oppure Registrati
Scrittori

Cosimo Calamini – intervista all’autore di due romanzi pubblicati da Garzanti Libri

a cura di Marika Piscitelli

Siamo lieti di presentarvi Cosimo Calamini, autore dei romanzi “Poco più di niente” e “Le querce non fanno limoni”, entrambi editi da Garzanti Libri.

Caro Cosimo, per quanto poco possa contare il mio giudizio, ci tengo a dirti che “Le querce non fanno limoni” merita sicuramente un posto tra i più bei libri degli ultimi tempi. Come ho scritto anche nella recensione, a mio parere si tratta di un romanzo che “sfiora la perfezione”, e per stile e per struttura.

Quanto tempo hai impiegato a scriverlo?

Se si considera dal momento dell’idea alla pubblicazione….ci ho impiegato ben sei anni. In realtà il lavoro più duro è stato fatto in un anno circa.

Avevi già l’avallo della Garzanti quanto alla trama e all’idea generale o lo hai proposto alla Casa editrice soltanto una volta concluso?

Dopo il buon esito di “Poco più di niente”, la casa editrice mi ha chiesto un’altra idea. Ho raccontato loro lo spunto: “in un piccolo paese si costruisce una grande moschea”…ed è piaciuto subito.

Una grande moschea in un piccolo paese. Nel tuo libro affronti un tema molto delicato con ironia e sincerità: la paura della diversità che si fa pregiudizio. Credi che ci sia un po’ di Attilio in ciascuno di noi?

Assolutamente si. Cerco spesso di creare personaggi “popolari”, in cui si possano rispecchiare più persone possibili. Il rapporto con l’ “altro” è uno dei temi più caldi dei nostri tempi e Attilio lo vive in modo sincero, contradditorio, umano…insomma vero.

Ho apprezzato molto anche la tua prima opera, “Poco più di niente”. Diversa l’ambientazione, riconoscibile lo stile: il tuo è stato decisamente un esordio da fuoriclasse. Lo sognavi o ci credevi?

Crederci e sognare sono, per me, sempre andati di pari passo.

“Scommettere” e “sperare” sono le parole d’ordine in “Poco più di niente”. Sei una di quelle persone che si affidano un pò alla sorte o ritieni che la vita vada pianificata il più possibile?

Credo sia giusto pianificarla, anche perchè alla fine la sorte si trova sempre il suo spazio sgomitando.

Ti va di darci un’anticipazione sul tuo prossimo lavoro?

Sarà una storia ambientata negli anni ’70 e ’80…

Ancora complimenti e grazie per la tua disponibilità! A presto

 

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Libri dallo stesso autore

Intervista a Calamini Cosimo

Text selection is disabled by content protection wordpress plugin