Romanzo storico

Verde oscurità

Seton Anya

Descrizione: Nel 1960 Celia Taylor è una giovane ereditiera americana che, dopo aver sposato l’aristocratico inglese Richard Marsdon, decide di andare a vivere nell’antico maniero dei Marsdon nel Sussex, in Inghilterra. Il tempo di sistemarsi in un’ala del castello che bizzarri fenomeni cominciano ad accadere. Richard si comporta in una maniera decisamente fuori dell’ordinario e Celia comincia a soffrire di strani accessi di follia e visioni. Lily Taylor, la madre di Celia, chiede allora aiuto al dottor Akananda, un guru indiano suo amico, che scopre quello che non va nella giovane coppia. Le angustie del presente possono essere superate solo ponendo fine a una tragedia accaduta in un lontanissimo passato. Precisamente quattro secoli prima, quando in Inghilterra regnava Edoardo VI, e la giovane affascinante Celia de Bohun si innamorò del cappellano Stephen Marsdon, che spasimava ardentemente per lei, ma non voleva rompere il suo voto di castità.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Beat

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788865591147

Recensito da Angela Del Prete

Le Vostre recensioni

Siamo negli anni Sessanta e l’americana Celia Taylor e l’inglese Richard Marsdon sono una giovane coppia di sposi. Sir Richard è discendente da un’antica famiglia inglese e i due vivono nel castello di Medfield Place, nel Sussex.

Nonostante le stranezze emotive di Richard, che verranno spiegate durante il libro, i primi giorni in Inghilterra come lady per Celia sono stati sereni e felici; la situazione però cambia completamente dopo una gita presso un’altra vecchia residenza nobiliare. Celia diventa infelice, malinconica e costantemente depressa; Richard si allontana sempre di più. Le cose addirittura precipitano quando viene invitato a Medfield Place un gruppo di persone che apparentemente non hanno nulla a che fare l’una con l’altra. La riunione, piena di tensione e accadimenti strani e con personaggi subdoli come Edna Simpson, la moglie costantemente e incoscientemente ubriaca, dell’avvocato di Richard, si conclude con una tragedia. Celia, dopo una violenta discussione con Richard, cade in preda a una crisi, una specie di coma, e Richard sembra impazzire. Mentre Celia è in ospedale a lottare fra la vita e la morte, Richard si rinchiude in una stanza del castello e non vuole più avere a che fare con nessuno.

All’ospedale intanto l’unico a credere che ci sia ancora qualche possibilità per Celia è il dottor Akananda, indiano che crede nella reincarnazione. E infatti proprio lui riesce a entrare nel sogno di Celia e, tramite un viaggio mentale nelle precedenti vite dei protagonisti del libro, ci fa scoprire la storia che l’ha ridotta in quelle condizioni.

Veniamo trasportati nell’Inghilterra del 1552. In piena incertezza religiosa, dopo la morte di Enrico VIII, si susseguono al potere il protestante Edoardo, la cattolica Maria e poi Elisabetta I. Incontriamo un’altra Celia, una fanciulla proveniente da una famiglia nobile decaduta, e Stephen Mardson (avo di Richard), un monaco benedettino, cappellano di Cowdray.

Nel pieno degli importanti avvenimenti storici di quegli anni, circondati da personaggi più o meno buoni, Celia e Stephen vivranno una proibita e scandalosa storia d’amore che li porterà a una terribile tragedia.

Le anime che avevano vissuto in quel periodo durante la storia di Celia e Stephan, e che hanno in qualche modo contribuito agli eventi accaduti ai due giovani, si sono ritrovate, grazie alla reincarnazione, tutte insieme per una seconda volta dopo secoli, a Medfield Place e questo fa scattare i ricordi inconsci e il ripetersi della tragedia.

Verde oscurità non è solo un romanzo storico, è un romanzo d’amore e di riscatto. Si parla di argomenti come la reincarnazione e se ne affrontano anche le contraddizioni, le differenze tra un passaggio da una vita all’altra. I dettagli sono numerosi e i personaggi, molti realmente esistiti, sono tanti, ma questo non è un limite, perché sono tutti ben caratterizzati e profondi: l’identica viltà e l’ambizione di Akananda poi e Julian Ridolfi prima, la forza di Lily/lady Ursula, la cattiveria di Edna/Emma e così via.

La Storia è trattata con molta precisione; questo però non annoia né appesantisce il testo. Se le prime pagine sono un po’ lente e siamo infastiditi dall’atteggiamento distaccato di Richard, una volta trascinati nella storia, e compreso il meccanismo, non riusciamo più a staccarcene.

Misticismo, religione, spiritualità, storia, amore, misteri… Ci sono praticamente tutti gli ingredienti di un romanzo di successo che, da quando è uscito nel 1972 in lingua originale, non ha mai perso brillantezza. Finalmente possiamo leggerlo anche in italiano e vi assicuro che per gli amanti del genere, ma anche per chi si avvicina per la prima volta al romanzo storico, Verdeoscurità è sicuramente un libro da non perdere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Anya

Seton

Libri dallo stesso autore

Intervista a Seton Anya


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Qual è il segreto che custodisce un libro? Quali sono i libri che non abbiamo dimenticato e perché? Come può un libro essere un incontro? Cosa significa leggere un libro? In che modo l’inconscio può aprire un libro? Tutti questi interrogativi tracciano le vie lungo le quali Massimo Recalcati ci accompagna verso una nuova teoria della lettura con il racconto suggestivo dei libri che hanno segnato la sua formazione umana e intellettuale, dall’Odissea agli Scritti di Lacan. Ne scaturisce un’opera davvero unica: teorica e intima insieme, un intenso spaccato autobiografico di cosa può significare per una vita l’esperienza della lettura, un grande e appassionato elogio del libro in un’epoca che vorrebbe decretarne la morte. “I libri sono tagli nel corso delle nostre vite. Ogni incontro d’amore ha la natura traumatica del taglio. L’incontro con un libro è un incontro d’amore."

A libro aperto

Recalcati Massimo

Il delicato incanto del primo bacio, il fascino antico delle lettere d'amore, la magica irruenza del colpo di fulmine, quegli imprevedibili giochi di sguardi, le dolci frasi che fan battere più forte il cuore. In una parola.. l'amore. L'amore che sboccia dolcemente come un fiore o ci coglie all'improvviso sconvolgendo la nostra vita; che va oltre ogni distanza o che deve nascondersi come se non fosse più amore; che ci riga il volto di lacrime o ci illumina di sorrisi; che ci pone di fronte a scelte difficili ma ci fa fare ciò che non avremmo mai osato fare; che ci dà una costante sensazione di vertigine e richiede sempre il coraggio di provarci. Dalla brughiera dello Yorkshire all'Italia, dalla California a Tokyo e alla Spagna. Dal romantico all'epistolare, dal passionale al drammatico. Dallo scoprire giovanile al rinascere della maturità fino all'amore senile. In ogni luogo, in ogni modo, ad ogni età& cosa c'è di più meravigliosamente irrinunciabile dell'amore?

IMPRONTE D’AMORE

AA.VV.

Ungheria, 1611. L'alba illumina l'imponente castello di Csejthe. Nella torre più alta, una donna elegante, austera e vestita completamente di nero è sveglia da ore. Sta fissando, attraverso una piccola feritoia nel muro, un pezzo di cielo che volge all'azzurro mentre le stelle lentamente scompaiono. Sa che quello squarcio di cielo è l'unica cosa che riuscirà a guardare per il resto della sua vita. L'ultima pietra che, per decreto del palatino, la condanna a essere murata viva in quella stanza è appena stata posata. Ma la contessa Erzsébet Bathory non ha nessuna intenzione di accettare supinamente il destino che le viene imposto. Non l'ha mai fatto nella sua vita. Erzsébet è solo una bambina innamorata dei libri quando, nella dimora in Transilvania dove vive insieme alla sua famiglia, assiste ad atti di violenza indicibili. Atti che la segnano nel profondo e che non potrà mai dimenticare. Neanche quando, a soli undici anni, è costretta a sposare l'algido, freddo e violento Ferenc Nadasdy; Un uomo sempre lontano, più interessato alla guerra e alle scorribande che a lei. Erzsébet è sola, la responsabilità dei figli e dell'ordine nel castello di Sarvar è tutta sulle sue spalle. Spetta a lei gestire alleanze politiche e lotte di potere. Questo le procura non pochi nemici e coincide con l'emergere dell'anima più nera della donna. Strane voci iniziano a spargersi sul suo conto. Sparizioni di serve torturate e uccise, nobildonne svanite nel nulla. Si tratta di una cospirazione? O siamo di fronte a una donna malvagia e perversa? O il male è l'unico modo per Erzsébet di sopravvivere e lottare in un mondo dominato dagli uomini?

La contessa nera

Johns Rebecca

Liber è un uomo in fuga, anzi no, è un uccello. Liber è un uomo libero, anzi no, è un assassino. Liber è uno solo, anzi no, Liber sono tanti. Un personaggio ricorrente, che come nei sogni attraversa città e dimensioni, tracciando ogni volta una storia diversa. Si ramificano così molteplici possibilità di vita e di narrazione. Liber è un personaggio che fugge dalle situazioni difficili, dai ricordi dolorosi, dalle città caotiche, ma ogni fuga non è altro che l'inizio di un viaggio. E così Liber sfugge alle trame dei racconti, si maschera da vecchio, da uomo volante, da miglioratore del mondo, da bambino sognante. Ogni alter ego racconta una storia in più. Trasformarsi, mutare, viaggiare, raccontare: tutto ciò permette a Liber di tenere fede al suo nome, di restare un essere libero.

Tanti modi di fuggire da una città

Casacca Stefano