Classici

Zorba il greco

Kazantzakis Nikos

Descrizione: Zorba il greco, lo straordinario romanzo di Nikos Kazantzakis, da cui è stato tratto il fortunato film con Anthony Quinn e Irene Papas, proposto per la prima volta ai lettori italiani in versione integrale, nella traduzione dal greco di Nicola Crocetti. Un romanzo formidabile. La storia di un uomo che ha vissuto ogni momento all'altezza del proprio desiderio. Un libro pieno di vita.

Categoria: Classici

Editore: Crocetti Editore

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788883062186

Recensito da Valeria Martino

Le Vostre recensioni

Il romanzo fu pubblicato nel 1946, ma solo nel 2011 per la prima volta con una traduzione direttamente dall’originale greco. Assolutamente da segnalare un’importante riduzione cinematografica, grande successo internazionale, coronato con 2 Oscar e 4 nomination: sublime ed esuberante l’interpretazione di Anthony Quinn, impareggiabili le musiche popolari di Mikis Theodorakis.

“Ecco il mare nella languida dolcezza dell’autunno, ecco l’ isola bagnata di luce sotto la pioggia minuta che stendeva un diafano velo sulla immortale nudità della Grecia. Felice l’uomo, pensai, che prima di morire ha la fortuna di veleggiare sul mar Egeo”: questo libro sarebbe impensabile senza la descrizione del paesaggio greco così come lo sarebbe se non avesse come protagonista quello che ha, il greco Zorba, appunto. Banale considerazione? Provate a leggere le pagine di questo romanzo e resterete ammaliati e stupiti di come uomo e natura siano direttamente proporzionali l’uno all’altro, l’uno il naturale completamento dell’altro.

La storia è più che semplice: un anonimo intellettuale decide di raccontare la vita di Alexis Zorba, da lui incontrato durante un viaggio a Creta. I due hanno differenti approcci alla vita: vive in un “mondo di carta” il primo, a volte troppo pauroso per affrontare la realtà; vitale, affascinante, innamorato della vita e del mondo, talvolta egoista e maschilista l’altro. Pur in tanta diversità, i due diventeranno amici e condivideranno avventure, pensieri e discussioni. La narrazione gioca su questo contrasto, ma a volta risulta ripetitiva se non monotona, in questo continuo confronto sì, ma impari, dove il vecchio ha sempre la meglio sul giovane.

Eppure, fra i classici da leggere e ri-leggere “Zorba il greco” entra di diritto, perché non è la trama o l’architettura narrativa a fare di un libro un buon libro, o perlomeno non è solo quello… Il mare blu, di un colore che solo chi ha avuto la fortuna di vedere può ricordare, il cielo infuocato all’ora del tramonto, la lentezza dell’uomo greco nel sorseggiare il caffè all’ombra di un platano e…immancabili…le note dello zeibèkiko: “allungò la gamba, sfiorò leggermente la terra con il piede, allungò l’altra, i passi si intrecciarono selvaggiamente, gioiosamente, la terra risuonò. … Hop! Hop! … Fece un salto, le sue gambe e le mani diventarono ali. Si lanciava eretto sopra il suolo, e vedendolo sullo sfondo del cielo e del mare mi sembrava un vecchio arcangelo ribelle. Perché quella danza di Zorba era tutta una sfida, un’ostinazione, una rivolta“.

Se non apprezzerete Kazantzakis come scrittore, sono comunque fermamente convinta che gli riconoscerete il merito di una personalissima ricetta per la felicità:

Cerchi soluzioni mirabolanti, ti esalti solo davanti ai grandi effetti speciali, alle parole roboanti, alle sfrenatezze delle fantasticherie di una mente frustrata e in gabbia. E allora perdi il suono del mare, il bicchiere di vino, la bellezza dell’essere delle cose. Cerchi troppo in alto. Soprattutto il problema è che cerchi. E allora non vedi. Lo sai, te l’hanno già detto tutti, ma non lo sai mai fino in fondo: la retorica della felicità finalmente ha la sua fine quando capisci che la questione non sta nei contenuti, ma nell’atteggiamento.

Allora quando non hai più tensioni, attese, aspettative verso questa o quella cosa, questo o quell’evento, sei tutto aderente all’atto dell’attimo. Sei tutto preso. Non c’è dualismo, non c’è domanda, non c’è ricerca“.

Pensate a queste parole quando vi troverete davanti alla mi(s)tica Ellade…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Nikos

Kazantzakis

Libri dallo stesso autore

Intervista a Kazantzakis Nikos


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Pubblicato per la prima volta nel 1959, Una vita violenta venne giudicato dalla critica uno dei romanzi più importanti del dopoguerra. Lungi dal servire effetti coloriti e pittoreschi, il gergo fu utilizzato qui da Pasolini per dare una rappresentazione "lucida e spietata, delle persone e degli atti, dell'ambiente e delle fatalità" (Carlo Emilio Gadda) delle borgate romane. Il romanzo racconta la vera storia della vita breve, vissuta con passione, di Tommaso Puzilli, un giovane sottoproletario dei sobborghi romani. I piccoli furti, i rapporti con omosessuali, i vagabondaggi notturni, fino alla tragedia finale: il ritratto di un gruppo che vive al di fuori di ogni ordinamento sociale che lo possa condizionare. Con la prefazione di Vincenzo Cerami.

UNA VITA VIOLENTA

Pasolini Pier Paolo

L'anonimo protagonista di questo romanzo è il proprietario e l'anima di un'azienda di design per collezioni di moda, carte e oggetti. Lei, Bianca, insegnante di discipline pittoriche in un liceo delle arti, gli propone una serie di suoi disegni ispirati ai fiori. Disegni bellissimi, luminosi, intensi, unici. Lui se ne innamora e, come fa sempre, decide di acquisire non solo l'opera ma anche di sedurre l'artista, singolare e incantevole come quei disegni. Comincia così il corteggiamento, ma presto si accorge di essere lui ad aver bisogno di lei, conquistato e allo stesso tempo sconcertato dalla sua purezza quasi spirituale, dalla sua natura appassionata ed esigente, dalla gratuità dei suoi gesti, dalla sua vita con il figlio Gabriele in una casa piena di piante e di acqua che fa pensare a un paradiso. Ma il suono dell'acqua occorre saperlo ascoltare..

Una storia quasi perfetta

Veladiano Mariapia

Depresso, appesantito da una pancia ingombrante, il conto in rosso, i creditori sempre alle porte, tre matrimoni alle spalle, Nick Belane è un detective, "il più dritto detective di Los Angeles". Bukowski gioca con un vecchio stereotipo e vi aggiunge la sua filosofia di lucido beone, il suo esistenzialismo da taverna e un pizzico di cupa, autentica disperazione. I bar, le episodiche considerazioni sul destino, il cinismo, l'ormai sbiadito demone del sesso, il fallimento preofessionale ed esistenziale, insieme alle mere invenzioni narrative, diventano il "pulp" del titolo. Lontano dalle atmosfere tenebrose delle ordinarie follie, il testamento spirituale di uno scrittore che non ha mai esitato a immergersi nel degrado della società contemporanea.

Pulp

Bukowski Charles

In questo libro si raccontano storie di «matti» che, grazie all’aiuto di familiari, amici, operatori e alla loro forza di volontà, hanno ritrovato la voglia di vivere. Dimostrando che, assieme e con gli strumenti giusti, la vita può migliorare. Anche con meno medicine e più umanità. Attraverso dieci ritratti, viene presentato quello che il Servizio di salute mentale di Trento ha fatto per affrontare i diversi aspetti della malattia, tra luci ed ombre, successi e battute d’arresto. Oltre alle storie di chi ha vissuto la malattia, infatti, ci sono commenti, riflessioni e critiche di operatori, medici, cittadini. Due brevi racconti, all’inizio e alla fine del libro, proiettano nella dimensione della follia, dando un segnale di speranza. Spiegando che dal 13 maggio 1978, quando venne approvata la legge Basaglia, qualcosa è stato fatto, ma soprattutto che sono state poste le basi per rispondere alla legge 180 con una nuova proposta (legge «181»), affinché tutti i «matti» possano avere pari dignità ed essere curati bene dappertutto. Nessuno escluso.

Psichiatria mia bella

De Stefani Renzo