Narrativa

VERA

Skorobogatov Aleksandr

Descrizione: “Vera” è una storia su come si può impazzire d'amore, una storia che seguiamo con gli occhi del protagonista, consumato da una gelosia immotivata. Il romanzo descrive la vita di ogni giorno di Vera, sposata all'alcolizzato Nikolai che soffre di una gelosia patologica. L'autore descrive i sentimenti distruttivi resi ancora più forti dall' alcol con realismo e brutalità. Ma dietro questa storia di gelosia e di una donna sottomessa emerge strisciante la critica al passato sovietico. Un romanzo che mostra una parte della società Russa di cui si parla raramente L'approfondimento psicologico di Vera, il suo stile, i flash allucinatori, i passaggi che descrivono gli stati mentali dei personaggi rendono “Vera” un romanzo che non si dimentica. Vera racconta di un universo allucinato popolato da pensieri ossessivi e uomini violenti e crudeli, mentre le loro compagne, dalla bellezza sconvolgente, sono donne gentili e votate al sacrificio. Un mondo i cui personaggi oscillano costantemente tra sogno e realtà, pazzia e lucidità. Mentre il libro si inserisce nella tradizione dei grandi romanzi russi, la scrittura sognante di Skorobogatov ha spinto la critica ad accostarlo a David Linch e Roman Polanski.

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni e/o

Collana: Dal Mondo

Anno: 2011

ISBN: 9788876419188

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Quando si addormentava si girava verso di lei, si alzava in silenzio […] accendeva la lampada vicino alla finestra, tornava a letto e iniziava a osservarle il volto. Questo accadeva quasi ogni notte, ma la cosa strana era che quella vista non lo saziava […]. Per qualche ragione non era in grado di appagare la sete della sua bellezza, tiepida nel sonno, famigliare e, come sempre, perfetta. Non ne era capace”.

Sono tante le cose che Nikolaj non riesce più a fare, ossessionato dall’idea dell’infedeltà di Vera, la sua bellissima moglie.

A nulla valgono le suppliche, le spiegazioni di quella donna tanto attraente quanto bugiarda. Nikolaj la vede – attraverso serrature e fori nelle pareti – mentre si lascia accarezzare, lasciva, dai suoi amanti nella loro casa o mentre si spoglia sul palco sotto lo sguardo famelico dei suoi ammiratori.

Perché Vera è una brava attrice nel lavoro ma anche nella vita e Nikolaj non può fare a meno di amarla. Non sa convivere con quella donna ma non può fare a meno di lei. E’ colpa della sua promiscuità se lui la colpisce con pugni e calci, se la obbliga ad abbandonare il lavoro in teatro e gli amici. Lei non fa altro che piangere, ma le sue lacrime non bastano a lavare via la rabbia di Nikolaj.

Solo Bertrand – l’uomo che fa visita alla sua casa per intrattenersi con Vera – lo capisce, perché ne ha conosciuto la bellezza e la lussuria. E’ lui a spronarlo, ad ascoltarlo, a suggerirgli la strategia per smascherare i tradimenti della moglie ed infliggerle punizioni.

Il delirio e la follia sono i protagonisti assoluti di questo romanzo, dove realtà e allucinazione si confondono nella mente del protagonista, invasa dai fantasmi della malattia e dai fumi dell’alcol.

Nessuno è in grado di salvare quest’uomo da se stesso e Vera, sua moglie, è l’unica a giustificarne la crudeltà, vittima essa stessa dell’insana follia del marito.

Cosa leghi i due personaggi – a parte la prematura morte del figlio – non si riesce a capire. Loro parlano di amore, ma tra le righe di questo romanzo di amore – a mio parere – non vi è alcuna traccia.

In Nikolaj si mescolano a tratti la crudeltà, la follia e la duplicità proprie dell’uomo, le stesse abilmente descritte da Stevenson ne “Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde”, nonostante la distanza inevitabile tra i due romanzi.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Aleksandr

Skorobogatov

Libri dallo stesso autore

Intervista a Skorobogatov Aleksandr


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Napoli, così, non l'avevamo vista mai. Una città borghese, inospitale e caotica, cupa e distratta, dove ognuno sembra preso dai propri affari e pronto a defilarsi. È esattamente questo che permette a un killer freddo e metodico di agire indisturbato, di mischiarsi alla folla come fosse invisibile. "Il Coccodrillo" lo chiamano i giornali: perché, come il coccodrillo quando divora i propri figli, piange. E del resto, come il coccodrillo, è una perfetta macchina di morte: si apposta, osserva, aspetta. E quando la preda è a tiro, colpisce. Tre giovani, di età e provenienza sociale diverse, vengono trovati morti in tre differenti quartieri, freddati dal colpo di un'unica pistola. L'ispettore Giuseppe Lojacono è l'unico che non si ferma alle apparenze, sorretto dal suo fiuto e dalla sua stessa storia triste. È appena stato trasferito a Napoli dalla Sicilia. Un collaboratore di giustizia lo ha accusato di passare informazioni alla mafia e lui, stimato segugio della squadra mobile di Agrigento, ha perso tutto, a cominciare dall'affetto della moglie e della figlia. Un paria, ecco cos'è diventato, un uomo inutile e inutilizzato, seduto a una scrivania vuota e impegnato in sanguinose sfide a scopa con il computer. È il giovane sostituto procuratore incaricato delle indagini, la bella e scontrosa Laura Piras, a decidere di dargli un'occasione, colpita dal suo spirito di osservazione. E così Lojacono, a dispetto di gerarchie e punizioni, l'aiuterà a trovare il collegamento, apparentemente inesistente, tra i delitti. A scorgere il filo rosso che conduce a un dolore bruciante, a una colpa non redimibile, a un amore assoluto e struggente: perché con il suo volto luminoso o con la sua maschera più terribile, è l'amore a racchiudere il senso dei nostri giorni. In una Napoli sempre più nera e indecifrabile, si fronteggiano due figure solitarie, mosse da una determinazione incrollabile. Come in uno specchio, l'investigatore e il killer. Un nuovo capitolo dell'eterna lotta tra il bene e il male. Maurizio de Giovanni, noto al grande pubblico per le indagini del commissario Ricciardi, dà vita a un nuovo personaggio, tenebroso e umanissimo, destinato a far breccia nel cuore dei lettori, e a una storia che si inoltra con passo spedito nei meandri di una città splendida e dannata. Una storia che sembrava attendere la sua scrittura tesa, il suo sguardo coraggioso, la sua abilità di narratore per essere raccontata.

Il metodo del coccodrillo

De Giovanni Maurizio

Il tema del "sognatore romantico", dell'eroe solitario che trascorre i suoi giorni immerso nella dimensione del sogno, in un paradiso di illusioni, malinconicamente sofferente e lontano dall'incolore e consueta realtà dell'esistenza quotidiana, percorre come un filo d'Arianna questo racconto.

Le notti bianche

Dostoevskij Fëdor

Il sorriso degli dei

Nievo Stanislao

Composto da Albert Camus prima de "Lo straniero" e lasciato intenzionalmente inedito, "La morte felice" è già opera autonoma, sguardo lucido e solidissimo sull'umano nelle sue manifestazioni più estreme. Un romanzo che un altro grande scrittore francese contemporaneo di Camus, Andre Gide, considerava la crisalide nella quale si formava la larva delle sue opere successive. Un romanzo che è dunque al contempo narrazione e progetto di narrazioni.

La morte felice

Camus Albert