Narrativa

ZIA ANTONIA SAPEVA DI MENTA

Vitali Andrea

Descrizione: Ernesto Cervicati si è sempre occupato di zia Antonia. L'ha tenuta in casa finché lei - ormai anziana - non ha preferito trasferirsi nella Casa di Riposo di Bellano, un po' per non gravare troppo sul nipote, un po' per pudore. Antonio, fratello di Ernesto, della zia non ne ha mai voluto sapere, impegnato com'è con sua moglie Augusta, vogliosa e ossigenata. Finché un giorno Antonio non decide che è venuto il momento di occuparsi dell'anziana parente. Certo, non è ricca, ma si può sempre sperare in qualche briciola di eredità...

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Narratori Moderni

Anno: 2011

ISBN: 9788811683919

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Andrea Vitali sfodera l’ennesimo romanzo ove l’intreccio è sostenuto dalla potenza dell’ironia e del sorriso, che questa volta si irradia sull’epoca più malinconica della vita umana: quella della terza età, personificata da zia Antonia, un’ottuagenaria ricoverata in casa di riposo.

Sull’anziana donna, accanita divoratrice di caramelle alla menta (“i mentini”!), si riversano l’affetto di un nipote, l’Ernesto, e l’interesse puramente economico dell’altro nipote, il bidello Antonio.

I fatti narrati si collocano nel 1970: non che sia detto esplicitamente, ma il riferimento all’impazzare della canzone di Celentano “Chi non lavora, non fa l’amore” consente di datare in via indiretta la vicenda nella provincia lacustre di un’Italia canterina al di là di ogni problema reale.

Ancora una volta, il romanzo di Vitali – nei toni di una farsa che comunque induce a riflessioni sulle dinamiche della natura umana – è un trionfo di caratterizzazioni, catturate da diverse angolature. Una delle quali è sicuramente rappresentata da … l’atlante animale!

Attraverso gli occhi di suor Speranza, la superiora dell’ospizio, l’autore con benevolo sarcasmo disegna i suoi personaggi- macchietta avvalendosi dell’abitudine della monaca, che mentalmente paragona le persone agli animali.

Così, nell’atlante animale di suor Speranza, le tre suore della cucina sono le tre scimmiette, Suor Aspasia la talpa, suor Gelinda “aveva l’animo della quaglia”.

L’immancabile medico, il dottor Aloisio Fastelli, “era un merlo. Ma merlo a primavera, quando l’estro li fa cantare”.

E “l’Antonia era una vecchia gallina, ormai incapace di fare uova, tenuta in vita solo per l’affezione del padrone.”

L’Augusta (nelle nostre zone, l’articolo è obbligatorio davanti al nome proprio!), la moglie del nipote bidello, è “una faina di quelle che in una notte sono capaci di far fuori un intero pollaio.” Mentre suo marito, l’Antonio, “con quell’aria da ebete a rimorchio della moglie, non aveva paragoni nel regno animale: anche la più umile tra le bestie aveva maggiore dignità.”

E l’Ernesto, il nipote celibe che lotta fino all’ultimo per non ricoverare la zia nella casa di cura, il nipote tenero che piange quando la donna viene a mancare e mestamente attende ad organizzarne le esequie, a quale animale assomiglia? Nella fisiognomica zoologica della suora, il fratello “buono” ha l’espressione “da scoiattolo che stringe una nocciola tra le zampe”.

La narrazione è fatta di frasi veloci, nello stile inconfondibile di Vitali. Con qualche parola ricercata o vagamente arcaica infilata

nel tripudio dei discorsi diretti e nell’incalzare delle scenette degne della miglior pantomima. E con il consueto impiego di espressioni popolari, delle quali l’autore è vivace portavoce. Così “il passato lontano” è “l’epoca di Carlo Codega”, “stordire” diventa “imbesuire” e “una novità sorprendente” si trasforma in “una notizia della madonna”. Parimenti, ‘circuire un’anziana’ è “infarinare la zia come un filetto di pesce persico”. Mentre “narrare nel dettaglio” equivale a “raccontare la rava e la fava”.

Dunque, una conferma: che Andrea Vitali è uno “scrittore ridicolo”, nell’umoristica e particolare accezione descritta dal nostro nell’intervista che ha concesso a www.i-libri.com e a …

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Andrea

Vitali

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vitali Andrea


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Giudicando la propria vita di uomo e l'opera politica, Adriano non ignora che Roma finirà un giorno per tramontare; e tuttavia il suo senso dell'umano, eredità che gli proviene dai Greci, lo sprona a pensare e servire sino alla fine. "Mi sentivo responsabile della bellezza del mondo" afferma, personaggio che porta su di sé i problemi degli uomini di ogni tempo, alla ricerca di un accordo tra la felicità e il metodo, fra l'intelligenza e la volontà. I "Taccuini di appunti" dell'autrice (annotazioni di studio, lampi di autobiografia, ricordi, vicissitudini della scrittura) perfezionano la conoscenza di un'opera che fu pensata, composta, smarrita, corretta per quasi un trentennio.

MEMORIE DI ADRIANO

Yourcenar Marguerite

Una saga familiare del nostro secolo in cui si rispecchiano la storia e il destino di tutto un popolo, quello cileno, nei racconti delle donne di una importante e stravagante famiglia. Un grande affresco che per fascino ed emozione può ricordare al lettore, nell'ambito della narrativa sudamericana, soltanto "Cent'anni di solitudine" di García Márquez.

LA CASA DEGLI SPIRITI

Allende Isabel

Cosa si mangiava nel Medioevo? E perché? Cosa è rimasto di tutto ciò nell'alimentazione di oggi? La storia del cibo è una storia affascinante perché, come quella del pensiero, ricca di scoperte e di imprese anonime, ma non per questo meno importanti. Dall'alimentazione romana alla corale conversione del mondo mediterraneo verso la carne, si rende in questo libro pian piano evidente come gli uomini si adattino spesso e con rapidità a cambiare i loro gusti. Una curiosa e interessante vicenda collettiva che ci trascina fino ad approdare al Medioevo,tra gusti, odori e aspetti del cibo e dell'umanità sempre diversi.

Alighieri passatemi il sale

Pischedda Anna

L'inesorabile solitudine dell'uomo, della drammatica tensione fra divenire ed essere, fra vivere e vedersi vivere. La migliore edizione in commercio rivolta alla scuola, con cronologia e bibliografia essenziale.

Uno, nessuno e centomila

Pirandello Luigi