Saggi

Viva il re!

Travaglio Marco

Descrizione: Qualcuno lo aveva previsto, qualcun altro lo invocava, altri lo temevano. Non era mai successo. Marco Travaglio racconta i retroscena dell'elezione del presidente della Repubblica più difficile e drammatica della storia italiana. Cosa sta succedendo? Siamo alla fine della Repubblica dei partiti, siamo alla vigilia di un sommovimento istituzionale? La democrazia rappresentativa è arrivata al punto della sua massima crisi e non si sa cosa possa esserci oltre. Travaglio mette in fila gli eventi a modo suo, lucido e implacabile. Ma per capire come si è giunti fin qui è necessario anche ricomporre la storia del passato. E così, insieme alla ricostruzione dell'oggi, l'autore ci propone una carrellata delle passate elezioni, una galleria dei personaggi e degli eventi che hanno segnato la nostra storia repubblicana, da Enrico De Nicola, il primo presidente, a re Giorgio Napolitano. Sarà questa l'ultima elezione del presidente della Repubblica, così come finora l'abbiamo conosciuta?

Categoria: Saggi

Editore: Chiare Lettere

Collana: Reverse

Anno: 2013

ISBN: 9788861904842

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Marco Travaglio e il suo giornalismo d’inchiesta tornano a colpire. Il bersaglio è un personaggio eccellente, un rappresentante dello Stato che, per il ruolo che ricopre, dovrebbe operare al di sopra di ogni sospetto. I fatti, però, e la cronaca di questi anni, per quanto quest’ultima accomodante e fuorviante, ci forniscono un’immagine non proprio irreprensibile del capo dello Stato.

Il paladino della Costituzione e del buon andamento della democrazia si trasforma così – per le decisioni prese e per la deriva antidemocratica delle proprie azioni a partire proprio dalla ricandidatura – in un soggetto certamente discutibile.

Giorgio Napolitano e i suoi sette anni – più il bis, ma non solo – sono al centro dell’analisi spietata ma lucida del vicedirettore del Fatto Quotidiano. Nulla a che vedere con una biografia, ma – come la definisce lo stesso Travaglio – la “controstoria” in cui si racconta “il suo lato B, finora – salvo rare eccezioni – ignorato o relegato nel dimenticatoio, alla voce lesa maestà.”

Certo il nostro è un Paese che ben si presta all’approssimazione e al raggiro, fosse anche delle leggi e, in assenza di una politica seria e di politici validi, le garanzie di controllo sulla buona amministrazione dello Stato vanno a farsi benedire.

Così, quando una legislazione di emergenza, come quella dei decreti legge ad hoc, finisce per colmare le lacune e le mancanze delle istituzioni e dei suoi rappresentanti, il Presidente della Repubblica dovrebbe intervenire o per lo meno evitare di avallare un certo modo di governare il Paese.

Viva il re!” è una ricostruzione degli accadimenti politici, giudiziari e istituzionali che hanno fatto la storia di questi ultimi anni, con un’attenzione particolare – ma mai ossessiva – all’operato dell’uomo che ricopre, ancora oggi, la prima carica dello Stato. L’inchiesta di Travaglio può piacere o non piacere. Certo è che impone una riflessione doverosa anche al lettore più scettico, fornendo gli strumenti (i fatti appunto) per formulare un giudizio del tutto libero, ma soprattutto rigoroso su ciò che è accaduto e che tuttora accade nel nostro Paese.

Il 13 giugno 2012 la Procura di Palermo conclude la sua indagine sulla trattativa fra Stato e mafia e deposita 120 faldoni di atti a disposizione degli avvocati dei dodici indagati. Sei per la mafia […]. E sei per lo Stato […]. Lo stesso giorno il Corriere della Sera e la Repubblica anticipano la sorpresa più clamorosa – almeno dal punto di vista politico – dell’inchiesta appena chiusa: intercettando i telefoni di Mancino, gli inquirenti si sono imbattuti in una serie di sue conversazioni con il consigliere giuridico del Quirinale, il magistrato Loris D’Ambrosio, per discutere su come allontanare le indagini sui politici da Palermo. […]. Inizia, così, il lungo Romanzo Quirinale: un film giallo-noir che è bene riepilogare, fotogramma per fotogramma, partendo dal principio.

Da leggere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marco

Travaglio

Libri dallo stesso autore

Intervista a Travaglio Marco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Quattro liceali amiche per la pelle. Ognuna tiene un diario, e le pagine dei loro diari sono la forma narrativa scelta da Schmitt per raccontarci gli eccessi a cui può far giungere l’amore. Le protagoniste hanno diciassette anni, sono compagne di scuola, e vivono quel difficile periodo in cui da ragazza si diventa donna, pensano con ansia e frenesia all’amore fisico, al sesso, si chiedono come sarà la “prima volta” con il desiderio impaurito di farlo il prima possibile. Quello che raccontano alle amiche non è quello che raccontano a se stesse. I fatti avvengono, hanno un loro svolgimento oggettivo, ma la visione che ognuna ha degli stessi fatti è ben diversa, come vediamo dalle pagine dei loro diari. Il grande evento dell’anno scolastico è la recita del Romeo e Giulietta a cui tutte e quattro collaborano, due di loro addirittura come ruoli principali, nella parte di Giulietta e di Romeo. Si allestisce lo spettacolo, si fanno le prove, ma con il passare dei giorni le storie private delle quattro ragazze si intrecciano sempre più con le vicende del dramma di Shakespeare, fino ad arrivare a un sorprendente finale in comune che squarcerà il velo sulle tante illusioni che tutti ci facciamo sull’argomento “amore”.

Veleno d’amore

Eric-Emmanuel Schmitt

Il creatore di ‘Barbatoze’ parla dello stato attuale delle Graphic Novel in Egitto e i possibili sviluppi futuri

"È la storia di un uomo e di sua moglie, di come diventano genitori di un bellissimo bambino": questa - per usare le parole di Fante in una lettera alla madre - l'idea portante di "Full of life". Ma, come in tutti i romanzi del grande narratore americano, è molto difficile riassumere le invenzioni, l'ironia, le meraviglie della sua scrittura: si può solo goderne il divertimento e la forza che la ispirano. Pubblicato nel 1952 e qualche anno dopo adattato per il cinema (con tanto di nomination all'Oscar per la migliore sceneggiatura), è il libro più comico e autobiografico scritto da John Fante, il suo ultimo romanzo prima del lungo silenzio durato oltre venticinque anni. E dunque ecco John e sua moglie Joyce alle prese con l'arrivo del loro primo figlio, l'improvviso attacco di una schiera di voraci termiti alla loro casa di Los Angeles, il soccorso di papà Nick, il "più grande muratore della California", e ancora una serie interminabile di piccole disavventure e litigate, tra lacrime, sorrisi, crisi mistiche e formidabili bevute di vino.

Full of life

Fante John

Artur Paz Semedo, impiegato di una storica fabbrica d'armi, le Produzioni Bellona s.a., e intenditore di film bellici, viene profondamente colpito da alcune commoventi immagini de "L'espoir", di André Malraux, cui assiste casualmente. La successiva lettura del libro, che pare già provocare un'impercettibile incrinatura nelle sue certezze di amante appassionato delle armi da fuoco e, poco dopo, il suggerimento della ex moglie Felícia, una pacifista convinta, di investigare negli archivi dell'azienda per scoprire se le Produzioni Bellona s.a. abbiano mai venduto armamenti ai fascisti lo avviano verso un'avventura...

Alabarde, alabarde

Saramago José