Saggi

Voci smarrite

Pigozzi Laura

Descrizione: Questo saggio nasce dalla passione dell'autrice per la psicoanalisi e per il canto, ed esplora la voce nel suo valore di legame sociale, di capacità inventiva e sublimatoria. È uno sguardo attento sulla voce mentre fa arte, in un'epoca, quella attuale, controversa e per molti cospetti anestetica, cioè sfavorevole all'estetica e alla sensibilità. All'interno di un discorso dominante in cui "la sicurezza è il bene supremo e l'unica audacia ammessa è quella del consumo", cantare può divenire un modo per affermare la propria unicità e contrastare la spinta all'omologazione del mondo contemporaneo. Come si manifesta nel canto la dimensione pulsionale che contraddistingue ogni atto creativo? In che senso un corpo che dà voce è metaforicamente femminile? Qual è il rapporto tra canto e godimento? A queste e altre domande il volume risponde spaziando dalle "voci narcise" a quelle sperimentali, da Tom Waits a Demetrio Stratos a Mina, dai castrati alla death voice (nata nell'universo heavy metal), dalle diplofonie al rumore bianco, al silenzio. Non mancano una rivisitazione del mito di Orfeo e l'esame coraggioso di tematiche quali la dislessia e le voci stonate, la relazione tra canto e anoressia, il vissuto del cambio della voce negli adolescenti, le voci trans.

Categoria: Saggi

Editore: Et al.

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788864631042

Recensito da Eleonora Tirelli

Le Vostre recensioni

«A causa dell’unicità del timbro, la voce è quella musica che individua un soggetto e lui solo. Non c’è una voce eguale a un’altra» (p. 11). La voce come elemento identitario, dunque. Di qui la necessità di riflettere su una serie di meccanismi psichici, fisici e sociali che, in maniera sempre più evidente (e preoccupante), coinvolgono la nostra voce mettendo in gioco (e a rischio), di conseguenza, la nostra unicità. Di simili tematiche si occupa Laura Pigozzi (insegnante di canto e di psicanalisi della voce) in questo saggio, naturale prosieguo del precedente A nuda voce (pubblicato, nel 2008, da Antigone Edizioni, come già il presente Voci smarrite nel 2011).

Prendendo le mosse dal concetto psicanalitico di sublimazione (vale a dire: la possibilità, insita in ciascun essere umano, di inventare/creare “oggetti” artistici) e considerando, in particolare, il canto come fare artistico della voce, l’autrice non può prescindere dall’esaminare anche il tessuto sociale in cui la voce (e dunque chi la emette) si trova ad operare. Interessante è, a questo proposito, il concetto di anestesia che Laura Pigozzi elabora in merito alla società in cui viviamo: anestesia è «l’epoca presente che rileva la progressiva perdita umana di sensibilità, di aestètica, cioè di capacità di sentire» (p.23). Viviamo un presente saturo: «la dissennata sagra di prodotti e servizi sempre a disposizione, ventiquattr’ore su ventiquattro, sette giorni su sette» (p. 31) annichilisce lo spazio e il tempo entro il quale dovrebbe nascere la mancanza, unico motore in grado di renderci pensanti e creativi.

Il tempo dell’attesa sparisce e, con esso, anche lo spazio psichico che può rendere possibile un pensiero, un progetto che, non per forza geniale o inedito, sia, però, nostro (p. 31).

Ci manca la mancanza, e non è semplice gioco di parole. Non siamo più in grado di desiderare perché i nostri sensi sono ottusi dal troppo che ci circonda, dai ritmi frenetici che ci sono imposti. Non siamo più in grado di percepire le nostre pulsioni, il nostro corpo, ciò di cui abbiamo bisogno. Tutto ciò mette a rischio l’arte, la tenuta creativa del soggetto, che delle spinte pulsionali si nutre. Così Laura Pigozzi, che del canto come particolare forma d’arte si occupa, si pone alcuni interrogativi importanti: «che cosa succede […] alla voce in un’epoca così convenzionale? La voce dei singoli è ancora portatrice di un suono originale, […] oppure anche la voce si può ammalare di conformismo?» (p. 20). L’autrice non ci tace i rischi e, anzi, passa in rassegna tutta una serie di sintomi e di “manifestazioni vocali” che attestano l’attuale stato di pericolo e/o di vera e propria alienazione in cui si barcamena la voce di ciascuno di noi: gli stonati, coloro che provano fastidio o addirittura repulsione per il proprio canto, i dislessici, i maschi traumatizzati dalla muta vocale, le voci anali (voci sotto sforzo: voce di gola, di naso, di petto), le voci narcise (che Laura Pigozzi sapientemente associa ad alcuni stereotipi che si sono diffusi nella nostra società: dalla femme fatale all’anoressica), la death voice, le voci in transito (dei castrati, dei sopranisti, dei falsettisti), le voci trans e la chirurgia vocale.

Ma ciò che ci viene proposto in Voci smarrite non è un mero elenco di sintomi e stati di malessere della voce. Laura Pigozzi ci illumina anche su quelle che sono le varie componenti, fisiche e psichiche, della nostra voce: dalle corde vocali (corpo), all’aria, al silenzio, al timbro, all’inconscio, eccetera. Tutti questi elementi devono (e possono) essere preservati (o: rieducati) anche nella contemporaneità. Particolarmente interessanti sono le pagine che l’autrice dedica al ruolo dei genitori nel processo di singolarizzazione della voce del figlio. La funzione materna consiste nell’accompagnare il bambino alla scoperta della propria individualità e, quindi, al riconoscimento della propria voce. La funzione paterna, che tramite il Nome-del-Padre inscrive il bambino in una genealogia (dunque in una storia), fornisce al figlio una serie di norme da rispettare (in quanto membro di una comunità) che, nel caso della voce, corrispondono a ritmo e misura. È evidente che non si dà creazione senza la distorsione del limite, della norma. Ma come si può distruggere la regola se prima non la si conosce? E ancora, com’è possibile creare alcunché se prima non si è consapevoli di se stessi? Fondamentale e delicato è dunque il ruolo dei genitori, sul quale la Pigozzi insiste sottolineando anche eventuali comportamenti devianti.

Forse meno scorrevole, per un pubblico non specializzato, nelle parti in cui si occupa del canto come forma d’arte, come sublimazione. Meno immediato, insomma, nelle sezioni in cui si addentra in questioni psicanalitiche, in riflessioni teoriche su: corpo, pulsioni, sublime, sessualità e godimento Altro… Tuttavia Voci smarrite risulta un saggio interessante per ciascuno di noi nella misura in cui ci aiuta a (ri)scoprire la nostra voce: la voce come un quid imprescindibile che ci caratterizza quali individui, che getta un ponte con l’altro (crea legame sociale) e, infine, che può produrre arte (canto).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Laura

Pigozzi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pigozzi Laura


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Oggi è un’anziana clochard costretta a vivere per le strade di Parigi, ma il suo passato le ha regalato fama e successo. Qualcuno la vuole morta, ed è solo l’intervento di Oswald Breil e Sara Terracini a salvare la vita di Luce de Bartolo. Ma qual è il segreto che custodisce, così potente da sconvolgere l’ordine mondiale? Chi è davvero quella donna? La sua storia inizia nell’Argentina fra le due guerre e racconta un’amicizia straordinaria, quella fra Luce e una tra le donne più ammirate di tutti i tempi: Eva Duarte. Mentre Luce diventa il soprano più famoso al mondo, Eva sposa il colonnello Juan Domingo Perón: nasce così il mito intramontabile di Evita. Le due amiche incontrano grandi soddisfazioni, ma anche tragedie e violenze che sembrano sgorgare dalla fonte stessa del male: il nazismo. Un’ideologia che trova la sua forza simbolica in un oggetto dal potere immenso: la leggendaria lancia di Longino, la cui punta trafisse il costato di Cristo. Il Reich sopravvive alla sconfitta, ed è proprio in Argentina che il male nazista intreccia le proprie trame oscure di rinascita con l’ascesa di Perón, per poi estendere i propri tentacoli sino a raggiungere le stanze più inviolabili: quelle delle alte sfere del Vaticano e della finanza più spregiudicata. E il male nazista oggi è pronto a risollevare la testa. Perché si scateni, manca soltanto una chiave: quella in possesso di una donna sopravvissuta con coraggio e determinazione a tutto ciò che il destino le ha riservato.

LA VOCE DEL DESTINO

Buticchi Marco

New York, 1871. Nella casa delle vergini, dove Miss Everett provvede all'educazione di prostituire giovanissime, Moth cerca di sottrarre il proprio corpo e la propria anima al suo ineluttabile destino.

La casa delle vergini

McKay Ami

I dolori e gli amori della giovane Max. Inquieta, testarda, bellissima. Lasciata da Lili dopo otto anni, così all’improvviso, una mattina di gennaio: come puoi farmi questo per una che conosci da tre giorni? Corse, rincorse, morsi e affanni, la vita che sprofonda e Max che non si rassegna. Fino all’arrivo di Leo, il fuoco nei capelli e un uomo per compagno. Un’altra ventata d’amore, l’illusione che tutto possa ricominciare e la paura che tutto possa franare di nuovo. Un romanzo che è come la sua protagonista: un terremoto di sentimenti e di ironia.

IO SONO MAX

Survive I. W.

Regione dei Finger Lakes, stato di New York. È una notte di luna piena. Lucy Jarret è di fronte alle acque del lago, illuminate dai riflessi del cielo. Le sembra ancora di vedere il padre nella sua ultima notte di vita, seduto nel giardino di casa, l’aria pensierosa e turbata, pochi istanti prima di salire su quella barca che l’avrebbe portato alla morte. Sono passati anni da allora, anni in cui Lucy ha cercato di dimenticare, di farsene una ragione, senza mai riuscirci. Lucy è tornata a casa, dopo un lungo periodo in Giappone. Nella grande tenuta in riva al lago tutto è rimasto come allora, i fiori di melo pallidi come le stelle e le stanze buie, rimaste sempre chiuse da quella terribile notte. In un anfratto, sommersa tra i vecchi strumenti di pesca del padre, Lucy scopre per caso alcune lettere, risalenti ai primi anni del secolo, e una coperta da neonato, con un ricamo di lune e fiori. Un figura identica a quella delle preziose vetrate della chiesa del paese dove compare una donna misteriosa, dai grandi occhi azzurri, con in mano un mazzo di iris della stessa varietà che crescono nel giardino di Lucy. Chi è questa donna? E chi è Rose, colei che firma le lettere misteriose? Lucy lo deve scoprire a tutti i costi. È convinta che lì, nei frammenti della vita dimenticata di due donne, e forse in quelli di una bambina abbandonata, si nasconda un segreto terribile. Un segreto che ha portato suo padre verso una strada senza ritorno.

UN GIORNO MI TROVERAI

Edwards Kim