Narrativa

Will ti presento Will

Green John, Levithan David

Descrizione: Una sera, nel più improbabile angolo di Chicago, due ragazzi di nome Will Grayson si incontrano. Dal momento in cui i loro mondi collidono, le vite dei due Will, già piuttosto complicate, prendono direzioni inaspettate, portandoli a scoprire cose completamente nuove sull'amicizia, l'amore e su loro stessi.

Categoria: Narrativa

Editore: Piemme

Collana: Freeway

Anno: 2014

ISBN: 9788856641660

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Will ti presento Will” di John Green & David Levithan), ambientato nel Midwest sulle sponde del lago Michigan, appartiene al cosiddetto young adult, ossia il genere che tratta temi relativi agli adolescenti dal loro punto di vista.

In particolare, i capitoli alternano due punti di vista: quello di Will dell’Illinois e quello di Will dell’Ohio.
Il primo ha un generoso, grande (e grosso) amico gay, Tiny, ma si accinge a vivere con originalità (scherzando sulla “faccenda del gatto di Schrödinger”) un’esperienza sentimentale con Jane.
Il secondo redige i suoi capitoli senza maiuscole, assume antidepressivi, ha un’amica che lo assedia, Maura, ma coltiva l’intenso rapporto virtuale con Isaac (“è un gioco tra noi. la maggior parte del tempo non facciamo sul serio… altre volte invece scegliamo l’approccio da romanzetto rosa”), del quale è innamorato. Quando decide di recarsi a Chicago per conoscerlo… è allora (“Io ero lì per usare la mia patente falsa e lui è entrato per incontrare il suo falso fidanzato”) che incontra il suo omonimo Will Grayson (“di base sono entrato in un sexy shop a cercare isaac e ne sono uscito con un altro will grayson”).
I due mondi adolescenziali che ruotano intorno ai due Will (“Sì, abbiamo lo stesso nome, ma non siamo mica gemelli telepatici”) entrano così in contatto e ne scaturisce un’osmosi basata sulle preferenze sessuali del secondo Will e di Tiny, nonché sul musical che quest’ultimo sta mettendo in scena…

La “diversità” è rappresentata con disinvoltura, i colloqui sono traslati nella narrazione diaristica, alcune trovate sono piacevoli e divertenti e calzano le forme di adolescenti alla ricerca di identità, relazioni sociali veraci e felicità.
Lo stile del romanzo è ovviamente contaminato dallo slang giovanile e abbonda di espressioni grevi; la trama è lieve ed effervescente, disseminata di principi (“Due semplicissime regole: 1. Fregatene. 2. Stai zitto. Tutte le cose più brutte che mi siano mai successe sono nate dall’avere infranto una di queste regole”), propositi (“non ingannare mai le persone perché, quando inizi e scopri quanto è facile, è difficilissimo fermarsi”) e pseudo-verità (“e poi ci sono sere come questa, in cui viene fuori la verità, perché è quello di cui abbiamo più bisogno…”).

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Levithan

John,

Green

Libri dallo stesso autore

Intervista a Green John, Levithan David


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Una donna viene trovata morta nel proprio appartamento in via Prima Cappella, ai piedi del Sacro Monte. Si tratta di Milva Rossi, psichiatra. A rinvenire il corpo, Susanna, la figlia di quattordici anni. La donna ha la gola squarciata. L'assassino non ha lasciato tracce, tranne una propria fugace apparizione davanti alla telecamera del condominio: si tratta di una donna dai capelli lunghi e scuri. È l'unico indizio per la polizia che comincia a indagare. Da questo momento ha inizio la caccia al killer che vede scendere in prima linea il P.M. Elena Macchi, affiancata dal commissario Auteri e dal vicecommissario Pozzi. Si indaga nella cerchia delle amicizie e dei colleghi di lavoro della vittima, nonché nella vita dell'ex marito e della sua nuova compagna. È in questa occasione che Elena Macchi conosce Athena Bini, giovane psicologa, nonché ex allieva della vittima. Athena prende in carico Susanna e la segue nel suo percorso di psicoterapia, per aiutarla a superare il trauma della morte della madre. Mentre la polizia brancola nel buio, un altro omicidio sconvolge la tranquillità della provincia di Varese. Le indagini portano ancora alla misteriosa donna dai capelli neri. Ulteriori ricerche conducono Elena Macchi nel borgo di Castiglione Olona, dove il dottor Del Fante la attende per parlare della sua collaborazione con la collega Rossi. Si fa strada così l'ipotesi che la donna dai capelli neri possa essere un'ex paziente della prima vittima e che abbia agito per vendetta. Ma la catena degli omicidi pare non doversi fermare. La situazione è forse sfuggita di mano alla killer...

Il passato non muore

Veroni Laura

Bambino del dopoguerra, Ninni cresce diviso tra due grandi mondi, quello antico e agricolo dell’Emilia diventata rossa e quello ferocemente industriale della provincia lombarda. Diviso anche tra le figure dominanti del suo piccolo mondo, la nonna, sempre e per principio dalla sua parte, il babbo, sempre e per principio contro, e la mamma che si barcamena, lo protegge ma dubita. C’è in lui infatti un lato inspiegabile, “oscuro persino, inquietante”. Ninni inoltre tartaglia e la maestra che assomiglia alla Tordella lo prende per ritardato. Da ragazzino si innamora di Milano, della città che sale, della sua forza vitale, della sua ostinazione a migliorare. Più avanti ancora, diventato ragazzo e costretto a non essere più Ninni, ma Gianni, si scoprirà trascinato da un’insaziabile curiosità, di sapere, osservare, leggere la realtà. Le sue conquiste passano attraverso l’amore per i libri, la prima colonia estiva e i primi amori, la scoperta del sesso, il rapporto libero e affettuoso con la sorella, la partecipazione politica, l’incontro fondante con alcuni maestri. Nella storia di formazione di un “ragazzo italiano” c’è la storia dell’intero Paese, il dopoguerra, la modernizzazione sia rurale che urbana, la vicenda di una generazione figlia della guerra ma capace di proiettare sogni e progetti oltre quella tragedia. Un’Italia dove la scuola è ancora un fattore di promozione sociale e il futuro ha in serbo qualcosa di importante per chi ha capacità, curiosità e sa investire su di sé. Un’Italia che forse non esiste più, ma da cui si può ancora attingere e che sicuramente vive nella memoria profonda di moltissimi italiani. Ferrari le ridà corpo e respiro, con uno stile elegante, affabile, precisissimo nella rievocazione storica, ma nondimeno emotivo, capace di far emergere dalle pagine una moltitudine di personaggi lampeggianti futuro.

Ragazzo italiano

Ferrari Gian Arturo

Palermo, Borgo Vecchio. Thomas Giuliani è un commissario della omicidi. Quasi ogni mattina lascia che il rasoio di Filippo Bonanno gli lisci le guance in una bottega di barbiere benedetta dagli sbirri e dalla mafia. Sono gli ultimi giorni di servizio per il commissario Giuliani ma il suo telefono non cessa di squillare. Tra la munnizza, un ragazzino ha trovato il corpo di una donna. Violentata, sodomizzata con una bottiglia di vetro. Una lama le ha spento la vita. C'è un cadavere che aspetta giustizia e la giustizia corre dietro a tre Drughi, dei malacarne che hanno consacrato la loro vita alla violenza. Thomas Giuliani è la sintesi di una Palermo piena di ombre mai esplorate, di ghetti periferici e di vite consumate sull'asfalto tra le disillusioni e la precarietà degli affetti. Da Mezzanotte a zero è il tempo del dolore e di una vendetta consumata negli angoli bui di una città livida.

Da mezzanotte a zero

Zingales Vitobenicio

Una serie di racconti brevi dove si ritrovano gli elementi che compongono l'archetipo Borges: gli specchi, i labirinti, le tigri, il Don Chisciotte riscritto ma identico di Pierre Menard, la memoria inarrestabile e tormentosa di Funes.

Finzioni

Borges Jorge Luis