Narrativa

Vicolo del precipizio

Bassini Remo

Descrizione: Tiziano ha 45 anni, è nato a Cortona e vive a Torino. Si considera un ex scrittore perché ha pubblicato un solo libro da giovane. Ha rinunciato quando ha conosciuto una certa editoria, quella fatta di scambi di favori e di squallidi prodotti commerciali. La stessa per cui oggi lavora. Da anni infatti è un ghostwriter, pagato per rielaborare manoscritti scadenti e farne libri di successo. Una notte d'estate, però, sul terrazzino del piccolo appartamento dove vive con la gatta, Tiziano decide di tornare a scrivere. "Vicolo del Precipizio" sarà il titolo del suo nuovo libro, una raccolta di fatti ambientati a Cortona, un viaggio nella memoria: racconti toscani, amori finiti male, preti donnaioli, episodi partigiani ma anche fatti che riguardano la sua famiglia. Mentre prende corpo questo "libro nel libro", l'intera narrazione si riempie di personaggi e vicende, di episodi ora drammatici e ora grotteschi; leggende legate a Cortona e storie contadine, anche boccaccesche, che vanno a intrecciarsi ai ricordi personali di Tiziano, per confluire nel suo presente.

Categoria: Narrativa

Editore: Perdisa

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788883725562

Recensito da Stefano Costa

Le Vostre recensioni

Mi parrebbe ingiusto, deficitario, considerare questo romanzo unicamente come una lettera aperta al mondo editoriale. Esso è anche, e soprattutto, testimonianza di un segmento di vita che è già “tutta la vita”, che è già elencazione di ciò che accompagna un uomo attraverso le proprie giornate, i propri ricordi. È già narrazione.

Certo, “Vicolo del Precipizio” è anche diversi romanzi, strutturato su un continuo cambio di punti di vista, ha diversi centri che sono quelli del personaggio principale (ho scritto “personaggio principale”, non protagonista!), del romanzo che a sua volta sta portando a termine, della splendida figura della donna della finestra di fronte: vera essenza, questa, di uno sguardo “altro” che tiene sotto tiro le movenze di un uomo che solo in parte –appunto! – può essere definito il protagonista di questa vicenda.

Certo, leggendo entriamo nel mondo di Tiziano, ghostwriter e autore di un romanzo edito in giovane età, siamo a tratti risucchiati da problematiche che sanno di scantinati editoriali, di decisioni prese su libri altrui, di scritture finte e di scritture autentiche… Ma qui, proprio qui, Bassini mette a segno uno dei punti a favore della sua opera: non cede mai alla macchietta. Sarebbe stato sin troppo facile abbozzare caricature di editor, agenti letterari e aspiranti scrittori o romanzieri di successo, fagocitati tutti da uno sguardo che sarebbe risultato tanto esagerato quanto sterile. Bassini invece no, non si piega a questo gioco e pone se stesso al centro di questo processo demistificatorio e intelligente, caustico e al tempo stesso tenero, perché c’è della tenerezza – a prescindere da tutto – nel prendere atto che un uomo sta combattendo col proprio passato. È quella tenerezza che traspare da immagini come queste: «Così Magda – il mio perduto e maledetto amore fiorentino – leggendo di me sui giornali o vedendomi in televisione, si sarebbe morsa le dita, le labbra e se avesse potuto anche il neo sul lobo dell’orecchio destro», immagini che mi testimoniano di come per un uomo possa rimanere lecito, al di là di tutto e tutti, sperare di potersi prendere un’innocente rivincita sulla donna che l’ha fatto innamorare da ragazzo per poi correre da lei e dirle“Non è niente, ci amiamo ancora, vieni qui che ci amiamo ancora”.

Non accadrà.

La narrazione centrifuga voci di ragazze amate da Tiziano in anni ormai trascorsi, voci di donne che gli sono state accanto durante l’infanzia, voci di racconti di paese, voci di città: Cortona e Torino su tutte.

 

Certo, c’è la voce di Tiziano, ferma nel vivere quella scissione insita in chi scrive stando “dentro” il mercato editoriale. C’è un modo di scrivere stando“dentro” il mercato e uno standone “fuori”? Tiziano sembra dire che sì, diverse soluzioni esistono ed è in virtù di esse che un giorno ritorna a scrivere. A scrivere veramente, una sua opera.

A ben guardare il centro vitale del libro è proprio questa mescolanza di voci, in un destino inestricabile tra quelle create e quelle ascoltate, a lungo andare se ne perde la provenienza, rimangono come rimane il cuore nevralgico di ciò che sentiamo, senza spiegazioni, senza aggiunte né compendi.

Cortona si fa insieme nome e cognome di uomo che ha ancora bisogno di strade, di ascoltare nuovamente quelle voci, definitive, che gli appartengono come un passato.

 

L’opera mi saluta lasciandomi tra le mani il personaggio che più ho amato. Quello della donna che abita di fronte a Tiziano, quella che lo guarda scrivere sul terrazzo, che lo vede accarezzare la gatta, che riesce a incontrarlo, a parlargli. Quella donna, ecco, secondo me è Cortona, è lei a cercare Tiziano, a guardarlo da lontano esattamente come fa la cittadina che l’ha ospitato ragazzo, che l’ha visto partire adolescente e tornare uomo. Quella donna è Cortona e Cortona è quella donna: cose che possono capire solo coloro che sono legati a un luogo, che da esso sono fugati e che vi sono ritornati in età adulta, in tempo per mettere ordine tra sentimenti, scartoffie e libri ancora da scrivere.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Remo

Bassini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bassini Remo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Quest'opera è valida per le dimensioni di teatro che, una volta di più, lo straordinario talento inventivo di Ionesco. La metamorfosi a vista del personaggio Jean, dentro e fuori la stanza da bagno, ogni volta sempre meno uomo e sempre più rinoceronte, sotto gli occhi atterriti di Berenger, è un modello di teatro antipsicologico, ridotto a puro gesto, che la parola accompagna con una semplice funzione indicativa. E'il ritorno alla pantomima, ai valori didascalici e parodistici della pantomima e qui Ionesco - sembra impossibile - si incontra con Brecht'. Dalla Prefazione di Roberto De Monticelli

Il rinoceronte

Ionesco Eugène

Tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento un poeta di origini greche, Costantinos Kavafis si fa portavoce della storia della città di Alessandria, del suo destino di straordinario sviluppo e inarrestabile decadenza. Con una voce malinconica, consapevole di qualcosa che è andato perso per sempre, Kavafis decide di raccogliere le sue poesie in un corpus collettivo, il suo "Canone": 154 componimenti brevi divisi in scritti filosofici, storici ed erotici. Se con le prime due sezioni, il poeta alessandrino si fa conoscere ed apprezzare per lo stile e per i memorabili ritratti di personaggi del passato, è con la terza che raggiunge una grande notorietà, per quanto prevalentemente postuma. La scabrosità esibita di alcuni testi, l'esplicita omosessualità, la ricercata inattualità e l'eccentrica solitudine dell'autore, gli hanno infatti valso critiche e difficoltà in vita, superate infine dal riconoscimento di una superiore purezza stilistica e sentimentale, distillata nella musicalità di componimenti di assoluta perfezione formale. Il Canone, proposto qui nella nuova traduzione di Massimo Scorsone, innalza Kavafis tra i più prestigiosi poeti del Novecento e mostra tutta l'originalità di una voce irrequieta, commovente e capace di parlare ancora oggi al nostro cuore.

Le poesie di Kostantinos Kavafis

Kavafis Konstantinos

Una madre e una figlia. La figlia tiene un diario e la madre lo legge. Alla storia di anaffettività, di sentimenti negati o traditi della giovane Mia, Giulia risponde con la propria storia segnata da quell'"essere di legno" che sembra la malattia, il tormento di entrambe. È come se madre e figlia si scrutassero da lontano, o si spiassero, immobilizzate da una troppo severa autocoscienza. Bisogna tornare indietro. E Giulia lo fa. Torna a riflettere sulla giovinezza ferita dall'egoismo e dalla prepotenza di una sorella falsamente perbenista, sul culto delle apparenze della madre e sul conforto che le viene da una giovane monaca peruviana, Sofia. Torna a rivivere i primi passi da medico, fra corsie e sale operatorie, il matrimonio con un primario, la lunga attesa di una maternità sofferta e desiderata. Più la storia di Giulia si snoda nel buio del passato, più affiorano misteri che chiedono di essere sciolti. E il legno si ammorbidisce. Ma per madre e figlia l'incontro può solo avvenire a costo di pagare il prezzo di una verità difficile, fuori da ogni finzione.

IO SONO DI LEGNO

Carcasi Giulia

«Non ho ucciso mio padre, ma certe volte mi sembra quasi di avergli dato una mano a morire». Chi racconta è Jack, un ragazzino sporco, foruncoloso, tenuto in disparte dalla famiglia; suo padre è un uomo fragile, irascibile e ossessivo, che un giorno decide di costruire un giardino roccioso: si mette al lavoro, ma muore di fronte all'indifferenza di Jack che non chiede aiuto. Julie, sorella maggiore, prime magliette scollate, primi amori tenuti segreti. Sue, due anni meno di Jack, sgraziata, sempre pronta a ritessere i difficili rapporti di famiglia. Tom, un bambinetto vivace, tutto preso dai suoi giochi e dai terrori scolastici. Infine la madre, slavata, sempre affaccendata in cucina oppure sprofondata nel letto di malata. Un balletto di «enfants terribles» che fanno pensare a Cocteau, a Vitrac, alla Compton Burnett, eppure sono anche banali; figli di una «cattività» familiare segnata da un esasperato sadismo.

IL GIARDINO DI CEMENTO