Narrativa

Will ti presento Will

Green John, Levithan David

Descrizione: Una sera, nel più improbabile angolo di Chicago, due ragazzi di nome Will Grayson si incontrano. Dal momento in cui i loro mondi collidono, le vite dei due Will, già piuttosto complicate, prendono direzioni inaspettate, portandoli a scoprire cose completamente nuove sull'amicizia, l'amore e su loro stessi.

Categoria: Narrativa

Editore: Piemme

Collana: Freeway

Anno: 2014

ISBN: 9788856641660

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Will ti presento Will” di John Green & David Levithan), ambientato nel Midwest sulle sponde del lago Michigan, appartiene al cosiddetto young adult, ossia il genere che tratta temi relativi agli adolescenti dal loro punto di vista.

In particolare, i capitoli alternano due punti di vista: quello di Will dell’Illinois e quello di Will dell’Ohio.
Il primo ha un generoso, grande (e grosso) amico gay, Tiny, ma si accinge a vivere con originalità (scherzando sulla “faccenda del gatto di Schrödinger”) un’esperienza sentimentale con Jane.
Il secondo redige i suoi capitoli senza maiuscole, assume antidepressivi, ha un’amica che lo assedia, Maura, ma coltiva l’intenso rapporto virtuale con Isaac (“è un gioco tra noi. la maggior parte del tempo non facciamo sul serio… altre volte invece scegliamo l’approccio da romanzetto rosa”), del quale è innamorato. Quando decide di recarsi a Chicago per conoscerlo… è allora (“Io ero lì per usare la mia patente falsa e lui è entrato per incontrare il suo falso fidanzato”) che incontra il suo omonimo Will Grayson (“di base sono entrato in un sexy shop a cercare isaac e ne sono uscito con un altro will grayson”).
I due mondi adolescenziali che ruotano intorno ai due Will (“Sì, abbiamo lo stesso nome, ma non siamo mica gemelli telepatici”) entrano così in contatto e ne scaturisce un’osmosi basata sulle preferenze sessuali del secondo Will e di Tiny, nonché sul musical che quest’ultimo sta mettendo in scena…

La “diversità” è rappresentata con disinvoltura, i colloqui sono traslati nella narrazione diaristica, alcune trovate sono piacevoli e divertenti e calzano le forme di adolescenti alla ricerca di identità, relazioni sociali veraci e felicità.
Lo stile del romanzo è ovviamente contaminato dallo slang giovanile e abbonda di espressioni grevi; la trama è lieve ed effervescente, disseminata di principi (“Due semplicissime regole: 1. Fregatene. 2. Stai zitto. Tutte le cose più brutte che mi siano mai successe sono nate dall’avere infranto una di queste regole”), propositi (“non ingannare mai le persone perché, quando inizi e scopri quanto è facile, è difficilissimo fermarsi”) e pseudo-verità (“e poi ci sono sere come questa, in cui viene fuori la verità, perché è quello di cui abbiamo più bisogno…”).

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Levithan

John,

Green

Libri dallo stesso autore

Intervista a Green John, Levithan David


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

È sabato mattina e Rosie e Jonathan sono a letto in un momento di intimità, quando il telefono inizia a squillare senza tregua. Sul display compare un numero sconosciuto. Ancora non sanno che quella telefonata di per sé insignificante manderà all'aria tutta la loro vita. Più che quarantenni, Rosie e Jonathan sono gli unici fra i loro amici a non aver messo su famiglia e a vivere da eterni fidanzati in un quadrilocale che sembra arredato da due studenti. Impossibile immaginare che a pochi giorni da quel sabato Jonathan si inginocchierà davanti a Rosie chiedendole di sposarlo e seguirlo in California! La prima a storcere il naso di fronte all'improvvisa proposta è l'energica nonna Soapie: sognatrice, anticonformista, irriverente, Soapie ha sempre spronato Rosie a osare nella vita, a coltivare le sue passioni e seguire i suoi desideri. Per questo non capisce cosa spinga la nipote sull'altra sponda dell'oceano, dietro a un ragazzotto con la passione per le tazzine di porcellana. Ma il destino è sempre pronto a stuzzicarci e quando Rosie sarà messa di fronte a un'altra scelta cruciale, dovrà per forza decidere quale partita giocare. Perché la grande regola della vita è che non è mai troppo tardi per correggere il tiro e la felicità è sempre più vicina di quanto immaginiamo. Basta ricordarselo.

Non c’è niente che non va, almeno credo

Dawson Maddie

"Se c'è una parola che mi pervade l'animo quando penso a O, questa è pudore. Sarebbe troppo arduo motivarla. E quel vento che corre incessante, che attraversa tutte le stanze. Così soffia anche in O uno spirito, non saprei dir quale, sempre puro e violento, senza tregua, senza ombre. Uno spirito decisivo, che nulla può turbare, né i sospiri né gli onori, né l'estasi né la nausea. L'Histoire d'O, dall'inizio alla fine, procede come un'azione travolgente. Evoca un discorso più che una mera effusione; una lettera più che un diario intimo. Ma a chi è indirizzata la lettera? E chi vuole persuadere il discorso? A chi domandarlo? Non so neppure chi lei sia." (Jean Paulhan)

HISTOIRE D’O

Réage Pauline

Il carnevale dei delitti

Elpis Bruno

Alla vigilia del suo nono compleanno, la timida Rose Edelstein scopre improvvisamente di avere uno strano dono: ogni volta che mangia qualcosa, il sapore che sente è quello delle emozioni provate da chi l'ha preparato, mentre lo preparava. I dolci della pasticceria dietro casa hanno un retrogusto di rabbia, il cibo della mensa scolastica sa di noia e frustrazione; ma il peggio è che le torte preparate da sua madre, una donna allegra ed energica, acquistano prima un terrificante sapore di angoscia e disperazione, e poi di senso di colpa. Rose si troverà così costretta a confrontarsi con la vita segreta della sua famiglia apparentemente normale, e con il passare degli anni scoprirà che anche il padre e il fratello - e forse, in fondo, ciascuno di noi - hanno doni misteriosi con cui affrontare il mondo. Mescolando il realismo psicologico e la fiaba, la scrittura sensuale di Aimee Bender torna a regalarci una storia appassionante sulle sfide che ogni giorno ci pone il rapporto con le persone che amiamo.

L’INCONFONDIBILE TRISTEZZA DELLA TORTA AL LIMONE

Bender Aimee