Narrativa

VIOLA

Paccini Pervinca

Descrizione: Due sorelle, all'inizio degli anni Settanta: l'università, le lotte nel movimento studentesco, la disubbidienza femminista, l'amore e il sesso sperimentati come liberazione, la politica come passione. Succede qualcosa, qualcosa di oscuro che le coinvolge. Aprile 2003: una serie di eventi casuali pone Giulia di fronte agli interrogativi inquietanti sulla morte della sorella Viola, avvenuta trent'anni prima. Sullo sfondo, la Milano di oggi, in bilico fra la memoria delle proprie radici morali e i nuovi miti del presunto progresso; e quella di ieri, con i suoi quartieri, le osterie, la cultura vissuta come rivoluzione, le ingenuità e gli eccessi di una partecipazione politica che credeva negli ideali.

Categoria: Narrativa

Editore: Autodafé Edizioni

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788897044185

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Ci accusavano di essere violenti, ma la violenza la si respirava ovunque: nella miseria dei quartieri popolari, nella fatiscenza delle scuole, nelle fabbriche in cui non esistevano diritti. Se è vero che eravamo violenti, è pur vero che subivamo la violenza, ogni giorno.

Milano in trincea. La strategia della tensione procurava vittime e inventava colpevoli: anarchici ballerini in prigione; anarchici “suicidi” in modo grottesco. Il bandolo della matassa si è poi dipanato conducendo ai servizi segreti; un bandolo nero dal sapore di colpo di stato e di corruzione. Si moriva in questa città che viveva nelle fabbriche, nelle scuole, nei mercati, nei quartieri, in quella cultura che non vendeva fumo ma regalava utopie”.

Foto sbiadite, ritagli di giornale, ricordi sospesi, pagine da scrivere e storie interrotte.

Viola e Giulia, due sorelle legate dalla vita e divise dalla morte. Il ricordo dell’una rivive nelle paure dell’altra la cui esistenza è impressa – immobile – in una foto di trent’anni prima, quando gli ideali ancora scandivano i giorni e le passioni. Studentesse in una Milano del passato, partecipata e consapevole, con le sue vie, le osterie, le aule dell’università e le case occupate, Viola e Giulia ci raccontano – attraverso la loro diretta esperienza – un periodo storico controverso, intenso, violento e necessario nella sua drammaticità.

Poi la morte improvvisa di Viola sfuggita alla vita per circostanze rimaste ignote che, nella Milano di oggi, la sorella Giulia e – attraverso di lei – i compagni di quel passato, cercheranno di ricostruire.

La verità affiorerà lentamente, incalzante, drammatica come un’immagine che dall’oscuro abisso delle acque risale, dapprima confusa e poi nitida, alla superficie.

Il dolore di esperienze passate rivivrà – grazie anche all’aiuto di Gabriele – nel cuore e nella mente di Giulia, la quale potrà finalmente ricollocare nel giusto ordine gli eventi di quei giorni concitati.

E allora riprendeva la vecchia foto. Gli occhi azzurri, accesi di vita, dell’una si confondevano con quelli verdi e profondi dell’altra, ingarbugliando i miei sentimenti in una confusa nostalgia”.

La scrittura di queste pagine ben si presta alla delicatezza ed alla profondità della vicenda umana narrata. Tradisce una partecipazione consapevole a quei giorni che la stessa autrice, nata e vissuta a Milano, deve aver vissuto con attenzione e curiosità. La Milano dei primi anni Settanta, così lontana da quella distratta e individualista di oggi, è rivissuta e tratteggiata – insieme ai suoi protagonisti – con straordinaria sensibilità.

Nessun litigio avrebbe potuto qualcosa contro quel legame fatto di infanzia, di giochi e di scherzi, di dolci natalizi, di paure che spingevano a dividere nelle lunghe notti invernali lo stesso lettino, quel legame che sarebbe andato oltre tutte le offese, oltre tutte le incomprensioni. Quel legame indifferente perfino alla tristezza e alla gioia, talmente invisibile che la morte gli sarebbe passata accanto senza scorgerlo. Quel legame che sarebbe andato oltre”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Pervinca

Paccini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Paccini Pervinca


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L'opera e il pensiero di Fabrizio De André sono ininterrottamente e spontaneamente richiamati in incontri, convegni e dibattiti tesi non solo ad analizzare la sua poetica ma anche ad approfondire le tematiche trattate nelle sue canzoni. "Ai bordi dell'infinito", titolo che si riferisce a un verso del brano cantico dei drogati, riprende il percorso antologico cominciato da Fondazione Fabrizio De André Onlus con il volume "Volammo davvero" proponendo a cinque anni di distanza una nuova raccolta di scritti nati da interventi di artisti letterati, appassionati della sua opera, ma non solo, che in varie occasioni si sono confrontati con il pensiero di De André, spesso servendosene come lente attraverso la quale leggere problematiche ancora attuali e che riguardano gli ultimi, i più deboli, gli emarginati. Un coro di più toni e linguaggi, siano essi letterari o della testimonianza, che guarda a quell'"ansia di giustizia sociale" , per usare le sue parole, principale binario su cui ha camminato il lavoro di De André. Una raccolta di scritti inediti, anche di autori inaspettati, che aiuta ad approfondire la molteplicità dello sguardo di uno degli artisti italiani più spesso richiamato per l'intelligente ironia, la profondità delle idee e l'autentica coerenza.

Ai bordi dell’infinito

Valdini Elena

Con una ambientazione contemporanea, il primo volume di una saga di stampo mitologico - ''The Awakening series'' - che dosa sapientemente amore, avventura, elementi storici. Un vero CASO EDITORIALE che incanterà le giovani lettrici di tutto il mondo. Helen, timida adolescente di Nantucket, sta quasi per uccidere il ragazzo più attraente dell'isola, Lucas Delos, davanti a tutta la sua classe. L'episodio si rivela essere qualcosa di più di un mero incidente. Helen teme per la sua salute mentale: ha iniziato ad avere incubi di notte e allucinazioni di giorno. Ogni volta che vede Lucas le appaiono tre donne che piangono lacrime di sangue. Il tentato omicidio porta Helen a scoprire che lei e Lucas non stanno facendo altro che interpretare i ruoli di un'antica tragedia d'amore. Le apparizioni femminili rappresentano infatti le Erinni. Helen, come l'omonima Elena di Troia, è destinata a dare inizio alla guerra a causa della sua relazione con Lucas. I due scoprono sulla loro pelle che i miti non sono leggende. Ma è giusto o sbagliato stare con il ragazzo che si ama se questo significa mettere in pericolo il resto del mondo? Come si sconfigge il destino?

STARCROSSED

Angelini Josephine

Araba e colta, la protagonista è una scrittrice nata e cresciuta a Damasco, poi trasferitasi a Parigi dove lavora all’università e si occupa della biblioteca del dipartimento di Arabistica. Nella sua vita c’è stato un uomo fondamentale, un uomo che le ha aperto un mondo prima sconosciuto, erotico, carnale, pornografico. La passione per il corpo diventa passione per la parola: clandestine, come i suoi incontri amorosi, sono le letture rapinose dei testi di letteratura erotica araba antica. Il Corano stesso si rivela un trattato sul piacere sessuale e perfino le famigerate fatwàt assumono un’ambiguità che sembra lasciare spazio al piacere. I ricordi dell’infanzia siriana, le memorie di un mondo degli adulti complesso e contorto, fatto di segreti, tradimenti e passioni, le chiacchiere femminili negli hammam, le confidenze delle amiche, tutto diventa materia di una ricerca dentro il mistero fascinoso della carne, di una via della conoscenza che fa appunto del corpo e non dello spirito il mezzo e il fine della ricerca stessa. E Salwa al-Neimi – o la protagonista – intraprende questo percorso proprio perché si sente figlia orgogliosa di un universo culturale profondamente arabo. Ribalta i luoghi comuni sul rapporto tra sesso e Islam, e mostra come nella tradizione araba il piacere sessuale non sia un peccato ma una grazia di Dio, un “assaggio”, un “memento” dei piaceri che ci attendono in paradiso.

LA PROVA DEL MIELE

Al-Neimi Salwa

Ogni giorno Gesù parla al nostro cuore attraverso le letture della messa. Tante volte però non siamo in sintonia con lui per stanchezza o per semplice incomprensione dei testi sacri. Spesso avremmo bisogno di una spiegazione o di un commento chiaro, che ci permetta di capire le letture per poi metterle in pratica. Il messalino, che possiamo portare sempre con noi, ci viene incontro con il commento/meditazione delle letture; ci fa conoscere la vita e l'esempio del santo del giorno; ci guida nella liturgia quotidiana e nelle preghiere della Chiesa. Diviene, così, un compagno di viaggio semplice ed edificante durante tutte le ore del giorno.

Sulla tua parola. Messalino maggio-giugno 2016.

Fusco Roberto