Narrativa

Vicolo del precipizio

Bassini Remo

Descrizione: Tiziano ha 45 anni, è nato a Cortona e vive a Torino. Si considera un ex scrittore perché ha pubblicato un solo libro da giovane. Ha rinunciato quando ha conosciuto una certa editoria, quella fatta di scambi di favori e di squallidi prodotti commerciali. La stessa per cui oggi lavora. Da anni infatti è un ghostwriter, pagato per rielaborare manoscritti scadenti e farne libri di successo. Una notte d'estate, però, sul terrazzino del piccolo appartamento dove vive con la gatta, Tiziano decide di tornare a scrivere. "Vicolo del Precipizio" sarà il titolo del suo nuovo libro, una raccolta di fatti ambientati a Cortona, un viaggio nella memoria: racconti toscani, amori finiti male, preti donnaioli, episodi partigiani ma anche fatti che riguardano la sua famiglia. Mentre prende corpo questo "libro nel libro", l'intera narrazione si riempie di personaggi e vicende, di episodi ora drammatici e ora grotteschi; leggende legate a Cortona e storie contadine, anche boccaccesche, che vanno a intrecciarsi ai ricordi personali di Tiziano, per confluire nel suo presente.

Categoria: Narrativa

Editore: Perdisa

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788883725562

Recensito da Stefano Costa

Le Vostre recensioni

Mi parrebbe ingiusto, deficitario, considerare questo romanzo unicamente come una lettera aperta al mondo editoriale. Esso è anche, e soprattutto, testimonianza di un segmento di vita che è già “tutta la vita”, che è già elencazione di ciò che accompagna un uomo attraverso le proprie giornate, i propri ricordi. È già narrazione.

Certo, “Vicolo del Precipizio” è anche diversi romanzi, strutturato su un continuo cambio di punti di vista, ha diversi centri che sono quelli del personaggio principale (ho scritto “personaggio principale”, non protagonista!), del romanzo che a sua volta sta portando a termine, della splendida figura della donna della finestra di fronte: vera essenza, questa, di uno sguardo “altro” che tiene sotto tiro le movenze di un uomo che solo in parte –appunto! – può essere definito il protagonista di questa vicenda.

Certo, leggendo entriamo nel mondo di Tiziano, ghostwriter e autore di un romanzo edito in giovane età, siamo a tratti risucchiati da problematiche che sanno di scantinati editoriali, di decisioni prese su libri altrui, di scritture finte e di scritture autentiche… Ma qui, proprio qui, Bassini mette a segno uno dei punti a favore della sua opera: non cede mai alla macchietta. Sarebbe stato sin troppo facile abbozzare caricature di editor, agenti letterari e aspiranti scrittori o romanzieri di successo, fagocitati tutti da uno sguardo che sarebbe risultato tanto esagerato quanto sterile. Bassini invece no, non si piega a questo gioco e pone se stesso al centro di questo processo demistificatorio e intelligente, caustico e al tempo stesso tenero, perché c’è della tenerezza – a prescindere da tutto – nel prendere atto che un uomo sta combattendo col proprio passato. È quella tenerezza che traspare da immagini come queste: «Così Magda – il mio perduto e maledetto amore fiorentino – leggendo di me sui giornali o vedendomi in televisione, si sarebbe morsa le dita, le labbra e se avesse potuto anche il neo sul lobo dell’orecchio destro», immagini che mi testimoniano di come per un uomo possa rimanere lecito, al di là di tutto e tutti, sperare di potersi prendere un’innocente rivincita sulla donna che l’ha fatto innamorare da ragazzo per poi correre da lei e dirle“Non è niente, ci amiamo ancora, vieni qui che ci amiamo ancora”.

Non accadrà.

La narrazione centrifuga voci di ragazze amate da Tiziano in anni ormai trascorsi, voci di donne che gli sono state accanto durante l’infanzia, voci di racconti di paese, voci di città: Cortona e Torino su tutte.

 

Certo, c’è la voce di Tiziano, ferma nel vivere quella scissione insita in chi scrive stando “dentro” il mercato editoriale. C’è un modo di scrivere stando“dentro” il mercato e uno standone “fuori”? Tiziano sembra dire che sì, diverse soluzioni esistono ed è in virtù di esse che un giorno ritorna a scrivere. A scrivere veramente, una sua opera.

A ben guardare il centro vitale del libro è proprio questa mescolanza di voci, in un destino inestricabile tra quelle create e quelle ascoltate, a lungo andare se ne perde la provenienza, rimangono come rimane il cuore nevralgico di ciò che sentiamo, senza spiegazioni, senza aggiunte né compendi.

Cortona si fa insieme nome e cognome di uomo che ha ancora bisogno di strade, di ascoltare nuovamente quelle voci, definitive, che gli appartengono come un passato.

 

L’opera mi saluta lasciandomi tra le mani il personaggio che più ho amato. Quello della donna che abita di fronte a Tiziano, quella che lo guarda scrivere sul terrazzo, che lo vede accarezzare la gatta, che riesce a incontrarlo, a parlargli. Quella donna, ecco, secondo me è Cortona, è lei a cercare Tiziano, a guardarlo da lontano esattamente come fa la cittadina che l’ha ospitato ragazzo, che l’ha visto partire adolescente e tornare uomo. Quella donna è Cortona e Cortona è quella donna: cose che possono capire solo coloro che sono legati a un luogo, che da esso sono fugati e che vi sono ritornati in età adulta, in tempo per mettere ordine tra sentimenti, scartoffie e libri ancora da scrivere.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Remo

Bassini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bassini Remo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Bordeaux, anni Cinquanta. Una città che ha ancora addosso le stimmate della Seconda guerra mondiale e in cui si aggira la figura spaventosa del commissario Darlac, uno sbirro corrotto che ha fatto i soldi durante l’Occupazione collaborando con i nazisti. Intanto già si profila un nuovo conflitto e i giovani vengono richiamati per partire per l’Algeria. Daniel sa che questa è la sorte che lo attende. Ha perduto i genitori nei campi di sterminio nazisti e, adottato da una coppia, lavora come apprendista meccanico. Un giorno uno sconosciuto si presenta in officina per riparare la moto. L’uomo non è a Bordeaux per caso. La sua presenza scatenerà un’onda d’urto mortale in città. Dopo la guerra è la storia di una vendetta e di molti segreti. I percorsi di due uomini misteriosamente uniti, guidati rispettivamente dall’odio e dall’amore, si sviluppano in una Bordeaux grigia, piovosa, sporca, apparentemente tranquilla, ma in realtà agitata da vecchi rancori e contrasti tra ex partigiani, ex collaborazionisti e malavita locale. A tutto fa da sfondo la tragica guerra d’Algeria. Celebrato come capolavoro del genere poliziesco, Dopo la guerra è in realtà un capolavoro in senso assoluto, in cui l’azione si alterna all’introspezione, il cinismo si scontra col rimorso e la brutalità opprime, ma non riesce a sconfiggere del tutto, l’amore. Premio Le Point del romanzo noir europeo nel 2014.

Dopo la guerra di Hervé Le Corre

Le Corre Hervé

Quasi tutti i Crosby, da Howard a George Washington, hanno lasciato vedove le mogli e orfani i figli. Charlie Crosby costituisce l'eccezione. Il destino è scritto diversamente per lui. Nipote di George Washington, Charlie vive a Enon, una piccola città a nord di Boston. Pittura case, e a volte gli capita di tagliare l'erba nei giardini e spalare la neve. Una vita fatta di piccole cose: camminare nei boschi con Kate, contemplare Susan, la moglie. Un giorno però irrompe, crudele, insensata, terribile, la tragedia. In un piovoso pomeriggio di settembre che annuncia la fine dell'estate, mentre sta rientrando in auto dopo una passeggiata nei boschi, Charlie riceve una telefonata di Susan. Con la voce spezzata dal dolore, la moglie gli dice che un automobilista ha travolto Kate mentre tornava in bici dalla spiaggia. La fine della ragazza lascia macigni pesanti sul cuore di Charlie. Susan cerca di reagire, di non soccombere alla sofferenza, ma Charlie cede di schianto. Un giorno, dopo aver trascorso quasi tutta la notte seduto al buio, esausto e senza riuscire a dormire, Charlie scaglia un pugno contro la parete del pianerottolo. Susan se ne torna a casa dei suoi, nella sua vecchia camera da letto, che la madre usa per cucire ormai da vent'anni. Sembrerebbe tutto perduto per il nipote di George Washington Crosby. Tuttavia, da qualche parte è ancora all'opera la semplicità salvifica della natura e del mondo.

ENON

Harding Paul

Attraverso le avventure di Gulliver l'autore si sfogò contro una congiuntura sociale e politica dell'Inghilterra del primo Settecento e soprattutto contro l'intolleranza, la corruzione, l'avidità, l'ipocrisia della cieca fiducia nella scienza.

I viaggi di Gulliver

Swift Jonathan

Un nuovo episodio della serie Hap e Leonard, avventure all’insegna del politicamente scorretto e un viaggio attraverso un’America ancestrale, bollente, esasperata e sul punto di esplodere. Dopo mesi di lavoro in mare, Hap Collins torna a casa e trova il suo migliore amico, Leonard Pine, disoccupato e in crisi per la fine della sua relazione con Raul. Per distrarsi i due vanno a chiacchierare in un campo all’aperto, sparando proiettili a dei barattoli di latta. D’improvviso, dagli alberi salta fuori uno scoiattolo rabbioso che morde Hap e lo costringe a un ricovero immediato in ospedale. Durante la convalescenza Leonard scompare. Hap prova a chiamare a casa ma nessuno risponde. Approfittando della visita in ospedale del tenente e amico Charlie Blank, Collins gli chiede di fare un controllo. Il giorno dopo Blank si presenta con due notizie: Leonard è irrintracciabile ed è accusato dell’omicidio di un biker. Hap chiede a Blank un po’ di tempo per ritrovare Leonard e scagionarlo. Ma la cosa non è semplice. Nella vicenda sembra essere coinvolto King Arthur, il re del chili, ed una serie di attività che oltrepassano il lecito. A complicare tutto l’improvvisa storia d’amore fra Hap e l’infermiera Brett Sawyer, donna dal passato turbolento e da un presente difficile e fatto di minacce...

BAD CHILI

Lansdale Joe R.