Guide

VIAGGIO NEL DIALETTO MILANESE – di Giorgio Caprotti

Descrizione:

Categoria: Guide

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

milanoTitolo: Viaggio nel dialetto milanese
Autore: Giorgio Caprotti
Editore: Meravigli Premiata Libreria Milanese
Anno: 2013

Venerdì 22 marzo, alle ore 18, presso la libreria San Gottardo (corso San Gottardo 35, Milano) è prevista la presentazione del libro “Viaggio nel dialetto milanese” della Premiata Libreria Milanese.

L’autore è Giorgio Caprotti, “un tipico bauscia, uno di quei personaggi che, parlando della propria città, si infervorano a tal punto da sbavare persino agli angoli della bocca, tanto gli si affollano nella mente i giudizi e le belle cose da dire che gli si affollano persino in bocca nella foga di esternarli ...” L’autore è un milanese nato nel cuore storico di Milano, a ridosso della mitica Riva, cioè quel quartiere che ha per asse il Naviglio Grande. Ha svolto la professione di medico e “ora è un conferenziere richiesto e prodigo di ricordi …”

In quest’opera il nostro milanese doc(tor) concretizza il suo amore per la sua città realizzando in un colpo solo: un vocabolario di dialetto milanese (con nozioni di fonetica e grafia, enucleando regole e costrutti), un manuale pratico di vernacolo scritto e parlato (che, come ogni manuale linguistico che si rispetti, presenta situazioni tipiche e ricorrenti della vita quotidiana: al telefono, il bello e il brutto tempo, i giorni della settimana, i mesi dell’anno), un’imperdibile raccolta di fatti, aneddoti e curiosità e dulcis in fundo …  una preziosa sequenza di foto d’epoca con gli angoli più belli di Milano (la Galleria, via Manzoni, la casa di ringhiera sul Naviglio, la Darsena, per citare soltanto le prime foto della sequenza).

Il libro è un’autentica chicca: non soltanto per meneghini e simpatizzanti, ma anche per i curiosi, per gli amanti della storia e del folclore, per gli appassionati di fotografia. E per tutti coloro – e sono tanti – che desiderano che i patrimoni culturali sopravvivano al potere distruttivo di una civiltà che sta stritolando le manifestazioni più autentiche dell’uomo.

Bruno Elpis

  

button acquista feltrinelli

  

  

{jcomments on}

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

I ritratti di Virginia Woolf – parte prima

Trascorsi tre anni dalla Sciagura che ha distrutto la civiltà, nel piccolo borgo di Piedimulo, una comunità di contadini sopravvissuti vive nascosta, protetta dai grandi massi di una frana. Oltre il villaggio, verso l'alta montagna, c'è il ruscello e oltre ancora i lupi. Scampata dalla metropoli in fiamme, Nina ha dodici anni. Persi i genitori durante gli anni della ferocia, ora vive con i nonni. Ma la ragazzina riconosce i segnali nel cielo e sa che un oscuro nemico sta bussando di nuovo alle porte. Nina sarà costretta a crescere in fretta, a vivere tra i lupi e - dopo la riconquista del villaggio caduto in mano a una falange di mercenari - a essere la protagonista della rinascita di quella comunità autarchica e pacifica.

NINA DEI LUPI

Bertante Alessandro

La promessa di un viaggio è sempre la speranza di una rinascita. Non serve andare troppo lontano. Per riscoprirsi a volte basta solo staccarsi un po' da sé stessi. Due donne e un uomo, estranei l'uno all'altro eppure indissolubilmente legati, incroceranno i loro destini sulle orme di un padre fantastico da chi odiato, da chi sognato, da chi semplicemente amato come Natura vuole che il figlio ami il padre in giro fra la vecchia Europa e i sogni che non hanno confini. Solo così rinasceranno una seconda volta. Solo così saranno liberi.

IL VIAGGIO DI JOËLLE

Sacco Vanessa

L'uomo senza qualita, il romanzo al quale Musil lavoro per gran parte della vita, e una delle massime costruzioni letterarie del Novecento e un'insuperabile rappresentazione delle grandi crisi del nostro secolo. Nella Vienna alle soglie del primo conflitto mondiale, il protagonista Ulrich, per una sorta di malattia dell'anima o del carattere, non sa ne vuole dare corpo e forme alle proprie inclinazioni. Preda di un'intelligenza affascinata dall'esattezza scientifica e dall'infinita indeterminatezza del reale, Ulrich si presta con lucida ironia a quell'infinito gioco di simulazioni e dissoluzioni che Musil orchestra con vertiginosa intelligenza.La presente edizione dell'Uomo senza qualita, prototipo dell'opera di immense ambizioni destinata per sua stessa natura a restare idealmente inconclusa, riordina e seleziona sulla scorta dell'ultima edizione critica tedesca a cura di Adolf Frise (1978) una vastissima mole di materiali inediti, chiarendo le linee di sviluppo della complesa architettura del progetto musiliano.

L’uomo senza qualità

Musil Robert