Narrativa

Vieni via con me

Saviano Roberto

Descrizione: Otto capitoli, otto storie, un ritratto unico dell'Italia di oggi firmato dall'autore del bestseller internazionale Gomorra. Roberto Saviano scava dentro alcune delle ferite vecchie e nuove che affliggono il nostro Paese. Il mancato riconoscimento del valore dell'Unità nazionale, il subdolo meccanismo della macchina del fango, l’espansione della criminalità organizzata al Nord, l'infinita emergenza rifiuti a Napoli, le troppe tragedie annunciate. Accanto alla denuncia c’è anche il racconto – commosso e ammirato – di vite vissute con onestà e coraggio: la sfida senz'armi di don Giacomo Panizza alla ’ndrangheta calabrese, la lotta di Piergiorgio Welby in nome della vita e del diritto, la difesa della Costituzione di Piero Calamandrei. Esempi su cui possiamo ancora contare per risollevarci e costruire un’Italia diversa. Ideato e condotto da Roberto Saviano e Fabio Fazio, Vieni via con me è stato l'evento televisivo dell’anno, più seguito delle partite di Champions League e dei reality show. Ora Vieni via con me è un libro che rende di nuovo accessibili al pubblico queste storie in una forma ampiamente rivista e arricchita. Facendole diventare, ancora una volta, storie di tutti.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788807491108

Recensito da Federica Meles

Le Vostre recensioni

Se il tuo mestiere è scrivere“. Roberto Saviano, quasi ce ne fossimo scordati, è uno scrittore innanzitutto.

Il suo racconto, la sua ricerca, la sua testimonianza viaggiano attraverso la scrittura.

Guarda fuori e descrivi quello che vedi“, il consiglio di un editore alle sue prime prove su carta.

E lui l’ha fatto, con onestà e coraggio, i suoi libri hanno il sapore ed il percorso labirintico dell’inchiesta, il taglio del reportage ma sorretto dall’emozione della sua anima, dal suo sguardo “profondamente meridionale sulle cose“.

Vieni via con me è il resoconto di un’avventura televisiva che nasce da un progetto ambizioso, creare una trasmissione popolare, di qualità, rivolta a chi “ha voglia di ridisegnare la nostra terra, di ricostruirla, a chi ha voglia di dire che non siamo tutti uguali , parlare ad un paese che sogna“.

Vieni via con me è l’insieme di storie scelte per raccontare, pagina scritta come strumento per conservare l’emozione e declinarla nell’amore per la verità ed il desiderio di conoscere e capire, per trovare un’altra possibilità, perché “raccontare è non subire“.

Vieni via con me è l’intreccio di storie che si incontrano, storie di corpi spezzati e di menti lucide pronte a lottare per un diritto, quello di scegliere come morire, di rinunciare all’accanimento terapeutico “che non vuol dire procurare la morte ma accettare di non poterla impedire“.

Storie di coraggio pagate con la vita, come quella di Giovanni Falcone “osteggiato in vita e osannato dopo la morte” cui non si perdona di essere diventato un personaggio pubblico e che fu lasciato solo nella lotta contro la mafia, nel paradosso dell’Italia felice per cui “per essere credibili bisogna essere ammazzati” e dove “se non muori sei colpevole“.

Storie delle vittime della macchina del fango, della delegittimazione per cui “qualunque sia il tuo stile di vita, qualunque sia il tuo lavoro, qualunque sia il tuo pensiero, se ti poni contro certi poteri questi risponderanno sempre con un’unica strategia: delegittimarti . Perché l’obiettivo della macchina del fango è proprio dire: è tutta la stessa cosa… ed è come se il danno lo facesse chi racconta, chi svela i meccanismi, chi ricorda il passato“.

Storie di tragedie che forse potevano essere evitate come quelle dei giovani morti sotto il crollo della casa dello studente all’Aquila “non solo vittime del terremoto ma anche dell’irresponsabilità umana“, testimonianze rese ancora più drammatiche, più vicine perché Saviano regala ad ognuno di loro un nome, una voce, un ricordo.

Storie di organizzazioni criminali che, al nord come al sud, assoldano giovani disperati per regalare loro l’illusione di un lavoro, di un futuro che in realtà imprigiona perché “mentre ti danno una cosa ti tolgono tutto il resto“.

Storie di clan che “vincono ancor prima di puntare la pistola” perché riescono ad offrire a prezzi competitivi, sbaragliando qualsiasi lecita concorrenza.

Storie di degrado ambientale che raccontano di terre avvelenate dai rifiuti tossici a causa della logica del “profitto profitto profitto” dove “il cancro non è una sventura, ma è causato da un precisa scelta imprenditoriale e che molti, troppi, hanno interesse a perpetrare“.

Storie di speranza e di coraggio, come quella di Don Giacomo a Lamezia che nonostante le difficoltà e le minacce fonda una comunità di persone “diversamente abili” in un immobile confiscato alla mafia, testimoniando che “se si può recuperare la casa dei boss, forse si può recuperare la società“.

Attraverso i visi, i volti, le parole corali di Beppino Englaro, Piergiorgio e Mina Welby, Luca Cascioni, Giovanni Falcone, don Giacomo, i ragazzi della casa dello studente dell’Aquila, Saviano ci ricorda che “ascoltare un racconto e sentirlo proprio è come ricevere una formula per aggiustare il mondo, perché anche un racconto può divenire una forma contagiosa che trasformando le persone trasforma il mondo stesso“.

Vieni via con me è la voce che spezza l’abitudine al silenzio per entrare nelle coscienze di chi legge, di chi ascolta.

Attraverso queste storie, attraverso la sua storia, Saviano testimonia che “l’agire da uomini, l’agire con umanità, il non piegarsi, il non chiedere come un favore ciò che ci spetta come diritto” è il modo per contrastare, per non subire . Ed allora fare bene il proprio mestiere diventa rivoluzionario.

E Saviano il suo mestiere lo fa bene, la sua voce che inciampa meravigliosamente nella sua “napoletanità” è una voce che riempie, che lascia il segno, che regala “la vertigine e la possibilità di intravedere un sentiero oltre la notte”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Roberto

Saviano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Saviano Roberto


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La storia di una protagonista del Rinascimento: Isabella Morra, poetessa lucana entrata a pieno titolo nella storia della letteratura italiana. Il ritratto di una nobile figura femminile che affronta con coraggio il proprio tempo, scegliendo di vivere nel nome dell'arte e della cultura in un'epoca in cui essere donna significava sottomettersi e in qualche modo essere schiave del volere degli uomini. La storia di Isabella fornisce all'autore anche l'occasione per mettere in evidenza la bellezza del paesaggio lucano, la sua antica storia risalente ai primi coloni greci, le sue tradizioni, attingendo a fonti storiche e documenti inediti. La poesia e l'arte diventano in questo romanzo gioia, salvezza e fonte di riscatto di fronte alle avversità della vita.

Le favole di Isabella

Zizola Franco

La crisi ha centrifugato Clay Jannon fuori dalla sua vita di rampante web designer di San Francisco, e la sua innata curiosità, la sua abilità ad arrampicarsi come una scimmia su per le scale, nonché una fortuita coincidenza l'hanno fatto atterrare sulla soglia di una strana libreria, dove viene immediatamente assunto per il turno... di notte. Ma dopo pochi giorni di lavoro, Clay si rende conto che la libreria è assai più bizzarra di quanto non gli fosse sembrato all'inizio. I clienti sono pochi, ma tornano in continuazione e soprattutto non comprano mai nulla: si limitano a consultare e prendere in prestito antichi volumi collocati su scaffali quasi irraggiungibili. È evidente che il negozio è solo una copertura per qualche attività misteriosa... Clay si butta a capofitto nell'analisi degli strani comportamenti degli avventori e coinvolge in questa ricerca tutti i suoi amici più o meno nerd, più o meno di successo, fra cui una bellissima ragazza, geniaccio di Google... E quando alla fine si decide a confidarsi con il proprietario della libreria, il signor Penumbra, scoprirà che il mistero va ben oltre i confini angusti del negozio in cui lavora... Fra codici misteriosi, società segrete, pergamene antiche e motori di ricerca, Robin Sloan ha cesellato un romanzo d'amore e d'avventura sui libri che lancia una sfida alla nostra curiosità, al nostro desiderio di un'esperienza nuova ed elettrizzante. Un viaggio in quell'universo magico che è una libreria.

Il segreto della libreria sempre aperta

Sloan Robin

Jean Daragane, scrittore parigino vicino alla settantina, vive in totale solitudine, fuori dal resto del mondo. Una sera, però, dopo mesi in cui non ha letteralmente parlato con nessuno, il telefono di casa squilla: si tratta di un uomo che dice di aver ritrovato la sua agenda, perduta su un treno. Daragane inizialmente è recalcitrante a incontrarlo; rompere il suo isolamento gli costa, e i numeri segnati su quella rubrica non gli interessano più. Ma infine accetta un appuntamento. E cosi che conosce l'ambiguo, mellifluo Gilles Ottolini e la sua sottomessa e giovane compagna, Chantal Grippay. L'appuntamento farà ripensare Deragane al suo primo romanzo e gli farà rivalutare una serie di dettagli a suo tempo trascurati che lo porteranno a riscoprire l'importanza della memoria, della nostalgia e dell'amore rimosso, ma mai sopito.

Perché tu non ti perda nel quartiere

Modiano Patrick

In questo libro sono raccolte alcune poesie a verso libero dotate di uno stile contemporaneo, semplice e unico nel suo genere, in grado di suscitare forti emozioni e immagini astratte anche nelle interpretazioni del reale. Scritte in un decennio, abbracciano gli umori più diversi dell'autrice, che ha cercato di catturare sentimenti e punti di vista nelle circostanze più disparate attraverso l'uso dei versi, i quali lasciati liberi dalle forme metriche tradizionali, riescono a superare quel muro di tecnicismo spesso caratteristico del mondo poetico anche recente, per arrivare direttamente al contenuto e alla forza dell'espressione. Suddivise in cinque sezioni, offrono un quadro caratterizzato spesso da immagini oniriche che lasciano al lettore la libertà più assoluta nella lettura e nella comprensione dei versi. L'ultima di queste sezioni è Sehnsucht, termine in lingua tedesca che sta ad indicare il costante anelito che porta l'essere umano a non accontentarsi mai di ciò che raggiunge o possiede, generando in questo modo una dipendenza verso un desiderio che non si potrà mai raggiungere.

Poesie da non so dove

Rossi Federica