Saggi

Voci smarrite

Pigozzi Laura

Descrizione: Questo saggio nasce dalla passione dell'autrice per la psicoanalisi e per il canto, ed esplora la voce nel suo valore di legame sociale, di capacità inventiva e sublimatoria. È uno sguardo attento sulla voce mentre fa arte, in un'epoca, quella attuale, controversa e per molti cospetti anestetica, cioè sfavorevole all'estetica e alla sensibilità. All'interno di un discorso dominante in cui "la sicurezza è il bene supremo e l'unica audacia ammessa è quella del consumo", cantare può divenire un modo per affermare la propria unicità e contrastare la spinta all'omologazione del mondo contemporaneo. Come si manifesta nel canto la dimensione pulsionale che contraddistingue ogni atto creativo? In che senso un corpo che dà voce è metaforicamente femminile? Qual è il rapporto tra canto e godimento? A queste e altre domande il volume risponde spaziando dalle "voci narcise" a quelle sperimentali, da Tom Waits a Demetrio Stratos a Mina, dai castrati alla death voice (nata nell'universo heavy metal), dalle diplofonie al rumore bianco, al silenzio. Non mancano una rivisitazione del mito di Orfeo e l'esame coraggioso di tematiche quali la dislessia e le voci stonate, la relazione tra canto e anoressia, il vissuto del cambio della voce negli adolescenti, le voci trans.

Categoria: Saggi

Editore: Et al.

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788864631042

Recensito da Eleonora Tirelli

Le Vostre recensioni

«A causa dell’unicità del timbro, la voce è quella musica che individua un soggetto e lui solo. Non c’è una voce eguale a un’altra» (p. 11). La voce come elemento identitario, dunque. Di qui la necessità di riflettere su una serie di meccanismi psichici, fisici e sociali che, in maniera sempre più evidente (e preoccupante), coinvolgono la nostra voce mettendo in gioco (e a rischio), di conseguenza, la nostra unicità. Di simili tematiche si occupa Laura Pigozzi (insegnante di canto e di psicanalisi della voce) in questo saggio, naturale prosieguo del precedente A nuda voce (pubblicato, nel 2008, da Antigone Edizioni, come già il presente Voci smarrite nel 2011).

Prendendo le mosse dal concetto psicanalitico di sublimazione (vale a dire: la possibilità, insita in ciascun essere umano, di inventare/creare “oggetti” artistici) e considerando, in particolare, il canto come fare artistico della voce, l’autrice non può prescindere dall’esaminare anche il tessuto sociale in cui la voce (e dunque chi la emette) si trova ad operare. Interessante è, a questo proposito, il concetto di anestesia che Laura Pigozzi elabora in merito alla società in cui viviamo: anestesia è «l’epoca presente che rileva la progressiva perdita umana di sensibilità, di aestètica, cioè di capacità di sentire» (p.23). Viviamo un presente saturo: «la dissennata sagra di prodotti e servizi sempre a disposizione, ventiquattr’ore su ventiquattro, sette giorni su sette» (p. 31) annichilisce lo spazio e il tempo entro il quale dovrebbe nascere la mancanza, unico motore in grado di renderci pensanti e creativi.

Il tempo dell’attesa sparisce e, con esso, anche lo spazio psichico che può rendere possibile un pensiero, un progetto che, non per forza geniale o inedito, sia, però, nostro (p. 31).

Ci manca la mancanza, e non è semplice gioco di parole. Non siamo più in grado di desiderare perché i nostri sensi sono ottusi dal troppo che ci circonda, dai ritmi frenetici che ci sono imposti. Non siamo più in grado di percepire le nostre pulsioni, il nostro corpo, ciò di cui abbiamo bisogno. Tutto ciò mette a rischio l’arte, la tenuta creativa del soggetto, che delle spinte pulsionali si nutre. Così Laura Pigozzi, che del canto come particolare forma d’arte si occupa, si pone alcuni interrogativi importanti: «che cosa succede […] alla voce in un’epoca così convenzionale? La voce dei singoli è ancora portatrice di un suono originale, […] oppure anche la voce si può ammalare di conformismo?» (p. 20). L’autrice non ci tace i rischi e, anzi, passa in rassegna tutta una serie di sintomi e di “manifestazioni vocali” che attestano l’attuale stato di pericolo e/o di vera e propria alienazione in cui si barcamena la voce di ciascuno di noi: gli stonati, coloro che provano fastidio o addirittura repulsione per il proprio canto, i dislessici, i maschi traumatizzati dalla muta vocale, le voci anali (voci sotto sforzo: voce di gola, di naso, di petto), le voci narcise (che Laura Pigozzi sapientemente associa ad alcuni stereotipi che si sono diffusi nella nostra società: dalla femme fatale all’anoressica), la death voice, le voci in transito (dei castrati, dei sopranisti, dei falsettisti), le voci trans e la chirurgia vocale.

Ma ciò che ci viene proposto in Voci smarrite non è un mero elenco di sintomi e stati di malessere della voce. Laura Pigozzi ci illumina anche su quelle che sono le varie componenti, fisiche e psichiche, della nostra voce: dalle corde vocali (corpo), all’aria, al silenzio, al timbro, all’inconscio, eccetera. Tutti questi elementi devono (e possono) essere preservati (o: rieducati) anche nella contemporaneità. Particolarmente interessanti sono le pagine che l’autrice dedica al ruolo dei genitori nel processo di singolarizzazione della voce del figlio. La funzione materna consiste nell’accompagnare il bambino alla scoperta della propria individualità e, quindi, al riconoscimento della propria voce. La funzione paterna, che tramite il Nome-del-Padre inscrive il bambino in una genealogia (dunque in una storia), fornisce al figlio una serie di norme da rispettare (in quanto membro di una comunità) che, nel caso della voce, corrispondono a ritmo e misura. È evidente che non si dà creazione senza la distorsione del limite, della norma. Ma come si può distruggere la regola se prima non la si conosce? E ancora, com’è possibile creare alcunché se prima non si è consapevoli di se stessi? Fondamentale e delicato è dunque il ruolo dei genitori, sul quale la Pigozzi insiste sottolineando anche eventuali comportamenti devianti.

Forse meno scorrevole, per un pubblico non specializzato, nelle parti in cui si occupa del canto come forma d’arte, come sublimazione. Meno immediato, insomma, nelle sezioni in cui si addentra in questioni psicanalitiche, in riflessioni teoriche su: corpo, pulsioni, sublime, sessualità e godimento Altro… Tuttavia Voci smarrite risulta un saggio interessante per ciascuno di noi nella misura in cui ci aiuta a (ri)scoprire la nostra voce: la voce come un quid imprescindibile che ci caratterizza quali individui, che getta un ponte con l’altro (crea legame sociale) e, infine, che può produrre arte (canto).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Laura

Pigozzi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pigozzi Laura


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Anna e Francesca, “tredici anni quasi quattordici”, vivono nei casermoni di cemento costruiti negli anni Settanta dalla Lucchini S.p.a., la grande acciaieria che ancora oggi dà pane e disperazione a tutta Piombino. Anna e Francesca, la mora e la bionda, sono bellissime e irriverenti, e soprattutto sono inseparabili. Ma quando Anna scopre l’amore e il sesso con Mattia, qualcosa si rompe tra le due, che verranno risucchiate nelle loro storie private, sole davanti a genitori buoni a nulla o assenti o violenti, e si riabbracceranno solo quando la vita le sottoporrà alle prove più crudeli. Nel suo sorprendente romanzo d’esordio, Silvia Avallone racconta una periferia che non sembra avere rappresentazione pubblica, un’Italia alla ricerca di un’identità e di un futuro che paiono orizzonti lontanissimi, irraggiungibili come l’isola d’Elba, bellissima e a poche miglia di mare: un paradiso a portata di mano che resta però inaccessibile.

ACCIAIO

Avallone Silvia

In "Roma per sempre" Marco Proietti Mancini riesce a far viaggiare i lettori attraverso tre dimensioni: lo spazio, il tempo e le emozioni. Nelle storie che racconta c'è una descrizione dei luoghi, dei posti e degli spostamenti, c'è il viaggio nel tempo che riporta indietro dai primi ricordi di vita fino ai giorni nostri e ci si immerge pienamente nelle sensazioni. Le emozioni prettamente romane che in quei posti, in quel tempo, i protagonisti delle storie di Marco hanno vissuto. L'autore ci accompagna, ci descrive, ci rivela i particolari, i dettagli, i segreti che Roma ancora nasconde: e noi viaggiamo insieme a lui per le strade e i vicoli di questa metropoli, corridoi di teatro che sfociano nella platea delle piazze, dove la rappresentazione della vita esplode. Ma lo spettacolo vero è dietro le quinte, dove i protagonisti veri sono i popolani, la gente normale che Roma la vive nella quotidianità dei suoi giorni. Un libro che può essere considerato allo stesso tempo un romanzo e una guida emozionale per conoscere ancora meglio la metropoli più bella del mondo.

Roma per sempre

Proietti Mancini Marco

Una vita ricostruita attraverso le storie d'amore. Dodici ritratti femminili, dodici donne diversissime luna dall'altra ma accomunate dal forte e immarcescibile sentimento amoroso. Frammenti di vita che si incastrano per formare un puzzle caleidoscopico il cui risultato è sicuramente un inno all'amore, al sesso, alle donne. C'è Campy, la ragazza di campagna, che ama le moto e i motociclisti. C'è Vacuy, la perfetta groupie armata di macchina fotografica per immortalare tutti i concerti. C'è Soldy, conosciuta sui social e che presto si rivela un vero e proprio incubo. Ci sono loro e c'è il protagonista. E anche un finale insolito, inaspettato, originale. È tutta finzione o è tutta verità?

Ho smesso tutto

Il Cile

Virginia Woolf scrisse che il greco antico è una lingua «che ci tiene schiavi, che ci seduce e ci attira» pur nella sua irreparabile incomprensione. Sì, perché il greco oggi non lo comprendiamo più: la sua unicità è scomparsa per sempre. La lingua greca era, innanzitutto, un modo di vedere il mondo: un mondo in cui non esisteva il tempo delle cose, ma il come, l’aspetto. In cui i numeri delle parole erano tre, singolare plurale e duale – due per gli occhi, due per gli amanti –, ed esisteva un modo verbale per esprimere il desiderio, l’ottativo. Non esisteva il futuro, il greco moderno ha dovuto inventarlo. Il nostro modo di pensare è così diverso che il greco antico non è più parte di noi – linguisticamente siamo orfani. O meglio, diseredati. Queste Lezioni di greco nascono dalla cocciutaggine di chi ha a lungo studiato la lingua greca per rintracciarne il significato profondo – e per dare, nel 2016, significato a chi a questa lingua si avvicina. Nascono soprattutto dalla volontà di mettere fine a ogni paura, soggezione, separazione tra gli italiani moderni e i greci antichi. Si tratta quindi di un viaggio intimo del lettore nelle particolarità del greco antico, con la convinzione che solo l’immaginazione, la fantasia e l’ironia, supportate dalla conoscenza, ci possano liberare dalla schiavitù di una lingua che da millenni ci seduce senza capirla – e trasformarla in amore.

La lingua geniale

Marcolongo Andrea