Narrativa

Il volo di Natale

Johnson Craig

Descrizione: Lo sceriffo Longmire (lo stesso che è protagonista della serie dei romanzi gialli) riceve la visita di una giovane donna asiatica che all’inizio non riconosce ma che poi ricorda essere stata al centro di un’incredibile storia capitatagli nel Natale di trent’anni prima. Così poco alla volta Longmire rievoca quella commovente storia natalizia. All’epoca era un giovanissimo sceriffo e fu chiamato nel luogo di un incidente automobilistico dove due coniugi giapponesi avevano perso la vita. Erano sopravvissute la figlia di pochi anni e sua nonna, una vecchietta giapponese raggrinzita e incapace di capire una parola d’inglese. La bambina era però in pericolo di vita e andava aerotrasportata urgentemente all’ospedale di Denver, l’unica struttura in grado di salvarla. All’annuncio dell’arrivo di una tempesta di neve si scopre che nessun velivolo è in condizioni di decollare. L’unico “pazzo” che si offre è un vecchio pilota della Seconda guerra mondiale, alcolizzato e con un aereo più vecchio di lui, un bombardiere con il quale aveva bombardato i nemici giapponesi. La squadra che lo accompagna in questo volo pazzesco tra le montagne è composta da Longmire e da un vecchio dottore tedesco, oltre ovviamente alla bambina in fin di vita e alla nonna. Attraverseranno le montagne mentre l’aereo perde pezzi, il pilota continua a bere whiskey, il medico cerca di tenere in vita la bambina e Longmire resta addirittura appeso fuori dall’aereo in mezzo alla tormenta.

Categoria: Narrativa

Editore: E/o

Collana: Dal mondo

Anno: 2014

ISBN: 9788866325185

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Il volo di Natale” è ormai affondato nell’oblio dello sceriffo Walter Longmire, personaggio fuoriuscito dalla fantasia di Craig Johnson. Ci pensa a farlo riemergere una giovane donna (“… una specie di sottile crepa sulla fronte di porcellana, quasi fosse fatta di porcellana e a un certo punto qualcuno l’avesse lasciata cadere”), che si presenta nell’ufficio dello sceriffo, chiedendo di essere condotta al cospetto del suo predecessore (“il mio predecessore, l’Alto Sceriffo Lucian A. Connally”): “Ho qualcosa… Qualcosa che ho bisogno di restituirgli”.

L’ex sceriffo è un personaggio strambo, sprovvisto di una gamba ( “Lui arrotolò la gamba del pantalone e cominciò ad allacciarsi la protesi, con tanto di stivale da cowboy a punta”), tanto amico di Bacco (“Quello che so è che ti devo far passare la sbronza e mettere in volo, uccellino mio”) e tanto ruvido (“Lucian, devi smetterla di sparare alla TV”), quanto generoso e testardo.
In un Natale ormai lontano (“La scena… aveva un non so che di dickensiano, con i pioppi ricoperti di brina come glassa bianca…”), forte dell’esperienza di volo accumulata durante la guerra, Lucian si è incaricato di trasportare all’ospedale di Denver con un vecchio velivolo (“Questo vecchio uccellaccio è bloccato qui finché non si presenta qualcuno capace di pilotarlo”) una bambina giapponese ferita, sopravvissuta a uno spaventoso incidente d’auto (“L’unica ancora viva non lo sarebbe rimasta a lungo se non trovavo il modo di farla arrivare a Denver”).
Con la fortuna dei principianti, con la determinazione dell’altruismo e con il desiderio di salvare una vita umana, l’equipaggio di emergenza affronta una tormenta di neve (“Tra poco più di un’orala tempesta arriverà qui da noi e a quel punto non volerà più nessuno, nemmeno Babbo Natale”), essendo preclusa la possibilità di praticare le strade che conducono all’ospedale.

Le descrizioni dello scalcinato aereo sono particolarmente efficaci, anche se spesso condotte con tecnicismi spinti.
Sulle ali dell’ironia e con la forza delle caratterizzazioni, l’autore imbastisce una fiaba natalizia ove il lieto fine viene stemperato dal rozzo protagonista, una macchietta che riesce a condensare in sé la forza dell’umorismo e la potenza delle buone intenzioni, ben dissimulate sotto la rozza scorza del cow-boy.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Craig

Johnson

Libri dallo stesso autore

Intervista a Johnson Craig


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Glen Runciter comunica con la moglie defunta per avere i suoi consigli dall’aldilà. Joe Chip scompare dal mondo del 1992 e si ritrova nell’America degli anni Trenta, mentre riceve misteriosi e cupi messaggi. Una trappola mortale sembra aver annientato i migliori precognitivi del sistema solare. È in corso una lotta per scrutare il futuro nel corso di un’impossibile dissoluzione del presente; mondi e tempi diversi vivono e fluiscono contemporaneamente, la vita si scambia con la morte. In Ubik Philip Dick affronta con grande ispirazione alcuni dei suoi temi piú profondi: l’illusione che chiamiamo realtà, la mancanza di un tessuto connettivo e di un principio unificatore al di sotto dell’apparenza delle cose, il mistero di un Dio che tiene i dadi della vita e della morte. Scritto nel 1966 e pubblicato nel 1969, Ubik è una delle opere più sconcertanti e riuscite di Philip K. Dick. per il suo dirompente surrealismo, per l’ironia e la passione con cui analizza la società umana, Ubik è davvero un classico di quella letteratura che sempre si spinge a esplorare i paradossi dell’esistenza con le armi della visione e della fantasia, di uno sguardo anarchico, insaziabile e curioso."Io sono vivo, voi siete morti", scrisse Philip K. Dick in Ubik.

UBIK

Dick Philip K.

All'alba del XIII secolo, Guglielmo, un cavaliere normanno percorre a cavallo la lunga strada che dall'Alsazia lo porterà in Sicilia. Raggiunta Palermo, inizierà una vita intensa e avventurosa, dando origine alla famiglia Falconari. Il suo destino s'intreccerà con quello dell'imperatore Federico II, lo "stupor mundi", che lo nominerà custode di uno straordinario segreto, direttamente collegato alla vita e alle opere di Gesù Cristo. Due secoli dopo, un suo pronipote, il barone Orazio Falconari, detto The Fool, fonda una confraternita segreta con l'ambizioso obiettivo di perseguire uno scopo impossibile: sradicare l'insensatezza dal genere umano. Oggi, il barone Vincenzo Falconari, ultimo discendente della famiglia, decide di realizzare l'ennesimo gesto folle della sua vita. Solo in pochi sanno che il barone ha destinato la sua esistenza a combattere una spietata organizzazione, che opera azioni criminali in nome della Fede religiosa. È davvero la Fede un pericolo e un danno per l'uomo, e può la Scienza essere la fiaccola che illumina il sentiero verso la verità?

Il sentiero dei folli

Rosaci Domenico

Crimini su donne e bambine originarie delle società patriarcali e tribali

Novelli Noemi

Qual è il giorno in cui siamo diventati umani? Quale l’attimo in cui questa vitale e spossante consapevolezza ci ha invaso? Questa la domanda che Paolo Zardi fa al lettore. Ma prima lo chiede ai personaggi che animano queste pagine. Un padre che cova l’insopprimibile desiderio che sua figlia non somigli alla madre; una moglie che nell’istante assoluto del pentimento capisce che tradirà ancora; un vecchio che ad ogni compleanno avverte quanto sia difficile morire; una vedova all’ossessiva ricerca di un’alternativa ai ricordi; una dottoressa che, per un momento, vede nel corpo attraente di un paziente la giovinezza che avrebbe avuto suo figlio. Creature sospese tra l’amore e il dolore, tra desiderio e paura, tra la vergogna e la grazia. La delicatezza dei corpi, la labilità delle intenzioni, la precarietà di ogni condizione umana sono i punti focali attorno ai quali i personaggi di questi racconti si muovono, combattono, vivono, fotografati tutti nella loro abbagliante purezza.

IL GIORNO CHE DIVENTAMMO UMANI

Zardi Paolo