Poesia

Vortici

Spes Ilaria

Descrizione:

Categoria: Poesia

Editore: Edizioni R.E.I.

Collana:

Anno: 2013

ISBN:

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

… Verso l’azzurro del cielo
e l’infinità dei possibili mondi,
per riportare dentro di sé,
a rovistare nello scrigno intimo
dei tesori senza tempo.
Dove sono sguardi,
parole dette e taciute,
gesti iniziati e non finiti.
Dove sono custodite le emozioni
E si compiono le fantasie.
In un andare senza fine
tra onde e colori dell’anima…
È questo il viaggio a cui vi invita Ilaria Spes, un viaggio verso voi stessi, alla ricerca di un intimo contatto con pensieri dimenticati e sensazioni sepolte sotto strati e strati di doveri e maschere e cliché.
La natura, soprattutto, ispira i versi dell’autrice, spesso intrisi di nostalgia e talvolta bagnati di lacrime, ma anche sensuali e vigorosi (… All’impeto del mio mare arrossisci nascosta d’ali di nubi./ E scendi lieve e sfiori colma di carezze i pensieri./ Fino a sciogliere il desiderio notturno nell’amplesso di mare) o incredibilmente dolci e speranzosi (ADDORMENTARSI/ Abbracciando tra le palpebre i sogni del giorno).
L’elegante prosa che apre la silloge vi introdurrà con delicatezza nel mondo di Ilaria Spes, nel giardino dei pensieri, un luogo raccolto dove fioriscono sensazioni. Poi saranno le poesie ad avvolgervi come vortici, fornendovi innumerevoli spunti (come in Desolata) e creando stimolanti suggestioni (come in Migrazioni).
Consigliato a chi ha voglia di lasciarsi andare, di commuoversi senza immalinconirsi, di ricordare con affetto e tenerezza tenendo lo sguardo rivolto al futuro.
  

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ilaria

Spes

Libri dallo stesso autore

Intervista a Spes Ilaria


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In una Palermo sporca e violenta, un bambino di nove anni, cresciuto in una famiglia di pugili, sale per la prima volta sul ring. Nel suo formidabile esordio, Davide Enia racconta cinquant’anni di storia, dalla campagna italiana in Africa durante il secondo conflitto mondiale al tragico 1992 - quando nel capoluogo siciliano tornano a esplodere le bombe - passando per il periodo della ricostruzione post bellica, gli anni del «sacco di Palermo» e quelli della mattanza di mafia. Usando con una maestria da togliere il fiato tutti i registri narrativi, dal tragico all’onirico al comico al sentimentale, Enia restituisce un impietoso ritratto di un mondo ricolmo di ironia e violenza, con una scrittura carnale, epica, dolce e feroce.

COSI’ IN TERRA

Enia Davide

PASSIONE VINTAGE

Wolff Isabella

Le streghe di Lenzavacche vennero chiamate nel 1600 in Sicilia un gruppo di mogli abbandonate, spose gravide, figlie reiette o semplicemente sfuggite a situazioni di emarginazione, che si riunirono in una casa ai margini dell' abitato e iniziarono a condividere una vera esperienza comunitaria e anche letteraria. Furono però fraintese, bollate come folli, viste come corruttrici e istigatrici del demonio. Secoli dopo, durante il fascismo, una strana famiglia composta dal piccolo Felice, sua madre Rosalba e la nonna Tilde rivendica una misteriosa discendenza da quelle streghe perseguitate. Assieme al giovane maestro Mancuso si batteranno contro l'oscurantismo fascista per far valere i diritti di Felice, bambino sfortunato e vivacissimo.

Le streghe di Lenzavacche

Lo Iacono Simona

«Un Julien Sorel all’epoca della crisi»: così venne presentato, alla sua comparsa nelle librerie francesi, il protagonista di questo romanzo. Come l’eroe di Stendhal, Jean-Luc Daguerne non ha che un desiderio: «afferrare il mondo a piene mani», diventare uno di quelli che gestiscono il potere e gli affari. Per riuscirci accetterà di essere umiliato, di mentire, di adulare, di fare il doppio gioco, e persino di tradire il suo unico vero amico. Fino al giorno in cui ritroverà dentro di sé, con stupore e sgomento, «quel desiderio di tenerezza, quel disperato bisogno di amore» che per anni ha dovuto negare e soffocare. Allora cercherà, con una sorta di furioso accanimento, di farsi amare dalla sola donna tra le cui braccia abbia sentito riemergere la propria fragilità di bambino, e si chiederà che senso abbia avuto quella lotta convulsa, rabbiosa, per sottrarsi a un destino di miseria, per intrufolarsi negli ambienti giusti, per avere in mano le carte vincenti. Alla fine, il patto faustiano si rivela una beffa: «Il successo, quando è lontano, ha la bellezza del sogno, ma non appena si trasferisce su un piano di realtà appare sordido e meschino».

La preda

Némirovsky Irène