Narrativa

VIOLA

Paccini Pervinca

Descrizione: Due sorelle, all'inizio degli anni Settanta: l'università, le lotte nel movimento studentesco, la disubbidienza femminista, l'amore e il sesso sperimentati come liberazione, la politica come passione. Succede qualcosa, qualcosa di oscuro che le coinvolge. Aprile 2003: una serie di eventi casuali pone Giulia di fronte agli interrogativi inquietanti sulla morte della sorella Viola, avvenuta trent'anni prima. Sullo sfondo, la Milano di oggi, in bilico fra la memoria delle proprie radici morali e i nuovi miti del presunto progresso; e quella di ieri, con i suoi quartieri, le osterie, la cultura vissuta come rivoluzione, le ingenuità e gli eccessi di una partecipazione politica che credeva negli ideali.

Categoria: Narrativa

Editore: Autodafé Edizioni

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788897044185

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Ci accusavano di essere violenti, ma la violenza la si respirava ovunque: nella miseria dei quartieri popolari, nella fatiscenza delle scuole, nelle fabbriche in cui non esistevano diritti. Se è vero che eravamo violenti, è pur vero che subivamo la violenza, ogni giorno.

Milano in trincea. La strategia della tensione procurava vittime e inventava colpevoli: anarchici ballerini in prigione; anarchici “suicidi” in modo grottesco. Il bandolo della matassa si è poi dipanato conducendo ai servizi segreti; un bandolo nero dal sapore di colpo di stato e di corruzione. Si moriva in questa città che viveva nelle fabbriche, nelle scuole, nei mercati, nei quartieri, in quella cultura che non vendeva fumo ma regalava utopie”.

Foto sbiadite, ritagli di giornale, ricordi sospesi, pagine da scrivere e storie interrotte.

Viola e Giulia, due sorelle legate dalla vita e divise dalla morte. Il ricordo dell’una rivive nelle paure dell’altra la cui esistenza è impressa – immobile – in una foto di trent’anni prima, quando gli ideali ancora scandivano i giorni e le passioni. Studentesse in una Milano del passato, partecipata e consapevole, con le sue vie, le osterie, le aule dell’università e le case occupate, Viola e Giulia ci raccontano – attraverso la loro diretta esperienza – un periodo storico controverso, intenso, violento e necessario nella sua drammaticità.

Poi la morte improvvisa di Viola sfuggita alla vita per circostanze rimaste ignote che, nella Milano di oggi, la sorella Giulia e – attraverso di lei – i compagni di quel passato, cercheranno di ricostruire.

La verità affiorerà lentamente, incalzante, drammatica come un’immagine che dall’oscuro abisso delle acque risale, dapprima confusa e poi nitida, alla superficie.

Il dolore di esperienze passate rivivrà – grazie anche all’aiuto di Gabriele – nel cuore e nella mente di Giulia, la quale potrà finalmente ricollocare nel giusto ordine gli eventi di quei giorni concitati.

E allora riprendeva la vecchia foto. Gli occhi azzurri, accesi di vita, dell’una si confondevano con quelli verdi e profondi dell’altra, ingarbugliando i miei sentimenti in una confusa nostalgia”.

La scrittura di queste pagine ben si presta alla delicatezza ed alla profondità della vicenda umana narrata. Tradisce una partecipazione consapevole a quei giorni che la stessa autrice, nata e vissuta a Milano, deve aver vissuto con attenzione e curiosità. La Milano dei primi anni Settanta, così lontana da quella distratta e individualista di oggi, è rivissuta e tratteggiata – insieme ai suoi protagonisti – con straordinaria sensibilità.

Nessun litigio avrebbe potuto qualcosa contro quel legame fatto di infanzia, di giochi e di scherzi, di dolci natalizi, di paure che spingevano a dividere nelle lunghe notti invernali lo stesso lettino, quel legame che sarebbe andato oltre tutte le offese, oltre tutte le incomprensioni. Quel legame indifferente perfino alla tristezza e alla gioia, talmente invisibile che la morte gli sarebbe passata accanto senza scorgerlo. Quel legame che sarebbe andato oltre”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Pervinca

Paccini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Paccini Pervinca


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La i-settimana dedicata a Pasolini

Roma 1903: la morte di una guardia svizzera e di una giovane cameriera scuote il Vaticano. Il papa Leone XIII decide che per risolvere il mistero è necessaria la consulenza di un giovane medico viennese esperto nell'indagare la mente: Sigmund Freud. Il suo compito sarà individuare l'individuo che sta dietro alla tragica morte dei giovani. Non per assicurarlo alla giustizia, però, perché uno scandalo metterebbe a repentaglio la missione della Chiesa. E in fondo, pensa il papa, il colpevole riceverà l'adeguata punizione nell'aldilà. Il risultato dell'indagine servirà a impedire che, alla morte ormai prossima di Leone, il soglio di Pietro venga occupato da un empio, da un assassino. E Freud potrà contare sull'assistenza della bellissima cameriera Maria e di un giovane seminarista dal cuore puro, un certo Giuseppe Angelo Roncalli...

La scelta di Sigmund

Martigli Carlo A.

Due ragazze, Miriam e Giulia, si risvegliano in un bosco, senza più ricordare nulla. La loro mente è vuota. I ricordi cancellati. Iniziano allora un incredibile viaggio, costellato di stranezze da incubo, alla ricerca della propria identità. Il loro destino è legato a quello di un ragazzo di nome Dominique. I ragazzi scoprono di essere i detentori di un’essenza divina che è stata divisa in tre parti, permettendo la loro nascita. Miriam racchiude in sé il seme del Bene, Giulia quello del Male, mentre Dominique è l’Equilibratore tra le due forze opposte. Solo la ricostituzione dell’essenza divina permetterà a Miriam di ricevere un prezioso dono, talmente potente da cambiare le sorti dell’umanità. Autore Maria De Riggi è autrice di racconti e poesie pubblicate in varie antologie dagli editori Delos Books, La mela avvelenata, Alcheringa, Butterfly. La scrittura per lei ha una doppia valenza. Da un lato rappresenta una sorta di ricerca interiore, dall’altra è un modo per esplicare se stessa.

I cavalieri della vita

De Riggi Maria

Estate 1996. Un' estate torrida e senza vento. Un gruppo di amici tra i 17 e i 20 anni si gode la bellezza della Costiera Amalfitana. Ci sono Pier, che ha una passione insolita per la poesia di Rimbaud, il suo migliore amico Dario, figlio di un vecchio aristocratico napoletano che preferisce lavorare in un pub anziché godersi i lussi di famiglia. E ci sono Luca, Liv, Silvia e Alessia. Sono tutti inquieti, nonostante un mare perennemente calmo e una luce bollente che riscalda le giornate. Per rompere la routine ci sono poche cose: saltare dal tetto di un palazzo ad un altro, oppure tuffarsi in mare posti sempre più alti e imprevedibile. Finché un giorno, Francesca, la ragazza di Pier, scompare. In quegli stessi luoghi arriva un uomo dalla Francia. Si chiama Ezra, ed è uno scultore. Arriva lì seguendo il diario di sua figlia, morta in un incidente d'auto. L'uomo sta ritornando nelle città in cui lei ha vissuto. Vuole portarsi a casa da quei luoghi dei frammenti di terra, che poi userà per una scultura-memoriale. Quei ragazzi sono un mistero che Ezra non riesce in nessun modo a penetrare. Neanche quando intuisce che stanno progettando di suicidarsi non appena sarà finito agosto.

TUTTA LA BELLEZZA DEVE MORIRE

Pingitore Luigi