Giallo - thriller - noir

VENTI CORPI NELLA NEVE

Pasini Giuliano

Descrizione: Case Rosse, minuscolo borgo nell'Appennino tosco-emiliano, ha un primato: è la sede del commissariato più piccolo d'Italia, diretto da Roberto Serra – che viene da Roma ed è considerato uno ed fòra – con l'aiuto dell'agente Manzini. Non succede mai nulla se non qualche rissa tra ubriachi il sabato sera. Ma la notte del Capodanno del 1995 una telefonata sveglia Manzini in piena notte. Ci sono tre cadaveri al Prà grand, uccisi senza pietà. I due poliziotti accorrono sul luogo del delitto e uno spettacolo raccapricciante si presenta ai loro occhi: un uomo, una donna e una bambina sono stati colpiti a morte da distanza ravvicinata con un fucile. È un'esecuzione, senza alcun dubbio. Ma non ci sono schizzi di sangue intorno alle vittime e la loro posizione non combacia con la traiettoria degli spari. A chi appartengono questi corpi straziati che chiedono giustizia? Chi ha violato la pace di quel piccolo paese perso tra le montagne, e per quale motivo? E perché così tanta violenza da sorprendere anche un uomo come Roberto Serra, abituato a omicidi ben più efferati? Per il commissario comincerà un'indagine che lo porterà a rivivere il passato del luogo in cui si è rifugiato, e ad affrontare i demoni che albergano nella sua anima e nel suo cuore. Un romanzo che affonda le radici nelle pagine più sanguinose della storia del Ventesimo secolo. Un nuovo autore italiano che lancia la sfida ai maestri del thriller internazionale.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: TimeCrime

Collana: Narrativa

Anno: 2012

ISBN: 9788866880707

Trama

Le Vostre recensioni

Un piccolo borgo arroccato sull’Appennino emiliano. Tra case dall’intonaco rosso cupo, il più piccolo commissariato d’Italia. Gli edifici si affacciano sul quadrato della piazza, al centro della quale troneggia un’inquietante statua di bronzo. Un angelo con il viso stravolto dalla sofferenza che sorregge un uomo privo di vita, un martire della resistenza. Impresse sul basamento della scultura pochi versi:

Affinché non accada mai più,

affinché i martiri riposino in pace,

affinché i martiri abbiano giustizia,

Case Rosse non dimentica.

Questa è la verità, Case Rosse non dimentica lo strazio della seconda guerra mondiale, non cancella il ricordo della resistenza e del prezzo altissimo pagato dai suoi martiri.Lo scoprirà a sue spese il sostituto commissario Roberto Serra, in fuga dal dolore, da se stesso e dalla propria vita. E’ a lui che toccherà indagare su un orribile triplice assassinio. All’alba del primo giorno del 1995, tre corpi sono stati rinvenuti al Prato Grande. Tre cadaveri affiancati come in un macabro rituale, supini nella cupa nebbia. Tra le vittime una bimba di nove anni, Benedetta. E’ per lei, per darle giustizia, che Roberto si lascerà trascinare all’interno della spirale maledetta che lo condurrà a rivivere una delle pagine più buie della storia del nostro paese. E’ per Benedetta che Roberto si lascerà rapire dalla Danza. Si arrenderà a quella trance da lui considerata una malattia da curare, ma che lo aiuterà a rivivere gli ultimi momenti delle vittime e lo trascinerà verso la verità. Quella Danza che gli ha portato via l’amore e la serenità, oggi lo ripagherà guidandolo nella nebbia che avvolge il mistero di Case Rosse. Chi tra gli abitanti si è macchiato di tanta efferatezza? Chi è arso dalla sete di vendetta? Serra ricostruirà con abilità il puzzle che lo condurrà alla risoluzione dell’enigma, ma riuscirà con altrettanta maestria a rimettere insieme i pezzi della propria vita?

Giuliano Pasini con il suo folgorante romanzo d’esordio ci trascina in un turbine di storia e misteri, un intreccio di passato e presente. Ci coinvolge nella vita tormentata di Roberto Serra rendendocelo familiare e indelebile nella memoria. Il vice commissario diventa uno di noi, vero quanto il volume che si stringe tra le mani.

Pasini ha uno stile essenziale e preciso, non ama gli arcaismi e riesce senza giri di parole a delineare paesaggi e caratteri, a catapultare il lettore al centro di quella suggestiva piazza, ai piedi di quell’angelo che solleva angoscia.

E’ d’obbligo ricordare che “Venti corpi nella neve” arriva finalmente all’edizione cartacea grazie alla Time Crime, marchio Fanucci,  reduce dal successo ottenuto nella prima edizione del Torneo letterario Ioscrittore. Con il titolo di “La Giustizia dei Martiri”, infatti, l’opera incantò la rete classificandosi tra i vincitori di quell’edizione e vendendo un numero insperato di copie in formato e-book.

Alla fine si saluta Serra con un po’ di nostalgia e con il desiderio di poter porre al bravo scrittore la fatidica domanda: «Roberto tornerà a indagare?».

Chi vi scrive spera e crede che la risposta sia un sì.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giuliano

Pasini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pasini Giuliano


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Nella Parigi del quartiere latino, della Sorbona e dei piccoli caffè giovani e vecchi ingannano il tempo tra conversazioni di filosofia e letteratura. E il tempo è il vero protagonista di questo romanzo, inteso ciclicamente come ritorno e alternanza ma inteso anche come unica e ineludibile direzione che consegna l'uomo alla vecchiaia e alla morte.

Gli ultimi giorni

Queneau Raymond

Robert Langdon, professore di simbologia e iconologia religiosa a Harvard, è stato invitato all'avveniristico museo Guggenheim di Bilbao per assistere a un evento unico: la rivelazione che cambierà per sempre la storia dell'umanità e rimetterà in discussione dogmi e principi dati ormai come acquisiti, aprendo la via a un futuro tanto imminente quanto inimmaginabile. Protagonista della serata è Edmond Kirsch, quarantenne miliardario e futurologo, famoso in tutto il mondo per le sbalorditive invenzioni high-tech, le audaci previsioni e l'ateismo corrosivo. Kirsch, che è stato uno dei primi studenti di Langdon e ha con lui un'amicizia ormai ventennale, sta per svelare una stupefacente scoperta che risponderà alle due fondamentali domande: da dove veniamo? E, soprattutto, dove andiamo? Mentre Langdon e centinaia di altri ospiti sono ipnotizzati dall'eclatante e spregiudicata presentazione del futurologo, all'improvviso la serata sfocia nel caos. La preziosa scoperta di Kirsch, prima ancora di essere rivelata, rischia di andare perduta per sempre. Scosso e incalzato da una minaccia incombente, Langdon è costretto a un disperato tentativo di fuga da Bilbao con Ambra Vidal, l'affascinante direttrice del museo che ha collaborato con Kirsch alla preparazione del provocatorio evento. In gioco non ci sono solo le loro vite, ma anche l'inestimabile patrimonio di conoscenza a cui il futurologo ha dedicato tutte le sue energie, ora sull'orlo di un oblio irreversibile. Percorrendo i corridoi più oscuri della storia e della religione, tra forze occulte, crimini mai sepolti e fanatismi incontrollabili, Langdon e Vidal devono sfuggire a un nemico letale il cui onnisciente potere pare emanare dal Palazzo reale di Spagna, e che non si fermerà davanti a nulla pur di ridurre al silenzio Edmond Kirsch. In una corsa mozzafiato contro il tempo, i due protagonisti decifrano gli indizi che li porteranno faccia a faccia con la scioccante scoperta di Kirsch... e con la sconvolgente verità che da sempre ci sfugge.

Origin

Brown Dan

Un mazzo di rose rosse senza biglietto. Regali sulla porta di casa. Lettere sotto il tergicristallo... Lo psichiatra Jan Forstner è l'oggetto delle attenzioni insistenti di una sconosciuta. All'inizio pensa si tratti dei sentimenti innocui di una paziente. Ma quando un amico giornalista, che stava per fargli delle rivelazioni sconvolgenti che lo riguardavano da vicino, viene trovato barbaramente ucciso, Forster capisce di essere il bersaglio finale di una pazza omicida. Una stalker che non si ferma davanti a nulla pur di ottenere ciò che vuole...

FOLLIA PROFONDA

Dorn Wulf

Nella Roma fastosa, corrotta e sanguinaria dei papi rinascimentali, in cui forte è il mecenatismo della nobiltà e del clero che convive con intrighi e sortite, si accende la passione amorosa del più dannato dei nobili Paolo Giordano Orsini, duca di Bracciano. Tutto ha inizio nel 1576, quando il blasonato Orsini fa strangolare la giovane moglie, colpevole di aver ricambiato i suoi continui tradimenti, facendo passare l'omicidio per un semplice incidente. Le esequie della vittima rappresentano per il duca l'occasione per notare la splendida Vittoria Accoraboni, moglie insoddisfatta del nipote del potente cardinale Felice Peretti, attratta dalla sensualità di quel nobile altezzoso e arrogante. Pazzo d'amore decide che dovrà essere sua anche a costo di versare del sangue. I due, dopo molte disavventure, riescono ad assecondare momentaneamente passione e sentimento, inconsapevoli che i loro sorrisi si sarebbero spenti con l'elezione a papa di Felice Peretti: il peggior nemico di Paolo Giordano Orsini.

L’orso e la rosa

De Angelis Giorgio