Classici

Viaggio al termine della notte

Céline Louis-Ferdinand

Descrizione: Fece la sua apparizione nel 1932, facendo conoscere un grande scrittore capace di esprime le tensioni, la complessita, gli orrori e le smorfie in una forma sbalorditiva e con uno stile da subito unico e inconfondibile. Affresco di un'epoca, grido anarchico di rivolta, ma anche libro comico, in cui farsa e tragedia si mescolano in continuazione.

Categoria: Classici

Editore: Corbaccio

Collana: Scrittori di tutto il mondo

Anno: 2011

ISBN: 9788863801729

Recensito da Ivana Bagnardi

Le Vostre recensioni

“E’ forse questo che si cerca nella vita, la più gran pena possibile per diventare se stessi prima di morire”.

Ferdinand Bardamu, protagonista e narratore delle vicende qua narrate, dà voce al tormento letterario dello scrittore Céline (pseudonimo di Louis Ferdinand Auguste Destouches, Courbevoie, 27 maggio 1894 – Meudon, 1 luglio 1961), attraverso un linguaggio nuovo e originale che mantiene intatta ancora oggi, a sessant’anni di distanza, la sua efficacia.

Il delirio di Bardamu passa attraverso la Prima guerra mondiale, l’Africa coloniale, l’America del fordismo, passando per la città di Parigi, con i suoi bassifondi e la sua povertà, riflettendo la vita dello scrittore, simile nelle vicende vissute.
Tutti i grandi temi del 900 vengono toccati, sfiorati e poi rimestati, messi al macero e massacrati dal narratore che non è altro che “un uomo tormentato dall’infinito”, “intento a cercare una punizione per l’egoismo universale.”
La vicenda prende il via da una sfida mal calcolata, da una specie di atto sconsiderato, tipico della gioventù: Bardamu, mentre discute con l’amico e compagno Arthur riguardo alla guerra, in un caffè di Parigi, vede passare un reggimento e, senza neanche pensarci su, decide di seguirlo e di arruolarsi. Ha così inizio il rocambolesco susseguirsi di avventure che fanno precipitare il protagonista in un “tragicomico balletto di situazioni difficili e disperate”, che vede la notte come unico luogo di risposta ai continui quesiti sulla vita e, soprattutto, sulla morte.
Come lo stesso Céline fece nella sua vita, Bardamu decide, ciclicamente, di abbandonare le tranquillità conquistate con fatica, per ributtarsi nella mischia, sfiorando spesso la morte, perché è proprio lì che si nasconde il senso di tutto.
“Bisogna affrettarsi, non bisogna perdersela la propria morte. La malattia, la miseria che ti disperde le ore, gli anni, l’insonnia che ti imbratta di grigio giornate, settimane intere e il cancro che è già forse lì che ti sale, meticoloso e sanguinante dal retto.”
La conoscenza, l’esperienza, le situazioni difficili, portano Bardamu a lunghe riflessioni nichiliste, ad analisi lucide e amare sulla vita, sull’uomo, sulla guerra, sull’amore.
Non c’è scampo al termine della notte. Solo la minaccia continua della morte riesce a ridestare in lui la voglia di vivere.
Robinson, co-protagonista del romanzo, alter ego di Bardamu, rappresenta la vera essenza del romanzo, poiché incarna l’insoddisfazione e l’eterno patire, gesto céliniano per eccellenza. Bardamu disprezza tale modalità di affrontare la vita, tuttavia non riesce a stare lontano dall’amico, quasi rappresentasse la sua parte mancante, la sua ombra, il suo lato più oscuro, ma anche più vero.
Per mano di Robinson, Celine commette l’assassinio della piccola borghesia (uccidendo la vecchia Henrouille), ma non solo: Robinson uccide anche l’amore, nello sfogo finale in taxi, contro la pazza e innamorata Madelon.

“Ti basta perché gli altri ti hanno raccontato che non c’era di meglio dell’amore e che quello funzionava con tutti quanti e sempre!… Eh be’ io lo mando affanculo l’amore di tutti quanti!… Mi capisci? Attacca più con me figlia mia!… la loro schifezza d’amore… Caschi male!… Arrivi troppo tardi! Attacca più, ecco tutto!… Ed è per questo che tu ti fai venir le rabbie!… Ci tieni lo stesso tu a far l’amore in mezzo a tutto quello che succede?… A tutto quello che si vede?”

Ed è sempre attraverso Robinson che Céline-Bardamu giunge al termine della notte. La sua morte rappresenta la fine o forse un nuovo inizio.

“Laggiù, lontano lontano, c’era il mare. Ma non avevo più niente da immaginare io sul mare adesso. Avevo altro da fare. Avevo un bel cercare di perdermi per non ritrovarmi più davanti la mia vita, la ritrovavo dappertutto semplicemente. Ritornavo su me stesso. Il mio stramballamento personale, era proprio finito. Sotto gli altri!”

Viaggio al termine della notte è “un grido di rivolta”, una netta e definitiva presa di posizione contro il sistema, ma non solo. La polemica, oltre che sociale, è anche letteraria: la denuncia che Celine fa della guerra, del colonialismo, del degrado delle periferie urbane, assume maggiore valenza proprio grazie allo stile letterario che lo caratterizza. Celine mescola il linguaggio colloquiale con un lessico colto, ma non solo: rompe ogni regola sintattica e semantica, disorientando il lettore, senza mai abbandonarlo.
La sensazione è proprio quella di uno stordimento emotivo, non solo per i temi trattati o per il linguaggio usato, ma soprattutto per “l’agitazione del periodo”, che crea “effetti di sorpresa, di straniamento, di sospensione, moltiplicando risonanze inedite”.

Un romanzo di difficile lettura, capace però, come solo i grandi classici sanno fare, di convogliare in sé tragedia e comicità, passione e disfatta, vita e morte.
Tutto questo, solo e soltanto, al termine della notte.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Louis-ferdinand

Céline

Libri dallo stesso autore

Intervista a Céline Louis-Ferdinand


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L’opera al nero è la storia di un personaggio immaginario, Zenone, medico, alchimista, filosofo, dalla nascita illegittima a Bruges nei primi anni del Cinquecento, fino alla catastrofe che ne conclude l’esistenza. Il racconto lo segue nei viaggi attraverso l’Europa e il Levante, lo vede all’opera nell’esercizio della medicina, sia al capezzale degli appestati sia presso i sovrani, intento a ricerche in anticipo sulla scienza ufficiale del tempo; lo segue nei perpetui e rischiosi spostamenti, tra rivolte e compromessi. Zenone rappresenta un esemplare umano che ha attraversato il Rinascimento dietro le quinte e sta tra il dinamismo sovversivo degli alchimisti del Medio Evo e le conquiste tecniche del mondo moderno, tra il genio visionario dell’ermetismo e della Cabala e un ateismo che osava appena chiamarsi tale. Il destino, il pensiero del personaggio sono ispirati al grande chimico tedesco Paracelso, a Michele Serveto, dedito anche lui a indagini sulla circolazione del sangue, al Leonardo dei Quaderni e a quel filosofo singolarmente audace che fu Tommaso Campanella. Una folla di comparse, mercanti, banchieri, ecclesiastici, operai, donne di ogni livello e condizione, si muove tra le pagine di un libro in cui nulla è sacrificato al pittoresco ma nel quale i decenni 1510-1569 ci appaiono in un aspetto nuovo, quotidiano e, al tempo stesso, sotterraneo, attraverso immagini colte dalla strada maestra, dal laboratorio, dal chiostro, dal banco di vendita, dalla taverna e, infine, dalla prigione.

L’opera al nero

Yourcenar Marguerite

In un paese pressoché sconosciuto del Piemonte risiede una comunità che apparentemente si occupa del recupero di orfani e ragazzi difficili. Maila è una di loro, ha diciotto anni, si veste di nero, ordina scarpe e libri da Internet e fa esperimenti con erbe, fiori e piante. Non parla volentieri con gli alti, a differenza loro vive con conflitto la sua natura; spesso vorrebbe essere una ragazza normale, ma le è concesso tutto tranne questo. La quiete del paese è interrotta: due grossi lupi aggrediscono un uomo del posto. Da quel momento per Maila tutto cambierà: le apparirà uno strano segno sul petto, incontrerà un ragazzo dal nome misterioso e dovrà salvare la sua gente dall'attacco degli Artigli Rossi, un gruppo di licantropi assetati di odio e carne. Ed eccola Maila, in viaggio fino agli Alti Tatra, accompagnata da Othar, un valoroso guerriero. Riuscirà a portare la testa del capo dei nemici nel regno sotterraneo di Ayta, il luogo di confine fra la vita e la morte, in cui i lupi accompagnano le anime nell'aldilà? Una cornice fantasy per tanti temi di bruciante attualità come l'inquietudine degli adolescenti, la necessità dell'integrazione, le regole del “branco”, la diffidenza e il pregiudizio nutrite nei confronti di chi non ci somiglia. Camilla Morgan-Davis, giovane promessa del fan- tasy, parla il linguaggio della sua età. Con il suo ro- manzo generazionale, tocca le corde dell'anima dei suoi coetanei con una riflessione sul mondo di oggi che supera la letteratura di genere tracimando in una disanima sociale.

IL CANTO DELLA NOTTE

Morgan-Davis Camilla

L’uomo seme

L’incessante opera di produzione e distruzione del divenire include per l’uomo la minaccia che ciò che lo circonda o lui stesso vada perduto. Un avvenire che può realizzare in ogni istante l’eventualità del non essere più che accompagna ogni altra possibilità. La fine è la condizione inevitabile e la possibilità sempre presente che determina l’intera nostra esistenza. Viviamo inscritti in un orizzonte di temporalità dove i caratteri dominanti sono precarietà e insufficienza. […] Facendo esperienza del limite, in tutte le sue dolorose manifestazioni, apprendiamo il destino di nullità del nostro stare al mondo. La finitudine è la circostanza dell’essere esposti al vuoto di una cancellazione. Il già stato dischiude l’abisso di un tempo bruciato, relegato nella dimensione della mera assenza, di ciò che non è e non sarà più. Vivere è un assistere impotenti allo scivolare dell’esistente nel nulla del passato.

La poesia di Vasco Rossi

Malerba Antonio