Narrativa

VIOLA

Paccini Pervinca

Descrizione: Due sorelle, all'inizio degli anni Settanta: l'università, le lotte nel movimento studentesco, la disubbidienza femminista, l'amore e il sesso sperimentati come liberazione, la politica come passione. Succede qualcosa, qualcosa di oscuro che le coinvolge. Aprile 2003: una serie di eventi casuali pone Giulia di fronte agli interrogativi inquietanti sulla morte della sorella Viola, avvenuta trent'anni prima. Sullo sfondo, la Milano di oggi, in bilico fra la memoria delle proprie radici morali e i nuovi miti del presunto progresso; e quella di ieri, con i suoi quartieri, le osterie, la cultura vissuta come rivoluzione, le ingenuità e gli eccessi di una partecipazione politica che credeva negli ideali.

Categoria: Narrativa

Editore: Autodafé Edizioni

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788897044185

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Ci accusavano di essere violenti, ma la violenza la si respirava ovunque: nella miseria dei quartieri popolari, nella fatiscenza delle scuole, nelle fabbriche in cui non esistevano diritti. Se è vero che eravamo violenti, è pur vero che subivamo la violenza, ogni giorno.

Milano in trincea. La strategia della tensione procurava vittime e inventava colpevoli: anarchici ballerini in prigione; anarchici “suicidi” in modo grottesco. Il bandolo della matassa si è poi dipanato conducendo ai servizi segreti; un bandolo nero dal sapore di colpo di stato e di corruzione. Si moriva in questa città che viveva nelle fabbriche, nelle scuole, nei mercati, nei quartieri, in quella cultura che non vendeva fumo ma regalava utopie”.

Foto sbiadite, ritagli di giornale, ricordi sospesi, pagine da scrivere e storie interrotte.

Viola e Giulia, due sorelle legate dalla vita e divise dalla morte. Il ricordo dell’una rivive nelle paure dell’altra la cui esistenza è impressa – immobile – in una foto di trent’anni prima, quando gli ideali ancora scandivano i giorni e le passioni. Studentesse in una Milano del passato, partecipata e consapevole, con le sue vie, le osterie, le aule dell’università e le case occupate, Viola e Giulia ci raccontano – attraverso la loro diretta esperienza – un periodo storico controverso, intenso, violento e necessario nella sua drammaticità.

Poi la morte improvvisa di Viola sfuggita alla vita per circostanze rimaste ignote che, nella Milano di oggi, la sorella Giulia e – attraverso di lei – i compagni di quel passato, cercheranno di ricostruire.

La verità affiorerà lentamente, incalzante, drammatica come un’immagine che dall’oscuro abisso delle acque risale, dapprima confusa e poi nitida, alla superficie.

Il dolore di esperienze passate rivivrà – grazie anche all’aiuto di Gabriele – nel cuore e nella mente di Giulia, la quale potrà finalmente ricollocare nel giusto ordine gli eventi di quei giorni concitati.

E allora riprendeva la vecchia foto. Gli occhi azzurri, accesi di vita, dell’una si confondevano con quelli verdi e profondi dell’altra, ingarbugliando i miei sentimenti in una confusa nostalgia”.

La scrittura di queste pagine ben si presta alla delicatezza ed alla profondità della vicenda umana narrata. Tradisce una partecipazione consapevole a quei giorni che la stessa autrice, nata e vissuta a Milano, deve aver vissuto con attenzione e curiosità. La Milano dei primi anni Settanta, così lontana da quella distratta e individualista di oggi, è rivissuta e tratteggiata – insieme ai suoi protagonisti – con straordinaria sensibilità.

Nessun litigio avrebbe potuto qualcosa contro quel legame fatto di infanzia, di giochi e di scherzi, di dolci natalizi, di paure che spingevano a dividere nelle lunghe notti invernali lo stesso lettino, quel legame che sarebbe andato oltre tutte le offese, oltre tutte le incomprensioni. Quel legame indifferente perfino alla tristezza e alla gioia, talmente invisibile che la morte gli sarebbe passata accanto senza scorgerlo. Quel legame che sarebbe andato oltre”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Pervinca

Paccini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Paccini Pervinca


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Questa è la storia di un individuo dal destino già scritto. Un ragazzino che ha avuto come scuola la strada. Come madre una zoccola. Come padre un bidello cornuto. Come miglior amico la coca. Come amante un trans. È così che si vive nella periferia nord di Napoli. La coca non è sballo a Scampia. È il mezzo attraverso il quale diventare ricchi. Acquisire denaro e potere. Questa è la storia di uno spacciatore improvvisato. Uno spacciatore per scelta - la scelta di non aver scelto - che, come Pablo Emilio Escobar Gaviria, si rivela bravissimo nel commercio della cocaina. Perché la droga è un business. Anzi, è il business del millennio. Si guadagna molto perché il rischio è alto. Molto alto. I creditori. Gli sbirri. La concorrenza. La galera. I debitori. Ma non finisce ammazzato come El Patron. Finisce a Milano, cambia lavoro, mette su famiglia e scrive un libro. Un manuale che parla di un'attività particolare, per di più illegale, analizzandola con un approccio manageriale. "Per farvi accumulare una vera fortuna senza farvi arrestare. Perché, come ogni altra impresa, anche vendere la droga è un'attività che deve essere pianificata con cura e attenzione. Quindi anche con un business-plan." Manuale del perfetto venditore di droga è un romanzo autobiografico con business plan. La prima parte è il diario degli anni raminghi dell 'autore, un Gomorra raccontato da protagonista, la seconda è un vero manuale di management, se non fosse per il tema potrebbe essere edito dalla Harvard University Press.

MANUALE DEL PERFETTO VENDITORE DI DROGA

Esposito Alessandro

Dopo "Non chiamarmi zingaro", Petruzzelli prosegue il suo viaggio alla ricerca degli ultimi, coloro che sono ai margini, che non hanno potere né voce, e nemmeno rappresentanza, ma solo la vita, la vita nuda. Leggere le loro testimonianze procura un effetto di straniamento perché non siamo abituati a misurarci con una dimensione totalmente altra: non consumistica, assoluta, povera, esclusivamente valoriale. Il libro è il racconto del periplo di geografie umane che l’autore ha fatto attraversando l’Europa e il Mediterraneo, a cominciare da Mauthausen per andare poi in Marocco, Algeria, Israele, Palestina, e tornare in Italia, alla ricerca di un’umanità autentica. “Ho vissuto un’infanzia di umiliazioni, insulti e disprezzo, rubando, fumando kif, bevendo, frequentando prostitute, prostituendomi io stesso. A sette anni ero già adulto” racconta Mohamed Choukri, analfabeta fino all’età di vent’anni, oggi considerato uno dei maggiori scrittori del Marocco. “E’ tutto allo sfascio. Noi in alpeggio andiamo anche a fare pulizia, a tagliare le erbacce. Siamo noi e questo ragazzo che teniamo in vita quei posti. Siamo soli. Resistiamo, ma per quanto?” racconta Cristina, pastora sarda. E chi è Zeidan? Un muratore palestinese che sta costruendo il Muro, quello tra Israele e Palestina, che lo chiuderà al mondo, ma che in questo momento gli dà da vivere. Sul Muro c’è scritto: “To exist is to resist”. Petruzzelli ricompone il quadro di un’umanità ferita ma non senza speranza. Le vite degli ultimi ci aiutano a immaginare un altro futuro. Possibile.

Gli ultimi

Petruzzelli Pino

Questo romanzo si svolge dall’inizio degli anni sessanta al 1984 tra una casa editrice milanese e un museo parigino dove è esposto il pendolo di Foucault. Si svolge dal 1943 al 1945 in un paesino tra Langhe e Monferrato. Si svolge tra il 1344 e il 2000 lungo il percorso del piano dei Templari e dei Rosa-Croce per la conquista del mondo. Si svolge interamente la notte del 23 giugno 1984, prima in piedi nella garitta del periscopio, poi in piedi nella garitta della statua della Libertà al Conservatoire des Arts et Métiers di Parigi. Si svolge la notte tra il 26 e il 27 giugno dello stesso anno nella stessa casa di campagna che Jacopo Belbo, il protagonista, ha ereditato da suo zio Carlo, mentre Pim rievoca le sequenze temporali di cui si è detto sopra. In sintesi: tre redattori editoriali, a Milano, dopo avere frequentato troppo a lungo autori “a proprie spese” che si dilettano di scienze occulte, società segrete e complotti cosmici, decidono di inventare, senza alcun senso di responsabilità, un Piano. Ma qualcuno li prende sul serio.

Il pendolo di Foucault

Eco Umberto

Settembre 2010. Tempo di vendemmia, ma a Bari fa ancora molto caldo e si continua ad andare al mare Lolita compie trentasette anni e finalmente scopre che il suo cuore è ancora capace di innamorarsi. A modo suo, si sa. Ma non è solo l'amore a far battere il cuore di Lolita: un bambino e il suo gattino sono scomparsi nel nulla e il dovere chiama. La bellissima madre del bambino. scura e carnosa come un chicco di uva nera, ha amici intimi molto particolari su cui indagare. Sullo sfondo della nuova inchiesta, una Bari sempre più bella e intrigante, qualcuno che gioca un brutto tiro a Lolita e una giostra di personaggi coloratissimi. Oltre alle immancabili. deliziose ricette della commissaria più scorretta – ma di gran cuore d’Italia.

UVA NOIR

Genisi Gabriella