Narrativa

Zodiaco Street Food

Zed Heman

Descrizione: I tempi cambiano e anche la malavita è costretta a correre ai ripari. Romeo Marconato, ex affiliato alla Mala del Brenta, sa sentire il vento che cambia. Disperatamente sposato, con un figlio un po' matto e il villone padovano, sta costruendo un business al limite della legalità con il suo Zodiaco, un franchising di furgoni per panini lungo la statale che corre tra Padova e Venezia. Il passato irrompe nella sua vita con una succulenta occasione e nuove minacce, mentre lui, re incontrastato dello street food a basso costo, si ritrova a sfidare il più grande chef televisivo in un assurdo reality. Gli eventi si intrecciano e sembrano precipitare, ma lui, Romeo Marconato, è scaltro. Di una scaltrezza tutta di provincia capace di gestire le trame anche quando queste travalicano la laguna e arrivano a Mosca.

Categoria: Narrativa

Editore: Neo Edizioni

Collana: Dry

Anno: 2020

ISBN: 9788896176740

Recensito da Tommaso De Beni

Le Vostre recensioni

Heman Zed, Zodiaco Street Food, NEO edizioni, collana Dry, 226 pp.

Descrizione

I tempi cambiano e anche la malavita è costretta a correre ai ripari. Romeo Marconato, ex affiliato alla Mala del Brenta, un dono di sicuro ce l’ha: capire l’aria che tira. Con una moglie che detesta, un figlio problematico e il villone padovano, ha costruito un business ai limiti della legalità con il suo Zodiaco, un franchising di furgoni per panini – uno per ogni segno zodiacale – lungo la statale tra Padova e Venezia. C’è poi il super chef Vitiello, star televisiva del programma “The Simple Cook”, e i suoi autori, in crisi creativa per il format della prossima stagione. E c’è una mina vagante: lavora come cameriera a “L’ultimo Doge”, e suo malgrado nasconde un’estrazione decisamente diversa. Ma è Romeo Marconato il perno centrale, il motore di tutto. A lui, re incontrastato dello street food a basso costo e dalla dubbia qualità, i vecchi trascorsi riserveranno una succulenta occasione, il punto è capire se sarà in grado di fronteggiare un intreccio di eventi ben oltre la sua portata.

Recensione

Zodiaco Street Food è una lettura gustosa come un panin onto con salsiccia e salsa barbecue. Sembra facile fare un panino, e invece è tutta una questione di equilibrio. La scrittura di Zed è perfettamente bilanciata nei suoi personaggi credibili e mai esagerati, nel suo essere radicata sul territorio regionale ma che allo stesso tempo sa muoversi fuori dai confini del Veneto, sa richiamare per esempio i primi film dei Cohen (Fargo, Simple Blood), con situazioni che trasformano morte e violenza in un fatto grottesco e per niente tragico. Sa far ridere senza rinunciare alla violenza e al cinismo, sa padroneggiare il genere pulp senza sembrare una scopiazzatura di altri autori. Sa far riferimento alla nostra storia, perché di fatto è così, cioè alla Mala del Brenta, e allo stesso tempo tratteggiare caratteristiche tipiche dello stile di vita di tutti noi, dal panin onto notturno alle vasche a Venezia, e anche un po’ il nostro carattere e modo di fare. Sa disegnare un antieroe ignorante, Romeo Marconato, che ha fatto i schei e conduce un’esistenza borghese da arricchito, ma che sa arrangiarsi in qualsiasi situazione, anche perché da bocia ha avuto a che fare nientemeno che con Maniero in persona. Sicuramente non un modello, ma un personaggio che suscita comunque simpatia per la sua genuina vitalità.

Tutti convinti di aver a che fare con un povero coglione, un ebete di un campagnolo che non sa gnanche allacciarsi le scarpe perché porta sempre i zoccoli. Contadino, scarpe grosse e cervello fino. Non ti hanno mai insegnato che i contadini come me, quelli coi piedi in laguna, stanno ancora più attenti che se no gli va la terra in bocca e l’acqua su per il culo?

Non manca niente in Zodiaco Street Food, nemmeno la sexy e fatale donna dell’Est, un adolescente problematico e un riferimento a come lo show business sfrutti il fenomeno ultra-contemporaneo dei cuochi-star e della passione dei telespettatori per la cucina. Ma, come scritto prima, questa storia tra il noir e il pulp, trasformata in una commedia cinica e grottesca, funziona perché non si vuole mai calcare troppo la mano e tutti gli elementi si bilanciano perfettamente riuscendo a stare nel quadro d’insieme finale.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Heman

Zed

Libri dallo stesso autore

Intervista a Zed Heman

Jess Thomas, giovane mamma single con due figli da mantenere, fa del suo meglio per vivere dignitosamente, ma i sacrifici sono molti, specie quando non c'è nessuno che ti possa dare una mano. Suo marito se ne è andato da tempo, sua figlia Tanzie è un genietto dei numeri, ma per far fruttare il suo talento matematico c'è bisogno di un aiuto concreto. E poi c'è Nicky, un adolescente difficile come tutti i ragazzi della sua età, vittima di bullismo, che non può certo combattere da solo... La famiglia di Jess è proprio scombinata e spesso lei non sa come fare e corre dei rischi inutili, finché inaspettatamente sul suo cammino incontra Ed Nicholls, quell'antipatico uomo d'affari cui lei pulisce la casa per arrotondare. Jess e Ed non si conoscono affatto. Jess non sa che lui è travolto da una crisi profonda e che uno stupido errore gli è costato tutto, e Ed non sa fino a che punto la ragazza sia nei guai, ma entrambi sanno cosa significhi essere davvero soli e desiderano la stessa cosa. Capiscono, nonostante la loro diversità, che hanno molto da imparare l'uno dall'altra e che una più uno fa più di due. In questo suo nuovo romanzo, Jojo Moyes racconta con grande empatia una storia d'amore insolita e coinvolgente tra due persone che si incontrano in circostanze inverosimili, come solo la vita sa riservare.

Una più uno

Moyes Jojo

Se avessero

Sermonti Vittorio

Un uomo cammina velocemente sulle sponde del Po. Ha le mani insanguinate. A un certo punto si ferma e lancia una rivoltella nel fiume, dove le acque sono più profonde. Poi si mette a correre. Poco più indietro, sotto i piloni del pontile, c'è un altro uomo con il foro di un proiettile sulla fronte. È il cardinale di Ferrara. Gaetano De Nittis, brillante capitano della Guardia di Finanza, il Corpo più "odiato" d'Italia, si trova a indagare su questa morte eccellente. Il caso lo trascina nelle sabbie mobili degli interessi dei notabili della città, tra intrighi di palazzo, giochi di potere e grossi accordi economici. De Nittis, con la colonna sonora del blues del suo idolo B.B. King, inizia così un'altra indagine "ufficiosa" nel tentativo di scagionare da un'accusa di omicidio un giornalista innocente. Il capitano dovrà fare anche i conti con un misterioso falsario di banconote e con un delitto irrisolto di venti anni prima. Il tutto mentre Rosa, la giovane donna che ama, si trova inaspettatamente faccia a faccia con il suo doloroso passato.

Morte di un cardinale

Regina Paolo

"Nessuno lo vedrà mai più, Stella, di questo puoi stare sicura. Ho un cugino che ha un allevamento di maiali vicino a Parma. Quelli mangiano di tutto." L'investigatrice privata Stella Spada ha superato il limite. La parte oscura della sua personalità sta prendendo il sopravvento, e questo non lo può permettere. Deve cambiare finché è ancora in tempo, ma tutto ha un prezzo. Non può continuare a lasciarsi coinvolgere dai casi su cui investiga fino a diventare lei stessa parte del crimine che persegue. Quanto è diversa la Stella che esce da questa nuova avventura?

I vasi di Ariosto

Lusetti Lorena