Narrativa

YURI E IL MISTERO DELLE SCARPE BLU

Magro Elvira

Descrizione: Per fare bene il mestiere di malato bisogna essere sani! È questa la paradossale conclusione a cui giunge la narratrice di questa complessa storia di malattia. Il mestiere di malato richiede infatti "mente lucida, nervi saldi, grande pazienza". Quel "mondo dei sani", che è stato il suo fino a poco tempo prima, diventa ora un territorio nuovo, estraneo, da scoprire, da esplorare. Nulla è più indicativo di questo sconvolgimento relazionale del rapporto con le badanti, e a ragione la narratrice dedica ad esso molte pagine. "Badante" non è una professione né un mestiere; non è in genere neanche una scelta, un progetto di vita. Si tratta di donne costrette ad abbandonare casa e affetti per necessità economica; donne per le quali l'assistito rappresenta più che una persona un'opportunità economica. Denuncia con intenzionale consapevolezza le difficoltà in cui incorre quotidianamente l'ammalato cronico: nella relazione con il sistema sanitario e l'apparato medico, con l'assistenza privata, con il mondo esterno e nella gestione delle vita quotidiana. La malattia diventa veicolo di indagine e di crescita interiore.

Categoria: Narrativa

Editore: BookSalad

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788898067008

Recensito da Francesca Barile

Le Vostre recensioni

 

Il titolo del libro potrebbe trarre un attimo in inganno un lettore disattento, poiché evoca mondi fantastici propri dell’immaginario infantile con un vago sapore di thriller story.

Si tratta invece del racconto autobiografico scritto da Elvira Magro, docente di lingua tedesca nelle scuole superiori, donna di rara sensibilità e cultura (come si evince dal livello e dalle citazioni del suo scritto), entrata nel tortuoso labirinto della malattia oncologica.

 

Con lucida determinazione e un pizzico di ironia, l’autrice descrive la sua metaforica discesa all’inferno e ritorno partendo dai primi sintomi fino all’attuale e miracoloso miglioramento della patologia. Non mancano pagine dolorosissime, come quelle che parlano del “soggiorno” della scrittrice nel reparto dei lungodegenti, tra pazienti anziane allettate da tempo, abbandonate a se stesse da infermieri poco coscienziosi, e quelle relative alla progressiva perdita di autonomia da parte dell’autrice, percorso a ritroso che la porta alla doverosa necessità di ricorrere alle cure di una cosiddetta “badante”. Lunghi capitoli sono dedicati alle varie lavoratrici che si sono avvicendate a casa di Elvira: la relazione con la degente è spesso riuscita difficile forse un po’ per scarso spirito di adattamento della committente ma molto per il legame falsato che lega datrice di lavoro e lavoratrice. L’assistenza a un ammalato, da sempre demandata alla famiglia o a chi vuole occuparsi del non sano richiede una buona dose di amore e dedizione che chi è costretto per mera questione economica a svolgere tale funzione troppe volte non può dare, soprattutto se ha a che fare con un malato assolutamente non autosufficiente e quindi sicuramente esigente.

Yuri, delicato nome russo, è il nomignolo che Elvira da’ al suo inquilino moroso che si è insediato dentro e che però l’ha costretta a un riesame della sua esistenza. Le scarpe blu del titolo, misteriosamente scomparse, simboleggiano la “vita di prima”, il desiderio di shopping e di sfoggiare proprio dell’essere femminile e maschile.

 

Un libro che fa pensare a una seduta di psicoanalisi che l’autrice effettua lasciando alla parola scritta libero sfogo, ma anche una testimonianza di come affrontare la brutta bestia che spesso assale lasciando basiti e inermi chi ne è colpito e i familiari. Il mondo della sanità e ciò che ruota intorno ad esso è un altro oggetto della disamina asciutta e precisa della scrittrice Magro.

 

Definitivamente, anche se per alcuni aspetti le descrizioni possono sembrare “forti” per animi particolarmente sensibili, è un testo da leggere per riflettere su molti aspetti dell’esistenza e per imparare a riformularsi.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Elvira

Magro

Libri dallo stesso autore

Intervista a Magro Elvira

Lina ha appena compiuto quindici anni quando scopre che basta una notte, una sola, per cambiare il corso di tutta una vita. Quando arrivano quegli uomini che la costringono ad abbandonare tutto. E a ricordarle chi è, chi era, le rimane soltanto una camicia da notte, qualche disegno e la sua innocenza. È il 14 giugno del 1941 quando la polizia sovietica irrompe con violenza in casa sua, in Lituania. Lina, figlia del rettore dell’università, è sulla lista nera, insieme a molti altri scrittori, professori, dottori e alle loro famiglie. Sono colpevoli di un solo reato, quello di esistere. Verrà deportata. Insieme alla madre e al fratellino viene ammassata con centinaia di persone su un treno e inizia un viaggio senza ritorno tra le steppe russe. Settimane di fame e di sete. Settimane di pianti, urla, e morte. Fino all’arrivo in Siberia, nel campo di lavoro dell’Altaj, dove tutto è grigio, dove regna il buio, dove il freddo uccide, sussurrando. E dove non resta niente, se non la polvere della terra che i deportati sono costretti a scavare, giorno dopo giorno. Ma c’è qualcosa che non possono togliere a Lina. Ci sono la sua dignità. La sua forza. La luce nei suoi occhi. E il suo coraggio. Quando non è costretta a lavorare, Lina disegna. Documenta tutto. Deve riuscire a far giungere i disegni al campo di prigionia del padre. È l’unico modo, se c’è, per salvarsi. Per gridare che sono ancora vivi. Circondata dall’odore della morte, Lina si batte per la propria vita, decisa a non consegnare la sua paura alle guardie, giurando che, se riuscirà a sopravvivere, onorerà la sua famiglia, e le migliaia di famiglie sepolte in Siberia, per mezzo dell’arte e della scrittura.

AVEVANO SPENTO ANCHE LA LUNA

Sepetys Ruta

Venezia 1894. Un incontro fortuito. 36 anni lei, 31 lui. Duse e d’Annunzio attraverseranno insieme 10 burrascosi anni. Un breve tratto, ma per entrambi capitale: sia perché, col tempo, il Vate si sarebbe ravveduto, rimpiangendola; sia perché quella con d’Annunzio è la sola convivenza della Diva che, sul viale del tramonto, parrà prediligere la compagnia di giovani donne. Questo narra la vulgata confermata da oltre un secolo. Se corrispondono al vero passione, tradimenti e umiliazioni, sono da ribaltare i ruoli: fu lui la vittima e lei il carnefice. È quanto emerge dai numerosi documenti, sottoposti a nuovo esame con un’avvertenza: a varare la favola dei divi amanti fu Gabriele per suo tornaconto.

Più che l’amore

Andreoli Annamaria

Ognuno nasce con un fato, quello di Roswita è essere l’unica in grado di fermare la malefica Dea Irmin. Roswita è un’adolescente volitiva, cresciuta in un bosco, nascosta al mondo da Iosò, una misteriosa anziana che chiama nonna. Trascorre le sue giornate a studiare e a giocare nella natura insieme all’inseparabile Lupa; e non sospetta il perché del suo isolamento. Fin quando un giorno un incontro inaspettato la stravolge… ma lui è il principe Fredric dei Noctiluca, figlio della malefica Irmin. In un susseguirsi di eventi, intrighi e misteri, Roswita dovrà combattere per il proprio amore e per la salvezza del mondo rinunciando per sempre alla propria innocenza. Un romanzo dalla prosa delicata ma incisiva, scritto con maestria, che conduce in luoghi incantati e al contempo infernali. Lacrime d’Ametista è un fantasy fiabesco, destinato a lasciare un segno indelebile nel cuore dei lettori. «L’amore può trascinare tutto con sé, anche l’odio più feroce».

Lacrime d’ametista

Perullo Donatella

IL CIRCOLO DE I-LIBRI – Incontro