Giallo - thriller - noir

Le Vendicatrici: Ksenia

Carlotto Massimo, Videtta Marco

Descrizione: Ksenia, giovane e bella siberiana, è costretta dalla povertà e dalla mancanza di prospettive a credere ciecamente a un fascinoso italiano che le ha promesso un matrimonio da favola. Un atroce inganno che la rende prigioniera del suo stesso sogno. Da sola non ce la farebbe a uscire dall'incubo ma con l'aiuto di Luz, Eva e di un'altra misteriosa donna, il riscatto può avere inizio e la vendetta compiersi. Senza esclusione di colpi.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Einaudi

Collana: Stlie Libero - BIG

Anno: 2013

ISBN: 9788806212698

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

Ksenia” è il primo dei quattro romanzi della serie Le Vendicatrici di Massimo Carlotto e Marco Videtta.
Le vendicatrici sono quattro donne che intrecciano i loro destini in nome della vendetta. Ogni libro è dedicato a una di loro, che da vittima diventa strumento di redenzione.
La prima è Ksenia, ragazza siberiana, che arriva in Italia inseguendo il sogno di un buon marito e trova tutt’altro. Non conquista il quarantenne benestante che si aspetta,  ma viene “venduta” a Antonino Barone, strozzino di professione, “sessantenne tozzo e bolso, con una calvizie incipiente”. La prima reazione è subire in silenzio le sue perversità, ma dalla sofferenza scaturisce il coraggio di ribellarsi, con l’aiuto di altre amiche: Luz, prostituta colombiana; Eva, profumiera vittima di un marito vigliacco e dipendente dal gioco; e Sara, che investiga misteriosamente su tutti.

Il romanzo è scritto dal punto di vista di queste donne, senza troppa compassione. I personaggi maschili sono assolutamente negativi, quasi inconsistenti, non fosse per la loro crudeltà…
La vicenda ricorda la crudezza della famigerata Banda della Magliana e la Roma immorale e senza freni della malavita. Qualsiasi attività, svolta nella zona dove regna Antonino, subisce le angherie e paga il pizzo alla famiglia Barone: persino le banche e alcuni poliziotti sono iscritti nel suo libro paga.

La finzione letteraria, puro frutto di fantasia, prende spunto da un fenomeno reale, come spesso accade nei libri di Carlotto, che ama lasciarsi ispirare dalla cronaca. Qui è la volta della “tratta delle spose” e della malavita di quartiere.
Il romanzo è un noir sui generis: non importa indovinare come andrà a finire, perché la conclusione è prevedibile. Il fascino del libro consiste piuttosto nella capacità di immergere il lettore nelle perversità.
La cattiveria assoluta affascina, tanto più che da questo putridume emergono le personalità delle quattro amiche, che sanno lottare con tenacia per un futuro migliore.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Videtta

Massimo,

Carlotto

Libri dallo stesso autore

Intervista a Carlotto Massimo, Videtta Marco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Lunedì o martedì, un racconto di Virginia Woolf

Che cos'è la libertà? Difficile dirlo per Emma Bonelli, che sulle colline del Monferrato piemontese nell'aprile del 1935 per la prima volta varca la soglia della casa dei Francesi, come sposa del ciabattino zoppo che le hanno dato per marito. Emma è una contadina che ha la terza elementare. La sua dote è misera. Però è una gran lavoratrice, e per questo i Francesi l'hanno voluta come nuora. Anche per sua figlia Luciana, libertà non è che una parola lontana. Solo una volta l'ha quasi assaporate quando le è stata offerta l'occasione di realizzare il sogno di diventare sarta, ma poi il marito la figlia, la casa, la vita hanno preso il sopravvento. Forse solo Anna, nata negli anni Settanta, l'unica donna nella famiglia a poter proseguir gli studi, spezzerà la catena di rinuncia e sottomissione a cui ha visto piegarsi la madre la nonna. Emma, Luciana, Anna, tre donne diverse, ugualmente legate con la mente e il cuore alla vecchia casa in collina, obbligate a lasciarla dai rivolgimenti della Storia e dalla durezza de rispettivi destini. Tutte, dolorosamente, desiderose di tornarvi. E tutte, in modi diversi, masnà, bambine. In un gioco di sorprendenti rivelazioni, miserie quotidiane e commoventi eroismi, questo romanzo è la storia di una scelta difficile e coraggiosa: romper l'esilio, tornare alla casa dei Francesi, decidere della propria vita, sentirsi libere. Perfino di sbagliare. E smettere, finalmente, di essere masnà.

LA MASNA’

Romagnolo Raffaella

Chi salirà nel monte di Dio? Chi ha le mani innocenti e il cuore puro. Un quartiere di vicoli a Napoli: Montedidio. Un ragazzo di tredici anni va a bottega da Mast'Errico, il falegname. E' l'inizio della sua vita nuova, la vita che a sera, a casa, in una casa vuota per l'assenza del padre e per la malattia della madre, il ragazzo va scrivendo su una bobina di carta avuta in regalo dal tipografo di Montedidio. Ha anche un altro regalo, che porta sempre con sé, un "bùmeran", un legno nato per volare che il padre ebbe a sua volta da un marinaio di passaggio. Così passano i giorni: Mast'Errico gli insegna il mestiere e Don Rafaniello, uno scarparo che Mast'Errico tiene ospite a bottega, gli insegna a pensare sugli uomini e sulle cose.

MONTEDIDIO

De Luca Erri

INTENSITY

Koontz Dean