Narrativa

Vergogna

Coetzee John Maxwell

Descrizione: Il professor David Lurie è allontanato dalla sua professione per aver sedotto una studentessa. Rifugiatosi in campagna dalla figlia, deve affrontare la violenza carnale che tre uomini esercitano sulla ragazza e il pericoloso prezzo che i bianchi devono pagare in cambio del diritto alla terra. Vincitore del Booker Prize 1999, Vergogna mette in scena la trasformazione del Sud Africa post-apartheid: un mondo ancora irrisolto e indeterminato come i personaggi di Coetzee, come il loro destino.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Supercoralli

Anno: 2005

ISBN: 9788806155476

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

David Lurie, professore universitario di cinquantadue anni, non intende cambiare. Quello che è diventato e la vita che si è scelto non pretendono di essere un esempio di virtù. Non è l’ipocrisia che rende il mondo migliore, né il pentimento può cambiare i fatti, a meno che non ci si arrenda all’idea che ogni errore possa essere cancellato con un colpo di spugna. Gli errori si pagano e David lo sa bene. 

La passione per una giovane studentessa gli costerà il posto di lavoro ed il prestigio di una cattedra alla Cape Town University. Il professore Lurie non cerca comprensione né condivisione. Di fronte alla commissione che lo giudica David non abiura e non implora, affrontando, con lucida consapevolezza, la condanna all’esilio dal microcosmo perbenista e conservatore dell’Ateneo, dove lo scandalo – e non la causa dello scandalo – non può essere perdonato se non al prezzo di una confessione pubblica con “lacrime di contrizione”.

Per David non rimane che cercare nella casa di campagna della figlia Lucy, diventata donna senza di lui, il luogo di espiazione delle proprie colpe.
Nel mondo di Lucy ci si sporca le mani di sangue e terra, perché i campi da coltivare non danno tregua alla fatica e la natura non fa sconti alla modernità.
David si trova ad affrontare una figlia di cui non comprende nulla, come la scelta di condannarsi ad una vita di solitudine in una terra in cui il ricordo dell’apartheid e l’odio da essa generatosi sono ancora vivi nelle coscienze della gente di colore, che non nasconde un atteggiamento di costante diffidenza nei confronti dei bianchi.
La distanza emotiva di David gli impedisce di penetrare i silenzi di Lucy che non pretende comprensione ma solo rispetto per le proprie scelte, anche quando – dopo aver subito uno stupro da parte di alcuno predoni – la ragazza si ostinerà a vivere in quel luogo.

La riscoperta di un rapporto filiale complesso ma necessario fornirà al professore Lurie l’occasione per una rivisitazione ancora possibile delle proprie scelte di vita, senza tuttavia alcuna pretesa di redenzione. E’ sempre chiara in David la convinzione che non ci viene chiesto di giudicare e condannare l’altro, ma solo di capirlo senza necessariamente la presunzione di salvarlo.

Straniero in questo mondo che respira,/spirito errante da un altro mondo scagliato;/cosa dall’oscura fantasia, che si creò per scelta pericoli già scampati per caso. Era capace/ a volte di rinunciare al suo per l’altrui bene, / non per pietà, non perché sentisse l’obbligo, / ma per una strana perversione del pensiero, /che lo spronava con segreto orgoglio/a fare ciò che pochi o nessun farebbe; / e questo stesso impulso, nell’ora della tentazione/analogamente istigava l’animo suo al delitto“.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Maxwell

John

Coetzee

Libri dallo stesso autore

Intervista a Coetzee John Maxwell


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Lago di Como, primi giorni d'estate. Benedetta, diciassettenne appartenente a una famiglia influente e facoltosa, scompare nel nulla. Il suo motorino viene ritrovato sul fondo di una scarpata, in una zona isolata e impervia, tra le montagne. Il commissario Gropello e la sua squadra, a cui è stato assegnato il caso, devono perciò scartare l'ipotesi di una fuga volontaria e cercare un'altra pista, ma gli indizi sono davvero pochi. A mettersi sulle tracce del vero responsabile del rapimento, anche se all'inizio solo per gioco, sono invece Federico e Massimo, due ragazzi che stanno trascorrendo le vacanze a Nisio, un paesino abbarbicato sulle pendici della tetra Valle dei Cani, vicino al bosco dov'è stato abbandonato lo scooter. La polizia riuscirà a risolvere il caso prima di loro e a ritrovare Benedetta sana e salva? Quella che sembrava una tranquilla realtà di provincia si trasforma in un paesaggio inquietante, intriso di violenza. Lo sciabordio sinistro delle onde del lago e il cupo silenzio dei boschi diventano il palcoscenico di uno spettacolo perverso, in cui tutti gli attori, sia gli adulti che gli adolescenti, risulteranno colpevoli.

La valle dei cadaveri

Invernici Antonio

Alla vigilia della morte, stendendo l’elenco delle sue opere sul retro del quaderno di “Suite francese”, accanto al “Vino della solitudine” l’autrice scriveva: «Di Irène Némirovsky per Irène Némirovsky». Non sarà difficile, in effetti, riconoscere nella piccola Hélène – che all’inizio del romanzo siede a tavola dritta e composta per evitare gli aspri rimproveri della madre – la stessa Irène; e nella bella donna dall’aria annoiata – che a cena sfoglia le riviste di moda appena arrivate da Parigi in quella lontana provincia dell’Impero russo, che si occupa di sé e del giovane amante ignorando la figlia – quella Fanny Némirovsky, che ha fatto dell’infanzia di Irène un deserto senza amore. Hélène detesta la madre con tutte le sue forze («doveva baciare quel volto odioso ... posare la sua bocca su quella guancia che avrebbe voluto lacerare con le unghie»), al punto da sostituirne il nome, nelle preghiere serali, con quello dell’amata istitutrice («con una vaga speranza omicida»). Verrà un giorno, però, in cui la madre sarà vecchia, ed Hélène avrà diciott’anni: accadrà a Parigi, dove la famiglia si è stabilita dopo la guerra (che ha consentito al padre di accumulare un’immensa ricchezza) e la rivoluzione d’Ottobre (in cui hanno rischiato di perdere ogni cosa) e la fuga attraverso le vaste pianure gelate della Finlandia, durante la quale l’adolescente ha avuto per la prima volta «la consapevolezza del suo potere di donna». Sembra giunto il momento della vendetta: «Aspetta e vedrai! Ti farò piangere come tu hai fatto piangere me!». Ma quando Hélène scoprirà in sé lo stesso demone che abita la madre – quello «della civetteria, della crudeltà, del piacere di giocare con l’amore di un uomo» –, si allontanerà, scegliendo una vita diversa: «Sono sola, ma la mia solitudine è amara e inebriante». Se è vero che da un’infanzia infelice non si guarisce mai, pochi hanno saputo raccontare quell’infelicità come Irène Némirovsky.

Il vino della solitudine

Némirovsky Irène

“Tundurundù è il nomignolo affettuoso con cui mi chiamava mia madre sin dai primi mesi dell’infanzia”. Un viaggio affascinante tra pensieri e ricordi a un anno dalla morte della madre. L’occasione per una nuova consapevolezza del Trascendente che passa attraverso un rapporto materno denso di amore e di bellezza.

Tundurundù

Di Giandomenico Marco Eugenio

Se l'amore coniugale è il sofferto resoconto di una fedeltà impossibile, "il disprezzo" muove invece da una condizione apparentemente positiva, da una fedeltà matrimoniale quale è prevista dalle moderne istituzione borghesi. Pubblicato per la prima volta nel 1945, questo romanzo costituisce una tappa fondamentale del viaggio di Moravia attraverso le istituzioni borghesi e il loro scacco. Protagonista è uno scrittore di sceneggiature i cui primi rapporti con la moglie si illuminano e si complicano a contatto con il mondo della produzione cinematografica, della carriera e del successo. A differenza de L'amore coniugale che racconta la storia di un tradimento, Il disprezzo muove da un lato positivo, un caso di fedeltà matrimoniale, per chiarirne tutta la natura di illusione, di reale sconfitta e di profonda, modernissima contraddizione.

Il disprezzo

Moravia Alberto