Narrativa

Zeitoun

Eggers Dave

Descrizione: In seguito all'uragano Kathrina, due residenti di lunga data a New Orleans, Abdulrahman e Kathy Zeitoun, si ritrovano a dover combattere una battaglia assurda contro forze che vanno ben oltre quelle del vento e dell'acqua. In questa opera di non fiction, sorprendente e profondamente umana, i lettori potranno vedere con occhi nuovi il peggior disastro naturale degli Stati Uniti, scoprendo tutte le speranze e le contraddizioni di un momento unico della storia americana.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Narrativa moderna e contemporanea

Anno: 2010

ISBN:

Recensito da Claudia Oldani

Le Vostre recensioni

In seguito all’uragano Kathrina, molte famiglie di New Orleans si ritrovarono private di tutto ciò che fino ad allora avevano posseduto, costrette a iniziare una nuova vita da capo. Nel 2009 Dave Eggers decise di raccontare, in uno straordinario romanzo non-fiction, la storia di una di queste famiglie, il cui dramma sconfinava nell’assurdo, tanto da assumere tratti profondamente kafkiani.

La famiglia Zeitoun, composta da padre, madre, quattro figli ed un cane, vive felicemente in una zona residenziale di New Orleans. I genitori conducono con successo un’azienda di ristrutturazioni, mentre i ragazzi frequentano le scuole del quartiere: tutto sembra andare per il meglio, con i comuni alti e bassi della quotidianità. Nemmeno il loro essere musulmani negli Stati Uniti sembra più un problema, nonostante le difficoltà post 11 settembre. Sul finire dell’agosto 2005 viene annunciata un’allerta uragano, cui però gli abitanti di New Orleans sono avvezzi. Per scongiurare ogni eventualità, Kathy, la moglie, decide di trascorrere fuori città con i figli i giorni di maggiore criticità, mentre il padre, lo Zeitoun del titolo, decide di non partire per proteggere la casa e l’attività lavorativa. Dal momento della separazione inizia il calvario: contro ogni previsione la città si trova sommersa dall’acqua, priva di elettricità e di viveri. Quasi immediata è poi l’emergenza criminalità, lo sciacallaggio diviene all’ordine del giorno e la situazione precipita. Il governo schiera l’esercito e la stazione di New Orleans viene adibita a prigione a cielo aperto. In questa atmosfera surreale, Zeitoun, a bordo di una canoa di seconda mano, viaggia per le strade della città, distribuendo aiuti alle persone e agli animali bloccati nelle case. Ma dal 6 settembre Zeitoun sparisce all’improvviso, senza lasciare tracce, e Kathy intraprende una ricerca disperata per ritrovare suo marito.

La trama è densa di avvenimenti, ma ben giostrata dall’abilissima penna di Eggers, che condisce l’azione con frequenti flashback dell’infanzia del protagonista. L’opera riprende la drammaticità di quei giorni, comune a molte famiglie, senza mai scadere nel banale. L’autore ha infatti lavorato oltre tre anni prima di scrivere la storia, svolgendo svariate ricerche ed interviste. Il romanzo si legge d’un fiato, senza mai staccare gli occhi dalle pagine, stregati dalla fotografia fedelmente ricostruita. A tratti si ha l’impressione di essere finiti tra l’assurdo di Buzzati, per citare un esempio italiano, ma anche di Camus e di Kafka. Si chiude il libro con una domanda: è mai possibile che una storia del genere possa essere realmente accaduta negli Stati Uniti del nuovo millennio?

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Dave

Eggers

Libri dallo stesso autore

Intervista a Eggers Dave


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Sette racconti

Atti di adorazione

Mishima Yukio

Il venir meno della promessa del lavoro per tutti (mito degli anni Cinquanta) e l'affermarsi di condizioni lavorative saltuarie pone il problema di come assicurare a tutti condizioni di vita dignitose. Il tema è quello del "reddito garantito" o "reddito di cittadinanza" o "basic incom", cioè di un reddito minimo assicurato dallo Stato in mancanza di attività lavorativa. La soluzione, molto discussa a livello teorico, è oggi adottata in tutti i paesi europei eccettuate l'Italia, la Grecia e l'Ungheria. In Italia c'è una sola sperimentazione, prevista da un decreto legislativo del 1998, ormai abbandonata nel tempo. Sui fondamenti etici e politici del reddito di cittadinanza, sulle realizzazioni in Europa e sulle possibilità in Italia, fa il punto il volume di Giuseppe Bronzini, magistrato, autore di numerose pubblicazioni in materia.

Il reddito di cittadinanza

Bronzini Giuseppe

Nella vivace Istanbul, la vita della libraia turco-tedesca Kati Hirschel scorre fin troppo tranquilla. Il nuovo appartamento che condivide con lo spagnolo Fofo è ormai sistemato, tutti i debiti sono stati pagati e la libreria di cui va tanto fiera - l’unica in tutta la città specializzata in libri gialli - è ben frequentata da locali e turisti. Forse per noia, o per la mancanza di un fidanzato che la tenga occupata, Kati si lascia trascinare da una chiaroveggente che dovrebbe aiutare Fofo a risolvere i suoi problemi di cuore. Le cose prendono una piega inaspettata quando la lettrice di fondi di caffè «vede» la morte di una giovane donna. Temendo che possa trattarsi della fidata collaboratrice Pelin, la libraia corre in ospedale e scopre che la vita in pericolo è un’altra: quella di Nil, ricoverata in terapia intensiva dopo un misterioso malore. Com’è possibile che una donna di neanche trent’anni, in perfetta salute, sia improvvisamente colpita da un attacco cardiaco? E perché aveva la schiuma alla bocca? Il caso è decisamente sospetto e risveglia subito la proverbiale curiosità di Kati, che insieme a Hakan, fratello della «vittima», comincia a scavare nella vita di Nil e a notare altre stranezze. Ad esempio che la giovane, pur essendo disoccupata da sei mesi, poteva permettersi oggetti costosi e una lussuosa abitazione in uno dei quartieri più eleganti di Istanbul. Ce n’è abbastanza per ipotizzare un coinvolgimento in affari loschi. O la presenza di un ricco amante, magari sposato e interessato a sbarazzarsi di lei. Ancora più singolare risulta però la passione di Nil per il tango, legata probabilmente alla decisione di scrivere un romanzo ambientato tra Turchia e Argentina, due paesi accomunati da anni di dittatura militare, da violenze e ingiustizie nei confronti di oppositori e minoranze. E così, grazie al solito mix di intuito, faccia tosta e conoscenza della società turca, Kati porterà avanti anche quest’indagine a modo suo, tra chiacchiere e bicchieri di tè.

Tango a Istanbul

Aykol Esmahan

Nel 1929 Washington Irving soggiornò a Granada all’interno dell’Alhambra, il massimo monumento dell’arte moresca in Spagna, “uno dei luoghi più belli, romantici, deliziosi del mondo”, come scrisse a un amico. Per lo scrittore americano, molto noto anche in Europa, il soggiorno all’Alhambra rappresentò un porto tranquillo, un luogo incantato e incantevole dove potersi dedicare alla scrittura e anche una fonte di argomenti che appassionavano l’immaginazione dei lettori dell’epoca, dominata dalla passione per il Romanticismo europeo e per le storie esotiche e orientaleggianti. Dal periodo trascorso all’Alhambra nacque così la raccolta di bozzetti, storie e leggende, The Alhambra, un libro che ebbe un grandissimo successo e che fu tradotto in molte lingue, rinnovando così la notorietà dello scrittore alla vigilia del suo ritorno negli Stati Uniti dopo il lungo soggiorno europeo.

I racconti dell’Alhambra

Washington Irving