Narrativa

YURI E IL MISTERO DELLE SCARPE BLU

Magro Elvira

Descrizione: Per fare bene il mestiere di malato bisogna essere sani! È questa la paradossale conclusione a cui giunge la narratrice di questa complessa storia di malattia. Il mestiere di malato richiede infatti "mente lucida, nervi saldi, grande pazienza". Quel "mondo dei sani", che è stato il suo fino a poco tempo prima, diventa ora un territorio nuovo, estraneo, da scoprire, da esplorare. Nulla è più indicativo di questo sconvolgimento relazionale del rapporto con le badanti, e a ragione la narratrice dedica ad esso molte pagine. "Badante" non è una professione né un mestiere; non è in genere neanche una scelta, un progetto di vita. Si tratta di donne costrette ad abbandonare casa e affetti per necessità economica; donne per le quali l'assistito rappresenta più che una persona un'opportunità economica. Denuncia con intenzionale consapevolezza le difficoltà in cui incorre quotidianamente l'ammalato cronico: nella relazione con il sistema sanitario e l'apparato medico, con l'assistenza privata, con il mondo esterno e nella gestione delle vita quotidiana. La malattia diventa veicolo di indagine e di crescita interiore.

Categoria: Narrativa

Editore: BookSalad

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788898067008

Recensito da Francesca Barile

Le Vostre recensioni

 

Il titolo del libro potrebbe trarre un attimo in inganno un lettore disattento, poiché evoca mondi fantastici propri dell’immaginario infantile con un vago sapore di thriller story.

Si tratta invece del racconto autobiografico scritto da Elvira Magro, docente di lingua tedesca nelle scuole superiori, donna di rara sensibilità e cultura (come si evince dal livello e dalle citazioni del suo scritto), entrata nel tortuoso labirinto della malattia oncologica.

 

Con lucida determinazione e un pizzico di ironia, l’autrice descrive la sua metaforica discesa all’inferno e ritorno partendo dai primi sintomi fino all’attuale e miracoloso miglioramento della patologia. Non mancano pagine dolorosissime, come quelle che parlano del “soggiorno” della scrittrice nel reparto dei lungodegenti, tra pazienti anziane allettate da tempo, abbandonate a se stesse da infermieri poco coscienziosi, e quelle relative alla progressiva perdita di autonomia da parte dell’autrice, percorso a ritroso che la porta alla doverosa necessità di ricorrere alle cure di una cosiddetta “badante”. Lunghi capitoli sono dedicati alle varie lavoratrici che si sono avvicendate a casa di Elvira: la relazione con la degente è spesso riuscita difficile forse un po’ per scarso spirito di adattamento della committente ma molto per il legame falsato che lega datrice di lavoro e lavoratrice. L’assistenza a un ammalato, da sempre demandata alla famiglia o a chi vuole occuparsi del non sano richiede una buona dose di amore e dedizione che chi è costretto per mera questione economica a svolgere tale funzione troppe volte non può dare, soprattutto se ha a che fare con un malato assolutamente non autosufficiente e quindi sicuramente esigente.

Yuri, delicato nome russo, è il nomignolo che Elvira da’ al suo inquilino moroso che si è insediato dentro e che però l’ha costretta a un riesame della sua esistenza. Le scarpe blu del titolo, misteriosamente scomparse, simboleggiano la “vita di prima”, il desiderio di shopping e di sfoggiare proprio dell’essere femminile e maschile.

 

Un libro che fa pensare a una seduta di psicoanalisi che l’autrice effettua lasciando alla parola scritta libero sfogo, ma anche una testimonianza di come affrontare la brutta bestia che spesso assale lasciando basiti e inermi chi ne è colpito e i familiari. Il mondo della sanità e ciò che ruota intorno ad esso è un altro oggetto della disamina asciutta e precisa della scrittrice Magro.

 

Definitivamente, anche se per alcuni aspetti le descrizioni possono sembrare “forti” per animi particolarmente sensibili, è un testo da leggere per riflettere su molti aspetti dell’esistenza e per imparare a riformularsi.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Elvira

Magro

Libri dallo stesso autore

Intervista a Magro Elvira


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un narratore "collettivo", voce di un gruppo di coetanei maschi, rievoca a vent'anni di distanza la vicenda delle cinque giovani sorelle Lisbon, oggetto proibito della loro adolescenza, avvolte in un'aura di mistero che la tragica fine comune - si sono tutte tolte la vita nel breve spazio di un anno - ha fissato per sempre. Nella memoria di questi antichi, tenacissimi spasimanti, esse divengono il simbolo - accarezzato con una nostalgia che lo scanzonato humour della scrittura non riesce a dissimulare - di una possibilità remota e perduta: l'irruzione di un fremito ignoto nel mondo tranquillo, ordinario, opprimente dell'America suburbana degli anni Settanta. Salutato alla sua uscita, nel 1993, come romanzo-sorpresa dell'anno, Le vergini suicide segna l'esordio folgorante di uno scrittore poco più che trentenne, ma già padrone di uno stile e di un universo letterario affatto personali.

LE VERGINI SUICIDE

Eugenides Jeffrey

Pubblicato per la prima volta nel 1959, Una vita violenta venne giudicato dalla critica uno dei romanzi più importanti del dopoguerra. Lungi dal servire effetti coloriti e pittoreschi, il gergo fu utilizzato qui da Pasolini per dare una rappresentazione "lucida e spietata, delle persone e degli atti, dell'ambiente e delle fatalità" (Carlo Emilio Gadda) delle borgate romane. Il romanzo racconta la vera storia della vita breve, vissuta con passione, di Tommaso Puzilli, un giovane sottoproletario dei sobborghi romani. I piccoli furti, i rapporti con omosessuali, i vagabondaggi notturni, fino alla tragedia finale: il ritratto di un gruppo che vive al di fuori di ogni ordinamento sociale che lo possa condizionare. Con la prefazione di Vincenzo Cerami.

UNA VITA VIOLENTA

Pasolini Pier Paolo

Billy Abbott, nato nel 1942, è cresciuto in una cittadina del Vermont senza aver conosciuto il padre, in una famiglia di uomini eccentrici e donne puritane. Si rende conto di essere attratto dalle "persone sbagliate" ragazzi efebici, donne mascoline, travestiti e transgender - e a occuparsi della sua educazione letteraria e sessuale è Miss Frost, la bibliotecaria. Negli anni successivi Billy attraverserà l'oceano, vedrà morire amici e amanti nell'ecatombe dell'Aids, diventerà scrittore, ritroverà suo padre. I grandi temi tipici dei libri di Irving - la ricerca di un padre mai conosciuto per svelare il mistero che lo avvolge, la profonda verità delle passioni che ci abitano, la necessità di non incasellare le persone in uno schema - danno vita a una toccante epopea sul terrore di essere diversi, e sulla felice impossibilità di essere altro da sé.

IN UNA SOLA PERSONA

Irving John

Sonetti reali di Jacopo Ricciardi, Iride, ed. Rubbettino

Sonetti reali di Jacopo Ricciardi

Ricciardi Jacopo