Narrativa

VERONIKA DECIDE DI MORIRE

Coelho Paulo

Descrizione: Veronika, pur avendo una vita normale, non è felice. Ecco perché decide di morire, ingerendo una dose eccessiva di sonniferi. Ma il tentativo fallisce, e Veronika viene internata in una clinica psichiatrica dove il suo cuore ammalato conosce una realtà di cui non sospettava l'esistenza. Il romanzo si ispira a un drammatico episodio della vita dello scrittore quando, nel 1965, a diciotto anni, venne ricoverato in una clinica psichiatrica. Paulo Coelho scrive una profonda riflessione sul tema della normalità e della diversità, trasformando il dramma dell'infelicità nella pienezza dell'accettazione della vita e della sua bellezza.

Categoria: Narrativa

Editore: Bompiani

Collana: Letteraria Straniera

Anno: 1999

ISBN: 9788845241598

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Veronika vuole farla finita per sempre, e tenta il suicidio. Si risveglia, però, nell’ospedale psichiatrico di Villette…

Ed è qui, in questo ambiente popolato da gente “fuori dal comune”, che ritrova la consapevolezza della vita: per conoscere se stessi bisogna avere il coraggio di rischiare. Il Dottor Igor la incita a rompere gli schemi che imprigionano l’Io nell’Amarezza, nel Vetriolo, e i sogni, a lungo repressi, finalmente ritornano…

 La prosa è semplice, incisiva, scolpita con gli avverbi e mitigata dalla brevità delle frasi.

 Uno dei grandi lavori di Coelho. 7 e mezzo.

 «Papà, io non voglio fare il diplomatico: voglio fare il pittore».

Il padre era preparato a quella risposta, e sapeva come aggirarla: «E farai il pittore. Ma prima finisci gli studi. Organizzeremo mostre a Belgrado, Zagabria, Lubiana, Sarajevo. Con la mia influenza, posso fornirti un grande aiuto; prima, però, devi terminare gli studi».

«Facendo in quel modo, sceglierei la strada più facile, papà. Frequenterei l’università, prendendo una laurea che non mi interessa, ma che mi darebbe la possibilità di avere molto denaro. La pittura, però, sarebbe passata in secondo piano, e io finirei per dimenticare la mia vocazione. Ho bisogno di imparare a guadagnare con la pittura»”.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paulo

Coelho

Libri dallo stesso autore

Intervista a Coelho Paulo

La violenza degli adulti irrompe nel mondo dei ragazzi, troncando i sogni e le speranze per portarvi in cambio, inaspettata e apparentemente casuale, la tragedia. Ispirandosi a un fatto di cronaca, l’autore descrive con occhio acuto e grande sensibilità le vite, straordinarie nella loro quotidianità, di un gruppo di adolescenti, in una taciuta ma ben riconoscibile città del Meridione italiano. La scuola e gli amori, i progetti per il futuro e le difficoltà dell’oggi, i problemi familiari e l’accettazione di sé sono gli elementi che vanno a formare un quadro realistico, ma dalle tinte delicate.Uno straordinario affresco corale, ora poetico e ora ruvido, dedicato a tutti quei ragazzi che, tra mille difficoltà, non accettano di perdere la speranza.

IL MARE DI SPALLE

Sofia Antonio

Io guidavo e Vittorio stava seduto davanti, vicino a me. Divorava tutto con gli occhi, il suo sguardo attraeva a sè le facciate delle case, i pochi alberi, le persone. Rimaneva per lo più zitto. Solo a un certo punto ha detto di avere fame e poco dopo ha aggiunto, parlando a bassa voce senza staccare gli occhi dal finestrino, che doveva trovare il modo di dare un senso a quello che gli era successo. un senso estetico, ha detto ancora.

PICCOLO TESTAMENTO

Dadati Gabriele

In questo libro si raccontano storie di «matti» che, grazie all’aiuto di familiari, amici, operatori e alla loro forza di volontà, hanno ritrovato la voglia di vivere. Dimostrando che, assieme e con gli strumenti giusti, la vita può migliorare. Anche con meno medicine e più umanità. Attraverso dieci ritratti, viene presentato quello che il Servizio di salute mentale di Trento ha fatto per affrontare i diversi aspetti della malattia, tra luci ed ombre, successi e battute d’arresto. Oltre alle storie di chi ha vissuto la malattia, infatti, ci sono commenti, riflessioni e critiche di operatori, medici, cittadini. Due brevi racconti, all’inizio e alla fine del libro, proiettano nella dimensione della follia, dando un segnale di speranza. Spiegando che dal 13 maggio 1978, quando venne approvata la legge Basaglia, qualcosa è stato fatto, ma soprattutto che sono state poste le basi per rispondere alla legge 180 con una nuova proposta (legge «181»), affinché tutti i «matti» possano avere pari dignità ed essere curati bene dappertutto. Nessuno escluso.

Psichiatria mia bella

De Stefani Renzo

Johnny, la Resistenza e le Langhe sono i tre protagonisti a pari titolo di questo romanzo, trovato tra le carte di Fenoglio dopo la morte. Cronaca della guerra partigiana, epopea antieroica in cui l'autore proietta la propria esperienza in una visione drammatica, Il partigiano Johnny rivela un significato umano che va ben aldilà di quello storico-politico. Dalla formazione delle prime bande fino all'estate del '44 e alla presa di Alba seguiamo l'odissea di Johnny e dei suoi compagni fra gli ozi forzati nei casali, le imboscate contro gli automezzi fascisti, le puntate per giustiziare una spia in pianura, le battaglie campali, i rapporti tra le varie formazioni ribelli. Con un saggio di Dante Isella.

Il partigiano Johnny

Fenoglio Beppe