksenia” è il primo dei quattro romanzi della serie Le Vendicatrici di Massimo Carlotto e Marco Videtta.
Le vendicatrici sono quattro donne che intrecciano i loro destini in nome della vendetta. Ogni libro è dedicato a una di loro, che da vittima diventa strumento di redenzione.
La prima è Ksenia, ragazza siberiana, che arriva in Italia inseguendo il sogno di un buon marito e trova tutt’altro. Non conquista il quarantenne benestante che si aspetta,  ma viene “venduta” a Antonino Barone, strozzino di professione, “sessantenne tozzo e bolso, con una calvizie incipiente”. La prima reazione è subire in silenzio le sue perversità, ma dalla sofferenza scaturisce il coraggio di ribellarsi, con l’aiuto di altre amiche: Luz, prostituta colombiana; Eva, profumiera vittima di un marito vigliacco e dipendente dal gioco; e Sara, che investiga misteriosamente su tutti.

Il romanzo è scritto dal punto di vista di queste donne, senza troppa compassione. I personaggi maschili sono assolutamente negativi, quasi inconsistenti, non fosse per la loro crudeltà…
La vicenda ricorda la crudezza della famigerata Banda della Magliana e la Roma immorale e senza freni della malavita. Qualsiasi attività, svolta nella zona dove regna Antonino, subisce le angherie e paga il pizzo alla famiglia Barone: persino le banche e alcuni poliziotti sono iscritti nel suo libro paga.

La finzione letteraria, puro frutto di fantasia, prende spunto da un fenomeno reale, come spesso accade nei libri di Carlotto, che ama lasciarsi ispirare dalla cronaca. Qui è la volta della “tratta delle spose” e della malavita di quartiere.
Il romanzo è un noir sui generis: non importa indovinare come andrà a finire, perché la conclusione è prevedibile. Il fascino del libro consiste piuttosto nella capacità di immergere il lettore nelle perversità.
La cattiveria assoluta affascina, tanto più che da questo putridume emergono le personalità delle quattro amiche, che sanno lottare con tenacia per un futuro migliore.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Videtta

Massimo,

Carlotto

Libri dallo stesso autore

Intervista a Carlotto Massimo, Videtta Marco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Parlami di me. Tutti hanno un posto a cui tornare - Il romanzo di Graziella Dotta, vincitrice del concorso letterario La Quercia del Myr

Parlami di me

Dotta Graziella

Da anni, George Saunders è riconosciuto come una delle voci più originali e influenti della narrativa americana contemporanea; senza aver mai scritto un romanzo, ma solo racconti, ha ricevuto elogi unanimi dalla critica. Ora, giunto alla sua quarta raccolta, ha definitivamente ottenuto anche il grande successo di pubblico. "Dieci dicembre" è la sua opera che, senza rinunciare alla vena surreale e immaginifica, si avvicina di più al realismo. Accanto a racconti ambientati in laboratori dove si creano improbabili psicofarmaci, o in sobborghi residenziali dove donne moldave o filippine in abiti bianchi penzolano da fili tesi fra gli alberi come decorazioni, ci sono storie di famiglie comuni la cui normalità è turbata dal ritorno di un figlio dalla guerra o dall'irruzione di un malintenzionato: in tutti i casi, i personaggi si trovano a dover scegliere fra l'egoismo e la compassione, l'orgoglio e il sacrificio.

DIECI DICEMBRE

Saunders Georges

Lanciare pietre di Yves Bonnefoy

Il commissario Ricciardi è il protagonista indiscutibile della scena criminale della Napoli anni Trenta. I casi che prende in consegna vengono risolti con abilità e precisione che lascia sconcertati i suoi colleghi e le istituzioni. A non tutti piace questa sua capacità che si dice sia innaturale, dettata addirittura dal demonio. Certo Ricciardi ha dalla sua un dono, quello di ascoltare le ultime parole del morto assassinato nel luogo del delitto. Un’abilità divinatoria che lo inserisce quasi in una categoria stregonesca. Eppure a volte neanche questi mezzi sembrano bastare di fronte ai misteri di certi crimini. Il Giorno dei Morti viene rinvenuto il cadavere di un bambino. Ricciardi è allertato e parte subito con la ricerca degli indizi. È un’indagine che però nasce in nefaste condizioni. Le autorità fermano ogni tipo di inchiesta perché sta per arrivare in città Benito Mussolini. Non è il caso di distogliere l’attenzione e a Ricciardi viene sottratta la pratica. Al giovane e coraggioso commissario toccherà indagare in modo clandestino, ma soprattutto dovrà indagare senza alcun indizio perché nel luogo del delitto, per la prima volta non viene avvertita alcuna voce. A questo punto un interrogativo: ha esaurito il suo dono oppure quel bambino non è stato ucciso lì? Maurizio De Giovanni torna con la sua voce inconfondibile e le atmosfere di una Napoli ipnotica e affascinante al quarto romanzo sul commissario che di storia in storia conquista e avvince sempre più lettori.

Il giorno dei morti

De Giovanni Maurizio