Narrativa

Will ti presento Will

Green John, Levithan David

Descrizione: Una sera, nel più improbabile angolo di Chicago, due ragazzi di nome Will Grayson si incontrano. Dal momento in cui i loro mondi collidono, le vite dei due Will, già piuttosto complicate, prendono direzioni inaspettate, portandoli a scoprire cose completamente nuove sull'amicizia, l'amore e su loro stessi.

Categoria: Narrativa

Editore: Piemme

Collana: Freeway

Anno: 2014

ISBN: 9788856641660

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Will ti presento Will” di John Green & David Levithan), ambientato nel Midwest sulle sponde del lago Michigan, appartiene al cosiddetto young adult, ossia il genere che tratta temi relativi agli adolescenti dal loro punto di vista.

In particolare, i capitoli alternano due punti di vista: quello di Will dell’Illinois e quello di Will dell’Ohio.
Il primo ha un generoso, grande (e grosso) amico gay, Tiny, ma si accinge a vivere con originalità (scherzando sulla “faccenda del gatto di Schrödinger”) un’esperienza sentimentale con Jane.
Il secondo redige i suoi capitoli senza maiuscole, assume antidepressivi, ha un’amica che lo assedia, Maura, ma coltiva l’intenso rapporto virtuale con Isaac (“è un gioco tra noi. la maggior parte del tempo non facciamo sul serio… altre volte invece scegliamo l’approccio da romanzetto rosa”), del quale è innamorato. Quando decide di recarsi a Chicago per conoscerlo… è allora (“Io ero lì per usare la mia patente falsa e lui è entrato per incontrare il suo falso fidanzato”) che incontra il suo omonimo Will Grayson (“di base sono entrato in un sexy shop a cercare isaac e ne sono uscito con un altro will grayson”).
I due mondi adolescenziali che ruotano intorno ai due Will (“Sì, abbiamo lo stesso nome, ma non siamo mica gemelli telepatici”) entrano così in contatto e ne scaturisce un’osmosi basata sulle preferenze sessuali del secondo Will e di Tiny, nonché sul musical che quest’ultimo sta mettendo in scena…

La “diversità” è rappresentata con disinvoltura, i colloqui sono traslati nella narrazione diaristica, alcune trovate sono piacevoli e divertenti e calzano le forme di adolescenti alla ricerca di identità, relazioni sociali veraci e felicità.
Lo stile del romanzo è ovviamente contaminato dallo slang giovanile e abbonda di espressioni grevi; la trama è lieve ed effervescente, disseminata di principi (“Due semplicissime regole: 1. Fregatene. 2. Stai zitto. Tutte le cose più brutte che mi siano mai successe sono nate dall’avere infranto una di queste regole”), propositi (“non ingannare mai le persone perché, quando inizi e scopri quanto è facile, è difficilissimo fermarsi”) e pseudo-verità (“e poi ci sono sere come questa, in cui viene fuori la verità, perché è quello di cui abbiamo più bisogno…”).

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Levithan

John,

Green

Libri dallo stesso autore

Intervista a Green John, Levithan David


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il diario politico del 2011 raccontato dal più corrosivo e implacabile tra i giornalisti italiani. Un appuntamento che ogni lunedì tiene incollate al video migliaia di persone, in diretta sul seguitissimo blog di Beppe Grillo. In molti l'hanno capito, è l'occasione unica per informarsi davvero, rompere con il sistema addomesticato dell'informazione televisiva ed entrare direttamente dentro la cronaca, gli scandali e l'attualità politica. Finalmente senza filtri. Ruby e i festini di Arcore; P2, P3 e P4; Berlusconi e i processi; i referendum e il crollo dei partiti; le elezioni regionali e la sconfitta del Pdl; lodi e leggi ad personam... Tutto quello che dovevate sapere e che nessuno ha raccontato. Anzi, in molti l'hanno nascosto. Ogni intervento di Marco Travaglio è una ricostruzione minuziosa dei fatti e un atto d'accusa contro il potere che pensa solo a se stesso, mai ai cittadini e ancora meno al bene comune.

Silenzio, si ruba

Travaglio Marco

«Non ho ucciso mio padre, ma certe volte mi sembra quasi di avergli dato una mano a morire». Chi racconta è Jack, un ragazzino sporco, foruncoloso, tenuto in disparte dalla famiglia; suo padre è un uomo fragile, irascibile e ossessivo, che un giorno decide di costruire un giardino roccioso: si mette al lavoro, ma muore di fronte all'indifferenza di Jack che non chiede aiuto. Julie, sorella maggiore, prime magliette scollate, primi amori tenuti segreti. Sue, due anni meno di Jack, sgraziata, sempre pronta a ritessere i difficili rapporti di famiglia. Tom, un bambinetto vivace, tutto preso dai suoi giochi e dai terrori scolastici. Infine la madre, slavata, sempre affaccendata in cucina oppure sprofondata nel letto di malata. Un balletto di «enfants terribles» che fanno pensare a Cocteau, a Vitrac, alla Compton Burnett, eppure sono anche banali; figli di una «cattività» familiare segnata da un esasperato sadismo.

IL GIARDINO DI CEMENTO

Ancora oggi successo a teatro, Chi ha paura di Virginia Woolf? fu così schoccante per l'America di allora che non Vinse mai il meritatissimo premio Pulitzer, che invece Albee ottenne per ben tre volte con A delicate balance nel '67, Seascape nel '75 e il bellissimo Three tall women, tre figure femminili e un figlio diseredato in quanto gay (l'opera più autobiografica). Molti altri premi hanno costellato la lunga carriera di Albee, onoreficenze che gli permisero di aprire una Fondazione a suo nome nel '94 per sostenere il "William Flanagan Creative Persons Center", una colonia di scrittori ed artisti di Montauk.

Chi ha paura di Virginia Woolf?

Albee Edward

L’altare dei morti

James Henry