Fantasy

Witch & Wizard – Il fuoco

Patterson James

Descrizione: In un mondo dominato dal Nuovo Ordine, il regime autoritario che ha abrogato le leggi democratiche e proibito qualsiasi forma di libertà, due ragazzi lottano per la propria sopravvivenza e per la salvezza dell'umanità intera... Hanno combattuto con coraggio, ma hanno fallito. E adesso Whit e Wisty Allgood sono costretti ad assistere impotenti all'esecuzione dei loro genitori. Ed è solo l'inizio. Nel giro di pochissimi giorni, le guardie nel Nuovo Ordine fanno irruzione nel quartier generale della Resistenza, portando via tutti coloro che avevano aiutato i fratelli Allgood. Potendo contare solo sulle proprie forze, Whit e Wisty decidono allora di tentare il tutto per tutto, sferrando un attacco direttamente contro l'Unico tra gli Unici. E ben presto si rendono conto con orrore che ogni incantesimo lanciato su di lui non ha nessun effetto, se non quello di renderlo ancora più forte...

Categoria: Fantasy

Editore: Nord

Collana: Narrativa Nord

Anno: 2014

ISBN: 9788842921271

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

James Patterson mi ha talvolta divertito nei romanzi del profiler Alex Cross e nei legal/romantic thriller che hanno per protagoniste le quattro ragazze del club omicidi. Con il presenzialismo narrativo tuttologico che anima gli scrittori “che vendono”, lo stesso autore ha inaugurato una nuova serie di romanzi fantasy-distopici: “Il fuoco” è il terzo appuntamento.

Difficile esprimere un giudizio positivo per una storia che riecheggia ambientazioni e  sortilegi alla Harry Potter (“La ragazza che può trasformarsi in una torcia umana”), senza possederne il copyright.

Witch & Wizard sono fratelli, hanno perduto i genitori e sono perseguitati dai sicari di un tiranno crudele (“Uomo sorridente che scioglie il volto dei bambini”) e malefico (“L’Unico si gira e nello stesso istante il giovane viene sbalzato in alto, come soffocato da una morsa invisibile”) che ha instaurato un clima di terrore e di persecuzione degli oppositori.

In apertura, in uno scenario ove la pestilenza dilaga, Witch cerca di salvare la sorella Wisty, colpita dalla malattia, cercando di riattivare in lei i poteri dei quali è dotata (“Wisty mi fa l’occhiolino… Quando si tratta di trasformare i corpi, i roditori sono la sua specialità”); i due transfughi (“Sono un ricercato, un criminale di altissimo profilo il cui volto è appiccicato su ogni muro, ogni lampione della capitale”) sono soccorsi da una famiglia, i Neederman, (“Per espresso decreto dell’Unico tra gli Unici, i membri di questo nucleo familiare sono in arresto per le assai spregevoli azioni di aver dato asilo a due pericolosissimi latitanti…”) i cui membri aderiscono alla Resistenza che si oppone al nuovo ordine.

Il ricorso a concetti astratti (“Mentre gli altri marciscono per la Peste come topi di fogna, il Dono ha ancora la meglio”) ed esoterici (“Il tipo di gesta che avevano in mente le Profezie”), la ritualizzazione degli eventi (“Gli antichi racconti della Ricorrenza”), i cenni a dimensioni parallele (“Celia ad attendermi a Shadowland”) non attenuano l’umorismo involontario di situazioni che pretenderebbero di essere drammatiche o di suscitare tensione.

Pur non essendo un appassionato del genere, ritengo che il mio giudizio non dipenda soltanto dalle mie preferenze letterarie.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

James

Patterson

Libri dallo stesso autore

Intervista a Patterson James

Il giorno perfetto è quello in cui Camilla compie sette anni, Zero fa esplodere la prima bomba in un McDonald's, Emma perde il lavoro, Kevin le mutande, Elio recita il discorso sbagliato al suo comizio elettorale, Valentina fa un piercing all'ombelico, Maja trova la casa dei suoi sogni, Sasha festeggia l'anniversario dei dieci anni con l'amante, Antonio vede la moglie per l'ultima volta e qualcuno carica con 7 colpi +1 la sua pistola. Vittime e assassini si aggirano nella stessa città - una Roma caotica e magnifica -, a volte le loro strade si incrociano, a volte no. Ma questo non è un giallo. I ruoli non sono stabiliti. Perché anche un minimo gesto, una sola parola, potrebbe deviare la traiettoria, e la trama, e trasformare il finale.

Un giorno perfetto

Mazzucco Melania G.

Nel 1878 Goethe pubblicò una seconda stesura del romanzo, destinata a diventare un classico della letteratura tedesca mondiale. Ai nostri giorni, passate le mode e i furori wertheriani, e di là dalla sua importanza storica come primo grande testo del romanticismo, l'opera conserva un fascino profondo, una sua inconfondibile originalità che si dispiega nell'adesione della frase ai successivi stati emozionali del personaggio, ora rapito nell'osservare la bellezza estasiante di un frammento di natura, ora rinchiuso in se stesso, mentre nel suo cuore si agitano tempestose passioni.

I dolori del giovane Werther

Goethe Johann Wolfgang

RICORDATEVI DI ME

Clark Mary Higgins

Perché, poco prima delle Idi di marzo, il giorno fatidico in cui venne ucciso, Giulio Cesare rinunciò a essere accompagnato dalla scorta? E perché proprio Bruto e Decimo, gli uomini più vicini al dittatore, avrebbero dovuto desiderarne e organizzarne la fine? Perché, mentre si recava alla Curia, il dittatore di Roma ignorò tutti coloro che lo avvertivano che sarebbe stato vittima di un complotto? E infine perché, quando venne portato via dopo essere stato accoltellato a morte, un lembo della tonaca gli copriva il viso? Secondo Cicerone il dittatore avrebbe provato vergogna per le smorfie di dolore che gli contraevano il volto nel momento della morte, e si sarebbe coperto per nasconderle. Ma se la ragione fosse un'altra? Furono gli schiavi dello stesso Cesare a portare via il corpo del padrone, con il viso nascosto dalla toga. E solo dopo un certo tempo il medico Antistione dichiarò che Cesare era stato colpito da diciotto coltellate, di cui una mortale. Ai tanti enigmi che si affollano intorno alla più famosa congiura della storia, Franco Forte dà un'incredibile risposta nelle pagine di questo romanzo: e se Giulio Cesare non fosse affatto morto alle Idi di marzo? Forse la congiura non aveva la finalità di ucciderlo, ma di sottrarlo allo scomodo e gravoso incarico di padre-padrone di Roma. Offrendogli così la possibilità di tornare a dedicarsi a ciò che nella vita aveva sempre amato: essere alla testa di una legione, la Legio Caesaris, e combattere per la gloria personale e dell'Urbe. Con un ulteriore obiettivo, che solo una mente ambiziosa come quella di Cesare poteva escogitare: raggiungere i confini del mondo alla ricerca della dimora degli dèi, per strappare loro il segreto della vita eterna. Tra colpi di scena strabilianti e gustosissimi cammei di personaggi storici, Franco Forte ci regala la prima epica avventura di Cesare e della sua nuova legione.

Cesare l’immortale

Forte Franco