Classici

Zorba il greco

Kazantzakis Nikos

Descrizione: Zorba il greco, lo straordinario romanzo di Nikos Kazantzakis, da cui è stato tratto il fortunato film con Anthony Quinn e Irene Papas, proposto per la prima volta ai lettori italiani in versione integrale, nella traduzione dal greco di Nicola Crocetti. Un romanzo formidabile. La storia di un uomo che ha vissuto ogni momento all'altezza del proprio desiderio. Un libro pieno di vita.

Categoria: Classici

Editore: Crocetti Editore

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788883062186

Recensito da Valeria Martino

Le Vostre recensioni

Il romanzo fu pubblicato nel 1946, ma solo nel 2011 per la prima volta con una traduzione direttamente dall’originale greco. Assolutamente da segnalare un’importante riduzione cinematografica, grande successo internazionale, coronato con 2 Oscar e 4 nomination: sublime ed esuberante l’interpretazione di Anthony Quinn, impareggiabili le musiche popolari di Mikis Theodorakis.

“Ecco il mare nella languida dolcezza dell’autunno, ecco l’ isola bagnata di luce sotto la pioggia minuta che stendeva un diafano velo sulla immortale nudità della Grecia. Felice l’uomo, pensai, che prima di morire ha la fortuna di veleggiare sul mar Egeo”: questo libro sarebbe impensabile senza la descrizione del paesaggio greco così come lo sarebbe se non avesse come protagonista quello che ha, il greco Zorba, appunto. Banale considerazione? Provate a leggere le pagine di questo romanzo e resterete ammaliati e stupiti di come uomo e natura siano direttamente proporzionali l’uno all’altro, l’uno il naturale completamento dell’altro.

La storia è più che semplice: un anonimo intellettuale decide di raccontare la vita di Alexis Zorba, da lui incontrato durante un viaggio a Creta. I due hanno differenti approcci alla vita: vive in un “mondo di carta” il primo, a volte troppo pauroso per affrontare la realtà; vitale, affascinante, innamorato della vita e del mondo, talvolta egoista e maschilista l’altro. Pur in tanta diversità, i due diventeranno amici e condivideranno avventure, pensieri e discussioni. La narrazione gioca su questo contrasto, ma a volta risulta ripetitiva se non monotona, in questo continuo confronto sì, ma impari, dove il vecchio ha sempre la meglio sul giovane.

Eppure, fra i classici da leggere e ri-leggere “Zorba il greco” entra di diritto, perché non è la trama o l’architettura narrativa a fare di un libro un buon libro, o perlomeno non è solo quello… Il mare blu, di un colore che solo chi ha avuto la fortuna di vedere può ricordare, il cielo infuocato all’ora del tramonto, la lentezza dell’uomo greco nel sorseggiare il caffè all’ombra di un platano e…immancabili…le note dello zeibèkiko: “allungò la gamba, sfiorò leggermente la terra con il piede, allungò l’altra, i passi si intrecciarono selvaggiamente, gioiosamente, la terra risuonò. … Hop! Hop! … Fece un salto, le sue gambe e le mani diventarono ali. Si lanciava eretto sopra il suolo, e vedendolo sullo sfondo del cielo e del mare mi sembrava un vecchio arcangelo ribelle. Perché quella danza di Zorba era tutta una sfida, un’ostinazione, una rivolta“.

Se non apprezzerete Kazantzakis come scrittore, sono comunque fermamente convinta che gli riconoscerete il merito di una personalissima ricetta per la felicità:

Cerchi soluzioni mirabolanti, ti esalti solo davanti ai grandi effetti speciali, alle parole roboanti, alle sfrenatezze delle fantasticherie di una mente frustrata e in gabbia. E allora perdi il suono del mare, il bicchiere di vino, la bellezza dell’essere delle cose. Cerchi troppo in alto. Soprattutto il problema è che cerchi. E allora non vedi. Lo sai, te l’hanno già detto tutti, ma non lo sai mai fino in fondo: la retorica della felicità finalmente ha la sua fine quando capisci che la questione non sta nei contenuti, ma nell’atteggiamento.

Allora quando non hai più tensioni, attese, aspettative verso questa o quella cosa, questo o quell’evento, sei tutto aderente all’atto dell’attimo. Sei tutto preso. Non c’è dualismo, non c’è domanda, non c’è ricerca“.

Pensate a queste parole quando vi troverete davanti alla mi(s)tica Ellade…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Nikos

Kazantzakis

Libri dallo stesso autore

Intervista a Kazantzakis Nikos

Il delitto di Meredith Kercher. Una vicenda tragica e ancora da decifrare. ..

Il beneficio del dubbio

Guede Rudy H.

RICORDATEVI DI ME

Clark Mary Higgins

Varsavia, 1940. Adam aveva nove anni ed era alto un metro e ventisei; misurare la sua altezza era uno dei passatempi con cui lui e lo zio ingannavano la monotonia della vita nel ghetto. È nel filo spinato che separa quell'isola dimenticata nel cuore della città dal mondo esterno che, all'alba di un gelido mattino d'inverno, viene ritrovato il suo corpo senza vita: nudo, la gamba destra amputata sotto il ginocchio. Poi è la volta di Anna, quindici anni: anche lei è stata gettata nel filo spinato, ma a mancarle è la mano destra. In entrambi i casi, nelle parti mutilate la pelle presentava macchie o strane anomalie. La lotta quotidiana per la sopravvivenza non dà il tempo di soffermarsi sulle analogie che legano i due delitti: quando l'orrore è all'ordine del giorno, analizzarne i dettagli è una pratica che può condurre alla follia. Eppure, proprio nei particolari si scorge la strada verso la verità, e solo la ricerca della verità può in qualche modo placare il dolore e il senso di colpa di Erik Cohen, zio di Adam nonché psichiatra nella precedente vita da uomo libero. Quando Adam è scomparso, era lui a doverlo tenere d'occhio; è stato lui, dietro tanta insistenza da parte del bambino, che si annoiava in casa, a dargli il permesso di uscire a giocare, facendogli promettere di non allontanarsi dalla strada, neanche se i marziani fossero atterrati sulla sinagoga e avessero chiesto a lui in persona di negoziare un trattato di pace. L'uomo inizia un'indagine personale.

Gli anagrammi di Varsavia

Zimler Richard

La storia di una protagonista del Rinascimento: Isabella Morra, poetessa lucana entrata a pieno titolo nella storia della letteratura italiana. Il ritratto di una nobile figura femminile che affronta con coraggio il proprio tempo, scegliendo di vivere nel nome dell'arte e della cultura in un'epoca in cui essere donna significava sottomettersi e in qualche modo essere schiave del volere degli uomini. La storia di Isabella fornisce all'autore anche l'occasione per mettere in evidenza la bellezza del paesaggio lucano, la sua antica storia risalente ai primi coloni greci, le sue tradizioni, attingendo a fonti storiche e documenti inediti. La poesia e l'arte diventano in questo romanzo gioia, salvezza e fonte di riscatto di fronte alle avversità della vita.

Le favole di Isabella

Zizola Franco