Letteratura femminile

SCRITTO SUL CORPO

Winterson Jeanette

Descrizione: Una passione d'amore bruciante, un lungo viaggio nelle profondità del desiderio di una donna per un'altra donna.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Mondadori

Collana:

Anno: 2000

ISBN: 9788804480198

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

 

“Tu sei ciò che so”: tutto l’amore in un frase che non ti aspetti.

Poche parole per descrivere quel sentimento che ti entra dentro fino alle ossa, passando attraverso la pelle, i tessuti ed i tendini; che ti scorre dentro nelle vene e che, una volta perduto, non può che produrre lo svuotamento, l’inaridimento e l’annientamento di chi lo prova.

Jeanette Winterson scrive dell’amore e lo fa con un’intensità tale da non lasciare spazio a compromessi o a sue versioni contraffatte “perché un’emozione precisa richiede un’espressione precisa”.

Il lettore si ritrova a vivere la passione per una donna dai capelli accesi di fuoco e gli occhi verdi “distanti simili a mandorle”, che nella sua nudità diafana appare simile ad un’eroina preraffaelita. E’ Louise, con la sua infelice e fragile vita matrimoniale capitata quasi per caso, una donna vera ed intensa, capace di vivere un nuovo amore con il coraggio che merita: “Non dire mai che mi ami fino al giorno in cui non me lo dimostri“.

L’io narrante – di cui la Winterson non ci rivela, abilmente, il sesso – si fa per noi occhio, naso, orecchio e cuore: il lettore vive Louise ed il desiderio per lei in prima persona. La cerca, l’accarezza, la bacia e la possiede con l’ardore che una passione sconcertante e viscerale, come quella descritta in queste pagine, richiede.

La Winterson ci dà una lezione di “sentimenti” e di erotismo eccellente. Lo fa senza preconcetti, scardinando dinamiche comportamentali e sociali diffuse e tacitamente condivise, quali l’adulterio ed il matrimonio come garanzia d’amore. Ci fornisce un’immagine dei legami “amorosi”, ripuliti dalla patina di ipocrisia e opportunismo che li ricopre, mostrandone la loro reale consistenza, chiamando le cose con il loro nome: infedeltà, appagamento, imbroglio, rassegnazione.

Il desiderio è radicato nell’uomo, è il motore della vita, è la forza dello slancio a cui ogni individuo non dovrebbe sottrarsi perché, ricordando ironicamente la celebre scena del film King Kong “di fronte alla morsa del desiderio, un biplano a due posti con la scritta OGGI SPOSI sulla fiancata riuscirebbe a malapena a fare un graffio al bestione“.

Il desiderio pretende coraggio ed è più facile accettare i compromessi che la società ci propone, piuttosto che viverlo. D’altronde, riflette con una nota di amarezza l’io narrante, “chi abbandonerebbe il focolare per il mare aperto?“. Non importa se l’appagamento del focolare non è altro che la versione in positivo della rassegnazione, se ciò serve a conservare la “tranquillità” e a salvare le apparenze. L’importante però è avere contezza del fatto che “quello che si rischia è misura di ciò che si vale“.

“Scritto sul corpo” è un manuale sull’amore da cui attingere spunti di riflessione ed in cui perdersi, senza filtri né pregiudizi, vinti dalla passione e catturati dagli enigmi dell’erotismo, finalmente consci del fatto che “non è giusto portare il cappotto, le babbucce con il pelo e i guanti quando quello che il corpo vuole davvero è starsene nudo“.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jeanette

Winterson

Libri dallo stesso autore

Intervista a Winterson Jeanette


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La quiete caotica di Milano viene sconvolta dall'invasione di miriadi di topi: per risolvere il maligno problema interviene un personaggio inquietante, dotato di un carisma perverso e ammaliante, capace di un potere al di là di ogni immaginazione. La sua vendetta porterà gli incubi umani a livelli insostenibili: egli verrà a mostrare quanto la paura possa farsi realtà e rendersi manifesta in luoghi a noi familiari, magari seduta accanto a noi su un vagone della metropolitana, o nascosta nella musica di una notte maledetta. Dentro una storia che attraversa continenti e secoli, che trasforma l'eternità in un singulto d'amore, conosceremo un personaggio pericoloso e struggente, che calca le sue orme crepuscolari a perseguire un solo scopo, l'unico che gli permette di non soccombere alla Vita: nutrirsi di Bellezza. Il Grande Notturno è già in mezzo a noi.

IL GRANDE NOTTURNO

Delacroix Ian

Con le armi del grande narratore, Ermanno Rea conduce un’indagine in forma di diario sulle ragioni del suicidio di Francesca Spada, giornalista culturale de “l’Unità” e critico musicale. A ospitare la vicenda è una Napoli lacerata dalla guerra fredda. L’inchiesta è resa difficile dalla distanza temporale da eventi avvenuti oltre trent’anni prima, in un momento in cui le coscienze si confrontavano in modo ossessivo con la politica. Una stagione per certi versi drammatica in cui si intersecano le ragioni esistenziali dei protagonisti, il destino di una città come Napoli (il cui porto era controllato di fatto dagli americani), le incertezze di una generazione appena uscita dalla guerra, alle prese per di più con un Partito comunista ancora fortemente ancorato all’identità stalinista. A poco a poco, con un andamento concentrico, si fa luce sulla complessità dei fatti che spinge la giovane giornalista al suo atto estremo. Da storia privata quindi l’indagine si fa storia collettiva di un’intera classe politica, di una generazione, delle sue speranze e dei suoi valori. Il romanzo-inchiesta di Ermanno Rea, premio Viareggio 1996: forse il suo capolavoro.

Mistero napoletano

Rea Ermanno

Infanzia e adolescenza costituiscono la trama quasi romanzesca di Memorie d'una ragazza perbene, prima parte dell'autobiografia di Simone de Beauvoir. Le tappe obbligate d'una educazione sentimentale, l'inevitabile scontro con la famiglia e l'ambiente sociale dell'alta borghesia francese conservatrice e bigotta, i meschini pregiudizi d'un mondo in declino insieme con i primi dubbi, i contrasti sentimentali, le tensioni, accompagnano il lungo viaggio verso la conquista di sé, fino agli anni dell'università e l'incontro con alcune tra le piú note figure della cultura francese, da Simone Weil a Raymond Aron, da Merleau-Ponty a Roger Vailland e Jean-Paul Sartre.

MEMORIE DI UNA RAGAZZA PERBENE

De Beauvoir Simone

Trentacinquenne londinese, la protagonista di questo romanzo è considerata una brava moglie. Devota e innamorata, vive in modo consapevole la nuova vita coniugale con i suoi alti e bassi, mai però dimentica del passato da single. Ma un giorno la brava moglie incappa in un sospetto. Un sospetto indicibile, che fa crollare in un soffio le certezze conquistate a fatica e il legame ventennale con la migliore amica. Il momento di crisi le dischiude però una possibilità, le apre una strada che lei percorre con coraggio e che la porta a scendere nel profondo di se stessa, a tu per tu con i desideri inconfessabili, con la più sincera scoperta del sesso. Passo dopo passo, sino a quel fondo che molte donne riescono solo a intravedere, seguiamo la protagonista nelle sue tappe più scabrose. Dopo aver ammesso di non essere mai riuscita a raggiungere l'orgasmo con il marito, di essere stata pavida nella scelta professionale, di riconoscere nel proprio compagno un uomo ordinario e un po' noioso, rivela di sognare un amante che la leghi al letto e donne che la tocchino. Risponde "voglio fare sesso" a un taxista che le domanda la destinazione, si tuffa in una relazione clandestina con un ragazzo più giovane... Esplorando l'universo femminile nelle sue pieghe più segrete, dando voce a quello che molte donne non riescono a dire, nemmeno a se stesse, questo romanzo raggiunge esiti di particolare, persuasiva verità.

LA SPOSA NUDA

Gemmell Nikki