Giallo - thriller - noir

VENTI CORPI NELLA NEVE

Pasini Giuliano

Descrizione: Case Rosse, minuscolo borgo nell'Appennino tosco-emiliano, ha un primato: è la sede del commissariato più piccolo d'Italia, diretto da Roberto Serra – che viene da Roma ed è considerato uno ed fòra – con l'aiuto dell'agente Manzini. Non succede mai nulla se non qualche rissa tra ubriachi il sabato sera. Ma la notte del Capodanno del 1995 una telefonata sveglia Manzini in piena notte. Ci sono tre cadaveri al Prà grand, uccisi senza pietà. I due poliziotti accorrono sul luogo del delitto e uno spettacolo raccapricciante si presenta ai loro occhi: un uomo, una donna e una bambina sono stati colpiti a morte da distanza ravvicinata con un fucile. È un'esecuzione, senza alcun dubbio. Ma non ci sono schizzi di sangue intorno alle vittime e la loro posizione non combacia con la traiettoria degli spari. A chi appartengono questi corpi straziati che chiedono giustizia? Chi ha violato la pace di quel piccolo paese perso tra le montagne, e per quale motivo? E perché così tanta violenza da sorprendere anche un uomo come Roberto Serra, abituato a omicidi ben più efferati? Per il commissario comincerà un'indagine che lo porterà a rivivere il passato del luogo in cui si è rifugiato, e ad affrontare i demoni che albergano nella sua anima e nel suo cuore. Un romanzo che affonda le radici nelle pagine più sanguinose della storia del Ventesimo secolo. Un nuovo autore italiano che lancia la sfida ai maestri del thriller internazionale.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: TimeCrime

Collana: Narrativa

Anno: 2012

ISBN: 9788866880707

Trama

Le Vostre recensioni

Un piccolo borgo arroccato sull’Appennino emiliano. Tra case dall’intonaco rosso cupo, il più piccolo commissariato d’Italia. Gli edifici si affacciano sul quadrato della piazza, al centro della quale troneggia un’inquietante statua di bronzo. Un angelo con il viso stravolto dalla sofferenza che sorregge un uomo privo di vita, un martire della resistenza. Impresse sul basamento della scultura pochi versi:

Affinché non accada mai più,

affinché i martiri riposino in pace,

affinché i martiri abbiano giustizia,

Case Rosse non dimentica.

Questa è la verità, Case Rosse non dimentica lo strazio della seconda guerra mondiale, non cancella il ricordo della resistenza e del prezzo altissimo pagato dai suoi martiri.Lo scoprirà a sue spese il sostituto commissario Roberto Serra, in fuga dal dolore, da se stesso e dalla propria vita. E’ a lui che toccherà indagare su un orribile triplice assassinio. All’alba del primo giorno del 1995, tre corpi sono stati rinvenuti al Prato Grande. Tre cadaveri affiancati come in un macabro rituale, supini nella cupa nebbia. Tra le vittime una bimba di nove anni, Benedetta. E’ per lei, per darle giustizia, che Roberto si lascerà trascinare all’interno della spirale maledetta che lo condurrà a rivivere una delle pagine più buie della storia del nostro paese. E’ per Benedetta che Roberto si lascerà rapire dalla Danza. Si arrenderà a quella trance da lui considerata una malattia da curare, ma che lo aiuterà a rivivere gli ultimi momenti delle vittime e lo trascinerà verso la verità. Quella Danza che gli ha portato via l’amore e la serenità, oggi lo ripagherà guidandolo nella nebbia che avvolge il mistero di Case Rosse. Chi tra gli abitanti si è macchiato di tanta efferatezza? Chi è arso dalla sete di vendetta? Serra ricostruirà con abilità il puzzle che lo condurrà alla risoluzione dell’enigma, ma riuscirà con altrettanta maestria a rimettere insieme i pezzi della propria vita?

Giuliano Pasini con il suo folgorante romanzo d’esordio ci trascina in un turbine di storia e misteri, un intreccio di passato e presente. Ci coinvolge nella vita tormentata di Roberto Serra rendendocelo familiare e indelebile nella memoria. Il vice commissario diventa uno di noi, vero quanto il volume che si stringe tra le mani.

Pasini ha uno stile essenziale e preciso, non ama gli arcaismi e riesce senza giri di parole a delineare paesaggi e caratteri, a catapultare il lettore al centro di quella suggestiva piazza, ai piedi di quell’angelo che solleva angoscia.

E’ d’obbligo ricordare che “Venti corpi nella neve” arriva finalmente all’edizione cartacea grazie alla Time Crime, marchio Fanucci,  reduce dal successo ottenuto nella prima edizione del Torneo letterario Ioscrittore. Con il titolo di “La Giustizia dei Martiri”, infatti, l’opera incantò la rete classificandosi tra i vincitori di quell’edizione e vendendo un numero insperato di copie in formato e-book.

Alla fine si saluta Serra con un po’ di nostalgia e con il desiderio di poter porre al bravo scrittore la fatidica domanda: «Roberto tornerà a indagare?».

Chi vi scrive spera e crede che la risposta sia un sì.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giuliano

Pasini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pasini Giuliano


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Pubblicato nel 1911, il Bestiario, o Il corteggio d’Orfeo, prima raccolta di poesie di Guillaume Apollinaire, si colloca in un felice punto d’intersezione tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento, momento di forte crescita della poesia europea. Tratto distintivo della raccolta è quell’aggancio realistico che equilibra la continua tentazione verso il nonsense, quell’intrattenibile e abbagliante pienezza del sentimento che genera una straordinaria congiunzione tra la «fatuità » del Mallarmé minore e la gustosa sapienzialità terrestre dei bestiari medievali. Incredibilmente sospeso tra le sinuose eleganze dell’Art Nouveau e la solida concretezza delle scomposizioni cubiste, il poeta crea effetti stilistici unici, senza mai rinunciare a sfruttare gli spazi aperti della sua immaginazione formale, cassa di risonanza della sua malinconia, della sua vitalità, del suo male di vivere. Ricchissima di senso metrico e sonoro, fondata sul valore espressivo della parodia e del falsetto, la poesia di Apollinaire è proposta nell’attenta traduzione di Giovanni Raboni a cui fanno da indispensabile complemento le incisioni di Raoul Dufy, presenti già nell’edizione originale.

Bestiario

Apollinaire Guillaume

Può l’insegnante riappropriarsi del suo ruolo e nello stesso tempo parlare un linguaggio più vicino a quello degli studenti? E’ possibile sfruttare tutte le informazioni che sono già accessibili agli studenti tramite i diversi canali dell’era della comunicazione? E’ possibile tornare ad essere quelle figure di riferimento e orientamento fondamentali nella società civile in modo da essere la guida capace di insegnare ad apprendere da soli? E’ possibile fare in modo che i ragazzi si sentano più responsabili del loro apprendimento? Il flipped learning, l’approccio proposto in questo volume, consiste nell’invertire il luogo dove si segue la lezione (a casa propria anziché a scuola) con quello in cui si studia e si fanno i compiti (a scuola anziché a casa). In queste pagine gli autori presentano questa modalità didattica, dando ampio spazio al racconto di esperienze e buone prassi realizzate a livello nazionale e internazionale.

La classe capovolta

Maglioni Maurizio Biscaro Fabio

Cosa si mangiava nel Medioevo? E perché? Cosa è rimasto di tutto ciò nell'alimentazione di oggi? La storia del cibo è una storia affascinante perché, come quella del pensiero, ricca di scoperte e di imprese anonime, ma non per questo meno importanti. Dall'alimentazione romana alla corale conversione del mondo mediterraneo verso la carne, si rende in questo libro pian piano evidente come gli uomini si adattino spesso e con rapidità a cambiare i loro gusti. Una curiosa e interessante vicenda collettiva che ci trascina fino ad approdare al Medioevo,tra gusti, odori e aspetti del cibo e dell'umanità sempre diversi.

Alighieri passatemi il sale

Pischedda Anna

Tutto inizia con un cellulare spento. A telefonare è Ester, a non rispondere è Giulio, finito in ospedale a causa di un brutto tamponamento sulla via Aurelia. A riaccendere il telefonino, invece, è Giuditta, la moglie di Giulio, che ovviamente di Ester non sa nulla. Potrebbe essere l’inizio di una commedia rosa, ma il colore di questa storia è decisamente un altro: un testimone, infatti, sostiene che quello di Giulio non sia stato un incidente, ma un tentato omicidio, e la pratica passa dagli uffici dell’assicurazione a quelli del commissariato…. Andrea Camilleri, maestro indiscusso del giallo d’autore italiano, ci regala un pasticciaccio pieno di humour e altrettanto mistero, in cui tutti i personaggi – e noi che leggiamo con loro – indizio dopo indizio si convincono di aver indovinato la verità.

Km 123

Camilleri Andrea