Narrativa

VENGO E MI SPIEGO

Astori Diego

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Zero91

Collana:

Anno: 2008

ISBN: 9788895381046

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Diego Astori è un avvocato divorzista di trentasei anni che lavora nello studio del padre e conduce un’esistenza un po’ vuota e di sicuro insoddisfacente.

A parte Jeng, la filippina che lo aiuta a stirare e rassettare, a nessuna donna ha mai consegnato le chiavi di casa. Eppure di donne ne ha ben tre, ed ha persino scadenzato i loro incontri: Silvia il lunedì, Monica il mercoledì e Valeria il venerdì. É lui però a raggiungerle di buon mattino, passando rapidamente dal letto alla colazione, per poi guadagnare l’uscita senza troppi convenevoli: “Lo consideravo un servizio di Bed & Breakfast autogestito“.

Sono proprio i suoi piaceri mattutini a farlo arrivare spesso in ritardo, tanto che Luisa, l’avida assistente personale che segnala con precisione certosina i suoi ritardi in un apposito registro, riesce a racimolare ghiotti premi di rendimento grazie alle decurtazioni che il padre gli commina.

In perfetto accordo con la sua scarsa voglia di impegnarsi, alla stessa Luisa (“più di una segretaria e meno di una sorella“) Diego è solito affidare il cellulare: è lei, infatti, che cura il traffico degli SMS in entrata e in uscita. Questo consente a Diego di gestire più facilmente gli appuntamenti con le proprie amanti ed anche di tenerle buone con frasette sdolcinate che non sarebbe assolutamente in grado di elaborare e che Luisa spudoratamente copia e ricicla.

L’esistenza pianificata e schematizzata di Diego, però, subisce un inatteso scossone in occasione del divorzio di un vecchio amico di suo padre, il cavalier Grossi. Sarà infatti lui ad assistere la signora Grossi, e questo gli consentirà di scoprire molte verità inquietanti sulla sua stessa famiglia e, in particolare, sul rapporto tra i suoi genitori.
In più, avrà l’occasione di conoscere Sara De Giorgi, l’avvocato di controparte, una donna dal cui fascino sarà ammaliato sin da subito, ma che non è disponibile. Né per lui né per altri uomini…

Mi sorrise, allungò il braccio per una stretta di mano. Le guardai il culo mentre si allontanava con il suo passo deciso e ben saldo sulla terraferma. Quella era la vita vera, il caso, l’aiuto del destino, un incontro occasionale senza frasi equivoche. «Guardami le tette ma, per te, sono un uomo. Chiaro?».
In “Vengo e mi spiego”, Diego Astori indaga l’universo maschile dei sensi attraverso un linguaggio che non si pone freni ma non è mai volgare, descrivendo scene di sesso con assoluta naturalezza e divertendo senza essere superficiale. La trama è leggera e piacevole, i protagonisti ben tratteggiati e il finale non tradisce lo spirito del libro. Bell’esordio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Diego

Astori

Libri dallo stesso autore

Intervista a Astori Diego


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Camelia vive con la madre a Leeds, una città in cui "non comincia mai niente" e l'inverno non è mai finito, in una casa assediata dalla muffa accanto al cimitero. Traduce manuali di istruzioni per lavatrici, mentre la madre fotografa ossessivamente buchi di ogni tipo. Entrambe segnate da un trauma, comunicano con un alfabeto fatto di sguardi. Un giorno Camelia trova nel cassonetto dei vestiti deformi, con molte maniche e strani squarci: in quel momento cambia qualcosa, comincia a trascorrere più tempo fuori casa e ogni giorno trova nuovi vestiti nel cassonetto. È così che incontra Wen, un ragazzo cinese che lavora in un negozio di vestiti e che le insegna la sua lingua. Saranno proprio gli ideogrammi ad aprire un varco di bellezza e mistero nella vita di Camelia, attribuendo nuovi significati alle cose. Camelia si innamora di Wen, ma lui la respinge nascondendole il motivo. E c'è anche il bizzarro fratello di lui, ossessionato dall'oscura morte di Lily, un'altra studentessa di Wen...

SETTANTA ACRILICO TRENTA LANA

Di Grado Viola

Crudo e potente: così si presenta questo romanzo fin dalle prime pagine. Un’opera importante, la cui compiutezza sfiora la profondità di una riflessione filosofica sul potere e sulla violenza. È la storia di un affarista senza scrupoli che abbraccia l’ideale del dominio fino a farne la propria ragione di vita. L’uomo fa rapire una bambina, la piccola Isabel, in Amazzonia. La tiene con sé per anni, la sposa e le fa mettere al mondo una figlia, Marta. Intanto, sadico e consapevole, continua a gestire i suoi traffici, in nome di un successo che ai suoi occhi giustifica ogni aberrazione. Quando, anni dopo in Italia, Marta incontrerà Gianmario, un crescendo di tensione drammatica porterà a un finale sorprendente e inaudito.

TUTTO DEVE CROLLARE

Cannella Carlo

Da quando il padre di Merlin, Jeremy, se n'è andato, subito dopo la diagnosi di autismo, Lucy ha fatto del figlio il centro del suo mondo. Alle prese con le gioie e le difficoltà di crescere un bambino eccentricamente adorabile, ma impegnativo (se soltanto Merlin fosse arrivato con un manuale di istruzioni!), Lucy non ha tempo per altri uomini nella propria vita, perciò perché darsi la pena di cercarne uno? Quando Merlin compie dieci anni, Lucy comincia seriamente a preoccuparsi che il Papa possa contattarla per chiederle suggerimenti in materia di castità, perciò decide di rimettere piede (per quanto il pedicure lasci a desiderare) nel mondo degli uomini. Ma a causa della bizzarria di Merlin, le cose non vanno come aveva immaginato. Tuttavia, proprio quando Lucy sta per rassegnarsi a una vita da single, ecco che Archie - il più perfetto, per lei e per suo figlio, degli uomini imperfetti - bussa alla sua porta. E lo stesso fa Jeremy, pronto a implorare perdono e una seconda possibilità... Di cosa ha bisogno Lucy? Di un vero padre per Merlin o di un compagno affidabile per se stessa?

Il bambino che cadde sulla terra

Lette Kathy

Questo volume raccoglie gli scritti firmati personalmente da Carla Lonzi e quelli firmati collettivamente dal gruppo Rivolta Femminile che, dalla primavera del 1970 ai primi mesi del 1972, segnarono una rottura teorica con "il monologo della civiltà patriarcale". Prefazione di Maria Luisa Boccia.

Sputiamo su Hegel

Lonzi Carla