Senza categoria

I cacciatori di libri

Jerusalmy Raphael

Descrizione: Ambientato alla fine del Medioevo, all’epoca dell’invenzione della stampa, ci racconta di una misteriosa cospirazione nata per contrastare l’oscurantismo della Chiesa e difendere la cultura e la libertà di pensiero dalla censura dell’Inquisizione. La singolare alleanza coinvolge il trono di Francia, i Medici di Firenze e un gruppo di monaci e di rabbini che operano a Gerusalemme in totale clandestinità, per conservare, ricopiare e diffondere le preziose opere del passato. Il personaggio principale del libro è il poeta François Villon, autore di celebri ballate e fondatore della lingua francese moderna. Figura straordinaria e contraddittoria, letterato e insieme malfattore, all’età di trentun anni venne imprigionato per i suoi crimini e condannato all’impiccagione. Sappiamo che alla fine Luigi XI gli concesse la grazia, ma a quel punto di lui si perdono le tracce. Jerusalmy si diverte a immaginare questa seconda parte della sua vita e gli affida il ruolo d’intermediario tra il sovrano e i membri della confraternita. Villon è uno spirito libero e non si lascia manipolare né si piega agli interessi dei potenti. Affiancato dal burbero Colin e dalla bella e silenziosa Aisha, François persegue uno scopo tutto personale (a salvaguardia di ciò che lui definisce la “Parola”) e conclude la missione in Terra santa in maniera imprevedibile, dimostrando che a volte i libri possono anche cambiare il corso degli eventi

Categoria: Senza categoria

Editore: E/o

Collana: Dal mondo

Anno: 2014

Traduttore: Federica Alba

ISBN: 978-88-6632-532-1

Recensito da Valeria Martino

Le Vostre recensioni

Leggendo la sovraccoperta del libro è facile lasciarsi andare a giudizi poco pertinenti e non affatto generosi. La trama del romanzo, infatti, riecheggia inevitabilmente quella di altri classici, sia per l’ambientazione sia, appunto, per lo svolgimento degli eventi.
I cacciatori di libri è l’ultimo romanzo di Raphael Jerusalmy, ex agente dei servizi segreti israeliani, impegnato in azioni umanitarie e oggi in commercio di libri antichi a Tel Aviv.

Cronologicamente siamo alla fine del Medioevo e “il secolo buio” si presta a fare da sfondo a una cospirazione per contrastare l’oscurantismo della Chiesa e difendere la cultura e la libertà di pensiero dalla censura dell’Inquisizione.
Fin qui poche novità, si direbbe. I personaggi in campo, però, sono nientemeno che il re di Francia, i Medici di Firenze e un gruppo di monaci e rabbini di Gerusalemme in clandestinità per conservare, ricopiare e diffondere le opere del passato.

Su tutti, però, emerge il protagonista, François Villon, noto letterato e autore di famose ballate; una figura non sempre lineare, ma anzi, discutibile, se si pensa che a trentun anni venne imprigionato e condannato all’impiccagione. Il romanzo, infatti, si apre proprio in quest’arco temporale  e, tra verità e fantasia, il lettore assisterà alla scena indimenticabile in cui il re Luigi XI gli concede la grazia e gli affida una missione tutt’altro che semplice, ossia fare da intermediario tra il sovrano stesso e i membri della confraternita, con l’obiettivo di abbattere Roma.

Accanto a lui, Colin, burbero e diffidente compagno,  e la bella Aisha. Lo scopo della missione diventa però ben presto un  motivo del tutto  personale per Villon: perseguire  la salvaguardia della “Parola”…

L’esperienza professionale dell’autore emerge da ogni pagina, è un susseguirsi di misteri e segreti, rivelazioni sconcertanti, fino alla fine non si capisce chi l’abbia avuta vinta, chi sia riuscito a ingannare chi. Nulla è realmente come accade e la suspense non accelera la lettura, come ci si aspetterebbe. Semmai, al contrario, induce il lettore a indugiare fra i personaggi che, più o meno casualmente, incrociano il cammino di Villon e le descrizioni suggestive e  quasi impressionistiche dei luoghi della Terrasanta. La prosa risulta frammentaria ed enigmatica, degna di un buon romanzo di spionaggio con ambientazione storica.

I   protagonisti assoluti sono i libri, con il loro carico di mistero, di fascino e soprattutto con il loro potere di aprire le menti e permettere all’anima di viaggiare e vivere altrove e in altro modo.
È naturale pertanto il senso di terrore che talvolta possono generare  questi volumi, antichi e preziosi, per le idee sovversive e pericolose che custodiscono. Allo stesso modo, preti e rabbini, nobili e borghesi sperano di ottenere potere e ricchezza sfruttando i libri e i loro segreti, ma sono armi difficili da controllare, che possono imboccare strade impreviste, finire dimenticati su uno scaffale buio, così come accendere la miccia di una rivolta.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Raphael

Jerusalmy

Libri dallo stesso autore

Intervista a Jerusalmy Raphael

La «società eccitata», estrema propaggine della «società dello spettacolo» di cui parlavano Guy Debord e i situazionisti, ha trasformato il sensazionale in regime di vita, oltre che in industria. La sovraesposizione agli stimoli, producendo assuefazione a ciò che impressiona, magnetizza e sconvolge, ha inciso profondamente sull’assetto antropologico, e la lingua ha registrato lo smottamento sociale: la sensazione, da fenomeno percettivo, si è intensificata, ed è ormai sinonimo di shock, emozione al limite del tollerabile. Proprio al «far sensazione», al fenomeno del sensazionale, è dedicato il saggio di Christoph Türcke, che tuttavia non si spinge a predicare l’astinenza mediatica, l’ascetismo emotivo. Il suo sguardo si volge piuttosto all’indietro, risale la modernità dal Rinascimento all’Illuminismo a oggi, per mostrare come la situazione odierna sia la conseguenza di una evoluzione secolare.

La società eccitata

Türcke Christoph

James ha 18 anni e vive a New York. Finita la scuola, lavoricchia nella galleria d’arte della madre, dove non entra mai nessuno: sarebbe arduo, d’altra parte, suscitare clamore intorno a opere di tendenza come le pattumiere dell’artista giapponese che vuole restare Senza Nome. Per ingannare il tempo, e nella speranza di trovare un’alternativa all’università («Ho passato tutta la vita con i miei coetanei e non mi piacciono granché»), James cerca in rete una casa nel Midwest dove coltivare in pace le sue attività preferite – la lettura e la solitudine –, ma per sua fortuna gli incauti agenti immobiliari gli riveleranno alcuni allarmanti inconvenienti della vita di provincia. Finché un giorno James entra in una chat di cuori solitari e, sotto falso nome, propone a John, il gestore della galleria che ne è un utente compulsivo, un appuntamento al buio... I puntini di sospensione sono un espediente abusato, ma in questo caso procedere oltre farebbe torto a uno dei pochi scrittori sulla scena che, come sa bene chi ha amato Quella sera dorata, chiedono solo di essere letti. Anticipare le avventure e i pensieri di James rischierebbe di mettere in ombra la singolare grazia che pervade questo libro, e da cui ci si lascia avvolgere molto prima di riconoscere, nella sua ironia inquieta e malinconica, qualcosa che pochi sanno raccontare: l’aria del tempo.

UN GIORNO QUESTO DOLORE TI SARA’ UTILE

Cameron Peter

Scritto neI 1917 e pubblicato nel 1919, "Demian" è la storia di un ragazzo combattuto fra due mondi, quello bello e pulito del bene e quello terribile, enigmatico eppur allettante del male. Protagonista è il giovane EmiI Sinclair, caduto sotto l'influsso di un cattivo compagno di scuola, Franz Kromer, che lo spinge a ingannare i genitori, rubare e discendere la china del peccato. Sarà un altro compagno, Max Demian, che sembra vivere fuori del tempo o uscire da un passato senza età, ad attrarre Sinclair e a liberarlo dal nefasto influsso di Kromer, guidandolo verso una concezione della vita straordinariamente complessa e misteriosa.

DEMIAN

Hesse Hermann

Paura, solitudine, sopraffazione. Questo libro di Riccardo Iacona entra dritto in una dimensione che purtroppo vediamo in versione patinata solo nei salotti televisivi e dopo le tragedie, quando scatta il gioco macabro della caccia al colpevole in prima serata. Cosa c'è prima? Qual è il contesto? Lo si può scoprire solo andando nei luoghi, conoscendo le persone (parenti, amici, vicini), le regole imperscrutabili di quei paesi, o di quei quartieri, al Sud come al Nord, che vivono di vita propria, di leggi proprie e non scritte. Dove l'apparenza è tutto. Iacona propone un libro scritto in prima persona, un reportage narrativo drammatico e spiazzante. Un libro che per la prima volta entra in un mondo invisibile ma reale, e più vicino a noi di quanto pensiamo.

Se questi sono gli uomini

Iacona Riccardo