Giallo - thriller - noir

XY

Veronesi Sandro

Descrizione: Un albero ghiacciato, di un rosso vivo, pulsante, intriso di sangue. È la prima immagine che appare a don Ermete, Zeno e Sauro. Una strage indicibile si è consumata ai piedi di quell’albero, e solo una prodigiosa nevicata ha lenito l’orrore di quegli undici corpi straziati da undici cause di morte diverse, avvenute contemporaneamente, in un lampo. I quarantadue abitanti di Borgo San Giuda, travolti dall’onda d’urto di quel massacro, si ritrovano al centro del mondo mediatico. Semplici testimoni del male, diventano i protagonisti dimenti-cati di questa storia, e tutti insieme scivolano nella follia. Don Ermete non può abbandonare la sua gente e insieme a Giovanna Gassion, giovane psichiatra della ASL in fuga da un amore finito, cercherà in tutti i modi di mettere in salvo quel mondo di poche anime perse e mute, che sembrano lontanissime ma che in realtà siamo noi. Pagina dopo pagina sembrerà di essere lì a calcare forte il passo per non essere spazzati via da quel vento che tira gelido e senza sosta, di entrare in quelle case modeste dove germina la follia, di incrociare quegli sguardi disperati e soli, e infine di sentirsi lievi e salvi, una volta arresi davanti al mistero. X e Y, uomo e donna, fede e scienza, si incontrano e si scontrano fin quasi a sovrapporsi in un’eroica liberazione dalla dittatura della ragione, umiliata dall’assurda danza del male.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Fandango

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788860441812

Recensito da vanloon12

Le Vostre recensioni

Se esistono le parole per dirlo, è possibile”. Questo è l’assunto di partenza di XY, l’ultima fatica letteraria di Sandro Veronesi, pubblicata da Fandango, nella interessante collana Extra e, quindi, accompagnata in appendice da L’Alfier nero di Arrigo Boito, racconto del 1867.

Il curriculum del toscano Veronesi è impressionante, nel 2000 vince il Campiello (e il Viareggio) con La forza del passato e nel 2006 si aggiudica lo strega con Caos Calmo, romanzo poi tradotto in decine di lingue e da cui è stato tratto un film di successo con Nanni Moretti, Valeria Golino, Alessandro Gassman e Isabella Ferrari come protagonisti e Antonello Grimaldi alla regia.

Pertanto, ogni sua prova va guardata con interesse. In particolare quest’ultima, per quel che mi riguarda, visto che viene presentata da più parti come “invasione” di Veronesi nel thriller e nel giallo/noir. In realtà, XY è tutto tranne che un thriller o un giallo. E’ un romanzo di narrativa generale mascherato, astutamente, da altro. Infatti, dopo la tragedia iniziale (una misteriosa strage alle porte di uno sperduto borgo del Trentino), sono le figure dei protagonisti che prendono il sopravvento.

X, ovvero la figura femminile, è Giovanna Gassion. Psicologa della mutua, sognatrice mancata, sciatrice mancata. Y è Don Ermete, parroco delle 42 anime di San Giuda e devoto al santo, che nulla ha a che vedere con l’iscariota traditore. San Giuda è il protettore dei casi disperati. X e Y si uniscono di un’unione mentale ed empatica che esula dal sesso, pur lasciandolo intendere, e si basa sulla ricerca di una soluzione alla strage che, in realtà, nessuno dei due cerca. E che non c’è, o per lo meno non c’è la spiegazione. Perché, a volte, le cose semplicemente accadono, anche quelle orrende, e bisogna crederci, per fede, se non si riesce a decifrarle con la ragione. In realtà, Veronesi non sembra nemmeno volerla risolvere, quella strage. Non gli serve. Funzionale alla storia è che X e Y saranno costretti a guardarsi dentro con la scusa di affrontare qualcosa che sta fuori. Attorno a loro, il mondo di San Giuda e delle poche anime del paese, cadute presto in un abisso di sofferenza che confina con la pazzia.

XY è un romanzo profondamente intimista, che affronta da molteplici angolazioni il tema della sofferenza e dei modi di reagire alla stessa. Anche lo stile di scrittura è ricco, prezioso, veloce. Salvo alcuni dialoghi, allungati all’inverosimile dall’uso di una punteggiatura forzata che, invece di ricalcare il ritmo del parlato (o del telefonato) e’, invece, piuttosto pesante.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sandro

Veronesi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Veronesi Sandro


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Federico Rampini ha vissuto nella Silicon Valley nei primi tempi della new economy e ha sempre seguito con attenzione i temi del digitale e della rete. Ma quello che una volta sembrava contenere in sé i semi di una nuova economia, più favorevole al consumatore e più competitiva, e di una nuova società, più aperta e informata, oggi si presenta ai suoi occhi in modo molto diverso. Ormai siamo tutti connessi, sempre, e la nostra attenzione è diventata sempre più superficiale, la nostra vita sempre più multitasking, la nostra privacy sempre più esposta allo sguardo virtuale di amici e non solo. Intanto i cosiddetti "nativi digitali" vivono in un mondo dominato da "app" che sembrano poter colonizzare ogni aspetto della loro vita. I giganti del web sembrano non porsi limiti nella loro corsa alla supremmazia: vogliono mappare tutte le informazioni del mondo, connettere tutte le persone del mondo, essere il negozio unico per tutto il mondo, occupare il tempo libero di tutti. Ma possiamo permettere che tutto sia nelle mani di pochissimi? Che le nostre vite intime, professionali, politiche siano affidate alle grandi aziende digitali? E che succederebbe se dovessimo scoprire che alcune di loro sono diventate davvero cattive?

Rete padrona

Rampini Federico

Arrivano tutte le sere, d'estate. Scaricano da un furgoncino un divano, tavolini e lampade. E pescano. L'alcolizzato abita in una Baracca. I ragazzi vanno da lui a raccattare i vuoti per rivenderseli e comprare qualcosa, un hamburger oppure una scatola di proiettili. Quel giorno il ragazzino sceglie i proiettili. La seconda guerra mondiale è appena finita, e nessuno fa caso a un adolescente con un fucile sottobraccio, fermo a una stazione di servizio. Il ragazzino è un uomo e ricorda, prima che il vento si porti via tutto, l'America e i suoi sogni, l'alcolizzato e le sue bottiglie, i due sul divano in riva al lago. La scelta, leggera e terribile, tra hamburger e proiettili, un colpo di fucile in un campo di meli e l'amico bello e ferito, lasciato lì a morire dissanguato. "American Dust" è un'elegia delicata e sorprendente, in cui l'infanzia e la morte danzano insieme, avvolte nella polvere del sogno americano.

AMERICAN DUST

Brautigan Richard

Costellazioni di Ilaria Spes

Nella Germania della Seconda guerra mondiale, quando ogni cosa è in rovina, una bambina di nove anni, Liesel, inizia la sua carriera di ladra. All'inizio è la fame a spingerla, e il suo bottino consiste in qualche mela, ma poi il vero, prezioso oggetto dei suoi furti sono i libri. Perché rubarli significa salvarli, e soprattutto salvare se stessa. Liesel infatti sta fuggendo dalle rovine della sua casa e della sua famiglia, accompagnata dal fratellino più piccolo e diretta al paese vicino a Monaco dove l'aspetta la famiglia che li ha adottati. Nell'inverno gelido e bianco di neve, il bambino non ce la fa, ed è proprio vicino alla sua tomba che lei trova il primo libro. Il secondo, invece, lo salva dal fuoco di uno dei tanti roghi accesi dai nazisti. Col passare del tempo il numero dei libri cresce e le parole diventano compagne di viaggio, ciascuna testimone di eventi terribili ai quali la bambina sopravvive, protetta da quei suoi immortali, straordinari, amorevoli angeli custodi.

Storia di una ladra di libri

Zusak Markus