Libri per ragazzi

WONDER

Palacio R. J.

Descrizione:

Categoria: Libri per ragazzi

Editore: Giunti

Collana: Biblioteca Junior

Anno: 2013

ISBN: 9788809058347

Trama

Le Vostre recensioni

Molto spesso si sottovaluta quella che viene definita letteratura per ragazzi. I libri destinati agli adolescenti (spesso non si sa con quale criterio) sono oramai una realtà consolidata e nulla hanno da invidiare alla letteratura considerata più importante.

Wonder è un libro che fa riflettere.

Quando una persona si allontana dalla cosiddetta normalità, tendiamo a considerarla “diversa” in ogni aspetto.

August si considera un ragazzino come tutti gli altri, anche se il suo aspetto è tale. Ha imparato fin da piccolo a leggere le manifestazioni di discriminazione, di disgusto e di pietà degli altri, a decodificarle anche quando ben mascherate, e ha trovato il modo per non farsi ferire ancora e ancora. Sua sorella invece deve fare i conti con l’atteggiamento della famiglia che, come spesso succede, quando uno dei figli è bisognoso di maggiori cure senza volerlo carica gli altri di un peso difficile da portare.

Con Wonder scopriamo che anche i ragazzini sanno essere crudeli, quasi fino al sadismo, ma se lasciati liberi di ascoltare il proprio cuore senza falsi pietismi e imposizioni dettate dalle convenzioni sociali, riescono a sorprenderci con la loro forza e intuizione.

Un libro amaro, ironico, commovente e positivo. Il lieto fine è conquistato a fatica ed è quasi liberatorio. Si sente l’eco di tante esperienze reali, di tante persone considerate diverse che riescono, mostrandoci in fondo la loro normalità, a renderci migliori.

L’amore e la gentilezza sono elementi fondamentali di questo libro; lo percorrono tutto, sconfiggendo la cattiveria, senza peraltro cancellare il dolore, la frustrazione, il senso di colpa, l’ansia, la difficoltà che si provano in un nucleo familiare “diverso”.

Il tutto è reso in modo originale, chiaro, senza indugiare su particolari morbosi, spingendo chi legge a riflettere anche su se stesso e via via ad identificarsi con i vari personaggi che raccontano la propria versione di ciò che accade.

In un momento in cui l’intolleranza sembra farla da padrona, vale la pena di riflettere sulla storia di August, che forse, in qualche aspetto, è la storia di molti di noi.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

J.

R.

Palacio

Libri dallo stesso autore

Intervista a Palacio R. J.


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"Prima del silenzio". Una notte d'inverno, la strada ghiacciata, neve tutt'intorno, un'auto sbanda, si schianta contro un albero, il guidatore è gravemente ferito. Aveva appuntamento con lo sconosciuto che poche ore prima aveva rapito suo figlio Sven, mentre era fuori casa con il fratello maggiore. Adesso tutto è inutile: l'uomo sa che sta per morire. E sa che anche suo figlio morirà. "Dopo il silenzio". Da ventitré anni lo psichiatra Jan Forstner vive con l'angoscia della scomparsa del fratellino. Tutto ciò che gli resta è un registratore che Jan aveva portato con sé la notte in cui erano usciti insieme e dove sono incise le ultime parole di Sven: "Quando torniamo a casa?" E poi il silenzio. E gli incubi che da quella notte non hanno smesso di tormentarlo. La notte in cui il padre è morto in un incidente d'auto. La vita di Jan si riassume tutta in quella notte: ha studiato psichiatria come suo padre, si è specializzato in criminologia e ora è tornato al punto di partenza: alla Waldklinik, la clinica dove lavorava il padre e dove adesso lavorerà anche lui. Vorrebbe ricominciare a vivere, lasciarsi alle spalle l'incubo, ma quando una paziente della clinica si suicida. Jan si trova coinvolto in un'indagine che svelerà un segreto atroce rimasto sepolto per ventitré anni...

IL SUPERSTITE

Dorn Wulf

Elena è una ragazza madre. Giulio, il suo primo amore, ha abbandonato lei e il piccolo Giovanni, detto Anni. Elena ha bisogno di un lavoro, per inseguire il suo sogno di fare l’attrice decide di lasciare la pellicceria di Margoni, e lui che pure è innamorato di lei, fa di tutto per aiutarla procurandole un lavoro come attrice. Un giorno Elena incontra Pietro, ricco bello e sfrontato, che la corteggia insistentemente e lei, anche se sa di essere solo una delle tante conquiste, si lascia sedurre. Nel frattempo, rifiuta le avances del suo capo Tauscher e perde il lavoro. Scopre che Pietro sta per sposarsi con un’altra donna e si ritrova sola. Senza lavoro e senza protezione inizia una carriera nel cabaret. Solo un colpo di fortuna la salva: il suo capo la aiuta, Margoni la riprende a lavorare in pellicceria e Pietro, di cui ormai è innamorata, torna per vivere con lei qualche mese d’amore, finché la loro storia non si scontra con le comodità di una vita troppo bella per potervi rinunciare, e Pietro scappa. Così, sconfitta e delusa, Elena torna a quello che conosce e che spera di riuscire ad amare: il lavoro, l’affezionato Margoni, la casa, il figlio. Tranquilla e rassegnata, vive anni sereni, finché un nuovo vecchio amore, il terzo amore appunto, non torna a risvegliare in lei il suo inesausto bisogno di avventura.

Appuntamento a Trieste

Scerbanenco Giorgio

Cronaca di un viaggio irripetibile, "... di due giovani partiti da minuscoli paesi sul fiume Po e andati in Messico, per vivere quella libertà che, senza saperlo, si portavano già dentro". L'autore racconta che "... tutto il peregrinare in luoghi più o meno esotici, prima e dopo il Viaggio, è stato qualcosa di diverso, forse più chiaro, ma diverso. Ecco perché, quando mi trovai ad attraversare la Sierra Madre del Sud, sulla strada che porta da Puerto Escondido a Oaxaca, ebbi una visione che mi scaldò il cuore. Transitavamo su uno dei passi più alti della Sierra, un pianoro con due baracche o poco più. Una bambina indio correva nel prato che dava sul vuoto; correva contro il vento, con la bocca aperta, indossando un vestito chiaro sul quale erano appuntati grossi fiori scuri. Il cartello stradale diceva che eravamo arrivati in un luogo chiamato La Luna". Accompagnano la narrazione, le fotografie in bianco e nero di Andrea Longhini.

VIAGGIO SULLA LUNA

Bocchi Vittorio

La presente opera intende "umanizzare" la figura del filosofo, calandolo in un contesto familiare e sociale, e lasciando emergere come il rapporto con le donne (madri, mogli, sorelle, figlie e amanti) finisca per influenzarne la visione del mondo. Scopriamo, infatti, nelle biografie dei grandi pensatori del passato, figure di donne che, nel bene o nel male, ne hanno condizionato la vita e le opere. A volte donne-angelo, a volte donne-diavolo, le immaginiamo ora attente e vigili nei confronti dei figli (Santa Monica con Sant'Agostino), ora scorbutiche verso mariti assorti in più elevati pensieri (Santippe e Socrate). La ricerca vuole dare luce a queste compagne di viaggio, senza la pretesa di esautorare i filosofi dal loro piedistallo e senza la presunzione di poter essere descrizione esaustiva delle loro vite. Ci si accontenterà di soffermarsi in modo più esauriente su alcuni, quando esaurienti saranno state le fonti reperite, e meno su altri, quando le fonti saranno state avare, sperando di far cosa gradita a chi ama non solo il pensiero del "filosofo", ma anche a chi è attento nel considerarne il tratto storico-biografico e il suo essere uomo con pregi, difetti, debolezze, fragilità.

Il volto femminile della filosofia

Rocca Miriam