Narrativa

Venetia nigra

Vizzino Alessandro

Descrizione: Venezia, 1725. Un uomo in Baùta si aggira, di notte, tra le calli della città. Il Nobilhomo Nicolò Testier Gritti è un giovane brillante, dedito al vizio e alle donne...

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni DrawUp

Collana:

Anno: 2016

ISBN: 9788893690003

Recensito da Redazione i-LIBRI

Le Vostre recensioni

Venetia nigra

Venezia, 1725. Un uomo in Baùta si aggira, di notte, tra le calli della città. Il Nobilhomo Nicolò Testier Gritti è un giovane brillante, dedito al vizio e alle donne. Durante una sua visita al Ridotto s’invaghisce di Elisabetta Pitacchi, che ottiene in pegno dopo una sfida allo Sbaraglino. L’amore fra Nicolò ed Elisabetta si consolida. A Venezia la ragazza conoscerà anche Zanetta Farussi, moglie di Gaetano Casanova. Alcune settimane dopo, Nicolò incontra Samuele Grozzi, Inquisitore di Stato e personaggio tra i più influenti della città, che aveva già incrociato a Palazzo Sandi. Il magistrato gli chiede di recarsi a Cremona, per ritirare un violino destinato ad Antonio Vivaldi. Il giorno successivo, il mercante d’arte Alfonso Bottin propone a Nicolò un dipinto del suo amico Antonio Canal, che l’aristocratico decide d’acquistare pagando il mercante con una moneta scalfita. Nella vita agiata di Nicolò Testier Gritti, però, qualcosa comincia a incrinarsi: sparizioni improvvise, segreti inestricabili, nuove presenze e accuse dalle quali non può scagionarsi inizieranno a spostare la rotta della sua esistenza. Un pericolo ancora più grande, intanto, incombe sull’intera Serenissima…

E così parla l’autore della sua opera: “Innanzitutto, è un romanzo che ho imparato ad amare alla follia, e spero che il divertimento che io ho provato durante la sua stesura si trasferisca interamente a chi lo legge. Come tutti i miei lavori è un romanzo corale, ricco di personaggi, sorprese e sfumature assai diverse tra loro. Si potrebbe definire un thriller storico (ambientato nella Venezia del 1725), ma in realtà possiede molteplici chiavi di lettura: è, al contempo, romanzo d’amore, d’intrigo, di mistero e d’avventura. Per dirlo con un solo aggettivo, è certamente un libro “romantico”, nella più classica delle accezioni. Qualcuno ha scritto che la vera protagonista di questo libro è in realtà Venezia, e probabilmente è proprio così. Ho cercato di raccontare per mezzo di una storia coinvolgente e avvolgente un momento storico preciso, che ha anticipato di pochi decenni la fine di una delle più affascinanti nazioni che il mondo abbia mai conosciuto. Perché credo che anche attraverso la narrativa d’intrattenimento (o soprattutto attraverso essa) si possano comunicare davvero un milione di cose” (dall’intervista realizzata da Simone Pozzati per www.i-libri.com).

Edizione Speciale

Isbn:  978-88-9369-000-3
Anno di pubblicazione: 2016
Pagine: 368
Dimensioni: 21 × 13,5 × 2.5 cm
Cover plastificata in soft touch

Libro 2° classificato (1° romanzo) al VII Premio Letterario Internazionale Montefiore 2017

La pagina web della casa editrice dedicata al romanzo

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessandro

Vizzino

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vizzino Alessandro

La colpa di vivere

Barbara Goti

Moby Dick non è soltanto il mirabile romanzo che tutti sanno: è un libro totale, dove la Balena («the Whale») sta appunto per il tutto («the Whole»). Così è una cronaca di avventure marine e un trattato esoterico, un epos dell’orrore e della meraviglia, un libro arioso e un’enciclopedia. In Italia, quest’opera inesauribile ha avuto la sorte di essere tradotta per la prima volta da uno dei nostri più importanti scrittori: Cesare Pavese. E si tratta di una traduzione che ebbe una notevole influenza su Pavese stesso e tutta la cultura italiana dei suoi anni.

Moby Dick

Melville Herman

Tim, diciassette anni, albino, è un outsider, precipitato al prestigioso college di Irving per un solo semestre. Alla vigilia del suo arrivo a scuola conosce in aeroporto la bella Vanessa, ma l'incanto di quella notte si infrange contro il muro della realtà: Vanessa intesse una relazione clandestina con Tim ma non intende lasciare il suo Patrick. La tragedia si consuma durante la festa di fine anno: Tim, annebbiato dalle medicine che sta prendendo senza prescrizione, sale su una slitta trascinando con sé Vanessa, e finisce contro un albero. Lei entra in coma e lui perde la vista. È il materiale di partenza per quella che alla Irving diventerà una tradizione: il Tragedy Paper, la tesi di fine anno.

Io sono la neve

Laban Elizabeth

Dancing Paradiso è un locale notturno di una crudele metropoli, dove “non bisogna essere buoni per entrare / prendono anche le carogne / e qualche volta le fanno cambiare”. È in quel locale che un angelo custode – “Angelo angelica” – tenta di far confluire i cinque protagonisti di questa narrazione in versi: Stan, il pianista triste, che prepara un ultimo concerto per Bill, l’amico batterista morente in ospedale, Amina, giovane profuga che ha perso la madre passando il confine. Ed Elvis, un grottesco obeso hacker chiuso in casa da anni, forse mitomane, forse assassino, La poetessa Lady raffinata e ubriacona, ossessionata dal suicidio. Cinque “creature della notte / senza un rifugio nel mondo / mannari senza luna”, di cui a poco a poco, mentre si avvicina la serata al Dancing, scopriamo la storia grazie al racconto condotto per loro voce. Assoli malinconici, struggenti, comici, crudeli, furibondi. Costretti alla solitudine, ciascuno di loro sembra aver perso ogni speranza. A vegliare perché possano incontrarsi, perché possano unire voci e musica in un racconto polifonico che indichi una possibile via di salvezza, l’angelo/a caduto dal cielo per stare con gli uomini, un angelo straccione dalle ali sporche di fango, lui stesso solo fra i soli.

Dancing Paradiso

Benni Stefano