Classici

Zorba il greco

Kazantzakis Nikos

Descrizione: Zorba il greco, lo straordinario romanzo di Nikos Kazantzakis, da cui è stato tratto il fortunato film con Anthony Quinn e Irene Papas, proposto per la prima volta ai lettori italiani in versione integrale, nella traduzione dal greco di Nicola Crocetti. Un romanzo formidabile. La storia di un uomo che ha vissuto ogni momento all'altezza del proprio desiderio. Un libro pieno di vita.

Categoria: Classici

Editore: Crocetti Editore

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788883062186

Recensito da Valeria Martino

Le Vostre recensioni

Il romanzo fu pubblicato nel 1946, ma solo nel 2011 per la prima volta con una traduzione direttamente dall’originale greco. Assolutamente da segnalare un’importante riduzione cinematografica, grande successo internazionale, coronato con 2 Oscar e 4 nomination: sublime ed esuberante l’interpretazione di Anthony Quinn, impareggiabili le musiche popolari di Mikis Theodorakis.

“Ecco il mare nella languida dolcezza dell’autunno, ecco l’ isola bagnata di luce sotto la pioggia minuta che stendeva un diafano velo sulla immortale nudità della Grecia. Felice l’uomo, pensai, che prima di morire ha la fortuna di veleggiare sul mar Egeo”: questo libro sarebbe impensabile senza la descrizione del paesaggio greco così come lo sarebbe se non avesse come protagonista quello che ha, il greco Zorba, appunto. Banale considerazione? Provate a leggere le pagine di questo romanzo e resterete ammaliati e stupiti di come uomo e natura siano direttamente proporzionali l’uno all’altro, l’uno il naturale completamento dell’altro.

La storia è più che semplice: un anonimo intellettuale decide di raccontare la vita di Alexis Zorba, da lui incontrato durante un viaggio a Creta. I due hanno differenti approcci alla vita: vive in un “mondo di carta” il primo, a volte troppo pauroso per affrontare la realtà; vitale, affascinante, innamorato della vita e del mondo, talvolta egoista e maschilista l’altro. Pur in tanta diversità, i due diventeranno amici e condivideranno avventure, pensieri e discussioni. La narrazione gioca su questo contrasto, ma a volta risulta ripetitiva se non monotona, in questo continuo confronto sì, ma impari, dove il vecchio ha sempre la meglio sul giovane.

Eppure, fra i classici da leggere e ri-leggere “Zorba il greco” entra di diritto, perché non è la trama o l’architettura narrativa a fare di un libro un buon libro, o perlomeno non è solo quello… Il mare blu, di un colore che solo chi ha avuto la fortuna di vedere può ricordare, il cielo infuocato all’ora del tramonto, la lentezza dell’uomo greco nel sorseggiare il caffè all’ombra di un platano e…immancabili…le note dello zeibèkiko: “allungò la gamba, sfiorò leggermente la terra con il piede, allungò l’altra, i passi si intrecciarono selvaggiamente, gioiosamente, la terra risuonò. … Hop! Hop! … Fece un salto, le sue gambe e le mani diventarono ali. Si lanciava eretto sopra il suolo, e vedendolo sullo sfondo del cielo e del mare mi sembrava un vecchio arcangelo ribelle. Perché quella danza di Zorba era tutta una sfida, un’ostinazione, una rivolta“.

Se non apprezzerete Kazantzakis come scrittore, sono comunque fermamente convinta che gli riconoscerete il merito di una personalissima ricetta per la felicità:

Cerchi soluzioni mirabolanti, ti esalti solo davanti ai grandi effetti speciali, alle parole roboanti, alle sfrenatezze delle fantasticherie di una mente frustrata e in gabbia. E allora perdi il suono del mare, il bicchiere di vino, la bellezza dell’essere delle cose. Cerchi troppo in alto. Soprattutto il problema è che cerchi. E allora non vedi. Lo sai, te l’hanno già detto tutti, ma non lo sai mai fino in fondo: la retorica della felicità finalmente ha la sua fine quando capisci che la questione non sta nei contenuti, ma nell’atteggiamento.

Allora quando non hai più tensioni, attese, aspettative verso questa o quella cosa, questo o quell’evento, sei tutto aderente all’atto dell’attimo. Sei tutto preso. Non c’è dualismo, non c’è domanda, non c’è ricerca“.

Pensate a queste parole quando vi troverete davanti alla mi(s)tica Ellade…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Nikos

Kazantzakis

Libri dallo stesso autore

Intervista a Kazantzakis Nikos


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"Solo in questo consiste per me la vita, nel fluttuare tra due poli, nell'oscillazione tra i due pilastri portanti del mondo. Vorrei con gioia far vedere sempre la beata varietà del mondo e anche sempre ricordare che al fondo di questa varietà vi è un'unità". Dopo il 1915 gli scritti di Hesse si richiamano spesso ad una delle concezioni più antiche dell'umanità, la filosofia cinese dello yin e yang, forze opposte da cui scaturisce la tensione necessaria alla vita, alla trasformazione. Una fiaba d'amore gaia e luminosa, attinta dalla saggezza del Siddharta, dove parola e disegno si fondono come uomo e donna, come sole e luna, a raccontare il paradiso del perenne rinnovamento.

Favola d’amore

Hesse Hermann

Nella Dublino chiusa e retrograda del 1907, una giovanissima attrice ha intrecciato una relazione con un uomo più anziano, il drammaturgo più importante del teatro dove la ragazza lavora. Ribelle, irriverente, bella, corteggiata da tutti, Molly Allgood proviene da una quartiere popolare, e sogna un futuro da star in America. Il suo amore, John Millington Synge, è un genio inquieto, ultimo discendente di quella che è stata una ricca famiglia di proprietari terrieri, un poeta dal linguaggio forte e dalle passioni tempestose. Ma la sua vita è ostacolata dalle convenzioni dell’età edoardiana e dalla madre austera e timorata di Dio con la quale vive. La relazione tra John e Molly, ostacolata dagli amici e dalla famiglia, è turbolenta, a volte crudele, spesso sofferta. Molti anni dopo, una donna anziana attraversa una Londra sconvolta dalla tempesta. Natale è alle porte. Mentre la donna vaga tra le macerie dei recenti bombardamenti, un vortice di neve di ricordi e desideri perduti sembra turbinarle intorno. Da una delle più grandi voci della narrativa irlandese contemporanea. Un indimenticabile romanzo sull’amore che sfida tutte le convenzioni, anche quelle religiose, una commovente storia di abbandoni e riconciliazioni, un omaggio all’arte stessa di narrare.

UNA CANZONE CHE TI STRAPPA IL CUORE

O'Connor Joseph

1 – Introduzione alla sezione fantasy

"Se veramente un giorno riusciremo a sapere quale opinione hanno di noi gli animali, sono certo che non ci resterà da fare altro che sparire dalla faccia del pianeta, sconvolti dalla vergogna. Sempre che, tra cinquant'anni, gli uomini saranno ancora in grado di provare questo sentimento. Io, fortunatamente, non ci sarò. Ma vorrei che qualche mio pronipote consegnasse agli animali una copia di questo libretto perché di me, e di moltissimi altri come me, possano avere un'opinione sia pure leggermente diversa". (Andrea Camiller). Lo zoo personale di Andrea Camilleri è fatto di animali e di storie che entreranno nella nostra vita per sempre. Sono ritratti en plein air: impossibile leggerli e vederli senza sentire dentro qualcosa di fortissimo, perché sono pieni di affetto, confondono il confine tra la coscienza umana e quella degli animali e sono sempre a favore di questi ultimi, nel senso di un'armonia della vita solo nel rispetto di tutte le specie viventi. Cani, gatti, cardellini, ma anche volpi, serpenti e tigri sono descritti come portatori di uno spirito ricco di amore e di intelligenza, molto più complesso e profondo di quanto pensiamo: una 'magaria' inesauribile. Ciascuno di loro sembra comprendere la logica degli uomini, che di volta in volta sfrutta a suo favore o prova a sconfiggere con varie strategie, sempre vincenti: dalla dignità dei tacchini al canto riconoscente di un cardellino, dall'astuzia di un lepro alla commovente compostezza di un gatto innamorato, dalla mite bellezza di una capra alla puntualità discreta di un serpente...

I tacchini non ringraziano

Camilleri Andrea