login

registrati nome utente dimenticato? password dimenticata?

news

21/03/2014
Presentazione del “Premio Città di Como” alla Ubik di Como, con Andrea Vitali
more
06/02/2014
Roma, 13 febbraio 2014 – convegno “H. de Balzac, la civiltà e la letteratura italiana”
more

news

21/03/2014
Presentazione del “Premio Città di Como” alla Ubik di Como, con Andrea Vitali
more
06/02/2014
Roma, 13 febbraio 2014 – convegno “H. de Balzac, la civiltà e la letteratura italiana”
more

news

21/03/2014
Presentazione del “Premio Città di Como” alla Ubik di Como, con Andrea Vitali
more
06/02/2014
Roma, 13 febbraio 2014 – convegno “H. de Balzac, la civiltà e la letteratura italiana”
more

news

21/03/2014
Presentazione del “Premio Città di Como” alla Ubik di Como, con Andrea Vitali
more
06/02/2014
Roma, 13 febbraio 2014 – convegno “H. de Balzac, la civiltà e la letteratura italiana”
more

news

21/03/2014
Presentazione del “Premio Città di Como” alla Ubik di Como, con Andrea Vitali
more
06/02/2014
Roma, 13 febbraio 2014 – convegno “H. de Balzac, la civiltà e la letteratura italiana”
more

news

21/03/2014
Presentazione del “Premio Città di Como” alla Ubik di Como, con Andrea Vitali
more
06/02/2014
Roma, 13 febbraio 2014 – convegno “H. de Balzac, la civiltà e la letteratura italiana”
more

news

21/03/2014
Presentazione del “Premio Città di Como” alla Ubik di Como, con Andrea Vitali
more
06/02/2014
Roma, 13 febbraio 2014 – convegno “H. de Balzac, la civiltà e la letteratura italiana”
more

news

21/03/2014
Presentazione del “Premio Città di Como” alla Ubik di Como, con Andrea Vitali
more
06/02/2014
Roma, 13 febbraio 2014 – convegno “H. de Balzac, la civiltà e la letteratura italiana”
more

seguici su facebook

partner

ifilms-logo iservizi-logo

ioscrittore

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

advice

MEMORIE DI UNA RAGAZZA PERBENE – di Simone de BeauvoirScritto da Marika Piscitelli

MEMORIE DI UNA RAGAZZA PERBENE – di Simone de Beauvoir

Titolo: Memorie d'una ragazza perbene
Autore: Simone de Beauvoir
Editore: Einaudi

Con “Memorie di una ragazza perbene” (1958; Einaudi 1960) inizia il lungo discorso autobiografico di Simone de Beauvoir: dalla severa educazione sentimentale all’università, dai pregiudizi dell’alta borghesia all’intelligenza vivace della cultura francese.

A completare l’autobiografia, seguiranno altri tre volumi: “L’età forte” (1960), “La forza delle cose” (1963) e “A conti fatti” (1972).

Sono nata il 9 gennaio 1908, alle quattro del mattino…”, così esordisce la de Beauvoir, e racconta della sua infanzia; di Louise,“giovane, senza bellezza, senza mistero…”, che accudiva sia lei che sua sorella; di una madre “più lontana e più capricciosa”; di un padre che vedeva poco; della voglia e della paura di crescere: “Guardavo la poltrona della mamma e pensavo: «Non potrò più sedermi sulle sue ginocchia». D’improvviso, l’avvenire esisteva; mi avrebbe cambiata in un’altra che avrebbe detto io e non sarebbe stata più me”.

 

La grandezza dell’autrice sta non solo nell’eleganza della prosa, ma nella sincerità, nei sentimenti raccontati con limpidezza, anche se sofferti. Con questo testo la de Beauvoir si accarezza senza presunzione, si rimprovera senza recriminazioni.

Bellissime le pagine che descrivono le relazioni di casa sua e, di rimando, l’importanza e l’influenza che la famiglia riveste nella costruzione della psiche di ciascuno di noi.

Fu lei a inculcarmi il senso del dovere, come pure i principi della dedizione e dell’austerità. A mio padre non dispiaceva mettersi in mostra, ma io appresi dalla mamma a restare in ombra, a controllare il mio linguaggio, a censurare i miei desideri, a dire e a fare esattamente ciò che si doveva dire o fare. Non rivendicavo niente e osavo ben poco”.

Per i miei genitori io ero un’esperienza nuova: mia sorella doveva fare ben più fatica per sconcertarli o per stupirli; io non ero stata paragonata con nessuno, lei veniva continuamente paragonata con me. All’Istituto Désir, quelle signorine usavano portare ad esempio le primogenite alle più piccole; qualunque cosa facesse Poupette, il passato e le sublimazioni della leggenda volevano che io l’avessi fatto meglio di lei; nessuno sforzo, nessun successo le permetteva mai di sfondare quel soffitto”.

Io mi ero definitivamente trasformata in una brava bambina. Al principio, il mio personaggio l’avevo costruito; ma tante lodi e così grandi soddisfazioni mi aveva valse, che finii per identificarmi in esso: divenne la mia sola verità”.

Nella parte seconda, invece, troviamo la descrizione del difficile periodo dell’adolescenza…

… esitavo tra la bambina e la donna”.

L’autorità dei miei genitori non s’era attenuata, e a mano a mano che il mio spirito critico si risvegliava la sopportavo con sempre maggiore impazienza”.

Mi sembrava d’avere una duplice esistenza; tra ciò che ero per me stessa e ciò che ero per gli altri non v’era alcun rapporto”.

… per poi arrivare all’università…

Distesa sulle foglie morte, lo sguardo stordito dai colori appassionati dei vigneti, mi ripetevo quelle parole austere: laurea, abilitazione. E tutte le barriere, tutti i muri scomparivano. Avanzavo, a cielo aperto, attraverso la verità del mondo”.

Grazie agli incontri con personaggi come Simone Weil, Merleau-Ponty e, naturalmente, Jean-Paul Sartre, l’orizzonte si distende, le barriere mentali vengono dolorosamente abbattute e una nuova visione della vita si fa largo a gomitate:

C’è una sola primavera nell’anno, mi dicevo, e una sola giovinezza nella vita: non devo sprecare nulla delle primavere della mia giovinezza

Avevo torto di pretendere che la vita si conformasse a un ideale stabilito in anticipo; stava a me mostrarmi all’altezza di ciò ch’essa mi portava”.

Un libro che mi ha profondamente colpita… Lo consiglio soprattutto a chi si lacera tra i conflitti.

Le cose che io amo non si amano tra loro” Ramuz

Articoli correlati:

Simone e Jean-Paul: storia di cuore e d'intelletto

- Scheda autore: Simone de Beauvoir

  

 

 

HEADER  

Commento 1
questo libro deve essere molto bello,e il titolo è ironico,ma come le è venuto in mente di scrivere di questo libro??
Commento 2
questo libro e meraviglioso......cos e l'amicizia?ce lo chiediamo tutti e io credo che non dobbiamo rispondere con le solite frasi fatte come"la differenza fra te e le stelle....che le stelle brillano solo di notte!" ma dobbiamo raccontare qualcosa chhe ci confermi di aver vissuto un tale sentimento....che non ha sinonimi,ma si puo provare e raccontare!
Commento 3
questo libro e meraviglioso......cos e l'amicizia?ce lo chiediamo tutti e io credo che non dobbiamo rispondere con le solite frasi fatte come"la differenza fra te e le stelle....che le stelle brillano solo di notte!" ma dobbiamo raccontare qualcosa chhe ci confermi di aver vissuto un tale sentimento....che non ha sinonimi,ma si puo provare e raccontare!

FORM_HEADER

Inserisci i dati


FORM_CAPTCHA
FORM_CAPTCHA_REFRESH

 
 

Le eno-interviste di Giuliano Pasini

Giuliano Pasini intervista Silvia Longo

Read more

SCRITTI DA VOI

CAMAIORE, 25 DICEMBRE 12078

Read more

CONCORSI

Concorso "Chi l'ha scritto?" - 9ª edizione (risultati)

Read more

Momenti di Eresia di Carlo A. Martigli

Momenti di eresia di Carlo A. Martigli - 17 Appuntamento

Read more