Letteratura femminile

SCRITTO SUL CORPO

Winterson Jeanette

Descrizione: Una passione d'amore bruciante, un lungo viaggio nelle profondità del desiderio di una donna per un'altra donna.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Mondadori

Collana:

Anno: 2000

ISBN: 9788804480198

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

 

“Tu sei ciò che so”: tutto l’amore in un frase che non ti aspetti.

Poche parole per descrivere quel sentimento che ti entra dentro fino alle ossa, passando attraverso la pelle, i tessuti ed i tendini; che ti scorre dentro nelle vene e che, una volta perduto, non può che produrre lo svuotamento, l’inaridimento e l’annientamento di chi lo prova.

Jeanette Winterson scrive dell’amore e lo fa con un’intensità tale da non lasciare spazio a compromessi o a sue versioni contraffatte “perché un’emozione precisa richiede un’espressione precisa”.

Il lettore si ritrova a vivere la passione per una donna dai capelli accesi di fuoco e gli occhi verdi “distanti simili a mandorle”, che nella sua nudità diafana appare simile ad un’eroina preraffaelita. E’ Louise, con la sua infelice e fragile vita matrimoniale capitata quasi per caso, una donna vera ed intensa, capace di vivere un nuovo amore con il coraggio che merita: “Non dire mai che mi ami fino al giorno in cui non me lo dimostri“.

L’io narrante – di cui la Winterson non ci rivela, abilmente, il sesso – si fa per noi occhio, naso, orecchio e cuore: il lettore vive Louise ed il desiderio per lei in prima persona. La cerca, l’accarezza, la bacia e la possiede con l’ardore che una passione sconcertante e viscerale, come quella descritta in queste pagine, richiede.

La Winterson ci dà una lezione di “sentimenti” e di erotismo eccellente. Lo fa senza preconcetti, scardinando dinamiche comportamentali e sociali diffuse e tacitamente condivise, quali l’adulterio ed il matrimonio come garanzia d’amore. Ci fornisce un’immagine dei legami “amorosi”, ripuliti dalla patina di ipocrisia e opportunismo che li ricopre, mostrandone la loro reale consistenza, chiamando le cose con il loro nome: infedeltà, appagamento, imbroglio, rassegnazione.

Il desiderio è radicato nell’uomo, è il motore della vita, è la forza dello slancio a cui ogni individuo non dovrebbe sottrarsi perché, ricordando ironicamente la celebre scena del film King Kong “di fronte alla morsa del desiderio, un biplano a due posti con la scritta OGGI SPOSI sulla fiancata riuscirebbe a malapena a fare un graffio al bestione“.

Il desiderio pretende coraggio ed è più facile accettare i compromessi che la società ci propone, piuttosto che viverlo. D’altronde, riflette con una nota di amarezza l’io narrante, “chi abbandonerebbe il focolare per il mare aperto?“. Non importa se l’appagamento del focolare non è altro che la versione in positivo della rassegnazione, se ciò serve a conservare la “tranquillità” e a salvare le apparenze. L’importante però è avere contezza del fatto che “quello che si rischia è misura di ciò che si vale“.

“Scritto sul corpo” è un manuale sull’amore da cui attingere spunti di riflessione ed in cui perdersi, senza filtri né pregiudizi, vinti dalla passione e catturati dagli enigmi dell’erotismo, finalmente consci del fatto che “non è giusto portare il cappotto, le babbucce con il pelo e i guanti quando quello che il corpo vuole davvero è starsene nudo“.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jeanette

Winterson

Libri dallo stesso autore

Intervista a Winterson Jeanette


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Sette racconti, sette ritratti di donna. Ragazze in lotta per l'amore, la maternità, il lavoro; donne che fanno carriera o ereditano fortune; donne che perdono il lavoro, vengono tradite e lasciate, provano a fare i conti con la sconfitta; che ricominciano, si ribellano, navigano a vista tra le tempeste del quotidiano. Accanto a loro uomini disorientati, capaci solo di lasciarsi vivere, privi del coraggio, dell'ironia ma certe volte anche della solitudine che circonda le loro compagne. Con uno stile asciutto Paolo Cognetti descrive, tra educazioni sentimentali e racconti di formazione, i capitoli di un immaginario "manuale per ragazze di successo": sette modi di trovare o perdere la felicità, sette storie che parlano con la voce di una nuova femminilità.

Manuale per ragazze di successo

Cognetti Paolo

Altissime, insuperabili montagne di liscia pietra cingono d'ogni lato il paesino di K. e la Valle delle Montagne Chiuse in cui esso si trova. Al di là di esse non c'è mondo né vita. È questo ciò che ha sempre sentito ripetere Basin, un ragazzino la cui storia sarà al centro delle vicende narrate. Chiuso dal padre nella casa di Cardelio, sommo Maestro delle "Lettere d'eleganza", lo vedremo impegnato nel lungo, disorientante e ipnotico cammino per divenirne il successore. Nel paesino c'è un'unica osteria. E si mormora che lì, ogni notte, si riuniscano certi misteriosi vegliardi dall'incredibile, ottima salute. E che proprio di questo ogni notte fantastichino: spazi senza fine al di là degli insormontabili bastioni. Si dice anche che a volte, seduti attorno al grande camino, pronuncino in un soffio il nome, proibitissimo, delle mitiche Terre Rosse e quello, addirittura blasfemo, del Capitano di Bastur...

Alvigini vince il premio Città di Como 2019

Alvigini Claudio

C'è una donna che lo cerca: è una biologa russa, affascinante. In un'osteria affacciata sulla laguna di Venezia dichiara di voler clonare un cavallo portentoso, quello del monumento a Bartolomeo Colleoni in campo San Zanipolo. Alvise Pàvari dal Canal ne ha sentite tante nella vita, ma questa le batte tutte. Clonare una statua? Certo che no, gli spiega dolcemente la russa. Lei allude a tessuti organici di cinquecento anni fa, perfettamente conservati. Alvise finge di non capire, ma pensa alla teca con due sfere di vetro ambrato custodita nel palazzo avito sul Canal Grande. E una leggenda di famiglia ci trascina indietro nel tempo: al banchetto di cento portate in cui il Colleoni, capitano generale della Serenissima, conquista una donna troppo piena di vita per accontentarsi del vecchio marito mercante; alla frenesia di amorosi sensi che Leonardo da Vinci, giunto in laguna da Firenze, scatena a Ca' Pàvari, seminando nostalgia inguaribile e un capolavoro sorprendente.

DUE BELLE SFERE DI VETRO AMBRATO

Caponetti Giorgio

Il principe della Marsiliana

Perodi Emma