Narrativa

VERA

Skorobogatov Aleksandr

Descrizione: “Vera” è una storia su come si può impazzire d'amore, una storia che seguiamo con gli occhi del protagonista, consumato da una gelosia immotivata. Il romanzo descrive la vita di ogni giorno di Vera, sposata all'alcolizzato Nikolai che soffre di una gelosia patologica. L'autore descrive i sentimenti distruttivi resi ancora più forti dall' alcol con realismo e brutalità. Ma dietro questa storia di gelosia e di una donna sottomessa emerge strisciante la critica al passato sovietico. Un romanzo che mostra una parte della società Russa di cui si parla raramente L'approfondimento psicologico di Vera, il suo stile, i flash allucinatori, i passaggi che descrivono gli stati mentali dei personaggi rendono “Vera” un romanzo che non si dimentica. Vera racconta di un universo allucinato popolato da pensieri ossessivi e uomini violenti e crudeli, mentre le loro compagne, dalla bellezza sconvolgente, sono donne gentili e votate al sacrificio. Un mondo i cui personaggi oscillano costantemente tra sogno e realtà, pazzia e lucidità. Mentre il libro si inserisce nella tradizione dei grandi romanzi russi, la scrittura sognante di Skorobogatov ha spinto la critica ad accostarlo a David Linch e Roman Polanski.

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni e/o

Collana: Dal Mondo

Anno: 2011

ISBN: 9788876419188

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Quando si addormentava si girava verso di lei, si alzava in silenzio […] accendeva la lampada vicino alla finestra, tornava a letto e iniziava a osservarle il volto. Questo accadeva quasi ogni notte, ma la cosa strana era che quella vista non lo saziava […]. Per qualche ragione non era in grado di appagare la sete della sua bellezza, tiepida nel sonno, famigliare e, come sempre, perfetta. Non ne era capace”.

Sono tante le cose che Nikolaj non riesce più a fare, ossessionato dall’idea dell’infedeltà di Vera, la sua bellissima moglie.

A nulla valgono le suppliche, le spiegazioni di quella donna tanto attraente quanto bugiarda. Nikolaj la vede – attraverso serrature e fori nelle pareti – mentre si lascia accarezzare, lasciva, dai suoi amanti nella loro casa o mentre si spoglia sul palco sotto lo sguardo famelico dei suoi ammiratori.

Perché Vera è una brava attrice nel lavoro ma anche nella vita e Nikolaj non può fare a meno di amarla. Non sa convivere con quella donna ma non può fare a meno di lei. E’ colpa della sua promiscuità se lui la colpisce con pugni e calci, se la obbliga ad abbandonare il lavoro in teatro e gli amici. Lei non fa altro che piangere, ma le sue lacrime non bastano a lavare via la rabbia di Nikolaj.

Solo Bertrand – l’uomo che fa visita alla sua casa per intrattenersi con Vera – lo capisce, perché ne ha conosciuto la bellezza e la lussuria. E’ lui a spronarlo, ad ascoltarlo, a suggerirgli la strategia per smascherare i tradimenti della moglie ed infliggerle punizioni.

Il delirio e la follia sono i protagonisti assoluti di questo romanzo, dove realtà e allucinazione si confondono nella mente del protagonista, invasa dai fantasmi della malattia e dai fumi dell’alcol.

Nessuno è in grado di salvare quest’uomo da se stesso e Vera, sua moglie, è l’unica a giustificarne la crudeltà, vittima essa stessa dell’insana follia del marito.

Cosa leghi i due personaggi – a parte la prematura morte del figlio – non si riesce a capire. Loro parlano di amore, ma tra le righe di questo romanzo di amore – a mio parere – non vi è alcuna traccia.

In Nikolaj si mescolano a tratti la crudeltà, la follia e la duplicità proprie dell’uomo, le stesse abilmente descritte da Stevenson ne “Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde”, nonostante la distanza inevitabile tra i due romanzi.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Aleksandr

Skorobogatov

Libri dallo stesso autore

Intervista a Skorobogatov Aleksandr


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Blu non è più un bambino cattivo. Ora è un uomo di quarant’anni. Lavora come portiere in un ospedale e vive ancora insieme alla madre in un paese dello Yorkshire. Un’esistenza ordinaria, all’apparenza un po’ monotona. Una vita molto diversa da quella che l’uomo conduce nel mondo virtuale. Blu ha un blog su un sito chiamato “badguysrock”, una community che ha fondato lui stesso, dedicata a tutte le persone cattive. Su internet dà sfogo ai suoi desideri più nascosti, confessa ossessioni di morte, racconta la sua infanzia, quella di un bambino pericolosamente affascinato dal male. Pensieri oscuri che girano attorno a una terribile fantasia, quella di uccidere sua madre. Una donna dura, con cui ha sempre avuto un rapporto carico di misteri. Ma cosa è vero e cosa non lo è? Qual è il confine tra realtà e mondo virtuale? Blu era realmente un bambino malvagio o semplicemente si inventava tutto? Forse l’inquietante Albertine, che condivide con Blu un agghiacciante segreto, lo sa. O forse no. Una cosa è certa: Blu non è quello che sembra. E mentre post dopo post le parole le parole si fanno sempre più sinistre, la violenza cresce pericolosamente. C’è un solo modo per fermarla: scavare nel vero passato di Blu, un passato oscuro, un passato di rivalità e menzogne, il passato di un bambino incompreso, dotato di una sensibilità straordinaria. Fino a svelare il cuore malato di una famiglia profondamente disturbata. Solo così emergeranno le ragioni di un omicidio vecchio di vent’anni…

IL RAGAZZO CON GLI OCCHI BLU

Harris Joanne

La vita di Walter nel suo camminare, tra sogni e dolori, sorprese e risvegli, attraverso le tre fasi della sua esistenza fino alla scoperta dell'amore.

ANIMA MUNDI

Tamaro Susanna

Una tragedia si consuma al Solitude Creek, un piccolo disco-pub nella penisola di Monterrey. Qualcuno grida “al fuoco!” e gli avventori, in preda al panico, si precipitano alle uscite, trovandole sbarrate. Il bilancio è di sei morti e di diversi feriti gravi. Tuttavia, a causare il disastro è stata la calca, non un incendio. Kathryn Dance, ottimo agente dell’FBI, capisce che la disgrazia è stata provocata di proposito e che il colpevole, un uomo intenzionato a servirsi delle paure delle persone per seminare il panico, è pronto a sferrare altri attacchi. L’agente Dance e il suo team devono intraprendere una pericolosa corsa contro il tempo prima che altri innocenti ne paghino le conseguenze.

Solitude Creek

Deaver Jeffery

Che cos’è la vita? Una scalata verso la salvezza da se stessa, risponde Silvia, trentacinquenne più che carina, ragazza che non si sente né donna né bimba, scrittrice o forse scrittora, crisalide che magari, un giorno, sarà farfalla, ma con i suoi tempi e i suoi modi. Vi riuscirà? Non è detto, forse non è così importante il risultato finale, ma la ricerca di sé che Silvia conduce tra amiche e presunti uomini della vita, fra situazioni ai limiti del grottesco e lo scodinzolio del suo pelosissimo cane, riempie il libro di una fresca essenza vitale, questa sì irrinunciabile. Una Bridget Jones all’italiana? Solo in parte, anche se non mancano ossessioni personali, manie e stranezze della vita, e una buona dose di sarcasmo nell’osservarle. Più di Bridget, Silvia rappresenta le eterne ragazze di oggi, dà spessore ai loro pensieri, mette in piazza le ansie e i propositi. In fondo, si può restare crisalidi per tutta la vita, se non si ha la sicurezza di diventare una farfalla speciale.

CRISALIDE ROSA

Pivari Cristiana