Esordienti

Virus

Canassa Vigliani Alessandro

Descrizione:

Categoria: Esordienti

Editore: Pulp Edizioni

Collana:

Anno: 2010

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Virus di Alessandro Canassa Vigliani, autore all’esordio nella narrativa, è un libro che deve leggersi dalla copertina. Non è possibile difatti poter cominciare la lettura del romanzo senza aver dato uno sguardo al lavoro grafico pregevole del libro edito da Pulp Edizioni, casa editrice frusinate che dopo il “Testamento di Don Rodrigo” di Stefano Testa e “Un uomo marro’” di Massimo Savona sembra aver colpito ancora con un altro romanzo, come tra l’altro ci suggerisce Luigi Milani nella prefazione, dipinto a tinte noir ma intriso di denuncia sociale.

Lo stile di Canassa Vigliani è scorrevole e sembra rifarsi a tutta quella lunga produzione di autori post-modernisti che insieme a una narrativa scarna sanno associare anche i caratteri critici di una società da cui i i protagonisti delle storie cercano di sfuggire, oppure da cui ne sono completamente sommersi, quasi perduti.

Nella narrativa del Canassa Vigliani non mancano i riferimenti tra le righe: interessante il dialogo che si trova nel testo e che fuoriesce da un televisore: dalle battute, nemmeno troppo velatamente, si lascia trasparire l’ammirazione per il cinema d’epoca e, nella fattispecie, “La cena delle beffe” con un magistrale Osvaldo Valenti; in più, volendo cercare anche un paragone nel classicismo, la stanza entro cui Ribaldi, il protagonista del romanzo, viene rinchiuso è tanto simile alla caverna che Platone aveva già ipotizzato per gli uomini del futuro.

Di seguito riportiamo anche parte della prefazione del libro:

 […]E il romanzo consegnato alle stampe da Alessandro emana un odore inequivocabile: quello del sangue, elemento immancabile nel Noir, screziato però anch’esso da altri ingredienti. In primis, un senso di disfatta e tragedia immanenti, la disperazione senza limiti di esistenze allo sbando, la terribile hubrys che troppo spesso ghermisce chi si trova in ruoli di grande prestigio e potere.

Il protagonista della vicenda, noto conduttore televisivo, manager e produttore, è una sorta di prototipo in negativo: un uomo privato della sua umanità, che sembra vivere in funzione del potere e dell’autocelebrazione. Un personaggio tratteggiato con spietatezza dall’autore, nel quale il lettore non faticherà a riconoscere persone e volti di questa Italia del nuovo millennio.

Una società ossessionata dall’immagine, dalla vacua illusorietà della dimensione televisiva, dove niente è davvero reale e l’unico obiettivo sembra essere la ricerca incessante e spasmodica del successo transitorio offerto da un passaggio televisivo in prime time. Qui, a ben vedere, siamo già oltre l’abusato paradigma del quarto d’ora di celebrità teorizzato da Andy Wharol nei lontani anni Sessanta. L’esistenza di Ribaldi è una non-esistenza, sembra voler suggerire – in maniera neanche troppo velata – l’autore. E infatti Max Ribaldi è un uomo privo di affetti reali; eppure tale condizione pare non pesargli affatto, perso com’è nel suo pericoloso sogno estetizzante. […]

(Dalla prefazione di Luigi Milani)

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessandro

Vigliani

Canassa

Libri dallo stesso autore

Intervista a Canassa Vigliani Alessandro


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Sei fiabe in cui è raccolta tutta la poetica di Miyazawa Kenji, scienziato, buddista, agronomo e filosofo (1895-1993). Il racconto che dà il titolo alla raccolta ha ispirato numerose serie di telefilm, fumetti e cartoni animati di fantascienza.

UNA NOTTE SUL TRENO DELLA VIA LATTEA E ALTRI RACCONTI

Kenji Miyazawa

Storia di Ciccio Pesce e dei suoi quattordici, quindici e sedici anni, un tempo letterario sufficiente a fare conoscenza con due asfissianti genitori che lo credono afflitto dalla sindrome di Asperger, con le sue quattro ragazze morte, con alcuni poliziotti e carabinieri che gli girano attorno senza che lui riesca a spiegarsene il motivo, con un’amica invisibile che ha occupato la sua testa e non c’è modo di sfrattarla, con uno zio erotomane che ha l’ossessione di battere un record che lo faccia entrare nel Guinness Book of Sexual Records. Francesco consiglia come cura un’unica compressa da 49.592 parole a base di eros e comicità, materie che hanno dimostrato di possedere una spiccata attività antidepressiva, stimolante e disinibitoria. Ingredienti: Emozioni primarie: rabbia, paura, tristezza, gioia. Emozioni secondarie: allegria, ansia, rassegnazione, gelosia, speranza. Indicazioni terapeutiche: Terapia sintomatica della noia acuta e cronica. Effetti indesiderati: Sono stati segnalati casi di Ilarità fatale (Fatal hilarity). Modalità d’uso: Si consiglia di assumerlo dopo una litigata con il partner o prima di un rapporto sessuale, con effetto stimolante.

LE MOLECOLE AFFETTUOSE DEL LECCA LECCA

Consiglio Francesco

Maya Vidal, l’adolescente protagonista del nuovo romanzo di Isabel Allende, caduta nel circuito dell’alcol e della droga riesce a riemergere dai bassifondi di Las Vegas e in fuga da spacciatori e agenti dell’Fbi approda nell’incontaminato arcipelago di Chiloé, nel sud del Cile. Amori difficili, frammenti di storia cilena ancora carichi di sofferenza, famiglie disgregate, disagio giovanile, marginalità e degrado trovano come contraltare il valore delle tradizioni locali, il rispetto per l’ambiente e un modello di vita comunitaria nell’affermazione del valore della diversità e del rispetto reciproco. Isabel Allende torna a raccontare la vita di una grande donna, la storia di Maya, in un romanzo che affronta con grande delicatezza le relazioni umane: le amicizie incondizionate, le storie d’amore palpabili come quelle più invisibili, gli amori adolescenziali e quelli lunghi una vita. Un ritmo incalzante, una prosa disincantata e ironica per questa nuova prova narrativa che si tinge di noir e per l’ennesima eccezionale galleria di donne volitive e uomini capaci di amare.

IL QUADERNO DI MAYA

Allende Isabel

Perché una sacca di sangue costa 3 euro al Sant’Andrea di Vercelli e 12 al Gallicano di Cosenza? E perché la Regione Piemonte dispone di 700 dipendenti e la Sicilia di 6000? Ci sono tante cose che ci fanno arrabbiare: gli sprechi, le inefficienze e ognuna delle mille male-qualcosa che popolano le cronache quotidiane. Una volta si tratta di truffe. Un’altra volta è una partoriente che ci lascia la pelle a causa di un errore o di un disguido. Un’altra ancora sono i treni fermi in mezzo alla campagna per il sistema andato in tilt. Perché tutto questo? La risposta non viene da differenze culturali o caratteriali che, con facile qualunquismo, si potrebbero individuare. La ragione affonda le radici nella storia: proprio quella di 150 anni fa. Se oggi i cittadini si lamentano per l’eccessivo carico fiscale e per le troppe tasse che gravano sul singolo contribuente, diventa inevitabile rammentare che l’andazzo prese il via giusto un secolo e mezzo fa, quando ci si cominciò a inventare imposte con tanta fantasia e nessuna logica. Se adesso tutti parlano di federalismo (e pochi immaginano come farlo) è perché si riconosce implicitamente che sono stati commessi errori imperdonabili che adesso diventa urgente rettificare. Non un’Italia unita e nuova ma un regno sabaudo allargato, che annette, che conquista e che impone le sue regole e le sue misure. Un travisamento degli accordi e del progetto originario, che ha tradito il Nord danneggiando anche il Sud.

Polentoni

Del Boca Lorenzo