Narrativa

Vita di Pi

Martel Yann

Descrizione: Un ragazzo e quattro animali alla deriva nell'oceano Pacifico, unici superstiti di un tragico naufragio. La loro sfida è la sopravvivenza, nonostante la sete, la fame e la furia del mare. Tempo pochi giorni e, della zebra ferita, dell'orango e della iena non resta che qualche osso cotto dal sole. A farne piazza pulita è stata la tigre con cui Pi, giovane indiano senza più famiglia, è ora costretto a dividere i pochi metri di una scialuppa. Contro ogni logica, il ragazzo decide di ammaestrarla. Con l'ingegno, con la forza di uno spirito caparbio e visionario Pi affronta la sua grande avventura. Ed è un viaggio straordinario, appassionante e terribile, ispirato, spiazzante, ironico e violento, che trascina il lettore fino all'attimo in cui il sipario si leva sull'ultimo, agghiacciante colpo di scena. E se le cose non fossero andate affatto come Pi vuole farci credere? Acclamato come un nuovo classico dalla critica inglese e americana, Vita di Pi è un libro unico, miracolosamente sospeso tra realismo e magia, un po' romanzo di avventura e un po' favola surreale dall'inattesa e sconvolgente anima nera.

Categoria: Narrativa

Editore: Piemme

Collana:

Anno: 2003

ISBN: 9788838472138

Recensito da Gloria Somaini

Le Vostre recensioni

«Combattiamo all’infinito. Combattiamo senza curarci di quanto ci costa, delle sconfitte che incassiamo, dell’improbabilità del successo. Combattiamo fino all’ultimo respiro. Non è una questione di coraggio. L’incapacità di arrendersi è un dato caratteriale. Forse è semplicemente stupida fame di vita».

Non è facile per un ragazzino indiano chiamarsi Piscine e così Pi decide di rendere più interessante il suo nome associandolo al simbolo matematico del Pi greco (π), sperando che serva a far sì che i suoi compagni di scuola smettano di chiamarlo Piscione. Non funziona, ma lui ci ha provato. Ci prova sempre Pi, non si dà mai per vinto, soprattutto quando si tratta di credere. Per questo intreccia rapporti molto profondi con le tre maggiori religioni esistenti al mondo e ne rispetta tradizioni e modi di preghiera. Per questo, anche quando tutto quello che conosce svanisce in pochi istanti inghiottito da un muro d’acqua, non smette di lottare.

Suo padre aveva grandi piani per loro, tutti e quattro in Canada a ricominciare una nuova vita con i soldi derivati dalla vendita degli animali dello zoo di sua proprietà. Per questo la famiglia di Pi si imbarca sulla Tsimtsum, una enorme nave mercantile giapponese, che però al momento di fronteggiare una tempesta si rivela ben meno resistente di quanto le apparenze lasciassero presupporre.

Scagliato su una scialuppa da marinai che volevano liberarsi di lui, Pi si ritrova, unico superstite, sperduto in mezzo all’Oceano Pacifico in compagnia di una zebra, una iena, un orangutan e una tigre del Bengala, di nome Richard Parker. Dopo che la tigre uccide e si nutre degli altri animali, Pi si vede costretto a fronteggiare la belva più pericolosa dello zoo, da cui suo padre l’aveva sempre messo in guardia.

Sembra però che la fame, la sete, la paura e il mal di mare abbiano strani effetti sulle tigri del Bengala: grazie a un fischietto da salvataggio e a una gran quantità di pesci volanti, Pi riesce a sopravvivere a Richard Parker. Lo assiste, lo sfama, lo rifornisce di acqua e non smette di essergli grato, perché sa che se fosse stato da solo non avrebbe avuto la forza d’animo necessaria a non mollare.

«All’inizio scrutavo l’orizzonte ossessivamente, sperando di scorgere una nave. Ma dopo cinque o sei giorni smisi quasi del tutto. Sopravvissi perché decisi di dimenticare. La mia avventura ebbe inizio il 2 luglio 1977 e terminò il 14 febbraio 1978, ma in mezzo per me non ci furono date. Non contai i giorni, né le settimane, né i mesi. Il tempo è un’illusione che toglie il fiato. Così lo cancellai

Insieme, il ragazzo indiano e la tigre, compiono un viaggio lungo duecentoventisette giorni, che li porta ad affrontare squali, tempeste, marinai ciechi e isole carnivore, fino al loro arrivo in Messico. Stremati raggiungono la riva e, come un pizzicotto ci sveglia da un sogno, così la conferma che il mondo reale sia ancora lì spezza qualcosa nel loro magico legame, almeno per Richard Parker, che se ne va immergendosi nella foresta senza nemmeno voltarsi.

Trascinato in ospedale piangente e in gravi condizioni, Pi riceve la visita di due agenti della compagnia di assicurazioni della nave che sperano di scoprire attraverso di lui quali siano le cause che hanno portato all’inabissamento della Tsimtsum. Pi racconta la sua fantastica storia, ma non basta. Non gli credono, nemmeno per un istante. Gliene chiedono un’altra, una che non contempli tigri o isole formate da alghe assassine. Il giovane indiano narra quindi per loro un’altra storia, intrisa di crudeltà e barbarie, di sofferenza e sangue, di omicidi e atti violenti che hanno portato niente altro che ulteriore dolore.

Al termine del secondo racconto gli uomini decidono di arrendersi. Hanno capito che le cause di quel disastro rimarranno sconosciute e si sentono sconfortati e a disagio, vorrebbero solo trovarsi lontano da lì. Prima che escano per sempre dalla sua vita, Pi chiede loro quale delle due storie preferiscano, tenendo conto che nessuna delle due svela quello che erano venuti a sapere. La risposta è univoca, la prima. «Vi ringrazio» gli dice allora Pi «è così anche per Dio».

Una frase che permette a noi lettori di sperare per il meglio, che rinvigorisce la convinzione che sia la prima storia quella vera, anche se il dubbio, tremendo, non se ne va: ci sono piccole assonanze tra le due vicende narrate, richiami e parallelismi sussurrati, che gettano un’ombra gelida sulla copertina del libro che giace di fronte a noi.

 

Per informazioni sulla trasposizione cinematografica, visitate www.i-filmsonline.com o cliccate qui.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Yann

Martel

Libri dallo stesso autore

Intervista a Martel Yann

Cresciuto nello studio legale del padre nella cittadina di York, in Pennsylvania, Kyle McAvoy è un giovane con un roseo futuro davanti. Intelligente e di bell'aspetto, è anche direttore dello "Yale Law Journal", la rivista della scuola di legge. Ma nel suo passato c'è un segreto che lui avrebbe voluto dimenticare, e quando alcuni loschi personaggi lo avvicinano annunciandogli di avere le prove del suo coinvolgimento in uno stupro di gruppo negli anni del college, Kyle avverte la sgradevole sensazione di non essere più l'unico padrone del suo destino. Gli uomini che lo hanno contattato affermano di essere agenti dell'FBI e danno prova di conoscere molte cose che riguardano la sua vita. A poco a poco, però, il colloquio assume contorni ambigui, soprattutto quando entra in scena il sedicente detective Bennie Wright, che, minacciandolo di rendere pubblico un video compromettente, lo costringe a piegarsi alla sua volontà. Ben presto i giochi saranno a carte scoperte. I ricattatori, in realtà, agiscono per conto di un misterioso committente interessato a una causa che vede due prestigiose società darsi battaglia per il possesso dei progetti di un avveniristico bombardiere commissionato dal Pentagono. Kyle, semplicemente, dovrà fare ciò che sogna ogni giovane avvocato: accettare l'offerta di lavorare a New York nel più prestigioso studio legale del mondo, che gli ha offerto un impiego strapagato. Questo gli consentirà di passare ai suoi ricattatori preziose informazioni riguardo al contenzioso in atto. Trovandosi costretto a commettere un crimine per nasconderne un altro, Kyle si rende conto che la sua carriera e la sua libertà sono in pericolo. Ribellarsi al diabolico meccanismo che rischia di stritolarlo significherà ridare un senso al suo codice etico e mettersi una volta per tutte alla ricerca della verità, anche su se stesso.

IL RICATTO

Grisham John

All'alba del XIII secolo, Guglielmo, un cavaliere normanno percorre a cavallo la lunga strada che dall'Alsazia lo porterà in Sicilia. Raggiunta Palermo, inizierà una vita intensa e avventurosa, dando origine alla famiglia Falconari. Il suo destino s'intreccerà con quello dell'imperatore Federico II, lo "stupor mundi", che lo nominerà custode di uno straordinario segreto, direttamente collegato alla vita e alle opere di Gesù Cristo. Due secoli dopo, un suo pronipote, il barone Orazio Falconari, detto The Fool, fonda una confraternita segreta con l'ambizioso obiettivo di perseguire uno scopo impossibile: sradicare l'insensatezza dal genere umano. Oggi, il barone Vincenzo Falconari, ultimo discendente della famiglia, decide di realizzare l'ennesimo gesto folle della sua vita. Solo in pochi sanno che il barone ha destinato la sua esistenza a combattere una spietata organizzazione, che opera azioni criminali in nome della Fede religiosa. È davvero la Fede un pericolo e un danno per l'uomo, e può la Scienza essere la fiaccola che illumina il sentiero verso la verità?

Il sentiero dei folli

Rosaci Domenico

Il romanzo, che valse a Pasolini un processo per pornografia e il ruolo di provocatore della società perbenista, racconta la giornata di un gruppo di giovanissimi sottoproletari romani. Mossi da esigenze primordiali (la fame, la paura, la ricerca di solidarietà), i "ragazzi di vita" sciamano dalle borgate della Roma anni Cinquanta verso il centro, in un itinerario picaresco fatto di molteplici incontri, di eventi comici, tragici, grotteschi. I giovani alternano una violenza gratuita a una generosità patetica, compiendo una sorta di rito iniziatico in una Roma contradditoria. Il romanzo viene ripubblicato in occasione dei trent'anni dalla morte di Pier Paolo Pasolini.

Ragazzi di vita

Pasolini Pier Paolo

I proventi di questo ebook andranno totalmente all’Associazione onlus Franca Cassola Pasquali, una bella realtà che opera sul nostro territorio soprattutto a sostegno della Senologia di Tortona. Otto racconti che hanno per protagoniste altrettante donne. Persone comuni, come lo sono di solito i personaggi delle mie storie, che vivono delle situazioni particolari e che si ritrovano a dover compiere delle scelte, capaci, nel bene e nel male, di condizionare la loro vita. Sono donne ben diverse l’una dall’altra, sia per età che per estrazione sociale, sia per le problematiche del loro vivere che per il modo in cui ognuna le affronta, ma in egual modo ricche di sentimenti e di quella sensibilità speciale che caratterizza l’animo femminile. E’ diversa anche l’atmosfera che si respira nei vari racconti, in alcuni triste se non addirittura tragica, in altri più lieve e persino venata di ironia e di umorismo. E anche lo stile si adatta al contenuto. Ho raccolto i racconti accostandoli a due a due, puntando su un aspetto, che, in qualche modo, accomuna le protagoniste. Filomena e Altea. Essere prigioniere del marito e della casa può risultare orrendo, oppure qualcosa a cui non si vuole rinunciare. Tutto dipende dalla situazione personale. Pinuccia e Teresa. La condizione di suocera non è facile, specie se col marito della propria figlia esiste un feeling decisamente scarso. Anna e Carmela. Un figlio può costituire un problema se se lo si desidera intensamente e ci viene negato, ma anche se una gravidanza inaspettata arriva ad aggiungere difficoltà a una situazione familiare già non facile. Silvana e Angela. Entrambe le protagoniste si rivolgono a una persona cara, la madre e la figlia, e traggono dal loro ottimismo, dalla loro positività, coraggio e speranza.

8 marzo – Storie di donne

Sanna Silvana