Giallo - thriller - noir

VENTI CORPI NELLA NEVE

Pasini Giuliano

Descrizione: Case Rosse, minuscolo borgo nell'Appennino tosco-emiliano, ha un primato: è la sede del commissariato più piccolo d'Italia, diretto da Roberto Serra – che viene da Roma ed è considerato uno ed fòra – con l'aiuto dell'agente Manzini. Non succede mai nulla se non qualche rissa tra ubriachi il sabato sera. Ma la notte del Capodanno del 1995 una telefonata sveglia Manzini in piena notte. Ci sono tre cadaveri al Prà grand, uccisi senza pietà. I due poliziotti accorrono sul luogo del delitto e uno spettacolo raccapricciante si presenta ai loro occhi: un uomo, una donna e una bambina sono stati colpiti a morte da distanza ravvicinata con un fucile. È un'esecuzione, senza alcun dubbio. Ma non ci sono schizzi di sangue intorno alle vittime e la loro posizione non combacia con la traiettoria degli spari. A chi appartengono questi corpi straziati che chiedono giustizia? Chi ha violato la pace di quel piccolo paese perso tra le montagne, e per quale motivo? E perché così tanta violenza da sorprendere anche un uomo come Roberto Serra, abituato a omicidi ben più efferati? Per il commissario comincerà un'indagine che lo porterà a rivivere il passato del luogo in cui si è rifugiato, e ad affrontare i demoni che albergano nella sua anima e nel suo cuore. Un romanzo che affonda le radici nelle pagine più sanguinose della storia del Ventesimo secolo. Un nuovo autore italiano che lancia la sfida ai maestri del thriller internazionale.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: TimeCrime

Collana: Narrativa

Anno: 2012

ISBN: 9788866880707

Trama

Le Vostre recensioni

Un piccolo borgo arroccato sull’Appennino emiliano. Tra case dall’intonaco rosso cupo, il più piccolo commissariato d’Italia. Gli edifici si affacciano sul quadrato della piazza, al centro della quale troneggia un’inquietante statua di bronzo. Un angelo con il viso stravolto dalla sofferenza che sorregge un uomo privo di vita, un martire della resistenza. Impresse sul basamento della scultura pochi versi:

Affinché non accada mai più,

affinché i martiri riposino in pace,

affinché i martiri abbiano giustizia,

Case Rosse non dimentica.

Questa è la verità, Case Rosse non dimentica lo strazio della seconda guerra mondiale, non cancella il ricordo della resistenza e del prezzo altissimo pagato dai suoi martiri.Lo scoprirà a sue spese il sostituto commissario Roberto Serra, in fuga dal dolore, da se stesso e dalla propria vita. E’ a lui che toccherà indagare su un orribile triplice assassinio. All’alba del primo giorno del 1995, tre corpi sono stati rinvenuti al Prato Grande. Tre cadaveri affiancati come in un macabro rituale, supini nella cupa nebbia. Tra le vittime una bimba di nove anni, Benedetta. E’ per lei, per darle giustizia, che Roberto si lascerà trascinare all’interno della spirale maledetta che lo condurrà a rivivere una delle pagine più buie della storia del nostro paese. E’ per Benedetta che Roberto si lascerà rapire dalla Danza. Si arrenderà a quella trance da lui considerata una malattia da curare, ma che lo aiuterà a rivivere gli ultimi momenti delle vittime e lo trascinerà verso la verità. Quella Danza che gli ha portato via l’amore e la serenità, oggi lo ripagherà guidandolo nella nebbia che avvolge il mistero di Case Rosse. Chi tra gli abitanti si è macchiato di tanta efferatezza? Chi è arso dalla sete di vendetta? Serra ricostruirà con abilità il puzzle che lo condurrà alla risoluzione dell’enigma, ma riuscirà con altrettanta maestria a rimettere insieme i pezzi della propria vita?

Giuliano Pasini con il suo folgorante romanzo d’esordio ci trascina in un turbine di storia e misteri, un intreccio di passato e presente. Ci coinvolge nella vita tormentata di Roberto Serra rendendocelo familiare e indelebile nella memoria. Il vice commissario diventa uno di noi, vero quanto il volume che si stringe tra le mani.

Pasini ha uno stile essenziale e preciso, non ama gli arcaismi e riesce senza giri di parole a delineare paesaggi e caratteri, a catapultare il lettore al centro di quella suggestiva piazza, ai piedi di quell’angelo che solleva angoscia.

E’ d’obbligo ricordare che “Venti corpi nella neve” arriva finalmente all’edizione cartacea grazie alla Time Crime, marchio Fanucci,  reduce dal successo ottenuto nella prima edizione del Torneo letterario Ioscrittore. Con il titolo di “La Giustizia dei Martiri”, infatti, l’opera incantò la rete classificandosi tra i vincitori di quell’edizione e vendendo un numero insperato di copie in formato e-book.

Alla fine si saluta Serra con un po’ di nostalgia e con il desiderio di poter porre al bravo scrittore la fatidica domanda: «Roberto tornerà a indagare?».

Chi vi scrive spera e crede che la risposta sia un sì.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giuliano

Pasini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pasini Giuliano


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Oltre che una meravigliosa romanziera, Irène Némirovsky è stata una eccellente autrice di racconti: ne scrisse per tutta la vita – fino alla vigilia dell’arresto. D’altronde, fra i suoi modelli letterari c’erano stati Cechov e Maupassant, di cui Irène amava l’asciuttezza, il cinismo venato di pietà, la bravura nel delineare in poche pagine un intero mondo. Qualità che ritroviamo nei racconti riuniti in questo volume – nove narrazioni folgoranti in cui la Némirovsky affronta i temi che le sono cari: il destino di attesa che segna la vita di molte donne, la solitudine astiosa in cui invecchiano molte altre, gli oltraggi che il tempo infligge alla bellezza, la nostalgia del passato, il rapporto tra madri e figlie.

L’orchessa

Némirovsky Irène

Ferrara attende il Natale, la neve copre i marciapiedi del centro storico e le tracce dei rapitori di Iago, factotum alla Libreria Girondi. Luchino - ex fotografo della Scientifica di Milano - e il pastore belga Poirot saranno costretti a intervenire nell'affannosa ricerca. Quale segreto si nasconde tra i volumi di seconda mano dei Girondi e tra le rughe degli strambi abitanti di casa de Bon? Riuscirà la questura ferrarese a ritrovare l'uomo scomparso e a rimettere ordine tra le tante comparse? Una vicenda on the road nella fredda provincia farà luce su trame di potere e trame letterarie. Un romanzo in cui fanno capolino altri romanzi, una caccia al tesoro a bordo di un Fiorino, una città addobbata a festa.

Pasticcio padano

Conventi Gaia

"Una delle poche cose, anzi forse la sola ch'io sapessi di certo era questa: che mi chiamavo Mattia Pascal', è l'incipit del romanzo più noto di Luigi Pirandello: Il fu Mattia Pascal (1904). In esso è contenuta la cellula generativa dell'intero libro. Quando lo scrisse, lo scrittore siciliano ne sapeva quanto chi, scorse queste prime righe, si predispone alla lettura. Scelti nome e cognome, cominciano le peripezie del personaggio, il quale presto si trova in una situazione simile a quella dell'autore: deve lui stesso dare vita a "un uomo inventato". Durante questa vera e propria avventura dei nomi, il libro assume la sua forma pienamente novecentesca, nella quale autobiografia e biografia immaginaria si confondono. Consanguineo di quelli che saranno i sei personaggi in cerca d'autore, Mattia Pascal sembra a tratti lanciare messaggi al lettore perché lo liberi dal vincolo cartaceo e dunque dalla sua muta solitudine.

Il fu Mattia Pascal

Pirandello Luigi

Attore cinematografico e teatrale, regista, doppiatore, Giancarlo Giannini è un grande protagonista del cinema italiano, tra i più dotati e apprezzati dal pubblico e dalla critica, pluripremiato (nel suo palmarès vanta anche una nomination all'Oscar come miglior attore protagonista per "Pasqualino Settebellezze"). Grazie alla sua lunga e fulgida carriera, tutti conoscono le grandi interpretazioni di Giannini in film famosissimi in cui è stato diretto da registi del calibro di Lina Wertmüller, Luchino Visconti, Ettore Scola, Francis Ford Coppola, Ridley Scott, Mario Monicelli, Dino Risi e Rainer Fassbinder. Quello che scopriamo in queste pagine è sì il Giannini attore e personaggio pubblico, ma anche e soprattutto il Giannini privato, che da grande affabulatore qual è si racconta a ruota libera, intrecciando la sua storia personale a quella del nostro paese e del cinema internazionale. In questa autobiografia, generosa e travolgente come lui, troviamo dunque il racconto della sua adolescenza tra Napoli e Roma, gli studi di perito elettronico, la grande passione per la cucina e per le invenzioni (è suo il giubbotto pieno di gadget che Robin Williams indossa nel film "Toys"), i suoi incontri con le stelle del cinema internazionale, il lungo sodalizio con Mariangela Melato, le telefonate (e le abbuffate) notturne con Fellini...

Sono ancora un bambino (ma nessuno può sgridarmi)

Giannini Giancarlo