Narrativa

Zeitoun

Eggers Dave

Descrizione: In seguito all'uragano Kathrina, due residenti di lunga data a New Orleans, Abdulrahman e Kathy Zeitoun, si ritrovano a dover combattere una battaglia assurda contro forze che vanno ben oltre quelle del vento e dell'acqua. In questa opera di non fiction, sorprendente e profondamente umana, i lettori potranno vedere con occhi nuovi il peggior disastro naturale degli Stati Uniti, scoprendo tutte le speranze e le contraddizioni di un momento unico della storia americana.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Narrativa moderna e contemporanea

Anno: 2010

ISBN:

Recensito da Claudia Oldani

Le Vostre recensioni

In seguito all’uragano Kathrina, molte famiglie di New Orleans si ritrovarono private di tutto ciò che fino ad allora avevano posseduto, costrette a iniziare una nuova vita da capo. Nel 2009 Dave Eggers decise di raccontare, in uno straordinario romanzo non-fiction, la storia di una di queste famiglie, il cui dramma sconfinava nell’assurdo, tanto da assumere tratti profondamente kafkiani.

La famiglia Zeitoun, composta da padre, madre, quattro figli ed un cane, vive felicemente in una zona residenziale di New Orleans. I genitori conducono con successo un’azienda di ristrutturazioni, mentre i ragazzi frequentano le scuole del quartiere: tutto sembra andare per il meglio, con i comuni alti e bassi della quotidianità. Nemmeno il loro essere musulmani negli Stati Uniti sembra più un problema, nonostante le difficoltà post 11 settembre. Sul finire dell’agosto 2005 viene annunciata un’allerta uragano, cui però gli abitanti di New Orleans sono avvezzi. Per scongiurare ogni eventualità, Kathy, la moglie, decide di trascorrere fuori città con i figli i giorni di maggiore criticità, mentre il padre, lo Zeitoun del titolo, decide di non partire per proteggere la casa e l’attività lavorativa. Dal momento della separazione inizia il calvario: contro ogni previsione la città si trova sommersa dall’acqua, priva di elettricità e di viveri. Quasi immediata è poi l’emergenza criminalità, lo sciacallaggio diviene all’ordine del giorno e la situazione precipita. Il governo schiera l’esercito e la stazione di New Orleans viene adibita a prigione a cielo aperto. In questa atmosfera surreale, Zeitoun, a bordo di una canoa di seconda mano, viaggia per le strade della città, distribuendo aiuti alle persone e agli animali bloccati nelle case. Ma dal 6 settembre Zeitoun sparisce all’improvviso, senza lasciare tracce, e Kathy intraprende una ricerca disperata per ritrovare suo marito.

La trama è densa di avvenimenti, ma ben giostrata dall’abilissima penna di Eggers, che condisce l’azione con frequenti flashback dell’infanzia del protagonista. L’opera riprende la drammaticità di quei giorni, comune a molte famiglie, senza mai scadere nel banale. L’autore ha infatti lavorato oltre tre anni prima di scrivere la storia, svolgendo svariate ricerche ed interviste. Il romanzo si legge d’un fiato, senza mai staccare gli occhi dalle pagine, stregati dalla fotografia fedelmente ricostruita. A tratti si ha l’impressione di essere finiti tra l’assurdo di Buzzati, per citare un esempio italiano, ma anche di Camus e di Kafka. Si chiude il libro con una domanda: è mai possibile che una storia del genere possa essere realmente accaduta negli Stati Uniti del nuovo millennio?

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Dave

Eggers

Libri dallo stesso autore

Intervista a Eggers Dave


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il libro presenta una riflessione sulla politica online in Italia, interrogandosi sul se e sul come internet contribuisca a ridefinire i confini, i processi e gli attori dell'arena politica. Proponendo il termine webpolitica, ci si focalizza sull'uso di internet da parte di alcuni dei principali attori del sistema politico italiano, presentando i risultati di una serie di ricerche effettuate dall'autore nel corso degli ultimi anni. In particolare, si guarda a come internet influenza i rapporti fra cittadini e istituzioni nelle fasi di governo, a come interviene nelle relazioni fra candidati ed elettori durante le campagne elettorali, alle modalità con cui esso è utilizzato da soggetti esterni all'arena politica istituzionale, come i movimenti sociali.Questo volume è indirizzato a tutti coloro che si interessano di comunicazione politica online e intende proporsi come un'introduzione al tema per studenti e studiosi di scienze della comunicazione, sociologia e scienza politica.

La webpolitica

Mosca Lorenzo

La narrazione di "I guardiani del destino" si snoda attorno alla vicenda surreale di Eddie Fletcher, agente immobiliare la cui esistenza viene sconvolta dalla scoperta che la realtà è solo un meccanismo continuamente modificato e riplasmato da alcuni 'guardiani' potenti e misteriosi, che vivono al di fuori del pianeta. Philip K. Dick affronta qui uno dei temi portanti della sua produzione letteraria, il rapporto tra realtà oggettiva e realtà soggettiva, e lo fa con quella potenza visionaria che ne ha fatto uno degli autori da cui il cinema ha tratto maggiore ispirazione. Questa antologia raccoglie anche gli altri racconti brevi di Philip K. Dick trasposti in pellicole cinematografiche, ossia "Next" (2007), "Paycheck" (2003), "Impostor" (2002), "Minority Report" (2002), "Screamers. Urla dallo spazio" (1995) e "Atto di forza" (1990). Un'occasione per accostarsi a un autore che, ancora oggi, è capace di metterci di fronte a rilevanti quesiti sul senso della nostra esistenza e sul nostro modo di leggere la realtà.

I guardiani del destino e altri racconti

Dick Philip K.

Una saga familiare del nostro secolo in cui si rispecchiano la storia e il destino di tutto un popolo, quello cileno, nei racconti delle donne di una importante e stravagante famiglia. Un grande affresco che per fascino ed emozione può ricordare al lettore, nell'ambito della narrativa sudamericana, soltanto "Cent'anni di solitudine" di García Márquez.

LA CASA DEGLI SPIRITI

Allende Isabel

Un giorno il mondo si sveglia e scopre che sono finiti il petrolio, il carbone e l'energia elettrica. È pieno inverno, soffia un vento ghiacciato e i denti aguzzi del freddo mordono alle caviglie. Gli uomini si guardano l'un l'altro, hanno occhi smarriti e il terrore stringe i loro cuori. E ora come faranno? La stagione gelida avanza e non ci sono termosifoni a scaldare, il cibo scarseggia, non c'è nemmeno più luce a illuminare le notti. Le città sono diventate un deserto silenzioso, senza traffico e senza gli schiamazzi e la musica dei locali. Rapidamente gli uomini si accorgono che tutto il benessere conquistato, fatto di oggetti meravigliosi e tecnologia all'avanguardia, è perfettamente inutile. Circondati dal superfluo e privi del necessario, intuiscono che una salvezza esiste, ma si nasconde in un sapere antico, da tempo dimenticato. Capiscono che se vogliono arrivare alla fine di quell'inverno di fame e paura,"l'inverno della morte bianca e nera", devono guardare indietro, tornare alla sapienza dei nonni che ancora erano in grado di fare le cose con le mani e ascoltavano la natura per cogliere i suoi insegnamenti. Così, mentre un tempo duro e infame si abbatte sul mondo intero e i più deboli iniziano a cadere, quelli che resistono imparano ad accendere fuochi, cacciare gli animali costruendo trappole con i rami più teneri, riconoscere le erbe che nutrono e quelle che guariscono. Segnati dalla fatica e dalla paura, i superstiti si faranno più forti e insieme anche più saggi. La fine del mondo storto raddrizzerà gli animi, cancellerà la supponenza del ricco e punirà l'arroganza del povero, che si ritiene l'unico depositario di coraggio e resistenza. Resi uguali dalla difficoltà estrema, gli uomini si incammineranno verso la possibilità di un futuro più giusto e pacifico, che arriverà insieme alla tanto attesa primavera. Ma il destino del mondo è incerto, consegnato nelle mani incaute dell'uomo... Facendo un passo indietro per trovare la voce più pura e poetica della natura imperiosa, e balzando in avanti con la forza di un'immaginazione visionaria e insieme intensamente realistica, Mauro Corona ancora una volta stupisce costruendo un romanzo imprevedibile. Un racconto che spaventa, insegna ed emoziona, ma soprattutto lascia senza fiato per la sua implacabile e accorata denuncia di un futuro che ci aspetta.

LA FINE DEL MONDO STORTO

Corona Mauro