Narrativa

VENGO E MI SPIEGO

Astori Diego

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Zero91

Collana:

Anno: 2008

ISBN: 9788895381046

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Diego Astori è un avvocato divorzista di trentasei anni che lavora nello studio del padre e conduce un’esistenza un po’ vuota e di sicuro insoddisfacente.

A parte Jeng, la filippina che lo aiuta a stirare e rassettare, a nessuna donna ha mai consegnato le chiavi di casa. Eppure di donne ne ha ben tre, ed ha persino scadenzato i loro incontri: Silvia il lunedì, Monica il mercoledì e Valeria il venerdì. É lui però a raggiungerle di buon mattino, passando rapidamente dal letto alla colazione, per poi guadagnare l’uscita senza troppi convenevoli: “Lo consideravo un servizio di Bed & Breakfast autogestito“.

Sono proprio i suoi piaceri mattutini a farlo arrivare spesso in ritardo, tanto che Luisa, l’avida assistente personale che segnala con precisione certosina i suoi ritardi in un apposito registro, riesce a racimolare ghiotti premi di rendimento grazie alle decurtazioni che il padre gli commina.

In perfetto accordo con la sua scarsa voglia di impegnarsi, alla stessa Luisa (“più di una segretaria e meno di una sorella“) Diego è solito affidare il cellulare: è lei, infatti, che cura il traffico degli SMS in entrata e in uscita. Questo consente a Diego di gestire più facilmente gli appuntamenti con le proprie amanti ed anche di tenerle buone con frasette sdolcinate che non sarebbe assolutamente in grado di elaborare e che Luisa spudoratamente copia e ricicla.

L’esistenza pianificata e schematizzata di Diego, però, subisce un inatteso scossone in occasione del divorzio di un vecchio amico di suo padre, il cavalier Grossi. Sarà infatti lui ad assistere la signora Grossi, e questo gli consentirà di scoprire molte verità inquietanti sulla sua stessa famiglia e, in particolare, sul rapporto tra i suoi genitori.
In più, avrà l’occasione di conoscere Sara De Giorgi, l’avvocato di controparte, una donna dal cui fascino sarà ammaliato sin da subito, ma che non è disponibile. Né per lui né per altri uomini…

Mi sorrise, allungò il braccio per una stretta di mano. Le guardai il culo mentre si allontanava con il suo passo deciso e ben saldo sulla terraferma. Quella era la vita vera, il caso, l’aiuto del destino, un incontro occasionale senza frasi equivoche. «Guardami le tette ma, per te, sono un uomo. Chiaro?».
In “Vengo e mi spiego”, Diego Astori indaga l’universo maschile dei sensi attraverso un linguaggio che non si pone freni ma non è mai volgare, descrivendo scene di sesso con assoluta naturalezza e divertendo senza essere superficiale. La trama è leggera e piacevole, i protagonisti ben tratteggiati e il finale non tradisce lo spirito del libro. Bell’esordio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Diego

Astori

Libri dallo stesso autore

Intervista a Astori Diego


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Scritto nel 1795 con il titolo di Elinor and Marianne, "Ragione e sentimento" viene pubblicato nel 1811. Come gli altri maggiori romanzi della Austen, descrive le vicende di un'anima ingenuamente romantica che, attraverso l'esperienza, giunge a comprendere infine la realtà dell'esistenza. Protagoniste sono le giovani sorelle Dashwood, Elinor e Marianne, che, alla morte del padre, sono costrette a fare i conti con le ristrettezze economiche nella loro nuova e modesta casa nel Devonshire. Qui conosceranno le pene e le gioie dell'amore e, imparando a conciliare la ragione con il sentimento, diventeranno donne. Attorno a questo processo di maturazione la Austen tesse una trama piena di grazia e ironia, in cui con la sua elegantissima prosa riesce ad analizzare e descrivere con straordinaria sottigliezza il contrasto e il dissidio tra istanze psicologiche e morali.

Ragione e sentimento

Austen Jane

Il cavaliere inesistente

Calvino Italo

Pubblicato nel 1942, "Lo straniero" è un classico della letteratura contemporanea: protagonista è Meursault, un modesto impiegato che vive ad Algeri in uno stato di indifferenza, di estraneità a se stesso e al mondo. Un giorno, dopo un litigio, inesplicabilmente Meursault uccide un arabo. Viene arrestato e si consegna, del tutto impassibile, alle inevitabili conseguenze del fatto - il processo e la condanna a morte - senza cercare giustificazioni, difese o menzogne. Meursault è un eroe "assurdo", e la sua lucida coscienza del reale gli permette di giungere attraverso una logica esasperata alla verità di essere e di sentire.

Lo straniero

Camus Albert

Un romanzo rivolto, soprattutto, ai ragazzi e ai giovani adulti. E’ la storia di quattro studenti, Fil, Miluna, Cecio e Pauline che frequentano il liceo artistico di Bologna, la Squola: detta così per la scritta che campeggia sul muro esterno dell’edificio dove qualcuno ha volutamente sbagliato a scrivere il termine. L’istituto liceale è la cornice narrativa dentro cui nascono le storie inventate da Marilù Oliva, scrittrice di riferimento in Italia per la narrativa noir e fantastica al femminile. Le vicende dei quattro protagonisti sono una perfetta rappresentazione della vita dei giovani alle porte dei vent’anni, tra eccessi, passioni, conflitti sociali e famigliari, sesso. La difficoltà di diventare grandi, la diversità sociale tipica degli studenti, è il tema vincente che l’autrice mette in gioco. La trama si sviluppa su cinque piani narrativi: le quattro voci dei ragazzi più quella della scuola. Fil è un ragazzo belloccio, subordinato al bullo della scuola, Sauro, con il quale trafuga le preziose tavole di fumetti, giunte dall’America, per esporle in una mostra nel liceo. La bravata, che finirà male, renderà Fil un ragazzo più consapevole grazie anche all’amore per la più bella della scuola: Miluna. La ragazza ha una situazione famigliare difficile, senza padre e con una madre allo sbando al punto da acconsentire che la figlia si prostituisca. Miluna, infatti, conduce una squallida doppia vita, alterna weekend con clienti di lusso ai sogni strampalati e romantici di una adolescente. Gli altri due protagonisti, e voci narranti sono Cecio e Pauline. Cecio fa il primo anno, è un ragazzino minuto, insicuro, pieno di debolezza ma anche di tenerezze. Pauline, invece, è la classica ragazza geniale ma svogliata, arrabbiata con il mondo e sempre in lotta con genitori e professori. Quando si rende conto di essersi innamorata di Fil lo seduce…

La squola – di storie ce ne sono tante

Oliva Marilù