oppure Registrati
Rubriche

Le città invisibili: le città e il desiderio

a cura di Bruno Elpis

Le città invisibili: le città e il desiderio.

Dal vocabolario Treccani:

desidèrio (ant. disidèrio e desidèro) s. m. [dal lat. desiderium, der. di desiderare«desiderare»]. – 1. Sentimento intenso che spinge a cercare il possesso, il conseguimento o l’attuazione di quanto possa appagare un proprio bisogno fisico o spirituale: sentireprovare il d. di una cosa; formulare, esprimere un d.; essere tormentato dal d.; appagare,accontentare, soddisfare i proprî d.; manifestare un d., o il d. di …; avere d. di mangiare, di bere; Il desiderio di poter contare Sul pane, almeno, e un po’ di povera lietezza (Pasolini);d. di gloria, di fama, di onori, di ricchezza; sentire il d. di andare, di fare, di vedere, ecc.; d.vivo, ardente, costante, sfrenato; d. basso, turpe, volgare; d. sessuale, carnale (anche assol. desiderio, in determinati contesti: fare peccati di d.; eccitare d. malsani; essere oggetto di desiderio); vi auguro che tutto proceda secondo i vostri desiderî. In senso più concr., la cosa che si desidera: esporre, rendere noti i proprî desiderî. Pio d., speranza vana, detto spesso con ironia per indicare cosa irraggiungibile o molto difficile ad ottenersi: la villeggiatura quest’anno rimarrà per noi un pio d. (l’espressione deriva prob. dal titolo di un’operetta ascetica del gesuita belga Hermann Hugo, Pia desideria, edita nel 1624). 2. Sentimento della mancanza di cosa necessaria al nostro interesse fisico o spirituale: avere d. di tranquillità, di riposo, di amore, di un affetto sincero. Quindi anche rincrescimento, rimpianto per l’assenza o la morte di una persona: ha lasciato vivo d. di sé.

Nel secondo significato dunque si mantiene l’antico senso del desiderium latino: la nostalgia, quel sentimento malinconico che assale quando manca qualcosa.

Le città e il desiderio declinano il significato ad ampio spettro: assumono infatti dimensione onirica (“È delle città come dei sogni: tutto l’immaginabile può essere sognato ma anche il sogno più inatteso è un rebus che nasconde un desiderio oppure il suo rovescio, una paura. Le città come i sogni sono costruite di desideri e di paure”), utopistica (“Se ti dico che la  città a cui tende il mio viaggio è discontinua nello spazio e nel tempo, ora più rada ora più densa, tu non devi credere che si possa smettere di cercarla”), dialettica (“È inutile stabilire se Zenobia sia da classificare tra le città felici o tra quelle infelici. Non è in queste due specie che ha senso dividere le città, ma in altre due: quelle che continuano attraverso gli anni e le mutazioni a dare la loro forma ai desideri e quelle in cui i desideri o riescono a cancellare la città o ne sono cancellati”).

Ma in tutta semplicità, Le città e il desiderio potranno ben rimanere rimpianto per ciò che abbiamo visitato, letto o immaginato.

LE CITTA’ E IL DESIDERIO
1. Dorotea
2. Anastasia
3. Despina
4. Fedora
5. Zobeide

_______________________________________

Le città e la memoria sono a questo link

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati
Text selection is disabled by content protection wordpress plugin