Dal libro al film

Youth – La giovinezza

Sorrentino Paolo

Descrizione: Fred e Mick, due amici alla soglia degli ottanta, trascorrono una vacanza in un hotel di lusso sulle Alpi. Fred è un direttore d’orchestra in pensione, Mick un regista ancora in attività. Sanno che il loro futuro si va esaurendo e decidono di affrontarlo insieme. Guardano con tenerezza alla vita confusa dei loro figli, a quanti sembrano poter disporre di un tempo che a loro non è dato. E mentre Mick si affanna a concludere la sceneggiatura di quello che sarà il suo ultimo e più significativo film, Fred, che da anni ha rinunciato alla musica, non intende assolutamente tornare sui propri passi. Ma c’è chi vuole ad ogni costo vederlo dirigere ancora una volta e ascoltare le sue composizioni.

Categoria: Dal libro al film

Editore: Rizzoli

Collana: Scala Italiani

Anno: 2015

ISBN: 9788817082235

Recensito da Redazione i-LIBRI

Le Vostre recensioni

Dopo il successo de “La grande bellezza”, Paolo Sorrentino ritorna con “Youth – La giovinezza”. Rizzoli ha pubblicato la sceneggiatura del film presentato a Cannes, affidando a Michael Caine il compito d’interpretare l’interessante protagonista dell’opera, l’ormai vecchio ma ancora acclamato musicista Fred Ballinger.
Insieme alla presentazione e alla scheda del libro, pubblichiamo il commento al film di Anna Maria Balzano. 

La sceneggiatura del film che si legge come un romanzo.

L’amicizia, il desiderio, l’arte, l’avventura di due amici che sfidano il passare del tempo.
«Dell’infanzia non mi ricordo proprio niente. Solo una cosa continuo a ricordarla.»
«Quale?»
«Il momento preciso in cui ho imparato ad andare in bicicletta. Sarò banale, ma che felicità! Proprio la felicità! E stamattina, come per incanto, per la prima volta, mi sono ricordato anche il momento successivo.» «Il momento in cui sei caduto.»
«Come cazzo fai a saperlo?»
«È stato così per tutti. Impari a fare una cosa, sei felice, e ti dimentichi di frenare.»
«Non è una grande metafora della vita?» «Ora non traiamo conclusioni affrettate, Mick.»
Proprio allora un ragazzino di undici anni passa in sella a una mountain bike. Fa tutta la strada su una sola ruota, in velocità, silenzioso come un fantasma. I due amici si voltano a guardarlo, estasiati. Poi Fred riflette e dice:
«Sai una cosa Mick?».
«Cosa?»
«Io e te, secondo me, non moriremo mai.» 

Paolo Sorrentino

Paolo Sorrentino (Napoli, 1970) è regista e sceneggiatore (L’uomo in più, 2001; Le conseguenze dell’amore, 2004; L’amico di famiglia, 2006; Il Divo, 2008, Prix du Jury al Festival di Cannes; This Must Be The Place, 2011, e La grande bellezza, 2013). Con Feltrinelli ha pubblicato i romanzi “Hanno tutti ragione” (2010), uno dei maggiori casi letterari degli ultimi anni, e “Tony Pagoda e i suoi amici” (2012), oltre a “La grande bellezza. Diario del film. Foto di scena di Gianni Fiorito” (2013). Il film ha vinto nel 2014 il Premio Oscar, il Golden Globe e il Bafta, nel 2013 l’Efta Awards.

La redazione di i-libri.com

____________________________________ 

Perché “Youth” di Paolo Sorrentino è un capolavoro. 

Un’opera d’arte.
Sì, perché è proprio l’arte il tema centrale di questo film, è il suo rapporto col tempo, coi tempi che mutano, con la massificazione e la mercificazione della cultura. Così come al centro è la dolorosa condizione dell’artista che vuole resistere su posizioni elitarie per difendere un patrimonio di raffinatezza e di eccellenza. È l’alternativa tra il cinema e la televisione, tra la musica sinfonica e quella popolare, tra la bellezza e la volgarità.

È un film imperniato sulla funzione dell’artista nell’epoca in cui viviamo, un’epoca complessa e smaliziata, dove tuttavia la ricerca di un’armonia spirituale sembra essere una necessità. Ed è in questo resort di lusso dove si incontrano due vecchi amici quasi ottantenni, che la cura del corpo si accompagna necessariamente a quella dell’anima. Qui i personaggi sono davvero eccezionali: dalla massaggiatrice bruttina che si trasforma quando si muove al suono della musica, alla miss universo bellissima che sorprende tutti con la sua acuta intelligenza, all’attore che passa il tempo a provare il suo ruolo.

È sempre la cura del corpo che si unisce a quella dell’anima. È il momento in cui i due protagonisti capiscono di se stessi ciò che fino ad allora avevano ignorato, perché il tempo della giovinezza non aveva consentito loro di fermarsi a riflettere.

Eppure in questo luogo ideale il personaggio più chiarificatore è quello dell’attore che deve interpretare Hitler. A disagio per il ruolo ripugnante che lo attende egli dichiara di avere deciso: di Hitler non interpreterà l’orrore, ma solo il desiderio, il desiderio che anima ogni individuo. Una scelta dalla quale in un certo modo attende un riscatto morale.

Ed è questo il punto centrale, io credo, perché la funzione dell’arte, o meglio dell’artista, consiste nel mettere in luce e in risalto la differenza tra ciò che è brutto e volgare e ciò che è bello, non per chiudersi in una torre d’avorio ed escludere la realtà amara, meschina e povera che lo circonda, ma per poter alleviarla, curarla, migliorarla. Dunque sarà questo il motivo per cui il grande compositore tornerà a suonare per la regina. Perché la sua scelta sarà una scelta di vita , di giovinezza. Perché l’arte non ha età. 

Anna Maria Balzano

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Il cappotto blu e "Dal libro al film" – i-LIBRI

[…] “Youth – La giovinezza”  di Paolo Sorrentino http://www.i-libri.com/libri/youth-la-giovinezza/ […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paolo

Sorrentino

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sorrentino Paolo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Arlind non è ancora nato che già la vita si prende gioco di lui. Sua madre Lilla ha sognato che partorirà un'altra femmina, la quarta. Perciò ha promesso di darla in adozione alla cognata Eleni, che non può avere figli. Ma quando nascerà un maschio, Arlind, Lilla rinuncerà lo stesso a lui, perché in un villaggio albanese venir meno alla parola data attira la cattiva sorte. Arlind cresce con un profondo senso di smarrimento, che diventa a poco a poco dolore, e poi odio profondo. Unico punto di riferimento, il nonno Kristo che gli insegna "il discreto rumore del perdono". Nel frattempo un'onda travolge il mondo attorno a lui: il crollo dei regimi dell'Est. Cambia il mondo dei vivi, ma anche quello dei morti: e chi è stato creduto morto, si scopre essere vivo.

Non c’è dolcezza

Ibrahimi Anilda

Il fantasma di un uomo politico osserva il proprio funerale dall'alto: nella sua regione, e soprattutto nella sua città, era noto come Diecipercento, Dieci per intimi e familiari. Tra i volti in chiesa, il fantasma riconosce Margherita, una nipote fuggita anni prima lontano dalla famiglia. La donna, che non crede alla versione ufficiale della morte dello zio, è tornata in incognito per cercare la verità. Nei giorni seguenti il fantasma di Diecipercento segue Margherita nella sua indagine, nella speranza di scoprire l'identità del suo assassino. La ricerca, però, si complica e diventa esplorazione delle memorie e confronto tra i valori che dividono i due protagonisti.

DIECIPERCENTO E LA GRAN SIGNORA DEI TONTI

Di Martino Antonella

La fanfara di Bellano è nei guai. Evelindo Gavazzi – cui è affidato il delicato compito di suonare il bombardino nella fanfara che sul molo accoglie i viaggiatori che sbarcano a Bellano – non fa più parte dell’organico: è bloccato in casa a suon di sberle dalla novella sposa Noemi, che non sopporta che faccia tardi e torni a casa ubriaco. Almeno il cappello racconta le avventure della banda orfana di bombardino e della sua gloriosa rinascita. Protagonista del nuovo romanzo di Andrea Vitali è un’improbabile congrega di musicisti: il suonatore di cornetta Zaccaria Vergottini e la seconda cornetta Eumeo Vergottini, il clarino Guzzin (al secolo Augusto Boldoni), il basso Aurelio Leoni. E soprattutto Onorato Geminazzi, giunto nel borgo come in esilio dalla natía Menaggio: sarà proprio il Geminazzi – in seguito a un imprevisto intreccio di circostanze – l’artefice e protagonista della rinascita della banda e della sua trasformazione nel glorioso Corpo Musicale Bellanese. Tra gli altri protagonisti, oltre alla signora Estenuata, consorte del Geminazzi, ci sono il traghetto Patria, l’Amaro Grona, l'oste Bormida Pinìn, il paese di Bellano e le sue frazioni Obriaco, Lezzeno, Bonzeno, Biosio e Oro, il signor podestà e i Regi Carabinieri. C'è naturalmente anche il cappello, quello dell'uniforme della banda, al centro di mille e uno equivoci.

ALMENO IL CAPPELLO

Vitali Andrea

Davide ha nove anni e proprio non ne vuole sapere di andare a comprare le cose per la scuola : la mamma insiste e quel banale tragitto tra la casa e il negozio si rivelerà fatale. In coma,tra il sonno e la veglia in cui è costretto, Davide sente e “vede” le persone, distraendosi con le storie degli altri: storie di ospedale, di infermiere e lotte fra medici, come quel “dottore antipatico” che tenterà l’impossibile per salvarlo. Un rapporto speciale fatto di empatia e sensazioni che superano l’apparenza si formerà fra il medico e il ragazzino. Eppure il primo è un uomo schivo, scorbutico, un dio nel proprio lavoro ma incapace di gestire i rapporti umani; l’altro è immobile sul un letto, in condizioni disperate.

MANI CALDE

Zucca Giovanna