Narrativa

VITA PRIVATA DI UNA SCONOSCIUTA

Shapiro Elena Mauli

Descrizione: Per anni ha custodito frammenti di una vita lontana e ora aspetta solo di essere scoperta. Trevor Stratton, professore americano, la trova per puro caso. Al suo interno lettere, vecchie foto, pagine di diari, vari oggetti, tra cui spiccano un paio di guanti a rete. I guanti di una santa o di una peccatrice? Trevor non lo sa. Per ora sa solo che la donna che li indossava si chiamava Louise Brunet e viveva a Parigi tra le due guerre. La risposta alle altre domande è in quei frammenti, tra i loro profumi e segreti, tra le parole nascoste e quei ritratti seppia. Pezzo dopo pezzo, parola dopo parola, Trevor cerca di ricostruire la vita della donna sconosciuta. Dall'amore tenero e tragico per il cugino, al rapporto morboso con il padre, al matrimonio fatto di noia per un uomo non scelto da lei fino alla passione impossibile per l'affascinante professore di francese, vicino della casa dove abita al numero 13 di Rue Thérèse. Ma più Trevor si immerge negli oggetti del passato e ripercorre i luoghi di Louise, più qualcosa di strano e misterioso inizia ad accadere nella vita del presente. Chi è veramente Josienne, la bibliotecaria dai capelli rossi, che sembra prevedere qualunque movimento di Stratton? Perchè il professore si sente così attratto da lei? Che cosa sa veramente quella donna di Louise Brunet? Solo la scatola possiede la verità. Solo gli oggetti custodiscono una promessa e una speranza. E spetta a Trevor discernere tra realtà e finzione per far sì che il destino segua il suo corso.

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Narratori Moderni

Anno: 2011

ISBN: 9788811686637

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Un romanzo molto particolare: la Shapiro costruisce la storia della sua Louise Brunet attraverso oggetti e fotografie. In pratica il libro è disseminato di immagini che non costituiscono una semplice illustrazione, ma sono la documentazione da cui il racconto stesso scaturisce.

A rendere il tutto ancora più suggestivo, poi, è il fatto che una Louise Brunet sia veramente esistita. Si trattava di un’anziana signora che viveva qualche piano sopra l’appartamento dell’autrice, nella Parigi dei primi anni Ottanta. Alla sua morte venne fortunosamente recuperata una scatola contenente lettere, guanti, biglietti da visita e altri ricordi che è diventata fonte di ispirazione per la stesura di un testo poetico e complesso.

Louise è una donna orgogliosa, intrigante, sensuale e contraddittoria.

Le viene da ridere, ma allo stesso tempo vorrebbe raggomitolarsi, avvolta nella tristezza. Il fuoco di questa eccitazione, questa costante sensazione del sé animale ingabbiato e incapace di fuggire… Credeva che sarebbe svanita alla fine della guerra, quando la prima fiamma della sua gioventù si fosse smorzata. E invece non è stato così. Non è ancora un’adulta e ciò la turba. Era abituata a pensare che la nascita dei figli le avrebbe portato pace ed equilibrio, ma ora non ne è più tanto sicura. Sospetta che l’età adulta sia una chimera“.

Dopo il tragico epilogo della storia d’amore col cugino Camille, Louise prova a tenere a bada la propria indole ribelle e passionale per dedicarsi interamente a un marito solido e fedele e costruire una famiglia numerosa e felice, ma le cose non vanno esattamente così. Lentamente allora Louise sembra spegnersi e perdere entusiasmo ed energie, finché non arriva Xavier Langlais…

Cartoline e messaggi ingialliti ci aiutano ad entrare nel mondo intimo di Louise, ci consentono di vederlo e di toccarlo: il padre, la guerra, le sue frustrazioni di donna… tutto sembra molto reale. Ci tengo a precisare, però, che il merito non è delle immagini che di tanto in tanto compaiono sulle pagine: queste, a mio parere, costituiscono una trovata ben riuscita e originale, ma non fanno passare in second’ordine una narrazione che di per sé sarebbe già sufficientemente evocativa, e che trova in esse solo un arricchimento.

“Vita privata di una sconosciuta” è un’opera difficile da classificare, perché fonde l’eros e il mistero, la descrizione fluida alla schematizzazione tipica dello studioso.

Dello studioso, sì. Perché nel libro a trovare la scatola di Louise è un professore americano di nome Trevor Stratton, che passo passo ci fa seguire le sue ricerche e la sua ricostruzione dei fatti. Il passato si intreccia col presente, quindi, e anche la realtà a un certo punto viene contaminata dalla finzione, dalla fantasia, dall’allucinazione…

Alla fine il cerchio si chiude, ma forse permane un senso di spaesamento, di confusione, che potrebbe non piacere. Bellissime, invece, le scene di erotismo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Mauli

Elena

Shapiro

Libri dallo stesso autore

Intervista a Shapiro Elena Mauli

E’ notte e il silenzio avvolge la baia di Salem. Zee Finch è ferma sul molo e fissa il mare. Il tempo sembra essersi fermato. Le stelle brillano nel cielo senza una e si riflettono sulle acque dell’oceano disegnando un sentiero luminoso. Una volta Zee conosceva bene quel sentiero. Aveva tredici anni e passava le notti in mare aperto a guidare barche rubate, ma trovava sempre la strada grazie alle stelle. Eppure, un giorno, aveva perso quella rotta, e aveva giurato a se stessa di non percorrerla più. Perché quel giorno sua madre sia era suicidata, all’improvviso. Zee era fuggita da tutto e da tutti, dedicandosi agli studi in psicologia. Sono passati quindici anni da allora. Ma adesso è venuto il momento di ripercorrere quella rotta perduta. Il suicidio di Lily Braedon, una delle pazienti più difficili di Zee, che ora fa la psicoterapeuta, la costringe a fare ritorno. Le analogie fra il caso della donna e quello della madre sono troppe. Zee è sconvolta, ma non ha altra scelta: l’unico modo per fare luce sulla morte di Lily è capire la verità sul suo passato irrisolto. Un passato pieno di menzogne e segreti che molti, nella chiusa comunità di Salem, hanno cercato di rimuovere. Zee non può fidarsi di nessuno. Forse nemmeno di suo padre, ormai un uomo vecchio e malato. Non le resta che fare affidamento su se stessa, imparare a non dare nulla per scontato, rimettere tutto in discussione, anche quando la fuga sembra l’unica via d’uscita. Ma deve fare in fretta. Perché una nuova spirale di violenza rischia di rendere ogni sforzo vano. La verità corre su un’unica strada, che Zee ha dimenticato per troppo tempo, ma che se troverà il coraggiosi ripercorrere, la porterà a casa. Qui potrà finalmente realizzarsi il destino che l’aspetta.

LA RAGAZZA CHE RUBAVA LE STELLE

Barry Brunonia

«Accanto all'affabilità e alla pastosità porosa del mondo com'è, si accentua in questa nuova raccolta di Maurizio Cucchi un predicato di frugalità: abito mentale dell'io, ma soprattutto medium per umanizzare la realtà. "Sindrome del distacco e tregua" si suddivide in otto parti, prive di trama lineare, ove conta "l'insistere virtuale sulla scena, / la rapsodia sparsa e sempre minuziosa / delle circostanze". Emblema di poetica implicita, tale sigla rimanda a una compattezza intonativa e di sguardo che si avvale - più che in passato - di modalità davvero sperimentali di scrittura e d'espressione: alla polifonia e drammaturgia metrico-prosodiche di cui Cucchi è maestro si aggiungono qui stacchi in prosa tutti funzionali, oltre a due fotografie pienamente empatiche a un libro magnifico, struggente, necessario. Cronotopo è l'atlante (fisico e interiore), che permette di trascorrere dall'ucraina Pryp'jat' (a tre km da Cernobyl') a una Nizza amata e frequentata e alla natìa Milano, messa in emblema dalla centralità del Cenacolo di Leonardo fino ai margini delle sue banlieue, ripercorse attraverso la memoria viva di un libro in prosa per Cucchi fondamentale come "La traversata di Milano" (2007): omaggio ai mèntori della sua formazione, Sereni e Raboni. Il tempo di "Sindrome del distacco e tregua" è invece quello vertiginoso che salda insieme le epoche, dalla preistoria al Quattro e Seicento, fino ai brucianti fotogrammi del presente. Così può librarsi, questo Cucchi ispiratissimo, nella meraviglia aperta di una frugale quotidianità anonima». (Alberto Bertoni)

Sindrome del distacco e tregua

Cucchi Maurizio

Leggere questo libro significa fare un viaggio. Prendere per mano, o meglio farsi prendere per mano da Bruno, un bambino di nove anni, e cominciare a camminare. Presto o tardi si arriverà davanti a un recinto. Uno di quei recinti che esistono in tutto il mondo, uno di quelli che ci si augura di non dover mai varcare. Siamo nel 1942 e il padre di Bruno è il comandante di un campo di sterminio. Non sarà dunque difficile comprendere che cosa sia questo recinto di rete metallica, oltre il quale si vede una costruzione in mattoni rossi sormontata da un altissimo camino. Ma sarà amaro e doloroso, com'è doloroso e necessario accompagnare Bruno fino a quel recinto, fino alla sua amicizia con Shmuel, un bambino polacco che sta dall'altro lato della rete, nel recinto, prigioniero. John Boyne ci consegna una storia che dimostra meglio di qualsiasi spiegazione teorica come in una guerra tutti sono vittime, e tra loro quelli a cui viene sempre negata la parola sono proprio i bambini. Età di lettura: da 12 anni.

Il bambino con il pigiama a righe

Boyne John

Il contadino astrologo di Italo Calvino