Narrativa

ZIA ANTONIA SAPEVA DI MENTA

Vitali Andrea

Descrizione: Ernesto Cervicati si è sempre occupato di zia Antonia. L'ha tenuta in casa finché lei - ormai anziana - non ha preferito trasferirsi nella Casa di Riposo di Bellano, un po' per non gravare troppo sul nipote, un po' per pudore. Antonio, fratello di Ernesto, della zia non ne ha mai voluto sapere, impegnato com'è con sua moglie Augusta, vogliosa e ossigenata. Finché un giorno Antonio non decide che è venuto il momento di occuparsi dell'anziana parente. Certo, non è ricca, ma si può sempre sperare in qualche briciola di eredità...

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Narratori Moderni

Anno: 2011

ISBN: 9788811683919

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Andrea Vitali sfodera l’ennesimo romanzo ove l’intreccio è sostenuto dalla potenza dell’ironia e del sorriso, che questa volta si irradia sull’epoca più malinconica della vita umana: quella della terza età, personificata da zia Antonia, un’ottuagenaria ricoverata in casa di riposo.

Sull’anziana donna, accanita divoratrice di caramelle alla menta (“i mentini”!), si riversano l’affetto di un nipote, l’Ernesto, e l’interesse puramente economico dell’altro nipote, il bidello Antonio.

I fatti narrati si collocano nel 1970: non che sia detto esplicitamente, ma il riferimento all’impazzare della canzone di Celentano “Chi non lavora, non fa l’amore” consente di datare in via indiretta la vicenda nella provincia lacustre di un’Italia canterina al di là di ogni problema reale.

Ancora una volta, il romanzo di Vitali – nei toni di una farsa che comunque induce a riflessioni sulle dinamiche della natura umana – è un trionfo di caratterizzazioni, catturate da diverse angolature. Una delle quali è sicuramente rappresentata da … l’atlante animale!

Attraverso gli occhi di suor Speranza, la superiora dell’ospizio, l’autore con benevolo sarcasmo disegna i suoi personaggi- macchietta avvalendosi dell’abitudine della monaca, che mentalmente paragona le persone agli animali.

Così, nell’atlante animale di suor Speranza, le tre suore della cucina sono le tre scimmiette, Suor Aspasia la talpa, suor Gelinda “aveva l’animo della quaglia”.

L’immancabile medico, il dottor Aloisio Fastelli, “era un merlo. Ma merlo a primavera, quando l’estro li fa cantare”.

E “l’Antonia era una vecchia gallina, ormai incapace di fare uova, tenuta in vita solo per l’affezione del padrone.”

L’Augusta (nelle nostre zone, l’articolo è obbligatorio davanti al nome proprio!), la moglie del nipote bidello, è “una faina di quelle che in una notte sono capaci di far fuori un intero pollaio.” Mentre suo marito, l’Antonio, “con quell’aria da ebete a rimorchio della moglie, non aveva paragoni nel regno animale: anche la più umile tra le bestie aveva maggiore dignità.”

E l’Ernesto, il nipote celibe che lotta fino all’ultimo per non ricoverare la zia nella casa di cura, il nipote tenero che piange quando la donna viene a mancare e mestamente attende ad organizzarne le esequie, a quale animale assomiglia? Nella fisiognomica zoologica della suora, il fratello “buono” ha l’espressione “da scoiattolo che stringe una nocciola tra le zampe”.

La narrazione è fatta di frasi veloci, nello stile inconfondibile di Vitali. Con qualche parola ricercata o vagamente arcaica infilata

nel tripudio dei discorsi diretti e nell’incalzare delle scenette degne della miglior pantomima. E con il consueto impiego di espressioni popolari, delle quali l’autore è vivace portavoce. Così “il passato lontano” è “l’epoca di Carlo Codega”, “stordire” diventa “imbesuire” e “una novità sorprendente” si trasforma in “una notizia della madonna”. Parimenti, ‘circuire un’anziana’ è “infarinare la zia come un filetto di pesce persico”. Mentre “narrare nel dettaglio” equivale a “raccontare la rava e la fava”.

Dunque, una conferma: che Andrea Vitali è uno “scrittore ridicolo”, nell’umoristica e particolare accezione descritta dal nostro nell’intervista che ha concesso a www.i-libri.com e a …

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Andrea

Vitali

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vitali Andrea


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Ambientato in Antartide, racconta quanto accaduto a una spedizione scientifica alle prese con reperti antichi milioni di anni. In una terra di ghiaccio e di morte senza tempo, il gruppo s'imbatte in campioni zoologici che, apparentemente, non provengono da questo pianeta. Le difese della razionalità illuminista cadono, una a una, di fronte all'impossibilità di spiegare con la logica il quadro che inesorabilmente si prefigura. Una serie di colpi di scena da incubo spingono i protagonisti sull'orlo della pazzia e l'avventura finisce in tragedia, catapultando il lettore in un mondo visionario dominato dal terrore e dall'angoscia. La nuova traduzione resta il più possibile fedele al testo originale, senza semplificazioni né asciugature, conservando il ritmo glaciale e ipnotico della prosa lovecraftiana.

Le montagne della follia

Lovecraft Howard Phillips

Ho scritto questo libro perché non volevo andasse perduto quanto vissuto durante undici lunghi anni alla cassa di un supermercato. Soprattutto non volevo andasse perduta la memoria, seppur minima, di alcune delle persone con cui sono venuta in contatto. Un contatto vero, umano, che è andato oltre i gesti e le parole che il mio angusto ruolo richiedevano. Poi c'erano i foglietti di carta che affollavano le tasche del mio camice e la penna sempre a portata di mano per rispondere alla mia vocazione alla poesia. Ho cercato di andare oltre, di oltrepassare l'arida meccanicità che il mio lavoro in sé richiedeva, ho alzato lo sguardo dai numeri del display per incontrare gli occhi di chi mi stava davanti. Ho cercato di vedere le persone così come sono, con le loro debolezze e le loro grandezze e di affidarmi al fatto che non sapevo altro di chi mi stava di fronte se non che era il mio prossimo, nel senso più ampio e lato del termine. Un essere umano con la sua storia invisibile, una persona cui dovevo rispetto, attenzione e gentilezza cosi che quei pochi istanti in cui eravamo in relazione si aprissero a un tempo altro. Ho cercato di 'scoprire tra la polvere quotidiana il granello di purezza che c'è', è ancora Simone Weil, anche se non sempre ho trovato la purezza, forse perché si esprime solo a sprazzi, in attimi che pure esistono e quando arrivano illuminano il tempo, ne levigano il senso.

Le stanze inquiete

Argentino Lucianna

Al tenue chiarore della luna, le paludi che circondano la cittadella medievale di Aigues-Mortes restituiscono alle autorità il cadavere di una donna: si tratta di Deanne Bréchet, una giornalista parigina. La polizia concentra subito i sospetti su Fabienne Lacati, una giovane ricercatrice della Sorbona che si trova nel sud della Francia per un convegno sulle crociate. Le due donne, infatti, si conoscevano bene e la sera dell'omicidio molti testimoni le hanno viste litigare furiosamente nella hall dell'albergo. Determinata a provare la propria innocenza, Fabienne scopre che, nelle settimane precedenti, la giornalista era andata spesso in quella enigmatica e affascinante città-fortezza per documentarsi sui Penitenti Grigi, un antico ordine caritatevole che esiste ancora oggi. Ma l'aspetto più inquietante della vicenda è che pure Fabienne è interessata a quella confraternita, e forse non è una coincidenza se, da mesi, le negano il permesso di visitare il luogo dove sono raccolti i registri della congregazione: la Cappella dei Penitenti Grigi. È possibile che Deanne avesse scoperto un segreto scottante, custodito proprio in quella chiesa inaccessibile? La drammatica conferma arriva quando, l'uno dopo l'altro, tutti coloro che Deanne aveva contattato muoiono in circostanze misteriose. Fabienne intuisce quindi di essere in pericolo e, con l'aiuto di Daniele Ferrara, un collega italiano, si convince che l'unico modo per salvarsi la vita è andare a caccia della verità...

La cappella dei penitenti grigi

Luini Lilli

Questa è la storia di una solitudine individuale e collettiva scritta sotto forma di diario. Protagonista è Santomè, inpiegato in una grossa azienda di Montevideo, schiacciato dalla monotonia della vita di ogni giorno. Vedovo, vicino alla pensione, Santomè ha difficoltà a stabilire un rapporto con i suoi figli. Ma quando nell'azienda viene assunta la giovane Laura, Santomè sente nascere un amore insperato che lo porterà a vivere una relazione clandestina, che sembra illuminare il suo futuro.

La tregua di Mario Benedetti

Benedetti Mario