Giallo - thriller - noir

Il vizio di Caino

Pastori Ferdinando

Descrizione: Flavio, dopo un mese in giro per l'Europa, è arrivato a Parigi. Non sta fuggendo da nessuno, ma non ha mai smesso di provare a levarsi di dosso il peso di una famiglia ingombrante. Il padre è un avvocato di fama, suo fratello Filiberto ne segue le orme. Lui invece vuole fare il fotografo. E potrebbe aspirare a essere felice, se non venisse richiamato all'improvviso a Milano. Filiberto è scomparso. Bisogna ritrovarlo. Inizia così la discesa in un abisso dove Flavio non riesce a distinguere chi sta dalla sua parte e chi è contro di lui, mentre serpeggia l'inquietudine più grande: di essere passato dalla parte del male. Perché sullo sfondo della Milano delle escort e dei club privé, delle perversioni sessuali e della violenza più scabrosa, tornano a galla indicibili segreti. Il libro racconta una regola ineludibile: il male è contagioso.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Novecento

Collana: Calibro 9

Anno: 2014

ISBN: 9788895411811

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Il vizio di Caino” ha uno sbocco univoco: il fratricidio. “Il vizio di Caino” sfocia in un delitto compiuto per invidia e gelosia. E al biblico precedente s’ispira Ferdinando Pastori per intessere un noir dalle tinte forti a partire dal complesso d’inferiorità che un figlio nutre nei confronti del fratello prediletto.

Il duo Caino-Abele, nel romanzo di Pastori, è rappresentato da Flavio e Filiberto (“Ci siamo divisi i ruoli. Lui il figlio adorato, io quello dannato”), i figli di un avvocato milanese (“L’avvocato che difende i ricchi e i potenti. Squalo fra gli squali”), di grido e spregiudicato (“Suo padre… è un personaggio importante, un uomo in vista e influente. Con il suo lavoro e gli interessi in politica si è fatto parecchi nemici”).
Filiberto ne ha seguito la strada (“Abele, il figlio buono, non manca mai all’appello e dubito che sia stato invitato”) e incarna le ambizioni del padre (“Orgoglio di mamma e papà”).
Flavio, invece, si è ribellato a un destino professionale già tracciato (“Perché non hai fatto anche tu l’avvocato?” “Non mi piace abbastanza la gente da essere disposto a mentire per difenderla”) e si è dedicato ai propri interessi (“Dedicarmi al progetto chiese sconsacrate”), in posizione critica rispetto alla famiglia e alle sue smanie di prestigio.
Quando Filiberto scompare in modo misterioso (“Tuo fratello è scomparso. Da quattro giorni”), tuttavia, Flavio-Caino – richiamato a Milano dal padre (“Perché hai aspettato tre giorni prima di avvisarmi? Cos’è capitato a Filiberto?”) – s’incarica di un’indagine personale, che lo porta a collaborare con Micol Burando, un’affascinante donna-ispettore, dimostrando il proprio desiderio di guarire dal “vizio di Caino”.
Nel frattempo le carte della vita vengono sparigliate da un’inaspettata rivelazione: alcuni filmati hard e foto osé immortalano Filiberto, il figlio-modello, in situazioni inequivocabilmente piccanti e compromettenti.
“So quanto tu vada fiero del tuo ruolo. Recitare la parte della pecora nera della famiglia ti ha sempre rallegrato. Come ti senti adesso che primato e divertimento sono messi in discussione?”

Cosa si cela dietro alla sparizione di Filiberto?
Una ritorsione verso il padre?
Una relazione pericolosa nel mondo sotterraneo dei club che coltivano interessi particolari?
Un collegamento con altri casi di scomparsa?
Flavio e Micol lo scopriranno a loro spese, penetrando di tappa (“L’Euphoria. Ed è lì che andremo questa sera. Eleganti e sorridenti”) in tappa (“C’è in programma un masquerade swinger party organizzato da Aperta-Mente, una community molto attiva sul web”) i reconditi segreti dell’erotismo alternativo (“Protagonista della movida milanese, conosce la notte e il suo lato più trasgressivo e lussurioso”) e mettendo a repentaglio incolumità e virtù…

La narrazione scorre rapida grazie a uno stile che calza specie (“Si muove a scatti come la coda tagliata di una lucertola”) e genere (“Il cielo, costretto fra le teste di medusa degli alberi e il profilo lucido dei palazzi, è un’ipotesi”): nell’ironia, a volte caustica, a volte beffarda; nelle implicite riflessioni sui rapporti familiari; tra rimandi a fiabe e favole (“Prendo una mela dal frigorifero. Per la gioia del serpente e la disperazione di Biancaneve”) utilizzate come sinistri strumenti (“Peter Pan voleva riappropriarsi della propria ombra, io vorrei disfarmi della mia. Tenacemente aggrappata agli ultimi avanzi di luce”); con il refrain di paradossi geografico-legali (“In Australia la legge vieta ai bambini l’acquisto di sigarette, ma non impedisce loro di consumarle”).

Poi – dicevo – nelle ultime pagine la vicenda imbocca una rotta pericolosa, atroce, crudelmente esplicita…
Soprattutto per questo, il romanzo è indicato a chi non ama le mezze misure o i toni pastello, a chi apprezza la contrapposizione cromatica tra il nero della perversione in cui precipita a volte l’animo umano e il rosso…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 2 commenti )

La memoria - New i-LIBRI

[…] Segue una poesia di Ferdinando Pastori. Di lui ci siamo già occupati commentando il noir “Il vizio di Caino”: […]

Intervista a Ferdinando Pastori – i-LIBRI

[…] bastardo” è uscito “Il vizio di Caino” (ndr: potete leggere qui la nostra recensione: http://www.i-libri.com/libri/vizio-caino/) una storia auto conclusiva con un nuovo protagonista e in mezzo  racconti e romanzi brevi, alcuni […]

La memoria – i-LIBRI

[…] Segue una poesia di Ferdinando Pastori. Di lui ci siamo già occupati commentando il noir “Il vizio di Caino”: […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ferdinando

Pastori

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pastori Ferdinando

Limonov non è un personaggio inventato. Esiste davvero: «è stato teppista in Ucraina, idolo dell'underground sovietico, barbone e poi domestico di un miliardario a Manhattan, scrittore alla moda a Parigi, soldato sperduto nei Balcani; e adesso, nell'immenso bordello del dopo comunismo, vecchio capo carismatico di un partito di giovani desperados. Lui si vede come un eroe, ma lo si può considerare anche una carogna: io sospendo il giudizio» si legge nelle prime pagine di questo libro. E se Carrère ha deciso di scriverlo è perché ha pensato «che la sua vita romanzesca e spericolata raccontasse qualcosa, non solamente di lui, Limonov, non solamente della Russia, ma della storia di noi tutti dopo la fine della seconda guerra mondiale». La vita di Eduard Limonov, però, è innanzitutto un romanzo di avventure: al tempo stesso avvincente, nero, scandaloso, scapigliato, amaro, sorprendente, e irresistibile. Perché Carrère riesce a fare di lui un personaggio a volte commovente, a volte ripugnante – a volte perfino accattivante. Ma mai, assolutamente mai, mediocre. Che si trascini gonfio di alcol sui marciapiedi di New York dopo essere stato piantato dall'amatissima moglie o si lasci invischiare nei più grotteschi salotti parigini, che vada ad arruolarsi nelle milizie filoserbe o approfitti della reclusione in un campo di lavoro per temprare il «duro metallo di cui è fatta la sua anima», Limonov vive ciascuna di queste esperienze fino in fondo, senza mai chiudere gli occhi, con una temerarietà e una pervicacia che suscitano rispetto. Ed è senza mai chiudere gli occhi che Emmanuel Carrère attraversa questa esistenza oltraggiosa, e vi si immerge e vi si rispecchia come solo può fare chi, come lui, ha vissuto una vita che ha qualcosa di un «romanzo russo».

LIMONOV

Carrère Emmanuel

Anna è una donna intelligente, bella, con un lavoro interessante, ma di colpo tutto questo non serve più. Dopo cinque anni la sua storia d'amore con Davide affonda in una palude di tradimenti, bugie, ricatti. E la sua vita va in pezzi. Si trasforma in un'isterica, non dorme, non mangia, fuma e si ubriaca ogni sera per riuscire ad addormentarsi. Compulsivamente inizia a frugare nel telefonino di lui nelle chat, sui social. Non sa cosa sta cercando, non sa perché lo sta cercando. Per un anno rimarrà prigioniera di quello che lei stessa chiama il regno dell'idiozia, senza riuscire a dirlo a nessuno. Questo racconto è la sua confessione, sotto torma di lettera, a Valentina, la sua più cara amica, che l'ha vista distruggersi sera dopo sera. Anna dice tutto, senza pudore. I dettagli umilianti e ridicoli, l'ossessione, la morbosità. Anna somiglia a tutti noi, che combattiamo questa guerra paradossale che chiamiamo amore. Ogni tanto vinciamo, più spesso perdiamo. L'unica cosa su cui possiamo sempre contare, l'unica capace di indicarci i nostri confini, i nostri bisogni, è il corpo. E sarà al corpo che Anna si aggrapperà per sconfiggere il dolore.

La femmina nuda

Stancanelli Elena

In un pittoresco mosaico di stravaganti preghiere si dipanano storie cucite ad arte, tra il sacro ed il profano. Questi racconti sono perle di un rosario, gocce stillanti, e voci fuori dal coro. Un campionario di vicende narrate senza filtri, dove il perbenismo non è ammesso e dove prendono vita in maniera spontanea e bestiale, solipsistiche aberrazioni del sé. Perché la verità condita da bianche bugie è più nera del sole. Profane preghiere scandiscono il tempo dell'incertezza. Qui dove nessuna lezione di vita viene impartita. Racconti diversi a volte per-versi inscenano un carosello di esistenze violate. Dove il sacro è pretesto per riscoprire il corpo e il credo solo un vincolo profano. Non vi è spazio per l'ipocrisia della correttezza in queste pagine sporcate dalle penne di anime originali e controcorrente. Una raccolta di diciotto racconti curata dall'autore Simone Pozzati. Un mix di scrittori in cui spiccano i racconti di autori noti al panorama nazionale come Marilù Manzini, il poeta beat Antonio Veneziani, il regista Livio Galassi, il biografo e poeta Ignazio Gori, lo scrittore Maurizio Valtieri, il commediografo Simone Romano e l'editore Simone Di Matteo.

Del sacro e del profano

Pozzati Simone e autori vari

La rivoluzione del prosciutto