Romanzo storico

Verde oscurità

Seton Anya

Descrizione: Nel 1960 Celia Taylor è una giovane ereditiera americana che, dopo aver sposato l’aristocratico inglese Richard Marsdon, decide di andare a vivere nell’antico maniero dei Marsdon nel Sussex, in Inghilterra. Il tempo di sistemarsi in un’ala del castello che bizzarri fenomeni cominciano ad accadere. Richard si comporta in una maniera decisamente fuori dell’ordinario e Celia comincia a soffrire di strani accessi di follia e visioni. Lily Taylor, la madre di Celia, chiede allora aiuto al dottor Akananda, un guru indiano suo amico, che scopre quello che non va nella giovane coppia. Le angustie del presente possono essere superate solo ponendo fine a una tragedia accaduta in un lontanissimo passato. Precisamente quattro secoli prima, quando in Inghilterra regnava Edoardo VI, e la giovane affascinante Celia de Bohun si innamorò del cappellano Stephen Marsdon, che spasimava ardentemente per lei, ma non voleva rompere il suo voto di castità.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Beat

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788865591147

Recensito da Angela Del Prete

Le Vostre recensioni

Siamo negli anni Sessanta e l’americana Celia Taylor e l’inglese Richard Marsdon sono una giovane coppia di sposi. Sir Richard è discendente da un’antica famiglia inglese e i due vivono nel castello di Medfield Place, nel Sussex.

Nonostante le stranezze emotive di Richard, che verranno spiegate durante il libro, i primi giorni in Inghilterra come lady per Celia sono stati sereni e felici; la situazione però cambia completamente dopo una gita presso un’altra vecchia residenza nobiliare. Celia diventa infelice, malinconica e costantemente depressa; Richard si allontana sempre di più. Le cose addirittura precipitano quando viene invitato a Medfield Place un gruppo di persone che apparentemente non hanno nulla a che fare l’una con l’altra. La riunione, piena di tensione e accadimenti strani e con personaggi subdoli come Edna Simpson, la moglie costantemente e incoscientemente ubriaca, dell’avvocato di Richard, si conclude con una tragedia. Celia, dopo una violenta discussione con Richard, cade in preda a una crisi, una specie di coma, e Richard sembra impazzire. Mentre Celia è in ospedale a lottare fra la vita e la morte, Richard si rinchiude in una stanza del castello e non vuole più avere a che fare con nessuno.

All’ospedale intanto l’unico a credere che ci sia ancora qualche possibilità per Celia è il dottor Akananda, indiano che crede nella reincarnazione. E infatti proprio lui riesce a entrare nel sogno di Celia e, tramite un viaggio mentale nelle precedenti vite dei protagonisti del libro, ci fa scoprire la storia che l’ha ridotta in quelle condizioni.

Veniamo trasportati nell’Inghilterra del 1552. In piena incertezza religiosa, dopo la morte di Enrico VIII, si susseguono al potere il protestante Edoardo, la cattolica Maria e poi Elisabetta I. Incontriamo un’altra Celia, una fanciulla proveniente da una famiglia nobile decaduta, e Stephen Mardson (avo di Richard), un monaco benedettino, cappellano di Cowdray.

Nel pieno degli importanti avvenimenti storici di quegli anni, circondati da personaggi più o meno buoni, Celia e Stephen vivranno una proibita e scandalosa storia d’amore che li porterà a una terribile tragedia.

Le anime che avevano vissuto in quel periodo durante la storia di Celia e Stephan, e che hanno in qualche modo contribuito agli eventi accaduti ai due giovani, si sono ritrovate, grazie alla reincarnazione, tutte insieme per una seconda volta dopo secoli, a Medfield Place e questo fa scattare i ricordi inconsci e il ripetersi della tragedia.

Verde oscurità non è solo un romanzo storico, è un romanzo d’amore e di riscatto. Si parla di argomenti come la reincarnazione e se ne affrontano anche le contraddizioni, le differenze tra un passaggio da una vita all’altra. I dettagli sono numerosi e i personaggi, molti realmente esistiti, sono tanti, ma questo non è un limite, perché sono tutti ben caratterizzati e profondi: l’identica viltà e l’ambizione di Akananda poi e Julian Ridolfi prima, la forza di Lily/lady Ursula, la cattiveria di Edna/Emma e così via.

La Storia è trattata con molta precisione; questo però non annoia né appesantisce il testo. Se le prime pagine sono un po’ lente e siamo infastiditi dall’atteggiamento distaccato di Richard, una volta trascinati nella storia, e compreso il meccanismo, non riusciamo più a staccarcene.

Misticismo, religione, spiritualità, storia, amore, misteri… Ci sono praticamente tutti gli ingredienti di un romanzo di successo che, da quando è uscito nel 1972 in lingua originale, non ha mai perso brillantezza. Finalmente possiamo leggerlo anche in italiano e vi assicuro che per gli amanti del genere, ma anche per chi si avvicina per la prima volta al romanzo storico, Verdeoscurità è sicuramente un libro da non perdere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Anya

Seton

Libri dallo stesso autore

Intervista a Seton Anya


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un giovane prigioniero di guerra nordcoreano, ribattezzato Yohan dagli americani, viene mandato via mare in Brasile perché si ricostruisca una vita dopo gli orrori di un conflitto che ha finora poco interessato la letteratura. Grazie all'abilità manuale che ha dimostrato al campo, viene assegnato come aiutante nella bottega di un sarto giapponese, a sua volta emigrato, a sua volta spaesato nel nuovo continente. Unico legame con l'altro capo del mondo, uno dei marinai giapponesi della nave che fa scalo a intervalli regolari nel porto. E unico interlocutore l'uomo di mezza età che taglia e cuce pazientemente nella piccola, spartana bottega. Interlocutore silenzioso, e non solo per problemi linguistici, il sarto trasmette a Yohan, insieme alla sua arte, anche la malinconica serenità raggiunta negli anni. I due tacciono su un passato drammatico: il lettore viene a conoscere quello del ragazzo tramite una serie di flashback che rivelano con parole scarne le vicende spaventose della guerra, dello sradicamento e della prigionia mitigata solo dalla compagnia di un amico più sfortunato. Ed è grazie al silenzio leggero, colmo di gentilezza, saggezza ed empatia del sarto, e all'incontro con due straordinari ragazzi di strada brasiliani, che Yohan a poco a poco comincia a rinascere, a creare legami di affetto, e perfino a sognare.

La riva del silenzio

Yoon Paul

Tra il 1978 e il 1990, mentre in Unione Sovietica il potere si scopriva fragile e una certa visione del mondo si avviava al tramonto, Andrej Cikatilo, marito e padre di famiglia, comunista convinto e lavoratore, mutilava e uccideva nei modi più orrendi almeno cinquantasei persone. Le sue vittime bambini e ragazzi di entrambi i sessi, ma anche donne - avevano tutte una caratteristica comune: vivevano ai margini della società o non si sapevano adattare alle sue regole. Erano insomma simboli del fallimento dell'Idea comunista, sintomi dell'imminente crollo del Socialismo reale. Questo libro, sospeso tra romanzo e biografia, narra la storia di uno dei più feroci assassini del Novecento attraverso la visionaria, a tratti metafisica ricostruzione della confessione che egli rese in seguito all'arresto. E fa di più. Osa raccontare l'orrore e il fallimento in prima persona: Cikatilo, infatti, in questo libro dice "io". È lui stesso a farci entrare nella propria vita e nella propria testa, a svelarci le sue pulsioni più segrete, le sue umiliazioni e ossessioni. "Il giardino delle mosche" è un libro lirico e crudele allo stesso tempo: la storia di un'anima sbagliata, una meditazione sul potere e la sconfitta e, soprattutto, una discesa impietosa fino alle radici del Male.

Il giardino delle mosche. Vita di Andrej Cikatilo

Tarabbia Andrea

Il tema del "sognatore romantico", dell'eroe solitario che trascorre i suoi giorni immerso nella dimensione del sogno, in un paradiso di illusioni, malinconicamente sofferente e lontano dall'incolore e consueta realtà dell'esistenza quotidiana, percorre come un filo d'Arianna questo racconto.

Le notti bianche

Dostoevskij Fëdor

Patrick, professore di storia dell’arte, decide di lasciare Roma, trasferirsi a Venezia e ripartire da zero. Suo unico rimpianto: non aver mai terminato il quadro che ritrae una misteriosa figura femminile. Durante il viaggio però Patrick sbatte la testa e quando arriva non ricorda altro che il suo nome. Ma in tasca trova un biglietto con l’indirizzo di una pensione dove ci sarà una nuova strana famiglia pronta ad accoglierlo. Finché un giorno incontra Raquel. E la riconosce: è lei la donna del quadro mai dipinto.

Il quadro mai dipinto

Bisotti Massimo