Narrativa

VERA

Skorobogatov Aleksandr

Descrizione: “Vera” è una storia su come si può impazzire d'amore, una storia che seguiamo con gli occhi del protagonista, consumato da una gelosia immotivata. Il romanzo descrive la vita di ogni giorno di Vera, sposata all'alcolizzato Nikolai che soffre di una gelosia patologica. L'autore descrive i sentimenti distruttivi resi ancora più forti dall' alcol con realismo e brutalità. Ma dietro questa storia di gelosia e di una donna sottomessa emerge strisciante la critica al passato sovietico. Un romanzo che mostra una parte della società Russa di cui si parla raramente L'approfondimento psicologico di Vera, il suo stile, i flash allucinatori, i passaggi che descrivono gli stati mentali dei personaggi rendono “Vera” un romanzo che non si dimentica. Vera racconta di un universo allucinato popolato da pensieri ossessivi e uomini violenti e crudeli, mentre le loro compagne, dalla bellezza sconvolgente, sono donne gentili e votate al sacrificio. Un mondo i cui personaggi oscillano costantemente tra sogno e realtà, pazzia e lucidità. Mentre il libro si inserisce nella tradizione dei grandi romanzi russi, la scrittura sognante di Skorobogatov ha spinto la critica ad accostarlo a David Linch e Roman Polanski.

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni e/o

Collana: Dal Mondo

Anno: 2011

ISBN: 9788876419188

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Quando si addormentava si girava verso di lei, si alzava in silenzio […] accendeva la lampada vicino alla finestra, tornava a letto e iniziava a osservarle il volto. Questo accadeva quasi ogni notte, ma la cosa strana era che quella vista non lo saziava […]. Per qualche ragione non era in grado di appagare la sete della sua bellezza, tiepida nel sonno, famigliare e, come sempre, perfetta. Non ne era capace”.

Sono tante le cose che Nikolaj non riesce più a fare, ossessionato dall’idea dell’infedeltà di Vera, la sua bellissima moglie.

A nulla valgono le suppliche, le spiegazioni di quella donna tanto attraente quanto bugiarda. Nikolaj la vede – attraverso serrature e fori nelle pareti – mentre si lascia accarezzare, lasciva, dai suoi amanti nella loro casa o mentre si spoglia sul palco sotto lo sguardo famelico dei suoi ammiratori.

Perché Vera è una brava attrice nel lavoro ma anche nella vita e Nikolaj non può fare a meno di amarla. Non sa convivere con quella donna ma non può fare a meno di lei. E’ colpa della sua promiscuità se lui la colpisce con pugni e calci, se la obbliga ad abbandonare il lavoro in teatro e gli amici. Lei non fa altro che piangere, ma le sue lacrime non bastano a lavare via la rabbia di Nikolaj.

Solo Bertrand – l’uomo che fa visita alla sua casa per intrattenersi con Vera – lo capisce, perché ne ha conosciuto la bellezza e la lussuria. E’ lui a spronarlo, ad ascoltarlo, a suggerirgli la strategia per smascherare i tradimenti della moglie ed infliggerle punizioni.

Il delirio e la follia sono i protagonisti assoluti di questo romanzo, dove realtà e allucinazione si confondono nella mente del protagonista, invasa dai fantasmi della malattia e dai fumi dell’alcol.

Nessuno è in grado di salvare quest’uomo da se stesso e Vera, sua moglie, è l’unica a giustificarne la crudeltà, vittima essa stessa dell’insana follia del marito.

Cosa leghi i due personaggi – a parte la prematura morte del figlio – non si riesce a capire. Loro parlano di amore, ma tra le righe di questo romanzo di amore – a mio parere – non vi è alcuna traccia.

In Nikolaj si mescolano a tratti la crudeltà, la follia e la duplicità proprie dell’uomo, le stesse abilmente descritte da Stevenson ne “Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde”, nonostante la distanza inevitabile tra i due romanzi.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Aleksandr

Skorobogatov

Libri dallo stesso autore

Intervista a Skorobogatov Aleksandr


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Yambo, il protagonista del romanzo, si risveglia dopo un incidente e scopre di aver perso la memoria. Non la memoria che i neurologi chiamano “semantica” (egli ricorda tutto di Giulio Cesare e sa recitare tutte le poesie che ha letto in vita sua), bensì quella “autobiografica”: non sa più il proprio nome, non riconosce la moglie e le figlie, non ricorda nulla della sua infanzia. La moglie lo convince a tornare nella casa di campagna, dove ha conservato i libri e i giornali letti da ragazzo, i quaderni di scuola, i dischi ascoltati allora. Così, in un immenso solaio, l’uomo rivive la storia della propria generazione, arrestandosi soltanto di fronte a due vuoti ancora nebbiosi: le tracce di un’esperienza atroce vissuta negli anni della resistenza e l’immagine vaga di una ragazza amata a sedici anni e poi perduta.

La misteriosa fiamma della regina Loana

Eco Umberto

Il venir meno della promessa del lavoro per tutti (mito degli anni Cinquanta) e l'affermarsi di condizioni lavorative saltuarie pone il problema di come assicurare a tutti condizioni di vita dignitose. Il tema è quello del "reddito garantito" o "reddito di cittadinanza" o "basic incom", cioè di un reddito minimo assicurato dallo Stato in mancanza di attività lavorativa. La soluzione, molto discussa a livello teorico, è oggi adottata in tutti i paesi europei eccettuate l'Italia, la Grecia e l'Ungheria. In Italia c'è una sola sperimentazione, prevista da un decreto legislativo del 1998, ormai abbandonata nel tempo. Sui fondamenti etici e politici del reddito di cittadinanza, sulle realizzazioni in Europa e sulle possibilità in Italia, fa il punto il volume di Giuseppe Bronzini, magistrato, autore di numerose pubblicazioni in materia.

Il reddito di cittadinanza

Bronzini Giuseppe

C'è una donna che lo cerca: è una biologa russa, affascinante. In un'osteria affacciata sulla laguna di Venezia dichiara di voler clonare un cavallo portentoso, quello del monumento a Bartolomeo Colleoni in campo San Zanipolo. Alvise Pàvari dal Canal ne ha sentite tante nella vita, ma questa le batte tutte. Clonare una statua? Certo che no, gli spiega dolcemente la russa. Lei allude a tessuti organici di cinquecento anni fa, perfettamente conservati. Alvise finge di non capire, ma pensa alla teca con due sfere di vetro ambrato custodita nel palazzo avito sul Canal Grande. E una leggenda di famiglia ci trascina indietro nel tempo: al banchetto di cento portate in cui il Colleoni, capitano generale della Serenissima, conquista una donna troppo piena di vita per accontentarsi del vecchio marito mercante; alla frenesia di amorosi sensi che Leonardo da Vinci, giunto in laguna da Firenze, scatena a Ca' Pàvari, seminando nostalgia inguaribile e un capolavoro sorprendente.

DUE BELLE SFERE DI VETRO AMBRATO

Caponetti Giorgio

Pubblicato nel 1957 nella collana einaudiana "I Gettoni", sotto la direzione di Elio Vittorini, torna in libreria "Gymkhana-Cross", di Luigi Davì: racconti sulla quotidianità di piccoli eroi, ragazzi di ieri divisi tra fabbrica, ragazze, compagni, in una città, Torino, che con la Fiat marciava a grandi passi verso la modernità. Con una scrittura vivace, gergale, asciutta, Gymkhana-Cross descrive un tempo e un mondo in cui gli operai avevano ancora un paradiso, e qualche santo a cui rivolgersi: Davì narra ciò che vede e sperimenta, nell'orizzonte circoscritto di giornate umili e banali, alla periferia di tutto, spesso anche dei cambiamenti. Per portare fino a noi il sapore di gesti semplici (un bicchiere di vino, una partita a bocce), declinati, oggi, con il sentimento dolce della malinconia.

GYMKHANA – CROSS

Davì Luigi