Narrativa

Vieni via con me

Saviano Roberto

Descrizione: Otto capitoli, otto storie, un ritratto unico dell'Italia di oggi firmato dall'autore del bestseller internazionale Gomorra. Roberto Saviano scava dentro alcune delle ferite vecchie e nuove che affliggono il nostro Paese. Il mancato riconoscimento del valore dell'Unità nazionale, il subdolo meccanismo della macchina del fango, l’espansione della criminalità organizzata al Nord, l'infinita emergenza rifiuti a Napoli, le troppe tragedie annunciate. Accanto alla denuncia c’è anche il racconto – commosso e ammirato – di vite vissute con onestà e coraggio: la sfida senz'armi di don Giacomo Panizza alla ’ndrangheta calabrese, la lotta di Piergiorgio Welby in nome della vita e del diritto, la difesa della Costituzione di Piero Calamandrei. Esempi su cui possiamo ancora contare per risollevarci e costruire un’Italia diversa. Ideato e condotto da Roberto Saviano e Fabio Fazio, Vieni via con me è stato l'evento televisivo dell’anno, più seguito delle partite di Champions League e dei reality show. Ora Vieni via con me è un libro che rende di nuovo accessibili al pubblico queste storie in una forma ampiamente rivista e arricchita. Facendole diventare, ancora una volta, storie di tutti.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788807491108

Recensito da Federica Meles

Le Vostre recensioni

Se il tuo mestiere è scrivere“. Roberto Saviano, quasi ce ne fossimo scordati, è uno scrittore innanzitutto.

Il suo racconto, la sua ricerca, la sua testimonianza viaggiano attraverso la scrittura.

Guarda fuori e descrivi quello che vedi“, il consiglio di un editore alle sue prime prove su carta.

E lui l’ha fatto, con onestà e coraggio, i suoi libri hanno il sapore ed il percorso labirintico dell’inchiesta, il taglio del reportage ma sorretto dall’emozione della sua anima, dal suo sguardo “profondamente meridionale sulle cose“.

Vieni via con me è il resoconto di un’avventura televisiva che nasce da un progetto ambizioso, creare una trasmissione popolare, di qualità, rivolta a chi “ha voglia di ridisegnare la nostra terra, di ricostruirla, a chi ha voglia di dire che non siamo tutti uguali , parlare ad un paese che sogna“.

Vieni via con me è l’insieme di storie scelte per raccontare, pagina scritta come strumento per conservare l’emozione e declinarla nell’amore per la verità ed il desiderio di conoscere e capire, per trovare un’altra possibilità, perché “raccontare è non subire“.

Vieni via con me è l’intreccio di storie che si incontrano, storie di corpi spezzati e di menti lucide pronte a lottare per un diritto, quello di scegliere come morire, di rinunciare all’accanimento terapeutico “che non vuol dire procurare la morte ma accettare di non poterla impedire“.

Storie di coraggio pagate con la vita, come quella di Giovanni Falcone “osteggiato in vita e osannato dopo la morte” cui non si perdona di essere diventato un personaggio pubblico e che fu lasciato solo nella lotta contro la mafia, nel paradosso dell’Italia felice per cui “per essere credibili bisogna essere ammazzati” e dove “se non muori sei colpevole“.

Storie delle vittime della macchina del fango, della delegittimazione per cui “qualunque sia il tuo stile di vita, qualunque sia il tuo lavoro, qualunque sia il tuo pensiero, se ti poni contro certi poteri questi risponderanno sempre con un’unica strategia: delegittimarti . Perché l’obiettivo della macchina del fango è proprio dire: è tutta la stessa cosa… ed è come se il danno lo facesse chi racconta, chi svela i meccanismi, chi ricorda il passato“.

Storie di tragedie che forse potevano essere evitate come quelle dei giovani morti sotto il crollo della casa dello studente all’Aquila “non solo vittime del terremoto ma anche dell’irresponsabilità umana“, testimonianze rese ancora più drammatiche, più vicine perché Saviano regala ad ognuno di loro un nome, una voce, un ricordo.

Storie di organizzazioni criminali che, al nord come al sud, assoldano giovani disperati per regalare loro l’illusione di un lavoro, di un futuro che in realtà imprigiona perché “mentre ti danno una cosa ti tolgono tutto il resto“.

Storie di clan che “vincono ancor prima di puntare la pistola” perché riescono ad offrire a prezzi competitivi, sbaragliando qualsiasi lecita concorrenza.

Storie di degrado ambientale che raccontano di terre avvelenate dai rifiuti tossici a causa della logica del “profitto profitto profitto” dove “il cancro non è una sventura, ma è causato da un precisa scelta imprenditoriale e che molti, troppi, hanno interesse a perpetrare“.

Storie di speranza e di coraggio, come quella di Don Giacomo a Lamezia che nonostante le difficoltà e le minacce fonda una comunità di persone “diversamente abili” in un immobile confiscato alla mafia, testimoniando che “se si può recuperare la casa dei boss, forse si può recuperare la società“.

Attraverso i visi, i volti, le parole corali di Beppino Englaro, Piergiorgio e Mina Welby, Luca Cascioni, Giovanni Falcone, don Giacomo, i ragazzi della casa dello studente dell’Aquila, Saviano ci ricorda che “ascoltare un racconto e sentirlo proprio è come ricevere una formula per aggiustare il mondo, perché anche un racconto può divenire una forma contagiosa che trasformando le persone trasforma il mondo stesso“.

Vieni via con me è la voce che spezza l’abitudine al silenzio per entrare nelle coscienze di chi legge, di chi ascolta.

Attraverso queste storie, attraverso la sua storia, Saviano testimonia che “l’agire da uomini, l’agire con umanità, il non piegarsi, il non chiedere come un favore ciò che ci spetta come diritto” è il modo per contrastare, per non subire . Ed allora fare bene il proprio mestiere diventa rivoluzionario.

E Saviano il suo mestiere lo fa bene, la sua voce che inciampa meravigliosamente nella sua “napoletanità” è una voce che riempie, che lascia il segno, che regala “la vertigine e la possibilità di intravedere un sentiero oltre la notte”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Roberto

Saviano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Saviano Roberto

«Ventisei racconti, ventisei sguardi sulla pandemia.» Corriere della Sera TUTTI I PROVENTI DELLA VENDITA DI QUESTO E-BOOK SARANNO DEVOLUTI IN BENEFICENZA ALL’OSPEDALE PAPA GIOVANNI XXIII DI BERGAMO Oggi la paura ha un nuovo nome: Covid-19. Per sconfiggerlo l’unica strada è rimanere a casa. Tra le quattro mura che ci hanno sempre protetto e che ora, però, sono diventate confini invalicabili. Sono diventate quasi un nemico. E invece, giorno dopo giorno, chi da sempre lavora con le parole ha scoperto che le stanze, le finestre, anche gli angoli più remoti di casa sono ali verso il mondo. Ognuno di loro ha così scelto il modo per dare vita a questa magia. Dalle loro case, ventisei scrittori tra i più importanti del panorama italiano hanno dato un senso a questi giorni scegliendo di fronteggiare l’emergenza anche con le armi della letteratura. Per portare la loro quotidianità ai lettori che li amano. E hanno deciso di farlo insieme alla casa editrice Garzanti, devolvendo tutto il ricavato all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo. C’è chi ha voluto parlare delle sue giornate, delle routine consolidate, delle novità che strappano un sorriso. Delle lacrime che non si riescono a fermare, ma anche della forza della natura che scioglie il nodo in gola. Di convivenze forzate, come di distanze dalle persone care che sembrano insormontabili. C’è chi racconta di vicini sconosciuti che non lo sono più e del lavoro che cambia nei suoi strumenti ma non nella sua sostanza. Alcuni ammettono l’errore di aver pensato che non poteva essere tutto vero o danno voce agli animali che, invece, sono felici che sia tutto vero. Altri affidano le riflessioni su questi strani giorni alla voce dei personaggi amatissimi che hanno creato. Tutti sono sicuri che usciremo più consapevoli di quello che è davvero importante e che ci incontreremo, ci abbracceremo e passeggeremo presto tutti insieme. Sono sicuri che la solidarietà sarà il valore che porteremo con noi senza poterne più fare a meno.

Andrà tutto bene

AA.VV.

Carla ha quasi quarant'anni, un compagno praticamente perfetto, un lavoro stimolante e un certo fascino. Ma non riesce ad avere un figlio. E per una come lei, abituata a centrare l'obiettivo, il senso di fallimento brucia senza consumarsi. Perché l'ossessione della maternità si può affinare al punto da dare dipendenza. Accade a molte delle donne che Carla incontra quando decide di tentare la fecondazione assistita. Tutte stanno in fila, mese dopo mese, per eseguire lo stesso rituale: gli ormoni, il pick-up, il transfer, l'attesa. Conoscono il proprio corpo e i suoi segnali con una precisione maniacale. Usano un oscuro gergo da iniziate. Perché loro non aspettano un bambino, «fanno la cova», non rimangono incinte, «s'incicognano». Mentre a forza di medicine si gonfiano come galline d'allevamento, le donne «difettose » si sfogano, si danno conforto, nelle sale ospedaliere o nelle chat. Nel suo viaggio alla ricerca della maternità, e di una forma di saggezza che pare sempre scivolarle fra le dita, Carla può contare su di loro, ma anche su due guide spirituali d'eccezione: Seneca, oggetto dei suoi studi di latinista, e nonna Rina, che prima di diventare solida come una quercia era stata fragile come un albero rinsecchito. Nonostante persino la Bibbia sia piena di vecchie sterili che all'improvviso riescono a procreare, Carla forse deve mettersi in testa che un figlio non è un diritto, come le dice Marco, il suo compagno, con quella sua franchezza generosa e un po' leggera. Un esordio intelligente e lieve che racconta la speranza della maternità, e in cui il chiacchiericcio cosí vero di tante femmine energiche, sconsolate o allegre, ci restituisce una realtà complessa, lasciandoci perennemente in bilico tra divertimento e commozione.

LE DIFETTOSE

Mazzoni Eleonora

Sara abita a Roma, è una studentessa universitaria e coltiva il sogno di un amore con la A maiuscola. Immersa nello studio e nei suoi film preferiti, cammina fra le vie della Capitale perdendosi ogni giorno in nuove storie e nuove emozioni. Meta sicura delle sue passeggiate è il grande orologio ad acqua di Villa Borghese a cui affida i suoi pensieri, come a un porto sicuro, un luogo a cui tornare perché gli si appartiene. Condivide la casa con Vale, che diventerà per lei come una sorella, e ha un'amica un po' troppo fuori dagli schemi. E sarà proprio grazie a lei, Maria Chiara, che Sara farà la conoscenza di Edo in una notte qualunque nella Roma della vita notturna. Un incontro, il loro, destinato a segnare le esistenze di entrambi nel bene e nel male.

Il profilo del tempo

Stravato Rosa Elenia

L’estetica dell’oltre

Zanarella Michela