Saggi

Viva il re!

Travaglio Marco

Descrizione: Qualcuno lo aveva previsto, qualcun altro lo invocava, altri lo temevano. Non era mai successo. Marco Travaglio racconta i retroscena dell'elezione del presidente della Repubblica più difficile e drammatica della storia italiana. Cosa sta succedendo? Siamo alla fine della Repubblica dei partiti, siamo alla vigilia di un sommovimento istituzionale? La democrazia rappresentativa è arrivata al punto della sua massima crisi e non si sa cosa possa esserci oltre. Travaglio mette in fila gli eventi a modo suo, lucido e implacabile. Ma per capire come si è giunti fin qui è necessario anche ricomporre la storia del passato. E così, insieme alla ricostruzione dell'oggi, l'autore ci propone una carrellata delle passate elezioni, una galleria dei personaggi e degli eventi che hanno segnato la nostra storia repubblicana, da Enrico De Nicola, il primo presidente, a re Giorgio Napolitano. Sarà questa l'ultima elezione del presidente della Repubblica, così come finora l'abbiamo conosciuta?

Categoria: Saggi

Editore: Chiare Lettere

Collana: Reverse

Anno: 2013

ISBN: 9788861904842

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Marco Travaglio e il suo giornalismo d’inchiesta tornano a colpire. Il bersaglio è un personaggio eccellente, un rappresentante dello Stato che, per il ruolo che ricopre, dovrebbe operare al di sopra di ogni sospetto. I fatti, però, e la cronaca di questi anni, per quanto quest’ultima accomodante e fuorviante, ci forniscono un’immagine non proprio irreprensibile del capo dello Stato.

Il paladino della Costituzione e del buon andamento della democrazia si trasforma così – per le decisioni prese e per la deriva antidemocratica delle proprie azioni a partire proprio dalla ricandidatura – in un soggetto certamente discutibile.

Giorgio Napolitano e i suoi sette anni – più il bis, ma non solo – sono al centro dell’analisi spietata ma lucida del vicedirettore del Fatto Quotidiano. Nulla a che vedere con una biografia, ma – come la definisce lo stesso Travaglio – la “controstoria” in cui si racconta “il suo lato B, finora – salvo rare eccezioni – ignorato o relegato nel dimenticatoio, alla voce lesa maestà.”

Certo il nostro è un Paese che ben si presta all’approssimazione e al raggiro, fosse anche delle leggi e, in assenza di una politica seria e di politici validi, le garanzie di controllo sulla buona amministrazione dello Stato vanno a farsi benedire.

Così, quando una legislazione di emergenza, come quella dei decreti legge ad hoc, finisce per colmare le lacune e le mancanze delle istituzioni e dei suoi rappresentanti, il Presidente della Repubblica dovrebbe intervenire o per lo meno evitare di avallare un certo modo di governare il Paese.

Viva il re!” è una ricostruzione degli accadimenti politici, giudiziari e istituzionali che hanno fatto la storia di questi ultimi anni, con un’attenzione particolare – ma mai ossessiva – all’operato dell’uomo che ricopre, ancora oggi, la prima carica dello Stato. L’inchiesta di Travaglio può piacere o non piacere. Certo è che impone una riflessione doverosa anche al lettore più scettico, fornendo gli strumenti (i fatti appunto) per formulare un giudizio del tutto libero, ma soprattutto rigoroso su ciò che è accaduto e che tuttora accade nel nostro Paese.

Il 13 giugno 2012 la Procura di Palermo conclude la sua indagine sulla trattativa fra Stato e mafia e deposita 120 faldoni di atti a disposizione degli avvocati dei dodici indagati. Sei per la mafia […]. E sei per lo Stato […]. Lo stesso giorno il Corriere della Sera e la Repubblica anticipano la sorpresa più clamorosa – almeno dal punto di vista politico – dell’inchiesta appena chiusa: intercettando i telefoni di Mancino, gli inquirenti si sono imbattuti in una serie di sue conversazioni con il consigliere giuridico del Quirinale, il magistrato Loris D’Ambrosio, per discutere su come allontanare le indagini sui politici da Palermo. […]. Inizia, così, il lungo Romanzo Quirinale: un film giallo-noir che è bene riepilogare, fotogramma per fotogramma, partendo dal principio.

Da leggere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marco

Travaglio

Libri dallo stesso autore

Intervista a Travaglio Marco

Il metodo Feuerstein è una strategia per lo sviluppo delle strutture cognitive apprezzata e ampiamente utilizzata a livello internazionale. In questo libro il celebre psicologo presenta, nella prima traduzione italiana, i fondamenti teorici e le applicazioni pratiche di questo metodo. Il programma ha due obiettivi fondamentali: arricchire il repertorio dell'individuo di strategie cognitive che portano a un apprendimento e a un problem solving più efficace, e sviluppare strategie in individui con ritardo mentale. Può così essere usato sia come programma di recupero per individui con bisogni speciali, sia come programma di arricchimento per individui con prestazioni normali. Il metodo Feuerstein può essere applicato in tutte le situazioni in cui è necessario favorire un incremento delle prestazioni individuali e accrescere la flessibilità di risposta rispetto al cambiamento.

Il programma di arricchimento strumentale di Feuerstein

Feuerstein Reuven, Raphael Feuerstein, Falik Louis, Rand Yaacov

Da ventisette anni il sacerdote Niccolò Moretti varca le porte della Basilica di San Pietro, si genuflette di fronte alla Confessione e sale sull'impalcatura che avvolge il baldacchino del Bernini. Sta per iniziare il restauro in vista della Quaresima quando nota qualcosa disteso a terra e, mentre scende a vedere, si accorge che non è un uccello con un'ala rotta o una sciarpa dimenticata da qualche turista, come aveva pensato. È il cadavere di una donna. Pochi minuti dopo il Vaticano ha già contattato una persona fidata capace di sbrogliare quel mistero rapidamente e senza destare scalpore: Gabriel Allon, restauratore e imprendibile spia del nucleo più segreto dei servizi israeliani. Scampato per miracolo all'ultima missione, Allon si trova già a Roma per presenziare ai lavori di restauro della Deposizione di Cristo di Caravaggio e non ci mette molto ad accorrere nel luogo dell'incidente. Secondo gli inquirenti, la vittima, Claudia Andreatti, si sarebbe suicidata buttandosi di sotto dall'impalcatura del baldacchino, ma a Gabriel i conti non tornano: perché una studiosa giovane e affermata che ogni giorno lui incontrava sorridente avrebbe dovuto togliersi la vita? E, inoltre, perché l'avrebbe fatto nell'unico momento in cui le telecamere di sicurezza erano spente? Seguendo il misterioso invito di monsignor Luigi Donati, l'enigmatico segretario privato di papa Paolo VII, la spia israeliana accetta di non collaborare con la polizia ma inizia un'indagine solitaria.

L’angelo caduto

Silva Daniel

"Nel mondo come era quando avevo otto anni tutti morivano, chi prima e chi dopo. Adesso nessuno è sicuro neanche di questo". Un medico si confronta con strani fenomeni mentre sua moglie sogna una voce. Un uomo anziano racconta il mondo com'era, ma soprattutto come è diventato: la stasi, l'immobilità, un evento che ha bloccato e sospeso ogni cosa, anche la separazione tra vita e morte. Per strada si aggirano persone in cerca di carne. Non sono aggressivi, pericolosi, vanno avanti per inerzia e si mettono in fila per il cibo. Ognuno ha un parente passato dall'altra parte. Nessuno sa se sono contagiosi. Nel dubbio, bisogna evitare di toccarli. E mentre i sani si organizzano, l'uomo ricorda, la storia si ripiega su se stessa, alla ricerca dell'inizio o verso nuove direzioni da seguire. Un romanzo narrativamente perfetto, enigmatico, affascinante. «"La carne" ha emozionato, commosso e meravigliato, con la sua enorme bellezza, un essere umano; e questo è, in fondo, tutto quello che voglio dire» (Paolo Zardi)

La carne

Chiapparino Cristò

Romanzo tra i più intensi e riusciti della grande scrittrice inglese, "Mrs Dalloway" inaugura un originale modo di narrare e costituisce la prima opera in cui Virginia Woolf attinge alla propria esperienza femminile. Vi si racconta la giornata di Clarissa Dalloway, cinquantenne, esponente dell'alta borghesia londinese, impegnata a organizzare per la serata un sontuoso ricevimento nella propria casa. La protagonista esce per comprare dei fiori e nel suo itinerario scopre o intravede le esistenze di tanti sconosciuti, tra i quali lo sfortunato Septimus Warren Smith. La serata si svolge con pieno successo, anche se nel corso del ricevimento si apprende del suicidio di Septimus. L'incrociarsi di destini paralleli, ritmato dai rintocchi del Big Ben, conferisce alla narrazione un andamento musicale; nota dopo nota, frase dopo frase, il contrappunto drammatico dalla storia di Septimus spinge Mrs Dalloway, proprio grazie alla consapevolezza della fugacità e dell'"incompletezza" della nostra esistenza, a trasformare la certezza della fine in esaltazione della vita.

Mrs. Dalloway

Woolf Virginia