Narrativa

Veronica. Solo l’amore non basta

Palermo Antonella

Descrizione: Il racconto di una storia d’amore, di due adolescenti che si innamorano, litigano, si lasciano, fanno pace. Veronica s’innamora di quello che crede l’amore della sua vita, ma poi qualcosa in lui cambia e allora cominciano litigi e sotterfugi. Ma quand’è che l’amore da solo non basta? sembra chiedersi Veronica, dopo l’ennesimo litigio con il proprio ragazzo. Una storia da leggere attraverso gli occhi della giovane ragazza, protagonista del romanzo, e delle inseparabili amiche. Emozioni di donne in erba, dubbi, paure, brividi di un amore che non si insegna nelle scuole.

Categoria: Narrativa

Editore: Cento Autori

Collana: L'arcobaleno

Anno: 2016

ISBN: 9788868720506

Recensito da Silvia Devitofrancesco

Le Vostre recensioni

Veronica vive a Mondragone, appartiene a una famiglia normale, ha una sorella e una migliore amica. Si reca spesso a Napoli, dove frequenta l’università e i colleghi, ed è fidanzata con Ludovico sin da quando era ragazzina. A un certo punto  il rapporto tra i due attraversa una profonda crisi: il giovane, impegnato in un corso per diventare poliziotto, vorrebbe che la sua donna non frequentasse nessuno e si limitasse ad aspettarlo a casa. Quando Veronica decide di troncare la relazione, Ludovico rivela il suo vero volto.

“In una storia d’amore c’è sempre un momento, tra tanti, in cui l’interruttore si spegne. Può succedere di riconoscerlo subito, o può succedere che lo si riconosce giorni o settimane dopo. A volte anche anni dopo. Ma resta quello, indelebile, chiaro, determinante, il momento in cui una storia incontra il buio.”

Il femmincidio è ancora una piaga nei nostri “tempi moderni”. Quest’opera s’incentra sulla tematica del troppo amore, dell’amore assoluto che si evolve in malessere fino a sfociare in crimine.

Veronica è una ragazza come tante. Studia, coltiva sogni, ama la sua famiglia e apprezza la compagnia degli amici. Innamorata dell’amore, si affida totalmente a Ludovico, arrivando al punto di giustificare tutti i suoi errori e mancanze. La dolce e fragile Veronica, stanca di piangere e soffrire, alla fine decide di dare una svolta alla propria vita e la pagherà a caro prezzo.

Ludovico, fondamentalmente insicuro, vede in Veronica il suo tutto. Lei è sua e di nessun altro. Irrimediabilmente sua. Ludovico mente e opprime psicologicamente la giovane fino a farle provare sensi di colpa.

L’autrice si serve di un linguaggio semplice, fluido, diretto e dialogato.

Il lettore segue le vicende sentendo su di sé il loro peso. Delusioni, amarezze e dolori sono messi su carta con la consapevolezza che non si tratta di finzione narrativa, bensì di tristemente vera realtà.

Un’opera che proprio nella brevità trova il proprio punto di forza. Un concentrato di sentimenti. Un pugno nello stomaco. Un unico grido: “Perché?”

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Antonella

Palermo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Palermo Antonella


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Succede in Provenza, d'autunno, stagione che mescola le prime umide nebbie con un lungo strascico di calore quasi estivo. I borghi e le ville si stanno vuotando di abitanti e turisti. Ancora un grande evento però si prepara. Quasi a sorpresa, sul locale campo di aviazione, si terrà il concerto di una celebre band inglese, i Bebonkers, un po' per fini umanitari, un po' per celebrare il terzo matrimonio di Nick Cruickshank, vocalist del gruppo e carismatico leader. I preparativi fervono, tutti organizzati con piglio fermo da Aileen, futura moglie di Nick. In paese c'è una gelateria gestita da Milena Migliari, una giovane donna italiana che i gelati li crea, li pensa, li esperimenta con tensione d'artista. Un rovello continuo che ruota attorno all'equilibrio instabile del gelato, alla sua imperfetta meraviglia perché concepita per essere consumata o per liquefarsi, per non durare. Milena ha detto addio agli uomini e convive da qualche anno con Viviane. Un rapporto solido, quasi a compensare l'evanescenza dei gelati, l'appoggio di una donna stabile e forte, al punto che, tra qualche giorno, Milena si sottoporrà alla fecondazione assistita. Eppure, in fondo, Milena non ha voglia di farlo davvero questo passo che forse non ha proprio deciso. Incerta senza confessarselo, Milena. Come Nick, che si domanda da quando il suo rapporto con Aileen ha perso l'incanto dei primi tempi.

L’imperfetta meraviglia

De Carlo Andrea

Una famiglia italiana con tre bambini allegri viaggia da Torino all'Inghilterra su un'auto dal nome di baleniera. È il 2005, pochi giorni dopo gli attentati a Londra. Il fascino di leggende e antichi misteri, il salmastro delle maree, il profumo di brughiere ventose e assolate, s'intrecciano a un omicidio (scoperto dal protagonista e mai rivelato ai familiari). La vacanza si tinge inaspettatamente di nero. Così pare, fino al finale a sorpresa, introdotto dal ritrovamento di una lettera e un manoscritto e da un incontro. Il lettore mescoli questi ingredienti, si faccia incantare dai loro aromi e viaggi a sua volta, pagina dopo pagina.

Raccontare troppo

Asola Teresio

In una cittadina della provincia inglese, presso una famiglia bigotta che l'ha adottata, Jeanette vive la sua "diversità" che la spinge ad amare una coetanea senza alcuna malizia. Ma la gente si chiede: sfortunata vittima o creatura malvagia? Il primo romanzo della Winterson, al quale è stato assegnato il prestigioso premio letterario Whitebread Award.

NON CI SONO SOLO LE ARANCE

Winterson Jeanette

malgama di slanci e ritrosie, il dubbio è il vero e imponderabile (abarico) motore di quella ricerca che rende possibili i nostri esigui brandelli di verità: a questi a volte ci arrocchiamo, spacciandoli con orgoglio per grandi certezze, incuranti o inconsapevoli della loro ossidante caligine che cela l’orma davanti alla nostra e la lunghezza della strada… «Per la nostra autrice la Poesia è predestinazione e salvezza, impegno vitale, ricerca ed esperimento: “tra ritrosi belati dell’io / continua a chiamarmi un canto”.» (dalla Prefazione di Anna Maria Bonfiglio) «Angela Caccia, in questa raccolta, lascia al lettore il compito di percepire le profonde scanalature che il fondale sommuove, inesorabilmente, nel giro dell’esistenza. Non siamo dentro le acque quiete del mare che conosciamo. Leggendo i versi compare la poeta che recita nel chiuso della nostra postazione un puzzle multicolore, un labirinto enigmatico delle ore, nel transito del quotidiano. Il nostro tempo si sospende. Il racconto poetico prende corpo. Poesia intimista che libera energia costruttiva e catartica. Un notturno alla Chopin. Un esercizio virtuoso delle mani, tumultuoso e cieco: “(…) e sono l’orma di passi nel vicolo cieco / un ammasso di venti senza scampo” (da Fantasie).» (Vincenzo D’Alessio)

Il tocco albarico del dubbio

Angela Caccia