Narrativa

XXI Secolo

Zardi Paolo

Descrizione: In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un'Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d'acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un'intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d'urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Categoria: Narrativa

Editore: Neo Edizioni

Collana:

Anno: 2015

ISBN: 9788896176313

Recensito da Antonella Di Martino

Le Vostre recensioni

UN TANFO DI MORTE

Neo. Edizioni. Una piccola casa editrice ha prodotto un possibile Strega: cosa c’è sotto il XXI Secolo di Paolo Zardi? Qualcosa di sospetto, anzi di rancido: un aggettivo che ricorre spesso in quest’opera anomala, che è un romanzo, una storia d’amore, una visione distopica. Quest’ultima, la visione, mi sembra semplicistica, limitata. Sono in totale disaccordo, quindi l’ho apprezzata moltissimo.

La fine del mondo, secondo il protagonista è arrivata perché noi occidentali abbiamo perso gli artigli, i denti aguzzi e qualcosa di indefinibile, qualcosa di più. Forse la fede? Siamo diventati poveri, quindi più cattivi. Blatte, non lupi.

L’odio di classe aveva lasciato il posto all’odio razziale che andava lasciando spazio a una forma inedita di risentimento primitivo, inclassificabile, destrutturato, totalizzante.” L’odio razziale, dunque, si trasformerà in una specie di merda indefinita, che diffonderà ovunque sporcizia, distruzione e un disgustoso “tanfo di morte”. Ci disgregheremo tutti nello stesso liquame cadaverico, ricchi e poveri?

Non credo. I ricchi stanno diventando sempre più ricchi, tanto per cominciare. E poi siamo sempre stati i predatori più feroci, crudeli e distruttivi del pianeta, altro che blatte. Gli insetti vantano un istinto sociale che noi umani non possiamo nemmeno immaginare. Il peggio lo abbiamo già dato. Dopo le due guerre mondiali, qualcosa sembrava migliorato. Ora rischiamo di tornare indietro.

La mia personale visione distopica è poco rilevante, ma serve a sottolineare come questo romanzo stimoli la curiosità, la critica, il dubbio. Non è un romanzo perfetto, ma è un gran romanzo.

Le descrizioni che scavano compiacenti nel luridume e nella distruzione possono infastidire. A volte sembrano la brutta copia di certi ambienti orwelliani; ma anche questo scenario disgustoso, come il capolavoro orwelliano, dà risalto a una grande storia d’amore: un legame in apparenza ordinario che riesce a superare il tradimento, la malattia, la fine del mondo; una forza che impone un fine al caos; una motivazione che va oltre al Dna, agli istinti primordiali. L’amore nasce dalla carne, ma non è soltanto carne (la dicotomia tra carne e spirito è una semplificazione, non posso fare a meno di aggiungere). Infine l’amore è più dell’amore, una parola sola non basta a definirlo.

No, la storia d’amore non è originale, così come non lo è la distopia: l’autore ha saputo rinnovarli e unirli in un’opera che si legge d’un fiato, ma lascia molto su cui riflettere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paolo

Zardi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Zardi Paolo

Carl Streator è un uomo solitario. Ha quarant'anni, è vedovo e fa il giornalista. Mentre lavora a un reportage sulla sindrome della morte improvvisa di un neonato scopre qualcosa di terribile: la presenza in tutti i luoghi dove sono morti dei bambini piccoli del libro "Poesie e filastrocche da tutto il mondo", immancabilmente aperto su una nenia africana usata per dare la "dolce morte". Black comedy sulfurea ad alto contenuto nichilistico, Ninna nanna è una raggelante parabola sui pericoli di infezione psichica in un'epoca di proliferazione spropositata dell'informazione.

NINNA NANNA

Palahniuk Chuck

Davide ha nove anni e proprio non ne vuole sapere di andare a comprare le cose per la scuola : la mamma insiste e quel banale tragitto tra la casa e il negozio si rivelerà fatale. In coma,tra il sonno e la veglia in cui è costretto, Davide sente e “vede” le persone, distraendosi con le storie degli altri: storie di ospedale, di infermiere e lotte fra medici, come quel “dottore antipatico” che tenterà l’impossibile per salvarlo. Un rapporto speciale fatto di empatia e sensazioni che superano l’apparenza si formerà fra il medico e il ragazzino. Eppure il primo è un uomo schivo, scorbutico, un dio nel proprio lavoro ma incapace di gestire i rapporti umani; l’altro è immobile sul un letto, in condizioni disperate.

MANI CALDE

Zucca Giovanna

Questo romanzo di Sibilla Aleramo è del 1906. La sua immediata fortuna in Italia e nei paesi in cui fu tradotto segnalò una nuova scrittrice, che in seguito avrebbe fornito altre prove di valore, segnatamente nella poesia. Ma soprattutto esso richiamò l'attenzione per il suo tema: si tratta infatti di uno dei primi libri 'femmisti' apparsi da noi.

Una donna

Aleramo Sibilla

Vent'anni dopo "Woobinda", Aldo Nove ritorna con "Anteprima mondiale". Vent'anni in cui tutto è cambiato senza tradire le profetiche premesse che infiammarono allora pubblico e critica. Nove racconta un mondo mutato per sempre, giunto oggi a un punto di saturazione, e gioca la carta più difficile: descrivere con ironia e compassione una deriva che non risparmia niente e nessuno, se non un residuale senso di umanesimo a cui possiamo ancorare le nostre speranze per il futuro. "Anteprima mondiale" fa ridere e al tempo stesso tocca le nostre inquietudini più profonde, riuscendo nel paradosso di trasformare, grazie alla letteratura, ciò che ci fa spavento in qualcosa di sorprendentemente comico.

Anteprima mondiale

Nove Aldo