Senza categoria

I cacciatori di libri

Jerusalmy Raphael

Descrizione: Ambientato alla fine del Medioevo, all’epoca dell’invenzione della stampa, ci racconta di una misteriosa cospirazione nata per contrastare l’oscurantismo della Chiesa e difendere la cultura e la libertà di pensiero dalla censura dell’Inquisizione. La singolare alleanza coinvolge il trono di Francia, i Medici di Firenze e un gruppo di monaci e di rabbini che operano a Gerusalemme in totale clandestinità, per conservare, ricopiare e diffondere le preziose opere del passato. Il personaggio principale del libro è il poeta François Villon, autore di celebri ballate e fondatore della lingua francese moderna. Figura straordinaria e contraddittoria, letterato e insieme malfattore, all’età di trentun anni venne imprigionato per i suoi crimini e condannato all’impiccagione. Sappiamo che alla fine Luigi XI gli concesse la grazia, ma a quel punto di lui si perdono le tracce. Jerusalmy si diverte a immaginare questa seconda parte della sua vita e gli affida il ruolo d’intermediario tra il sovrano e i membri della confraternita. Villon è uno spirito libero e non si lascia manipolare né si piega agli interessi dei potenti. Affiancato dal burbero Colin e dalla bella e silenziosa Aisha, François persegue uno scopo tutto personale (a salvaguardia di ciò che lui definisce la “Parola”) e conclude la missione in Terra santa in maniera imprevedibile, dimostrando che a volte i libri possono anche cambiare il corso degli eventi

Categoria: Senza categoria

Editore: E/o

Collana: Dal mondo

Anno: 2014

Traduttore: Federica Alba

ISBN: 978-88-6632-532-1

Recensito da Valeria Martino

Le Vostre recensioni

Leggendo la sovraccoperta del libro è facile lasciarsi andare a giudizi poco pertinenti e non affatto generosi. La trama del romanzo, infatti, riecheggia inevitabilmente quella di altri classici, sia per l’ambientazione sia, appunto, per lo svolgimento degli eventi.
I cacciatori di libri è l’ultimo romanzo di Raphael Jerusalmy, ex agente dei servizi segreti israeliani, impegnato in azioni umanitarie e oggi in commercio di libri antichi a Tel Aviv.

Cronologicamente siamo alla fine del Medioevo e “il secolo buio” si presta a fare da sfondo a una cospirazione per contrastare l’oscurantismo della Chiesa e difendere la cultura e la libertà di pensiero dalla censura dell’Inquisizione.
Fin qui poche novità, si direbbe. I personaggi in campo, però, sono nientemeno che il re di Francia, i Medici di Firenze e un gruppo di monaci e rabbini di Gerusalemme in clandestinità per conservare, ricopiare e diffondere le opere del passato.

Su tutti, però, emerge il protagonista, François Villon, noto letterato e autore di famose ballate; una figura non sempre lineare, ma anzi, discutibile, se si pensa che a trentun anni venne imprigionato e condannato all’impiccagione. Il romanzo, infatti, si apre proprio in quest’arco temporale  e, tra verità e fantasia, il lettore assisterà alla scena indimenticabile in cui il re Luigi XI gli concede la grazia e gli affida una missione tutt’altro che semplice, ossia fare da intermediario tra il sovrano stesso e i membri della confraternita, con l’obiettivo di abbattere Roma.

Accanto a lui, Colin, burbero e diffidente compagno,  e la bella Aisha. Lo scopo della missione diventa però ben presto un  motivo del tutto  personale per Villon: perseguire  la salvaguardia della “Parola”…

L’esperienza professionale dell’autore emerge da ogni pagina, è un susseguirsi di misteri e segreti, rivelazioni sconcertanti, fino alla fine non si capisce chi l’abbia avuta vinta, chi sia riuscito a ingannare chi. Nulla è realmente come accade e la suspense non accelera la lettura, come ci si aspetterebbe. Semmai, al contrario, induce il lettore a indugiare fra i personaggi che, più o meno casualmente, incrociano il cammino di Villon e le descrizioni suggestive e  quasi impressionistiche dei luoghi della Terrasanta. La prosa risulta frammentaria ed enigmatica, degna di un buon romanzo di spionaggio con ambientazione storica.

I   protagonisti assoluti sono i libri, con il loro carico di mistero, di fascino e soprattutto con il loro potere di aprire le menti e permettere all’anima di viaggiare e vivere altrove e in altro modo.
È naturale pertanto il senso di terrore che talvolta possono generare  questi volumi, antichi e preziosi, per le idee sovversive e pericolose che custodiscono. Allo stesso modo, preti e rabbini, nobili e borghesi sperano di ottenere potere e ricchezza sfruttando i libri e i loro segreti, ma sono armi difficili da controllare, che possono imboccare strade impreviste, finire dimenticati su uno scaffale buio, così come accendere la miccia di una rivolta.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Raphael

Jerusalmy

Libri dallo stesso autore

Intervista a Jerusalmy Raphael


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Vorrei poter scrivere un libro che fosse solo un incipit, che mantenesse per tutta la sua durata la potenzialità dell'inizio, l'attesa ancora senza oggetto. (Italo Calvino, Se una notte d'inverno un viaggiatore)".Questo è un libro "solo di incipit": i più significativi della letteratura mondiale (da Omero alla letteratura contemporanea) narrati, con "svolgimenti molteplici, inesauribili", da una ventina di scrittori, a cui si aggiungono le testimonianze sulla "potenzialità" e difficoltà dell'inizio" di Raffaele La Capria, Dacia Maraini, Melania Mazzucco, raccolte dallo scrittore e magnifico "conversatore" Paolo Di Paolo.

Cronache dal Big-Bang

AA.VV.

Così è se vi pare

Ciò che avviene fuori di noi può passare senza lasciare traccia, o modificare per sempre la traiettoria della nostra vita. L'autobiografia di ciascun italiano è una scheggia impazzita nell'autobiografia del Paese. "Il 22 giugno 1974, al settantottesimo minuto di una partita di calcio, sono diventato comunista". Sono i Mondiali del '74, ai quarti di finale si gioca una partita storica: Germania Ovest contro Germania Est. Un bambino di dieci anni, seduto davanti alla televisione insieme a suo padre, si rende conto tutt'a un tratto di tifare per la squadra sbagliata. "Mentre lo stadio ammutolisce, tra la poltrona di mio padre e la mia, un piccolo muro, invisibile e incompreso, comincia a venire su, come se fossimo nel centro di Berlino". Francesco Piccolo ha scritto un romanzo personale e politico, divertente, serissimo, provocatorio, per raccontare la storia d'amore irrisolvibile che lega ogni uomo al suo tempo. Perché in fondo la nostra vita è il modo che scegliamo ogni giorno per partecipare al mondo.

Il desiderio di essere come tutti

Piccolo Francesco

Quando la rivoluzione sessuale degli anni Sessanta ha bussato alla sua porta, David Kepesh l'ha accolta con entusiasmo, trasformandola nel momento di verità della propria vita. Da allora ha giurato a se stesso che non avrebbe mai più avuto una relazione stabile con una donna, e per trent'anni ha mantenuto fede al proposito, conducendo l'esistenza dell'«uomo emancipato». Ma un giorno, nell'aula del suo corso di critica letteraria all'università, entra Consuela Castillo, ventiquattrenne di una bellezza conturbante, che scatena il desiderio e la gelosia del maturo professore. «Forse, ora che mi sto avvicinando alla morte, anch'io segretamente desidero non essere libero», pensa Kepesh, ma non immagina quale sarà lo svolgimento tormentato della sua relazione con Consuela, e soprattutto il suo epilogo tragico. E poiché non può fare a meno di interrogarsi sulla propria vita e sul mondo, e non può fare a meno di spiegare agli altri le proprie convinzioni («la didattica è il mio destino»), tanto più doloroso è dover ammettere di essere in preda a una forza nuova che lo sta trascinando verso l'abisso. Dopo aver concluso con La macchia umana la trilogia sull'America del dopoguerra, Philip Roth conferma il suo momento di grazia con un romanzo di eccezionale intensità, dove i temi intrecciati dell'eros e della morte trovano un nuovo sviluppo tra i sogni della liberazione sessuale e l'immutata fragilità degli esseri umani.

L’ANIMALE MORENTE

Einaudi