Narrativa

VENGO E MI SPIEGO

Astori Diego

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Zero91

Collana:

Anno: 2008

ISBN: 9788895381046

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Diego Astori è un avvocato divorzista di trentasei anni che lavora nello studio del padre e conduce un’esistenza un po’ vuota e di sicuro insoddisfacente.

A parte Jeng, la filippina che lo aiuta a stirare e rassettare, a nessuna donna ha mai consegnato le chiavi di casa. Eppure di donne ne ha ben tre, ed ha persino scadenzato i loro incontri: Silvia il lunedì, Monica il mercoledì e Valeria il venerdì. É lui però a raggiungerle di buon mattino, passando rapidamente dal letto alla colazione, per poi guadagnare l’uscita senza troppi convenevoli: “Lo consideravo un servizio di Bed & Breakfast autogestito“.

Sono proprio i suoi piaceri mattutini a farlo arrivare spesso in ritardo, tanto che Luisa, l’avida assistente personale che segnala con precisione certosina i suoi ritardi in un apposito registro, riesce a racimolare ghiotti premi di rendimento grazie alle decurtazioni che il padre gli commina.

In perfetto accordo con la sua scarsa voglia di impegnarsi, alla stessa Luisa (“più di una segretaria e meno di una sorella“) Diego è solito affidare il cellulare: è lei, infatti, che cura il traffico degli SMS in entrata e in uscita. Questo consente a Diego di gestire più facilmente gli appuntamenti con le proprie amanti ed anche di tenerle buone con frasette sdolcinate che non sarebbe assolutamente in grado di elaborare e che Luisa spudoratamente copia e ricicla.

L’esistenza pianificata e schematizzata di Diego, però, subisce un inatteso scossone in occasione del divorzio di un vecchio amico di suo padre, il cavalier Grossi. Sarà infatti lui ad assistere la signora Grossi, e questo gli consentirà di scoprire molte verità inquietanti sulla sua stessa famiglia e, in particolare, sul rapporto tra i suoi genitori.
In più, avrà l’occasione di conoscere Sara De Giorgi, l’avvocato di controparte, una donna dal cui fascino sarà ammaliato sin da subito, ma che non è disponibile. Né per lui né per altri uomini…

Mi sorrise, allungò il braccio per una stretta di mano. Le guardai il culo mentre si allontanava con il suo passo deciso e ben saldo sulla terraferma. Quella era la vita vera, il caso, l’aiuto del destino, un incontro occasionale senza frasi equivoche. «Guardami le tette ma, per te, sono un uomo. Chiaro?».
In “Vengo e mi spiego”, Diego Astori indaga l’universo maschile dei sensi attraverso un linguaggio che non si pone freni ma non è mai volgare, descrivendo scene di sesso con assoluta naturalezza e divertendo senza essere superficiale. La trama è leggera e piacevole, i protagonisti ben tratteggiati e il finale non tradisce lo spirito del libro. Bell’esordio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Diego

Astori

Libri dallo stesso autore

Intervista a Astori Diego


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Dopo una vacanza di qualche secolo Dio è tornato in ufficio, in Paradiso, e per prima cosa chiede al suo staff un brief sugli ultimi avvenimenti. I suoi gli fanno un quadro talmente catastrofico - preti che molestano i bambini, enormità di cibo sprecato e popolazioni che muoiono di fame... - che Dio si vede costretto a rimandare giù il figlio per dare una sistemata. JC (Jesus Christ) gli dice: "Sei sicuro sia una buona idea? Non ti ricordi cosa è successo l'altra volta?" Ma Dio è irremovibile. Così JC piomba a NY, dove vive con alcuni drop-out e ha modo di rendersi conto in prima persona dell'assurdità del mondo degli uomini. E cerca, come può, di dare una mano. Il ragazzo non sa fare niente, eccetto suonare la chitarra. E riesce a finire in un programma di talenti alla tv. Un gran bel modo per fare arrivare il suo messaggio a un sacco di gente. Ma, come già in passato, anche oggi chi sta dalla parte dei marginali non è propriamente ben visto dalle autorità.

A volte ritorno

Niven John

Una madre e una figlia. La figlia tiene un diario e la madre lo legge. Alla storia di anaffettività, di sentimenti negati o traditi della giovane Mia, Giulia risponde con la propria storia segnata da quell'"essere di legno" che sembra la malattia, il tormento di entrambe. È come se madre e figlia si scrutassero da lontano, o si spiassero, immobilizzate da una troppo severa autocoscienza. Bisogna tornare indietro. E Giulia lo fa. Torna a riflettere sulla giovinezza ferita dall'egoismo e dalla prepotenza di una sorella falsamente perbenista, sul culto delle apparenze della madre e sul conforto che le viene da una giovane monaca peruviana, Sofia. Torna a rivivere i primi passi da medico, fra corsie e sale operatorie, il matrimonio con un primario, la lunga attesa di una maternità sofferta e desiderata. Più la storia di Giulia si snoda nel buio del passato, più affiorano misteri che chiedono di essere sciolti. E il legno si ammorbidisce. Ma per madre e figlia l'incontro può solo avvenire a costo di pagare il prezzo di una verità difficile, fuori da ogni finzione.

IO SONO DI LEGNO

Carcasi Giulia

«Straordinario, questo romanzo di Roth; è stupefacente, sferzante, uno dei capolavori narrativi piú insoliti che mi sia capitato di leggere... Una vera delizia». James Wood, «New Republic» Il teatro di Sabbath è una creazione comica di proporzioni epiche, e Mickey Sabbath ne è lo smisurato eroe. Un tempo burattinaio scandalosamente creativo, a sessantaquattro anni Sabbath conserva il suo sprezzante antagonismo e la sua sfrenata libidine. Ma dopo la morte della sua amante di vecchia data - uno spirito libero in fatto di erotismo, la cui audacia nell'adulterio supera perfino quella dello stesso Sabbath - egli s'imbarca in un viaggio turbolento nel proprio passato. Nudo e dolente, perseguitato dai fantasmi di coloro che piú l'hanno amato e odiato, ordirà una sequela di disastri farseschi che lo condurranno sull'orlo della follia e dell'estinzione.

Il teatro di Sabbath

Roth Philip

4 marzo 1861: parte da Palermo il battello a vapore “Ercole”, con a bordo Ippolito Nievo, in viaggio verso Napoli per riportare i documenti della spedizione garibaldina dei Mille cui aveva preso parte. Ma la nave “Ercole” nel corso di una violenta tempesta scompare nel nulla. Nessun superstite, nessuna traccia, nessuna inchiesta che riesca a capire cosa è accaduto. 5 marzo 1961: in occasione del centenario della scomparsa di Ippolito Nievo, Stanisalo, suo pronipote, viene abbagliato da un flash, che interpreta come un invito a riaprire le indagini su quella morte misteriosa. Stanislao Nievo dedica dieci anni della sua vita a raccogliere i materiali utili per ricostruire le fila di questo capitolo di storia patria. Così la vicenda di Nievo si sdoppia e si aggroviglia in tante storie diverse, e le ricerche non sono meno avventurose e romanzesche della fine leggendaria del vascello “Ercole”. Pubblicato nel 1974, il romanzo è il Premio Campiello 1975.

Il prato in fondo al mare

Nievo Stanislao