Dal libro al film

Youth – La giovinezza

Sorrentino Paolo

Descrizione: Fred e Mick, due amici alla soglia degli ottanta, trascorrono una vacanza in un hotel di lusso sulle Alpi. Fred è un direttore d’orchestra in pensione, Mick un regista ancora in attività. Sanno che il loro futuro si va esaurendo e decidono di affrontarlo insieme. Guardano con tenerezza alla vita confusa dei loro figli, a quanti sembrano poter disporre di un tempo che a loro non è dato. E mentre Mick si affanna a concludere la sceneggiatura di quello che sarà il suo ultimo e più significativo film, Fred, che da anni ha rinunciato alla musica, non intende assolutamente tornare sui propri passi. Ma c’è chi vuole ad ogni costo vederlo dirigere ancora una volta e ascoltare le sue composizioni.

Categoria: Dal libro al film

Editore: Rizzoli

Collana: Scala Italiani

Anno: 2015

ISBN: 9788817082235

Recensito da Redazione i-LIBRI

Le Vostre recensioni

Dopo il successo de “La grande bellezza”, Paolo Sorrentino ritorna con “Youth – La giovinezza”. Rizzoli ha pubblicato la sceneggiatura del film presentato a Cannes, affidando a Michael Caine il compito d’interpretare l’interessante protagonista dell’opera, l’ormai vecchio ma ancora acclamato musicista Fred Ballinger.
Insieme alla presentazione e alla scheda del libro, pubblichiamo il commento al film di Anna Maria Balzano. 

La sceneggiatura del film che si legge come un romanzo.

L’amicizia, il desiderio, l’arte, l’avventura di due amici che sfidano il passare del tempo.
«Dell’infanzia non mi ricordo proprio niente. Solo una cosa continuo a ricordarla.»
«Quale?»
«Il momento preciso in cui ho imparato ad andare in bicicletta. Sarò banale, ma che felicità! Proprio la felicità! E stamattina, come per incanto, per la prima volta, mi sono ricordato anche il momento successivo.» «Il momento in cui sei caduto.»
«Come cazzo fai a saperlo?»
«È stato così per tutti. Impari a fare una cosa, sei felice, e ti dimentichi di frenare.»
«Non è una grande metafora della vita?» «Ora non traiamo conclusioni affrettate, Mick.»
Proprio allora un ragazzino di undici anni passa in sella a una mountain bike. Fa tutta la strada su una sola ruota, in velocità, silenzioso come un fantasma. I due amici si voltano a guardarlo, estasiati. Poi Fred riflette e dice:
«Sai una cosa Mick?».
«Cosa?»
«Io e te, secondo me, non moriremo mai.» 

Paolo Sorrentino

Paolo Sorrentino (Napoli, 1970) è regista e sceneggiatore (L’uomo in più, 2001; Le conseguenze dell’amore, 2004; L’amico di famiglia, 2006; Il Divo, 2008, Prix du Jury al Festival di Cannes; This Must Be The Place, 2011, e La grande bellezza, 2013). Con Feltrinelli ha pubblicato i romanzi “Hanno tutti ragione” (2010), uno dei maggiori casi letterari degli ultimi anni, e “Tony Pagoda e i suoi amici” (2012), oltre a “La grande bellezza. Diario del film. Foto di scena di Gianni Fiorito” (2013). Il film ha vinto nel 2014 il Premio Oscar, il Golden Globe e il Bafta, nel 2013 l’Efta Awards.

La redazione di i-libri.com

____________________________________ 

Perché “Youth” di Paolo Sorrentino è un capolavoro. 

Un’opera d’arte.
Sì, perché è proprio l’arte il tema centrale di questo film, è il suo rapporto col tempo, coi tempi che mutano, con la massificazione e la mercificazione della cultura. Così come al centro è la dolorosa condizione dell’artista che vuole resistere su posizioni elitarie per difendere un patrimonio di raffinatezza e di eccellenza. È l’alternativa tra il cinema e la televisione, tra la musica sinfonica e quella popolare, tra la bellezza e la volgarità.

È un film imperniato sulla funzione dell’artista nell’epoca in cui viviamo, un’epoca complessa e smaliziata, dove tuttavia la ricerca di un’armonia spirituale sembra essere una necessità. Ed è in questo resort di lusso dove si incontrano due vecchi amici quasi ottantenni, che la cura del corpo si accompagna necessariamente a quella dell’anima. Qui i personaggi sono davvero eccezionali: dalla massaggiatrice bruttina che si trasforma quando si muove al suono della musica, alla miss universo bellissima che sorprende tutti con la sua acuta intelligenza, all’attore che passa il tempo a provare il suo ruolo.

È sempre la cura del corpo che si unisce a quella dell’anima. È il momento in cui i due protagonisti capiscono di se stessi ciò che fino ad allora avevano ignorato, perché il tempo della giovinezza non aveva consentito loro di fermarsi a riflettere.

Eppure in questo luogo ideale il personaggio più chiarificatore è quello dell’attore che deve interpretare Hitler. A disagio per il ruolo ripugnante che lo attende egli dichiara di avere deciso: di Hitler non interpreterà l’orrore, ma solo il desiderio, il desiderio che anima ogni individuo. Una scelta dalla quale in un certo modo attende un riscatto morale.

Ed è questo il punto centrale, io credo, perché la funzione dell’arte, o meglio dell’artista, consiste nel mettere in luce e in risalto la differenza tra ciò che è brutto e volgare e ciò che è bello, non per chiudersi in una torre d’avorio ed escludere la realtà amara, meschina e povera che lo circonda, ma per poter alleviarla, curarla, migliorarla. Dunque sarà questo il motivo per cui il grande compositore tornerà a suonare per la regina. Perché la sua scelta sarà una scelta di vita , di giovinezza. Perché l’arte non ha età. 

Anna Maria Balzano

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Il cappotto blu e "Dal libro al film" – i-LIBRI

[…] “Youth – La giovinezza”  di Paolo Sorrentino http://www.i-libri.com/libri/youth-la-giovinezza/ […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paolo

Sorrentino

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sorrentino Paolo

Torino 2011: la governante di casa Doro, Annetta soffre di insonnia e nel silenzio della notte, sente strani rumori provenire dallo studio del pittore Ettore, che però è morto da cinque anni. Scettica e pratica ma incapace di spiegare il mistero, accetta di credere al fantasma del pittore, tornato nel suo studio per rivedere le proprie opere. Ma quando una notte nuovi rumori e improvvisi silenzi spaventano Annetta, decide di chiedere aiuto e consiglio al signor Piola, esperto di cose esoteriche, che purtroppo declina l’invito. Una notte Corrado, nipote del pittore, dopo i soliti fruscii, seguiti questa volta da una concitata discussione, cade da una scala e muore. Annetta, spaventata, scende in strada e mentre esce dal portone vede un’ombra svoltare nella via. Questa volta il signor Piola insospettito da quella strana morte, accetta di interessarsi al caso; convince Annetta a organizzare una seduta spiritica con l’obiettivo di evocare il fantasma di Corrado, nonostante la scettica resistenza della signora Maria. L’ectoplasma di Corrado appare tramite una medium e fornisce indicazioni per trovare il suo assassino. Il signor Piola sorride per il buon esito della seduta e per le indicazioni suggerite dal fantasma ma da quel momento in poi tanti nuovi e sconvolgenti dettagli si aggiungeranno alla storia fino all’inaspettato finale.

Il fantasma di Piazza Statuto

Tallone Massimo

Dopo una vacanza di qualche secolo Dio è tornato in ufficio, in Paradiso, e per prima cosa chiede al suo staff un brief sugli ultimi avvenimenti. I suoi gli fanno un quadro talmente catastrofico - preti che molestano i bambini, enormità di cibo sprecato e popolazioni che muoiono di fame... - che Dio si vede costretto a rimandare giù il figlio per dare una sistemata. JC (Jesus Christ) gli dice: "Sei sicuro sia una buona idea? Non ti ricordi cosa è successo l'altra volta?" Ma Dio è irremovibile. Così JC piomba a NY, dove vive con alcuni drop-out e ha modo di rendersi conto in prima persona dell'assurdità del mondo degli uomini. E cerca, come può, di dare una mano. Il ragazzo non sa fare niente, eccetto suonare la chitarra. E riesce a finire in un programma di talenti alla tv. Un gran bel modo per fare arrivare il suo messaggio a un sacco di gente. Ma, come già in passato, anche oggi chi sta dalla parte dei marginali non è propriamente ben visto dalle autorità.

A volte ritorno

Niven John

Pare che l’espressione “piantare in asso” si debba a Teseo che, uscito dal labirinto grazie all’aiuto di Arianna, anziché riportarla con sé da Creta ad Atene, la lascia sull’isola di Naxos. In Naxos: in asso, appunto. Proprio sull’isola di Naxos, l’inquieta e misteriosa protagonista di questo romanzo sente l’urgenza di tornare. È lì che, dieci anni prima, in quella che doveva essere una vacanza, è stata brutalmente abbandonata da Stefano, il suo primo, disperato amore, e sempre lì ha conosciuto Di, un uomo capace di metterla a contatto con parti di sé che non conosceva e con la sfida più estrema per una persona come lei, quella di rinunciare alla fuga. E restare. Ma come fa una straordinaria possibilità a sembrare un pericolo? Come fa un’assenza a rivelarsi più potente di una presenza? Che cosa è davvero finito, che cosa è cominciato su quell’isola? Solo adesso lei riesce a chiederselo, perché è appena diventata madre, tutto dentro di sé si è allo stesso tempo saldato e infragilito, e deve fare i conti con il padre di suo figlio e con la loro difficoltà a considerarsi una famiglia. Anche se non lo vorrebbe, così, è finalmente pronta per incontrare di nuovo tutto quello che si era abituata a dimenticare, a cominciare dal suo nome, dalla sua identità più profonda… Dialogando con il mito sull’abbandono più famoso della storia dell’umanità e con i fumetti per bambini con cui la protagonista interpreta la realtà, Chiara Gamberale ci mette a tu per tu con le nostre fatali trasformazioni, con il miracolo e la violenza della vita, quando irrompe e ci travolge, perché qualcuno nasce, qualcuno muore, perché un amore comincia o finisce. Un romanzo coraggioso sulla paura che abbiamo di perdere il filo, il controllo della nostra esistenza: mentre è proprio in quei momenti – quando ci abbandoniamo a quello che non avevamo previsto – che rischiamo di scoprire davvero chi siamo. “Se sapessimo di che cosa abbiamo bisogno, non avremmo bisogno dell’amore.”

L’isola dell’abbandono

Gamberale Chiara

Questa è la terza avventura per l’investigatrice Stella Spada, apparsa sulla scena con “L’Ombra della Stella”, ritrovata poi in “Terra alla Terra”. Questo romanzo si svolge nella periferia estrema di Bologna, in un enorme palazzo grigio cemento, in una zona trascurata e degradata. In questo grande condominio, troppe persone negli ultimi anni sono rimaste vittime di incresciosi incidenti. Stella viene chiamata da una inquilina per indagare su queste morti, apparentemente non collegate tra loro. E Stella indaga, in quel suo modo così personale, fino alla soluzione del mistero. Nel suo percorso si appoggia al commissario Marconi, con il quale ha un rapporto di amore e odio, ma che le è indispensabile per le informazioni che le occorrono nell’indagine. Ritroviamo anche la precedente proprietaria dell’agenzia investigativa, Silvia, uccisa da Stella nel primo romanzo, che continua ad apparire accanto a lei nei momenti meno prevedibili. Molti sono i personaggi che ruotano attorno a Stella, portati all’estremo nella loro caratterizzazione, facenti parte del sottobosco di una grande città.

Grigio come il sangue

Lusetti Lorena