oppure Registrati
Novità

Uno sputo di cielo

a cura di Redazione i-LIBRI

Vede la luce in questi giorni Uno sputo di cielo, raccolta di racconti alla quale hanno contribuito 25 scrittori e 12 illustratori, con la finalità benefica di destinare il ricavato delle vendite all’orfanotrofio di Betlemme, il paese della Palestina che ispira la toccante, drammatica introduzione all’opera (“Il presepe del 2000”).

In un mondo sempre più dilaniato dai conflitti e dalle contrapposizioni tra benestanti e indigenti, le immagini degli artisti si dispiegano e le voci degli autori si levano con racconti di svariato genere e tenore, rispondendo all’iniziativa di Carlo Deffenu, curatore dell’opera e autore del racconto iniziale (“Umbè”: “Umbè, nella parlata sassarese vuol dire molto/molta”) e del racconto finale (“Cuore di cartone”) e del racconto finale (“Cuore di cartone”).

Così, ne “Il gigante e la bambina”, Riccardo Gazzaniga dà un nuovo contenuto al titolo che già fu di un canzone del 1971 di Lucio Dalla, censurata perché raccontava una storia di pedofilia. In questo racconto la bambina fugge disperatamente dalla foresta oscura e tenta di raggiungere il blu che significa salvezza, ma il gigante la insegue… e quando la raggiunge… un attimo prima del blu…

Daniela Frascati apre “La porta di Allah”, ma soprattutto quella del nostro cuore, per interpretare una sura del Corano e indicare una possibile via d’uscita a uno degli orrori contemporanei: quello che immola le spose bambine sull’altare dei falsi idoli di religioni e culture pretestuosamente strumentalizzate.

Pierluigi Pulixi racconta che “L’estate di Nina” – nell’incanto delle spiagge tra Villasimius e Costa Rey – è la stagione della disillusione e del tradimento per un amore nato e cresciuto con la purezza dell’infanzia.

E Gianluca Morozzi traccia “La scritta nel cielo” per prendersi gioco di Larry, disposto a ogni acrobazia e all’“imitazione anastatica di Roberto Pruzzo” pur di fare breccia nelle attenzioni di Camilla, “la sorella più bella della storia delle sorelle degli amici del mare”.

Questa è la nostra breve rassegna: lasciamo a Voi il compito di scoprire gli altri racconti e soprattutto il merito di contribuire a un progetto che rende alla cultura la sua principale ragione d’essere.

Bruno Elpis

________________________________________

Ecco il comunicato stampa relativo alla pubblicazione dell’opera.

Uno sputo di cielo è quel pezzo di cielo che dobbiamo conquistarci ogni giorno, rubandolo tra i cornicioni dei palazzi, nel riflesso di una pozzanghera, tra le sbarre di una cella, tra le fronde di un albero, nello sguardo di un bambino… piccoli frammenti di sogno, luce e speranza.”

Titolo: Uno sputo di cielo. 27 racconti senza paracadute.
Genere: raccolta di racconti
Data di pubblicazione: 18 Marzo 2016
Da un’idea di Carlo Deffenu

25 scrittori, 12 artisti, l’associazione Ponti non muri, Watson edizioni, tutti insieme per sostenere l’orfanotrofio di Betlemme.

27 racconti dove troverete: pesci volanti, giganti cattivi, bambini prodigio, sirene ammaliatrici, processioni di fantasmi, amori impossibili, viaggi nel tempo, paesi invisibili, stelle bugiarde, panchine d’amore, mosche dispettose, colpi di tacco, streghe e sortilegi, cieli bellissimi e nuvole nere.

Autori: Gianluca Morozzi, Alessandro De Roma, Piergiorgio Pulixi, Riccardo Gazzaniga, Gianfranco Cambosu, Silvia Geroldi, Claudia Crabuzza, Daniela Frascati, Fabio Forma, Francesca Montomoli, Carlo Deffenu, Vincenzo Restivo, Elio Satta, Roberto Alba, Stefano Bonazzi, Giuseppe Marotta, Elena Cabiati, Alessandra Gaggioli, Nunzia Volpe, Massimiliano Ferrone, Lalla Careddu, Stefano Pastor, Simona Baldelli, Francesca Caldiani, Gianni Tetti.

Artisti: Pier Gallo, Anna Ferrari, Ivan Lodi, Giovanni Pastorello, Antonio Lucchi, Roberto Oliva, Lorenza De Luca, Emilio Pilliu, Alessandro Marongiu, Max Mazzoli, Flavia Biondi, Jonathan Fara.

L’idea di Uno sputo di cielo è arrivata alla vigila di Natale del 2014.
Non soltanto scrittura, fantasia, svago, divertimento, ma un progetto più articolato che permettesse ai racconti di superare il limite del virtuale, per incidere profondamente nella realtà. Ho pensato alle opportunità che si potevano offrire a dei bambini nati in una situazione di disagio.
L’associazione Ponti Non Muri è la prima che mi è venuta in mente. Conoscevo il loro lavoro e le tante iniziative culturali che organizzano da anni, e avevo sentito parlare dell’orfanotrofio di Betlemme, gestito da una suora sarda, testarda e tenace. Mi convinco subito che è proprio a loro, a quei bambini senza famiglia e senza futuro, che possiamo donare una possibilità di riscatto. Comincio a contattare diversi scrittori, illustrando la mia idea con parole semplici e chiare. Passano due ore, forse tre, e mi ritrovo travolto da un marea di “Sì” che mi lasciano attonito, perplesso, commosso, emozionato.
Riccardo Gazzaniga mi scrive: “Certo che sei proprio diabolico a chiedermi un racconto per aiutare degli orfani di Gerusalemme alla Vigilia di Natale. Anche Freddy Krueger ti direbbe di sì!”
Solo in quel momento realizzo che quel giorno è per davvero la vigilia di Natale.
Ho sorriso e mi sono detto: Avanti tutta! Anche Freddy Krueger è dalla nostra parte!
Decido di coinvolgere degli illustratori e dei fotografi per dare forma ai racconti con la loro arte.
Mi piace l’idea che siano i disegnatori stessi ad adottare il racconto più vicino al loro stile e alla loro sensibilità.
Parlo del progetto con Ivan Alemanno della Watson Edizioni e contro ogni previsione, mi dice subito sì.
E così, a marzo del 2016, il libro viene al mondo.

www.watsonedizioni.it – watsonedizioni@gmail.com
https://twitter.com/watsonedizioni – instagram.com/watsonedizioni

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati
Text selection is disabled by content protection wordpress plugin