Narrativa

VIOLA

Paccini Pervinca

Descrizione: Due sorelle, all'inizio degli anni Settanta: l'università, le lotte nel movimento studentesco, la disubbidienza femminista, l'amore e il sesso sperimentati come liberazione, la politica come passione. Succede qualcosa, qualcosa di oscuro che le coinvolge. Aprile 2003: una serie di eventi casuali pone Giulia di fronte agli interrogativi inquietanti sulla morte della sorella Viola, avvenuta trent'anni prima. Sullo sfondo, la Milano di oggi, in bilico fra la memoria delle proprie radici morali e i nuovi miti del presunto progresso; e quella di ieri, con i suoi quartieri, le osterie, la cultura vissuta come rivoluzione, le ingenuità e gli eccessi di una partecipazione politica che credeva negli ideali.

Categoria: Narrativa

Editore: Autodafé Edizioni

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788897044185

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Ci accusavano di essere violenti, ma la violenza la si respirava ovunque: nella miseria dei quartieri popolari, nella fatiscenza delle scuole, nelle fabbriche in cui non esistevano diritti. Se è vero che eravamo violenti, è pur vero che subivamo la violenza, ogni giorno.

Milano in trincea. La strategia della tensione procurava vittime e inventava colpevoli: anarchici ballerini in prigione; anarchici “suicidi” in modo grottesco. Il bandolo della matassa si è poi dipanato conducendo ai servizi segreti; un bandolo nero dal sapore di colpo di stato e di corruzione. Si moriva in questa città che viveva nelle fabbriche, nelle scuole, nei mercati, nei quartieri, in quella cultura che non vendeva fumo ma regalava utopie”.

Foto sbiadite, ritagli di giornale, ricordi sospesi, pagine da scrivere e storie interrotte.

Viola e Giulia, due sorelle legate dalla vita e divise dalla morte. Il ricordo dell’una rivive nelle paure dell’altra la cui esistenza è impressa – immobile – in una foto di trent’anni prima, quando gli ideali ancora scandivano i giorni e le passioni. Studentesse in una Milano del passato, partecipata e consapevole, con le sue vie, le osterie, le aule dell’università e le case occupate, Viola e Giulia ci raccontano – attraverso la loro diretta esperienza – un periodo storico controverso, intenso, violento e necessario nella sua drammaticità.

Poi la morte improvvisa di Viola sfuggita alla vita per circostanze rimaste ignote che, nella Milano di oggi, la sorella Giulia e – attraverso di lei – i compagni di quel passato, cercheranno di ricostruire.

La verità affiorerà lentamente, incalzante, drammatica come un’immagine che dall’oscuro abisso delle acque risale, dapprima confusa e poi nitida, alla superficie.

Il dolore di esperienze passate rivivrà – grazie anche all’aiuto di Gabriele – nel cuore e nella mente di Giulia, la quale potrà finalmente ricollocare nel giusto ordine gli eventi di quei giorni concitati.

E allora riprendeva la vecchia foto. Gli occhi azzurri, accesi di vita, dell’una si confondevano con quelli verdi e profondi dell’altra, ingarbugliando i miei sentimenti in una confusa nostalgia”.

La scrittura di queste pagine ben si presta alla delicatezza ed alla profondità della vicenda umana narrata. Tradisce una partecipazione consapevole a quei giorni che la stessa autrice, nata e vissuta a Milano, deve aver vissuto con attenzione e curiosità. La Milano dei primi anni Settanta, così lontana da quella distratta e individualista di oggi, è rivissuta e tratteggiata – insieme ai suoi protagonisti – con straordinaria sensibilità.

Nessun litigio avrebbe potuto qualcosa contro quel legame fatto di infanzia, di giochi e di scherzi, di dolci natalizi, di paure che spingevano a dividere nelle lunghe notti invernali lo stesso lettino, quel legame che sarebbe andato oltre tutte le offese, oltre tutte le incomprensioni. Quel legame indifferente perfino alla tristezza e alla gioia, talmente invisibile che la morte gli sarebbe passata accanto senza scorgerlo. Quel legame che sarebbe andato oltre”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Pervinca

Paccini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Paccini Pervinca


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Toscana, 1911. Adolfo, il folle, il dongiovanni, il cadetto di una nobile famiglia rispettosa delle regole e amante del buon cibo. Ed è proprio dai manicaretti che cucina Finimola, la cuoca di famiglia, e dalla sua corpulenta avvenenza, che inizia la saga dei Martigli. Dalla guerra di Libia, agli amori, dai matrimoni alle piccole pazzie quotidiane, gli episodi familiari si snodano leggeri e profondi conditi dai sapori di una terra sanguigna, vivace e saporita come i suoi personaggi. Adolfo, il cui nome significa "nobile lupo", conduce le danze, più da pecora nera che da capo branco, trascinando in un vortice da tragicommedia perfino i suoi discendenti, come l'autore del romanzo, che porta nascostamente il suo stesso nome.

La follia di Adolfo

Martigli Carlo A.

La biografia, la carriera, il mito di Humphrey Bogart attraverso la scrittura innamorata di un grande romanziere. Jonathan Coe cinefilo è ben noto ai suoi lettori. In ogni suo romanzo il cinema è ampiamente presente. Qui lo vediamo al suo meglio scandagliare la profondità di un volto, di un uomo, di un attore che ha lasciato un'eredità incalcolabile nell'arte e nell'immaginario.

Caro Bogart

Coe Jonathan

Milano, oggi. È la crisi più grave che il mondo abbia mai attraversato. Disorientati, giovani e anziani, credenti e atei si pongono tutti le stesse, angoscianti domande: cosa faranno ora che il più grande sogno dell’umanità si è trasformato in un incubo? Cosa succederà allo scoccare dell’ultimo giorno? Boston, qualche mese prima. È l’indagine più complessa che Cyrus O’Malley abbia mai affrontato. Sconvolto, il detective dell’FBI osserva le foto delle vittime: per l’ennesima volta, si chiede perché, dopo averle strangolate, il serial killer abbia praticato loro un minuscolo foro alla base del cranio. Per Cyrus, quel caso è diventato un’ossessione. E non importa se, per risolverlo, sarà costretto a rinunciare a tutto ciò che gli è caro… Londra, 1988. È la sensazione più travolgente che Alex Weller abbia mai provato. In estasi, il ragazzo osserva il fiume di luce che scorre davanti a lui: sull’altra sponda c’è suo padre, che lo esorta a raggiungerlo. Ma, per quanto si sforzi, Alex non riesce a muoversi e, d’improvviso, si trova di nuovo incastrato fra le lamiere, sul luogo del terribile incidente d’auto che ha causato la morte dei genitori. Da quel momento, Alex avrà un solo obiettivo: rivivere quell’esperienza. E non importa se, per farlo, sarà costretto a uccidere…

L’ultimo giorno

Cooper Glenn

Un uomo e un bambino, padre e figlio, senza nome. Spingono un carrello, pieno del poco che è rimasto, lungo una strada americana. La fine del viaggio è invisibile. Circa dieci anni prima il mondo è stato distrutto da un'apocalisse nucleare che lo ha trasformato in un luogo buio, freddo, senza vita, abitato da bande di disperati e predoni. Non c'è storia e non c'è futuro. Mentre i due cercano invano più calore spostandosi verso sud, il padre racconta la propria vita al figlio. Ricorda la moglie (che decise di suicidarsi piuttosto che cadere vittima degli orrori successivi all'olocausto nucleare) e la nascita del bambino, avvenuta proprio durante la guerra. Tutti i loro averi sono nel carrello, il cibo è poco e devono periodicamente avventurarsi tra le macerie a cercare qualcosa da mangiare. Visitano la casa d'infanzia del padre ed esplorano un supermarket abbandonato in cui il figlio beve per la prima volta un lattina di cola. Quando incrociano una carovana di predoni l'uomo è costretto a ucciderne uno che aveva attentato alla vita del bambino. Dopo molte tribolazioni arrivano al mare; ma è ormai una distesa d'acqua grigia, senza neppure l'odore salmastro, e la temperatura non è affatto più mite. Raccolgono qualche oggetto da una nave abbandonata e continuano il viaggio verso sud, verso una salvezza possibile...

La strada

McCarthy Cormac