Senza categoria

I cacciatori di libri

Jerusalmy Raphael

Descrizione: Ambientato alla fine del Medioevo, all’epoca dell’invenzione della stampa, ci racconta di una misteriosa cospirazione nata per contrastare l’oscurantismo della Chiesa e difendere la cultura e la libertà di pensiero dalla censura dell’Inquisizione. La singolare alleanza coinvolge il trono di Francia, i Medici di Firenze e un gruppo di monaci e di rabbini che operano a Gerusalemme in totale clandestinità, per conservare, ricopiare e diffondere le preziose opere del passato. Il personaggio principale del libro è il poeta François Villon, autore di celebri ballate e fondatore della lingua francese moderna. Figura straordinaria e contraddittoria, letterato e insieme malfattore, all’età di trentun anni venne imprigionato per i suoi crimini e condannato all’impiccagione. Sappiamo che alla fine Luigi XI gli concesse la grazia, ma a quel punto di lui si perdono le tracce. Jerusalmy si diverte a immaginare questa seconda parte della sua vita e gli affida il ruolo d’intermediario tra il sovrano e i membri della confraternita. Villon è uno spirito libero e non si lascia manipolare né si piega agli interessi dei potenti. Affiancato dal burbero Colin e dalla bella e silenziosa Aisha, François persegue uno scopo tutto personale (a salvaguardia di ciò che lui definisce la “Parola”) e conclude la missione in Terra santa in maniera imprevedibile, dimostrando che a volte i libri possono anche cambiare il corso degli eventi

Categoria: Senza categoria

Editore: E/o

Collana: Dal mondo

Anno: 2014

Traduttore: Federica Alba

ISBN: 978-88-6632-532-1

Recensito da Valeria Martino

Le Vostre recensioni

Leggendo la sovraccoperta del libro è facile lasciarsi andare a giudizi poco pertinenti e non affatto generosi. La trama del romanzo, infatti, riecheggia inevitabilmente quella di altri classici, sia per l’ambientazione sia, appunto, per lo svolgimento degli eventi.
I cacciatori di libri è l’ultimo romanzo di Raphael Jerusalmy, ex agente dei servizi segreti israeliani, impegnato in azioni umanitarie e oggi in commercio di libri antichi a Tel Aviv.

Cronologicamente siamo alla fine del Medioevo e “il secolo buio” si presta a fare da sfondo a una cospirazione per contrastare l’oscurantismo della Chiesa e difendere la cultura e la libertà di pensiero dalla censura dell’Inquisizione.
Fin qui poche novità, si direbbe. I personaggi in campo, però, sono nientemeno che il re di Francia, i Medici di Firenze e un gruppo di monaci e rabbini di Gerusalemme in clandestinità per conservare, ricopiare e diffondere le opere del passato.

Su tutti, però, emerge il protagonista, François Villon, noto letterato e autore di famose ballate; una figura non sempre lineare, ma anzi, discutibile, se si pensa che a trentun anni venne imprigionato e condannato all’impiccagione. Il romanzo, infatti, si apre proprio in quest’arco temporale  e, tra verità e fantasia, il lettore assisterà alla scena indimenticabile in cui il re Luigi XI gli concede la grazia e gli affida una missione tutt’altro che semplice, ossia fare da intermediario tra il sovrano stesso e i membri della confraternita, con l’obiettivo di abbattere Roma.

Accanto a lui, Colin, burbero e diffidente compagno,  e la bella Aisha. Lo scopo della missione diventa però ben presto un  motivo del tutto  personale per Villon: perseguire  la salvaguardia della “Parola”…

L’esperienza professionale dell’autore emerge da ogni pagina, è un susseguirsi di misteri e segreti, rivelazioni sconcertanti, fino alla fine non si capisce chi l’abbia avuta vinta, chi sia riuscito a ingannare chi. Nulla è realmente come accade e la suspense non accelera la lettura, come ci si aspetterebbe. Semmai, al contrario, induce il lettore a indugiare fra i personaggi che, più o meno casualmente, incrociano il cammino di Villon e le descrizioni suggestive e  quasi impressionistiche dei luoghi della Terrasanta. La prosa risulta frammentaria ed enigmatica, degna di un buon romanzo di spionaggio con ambientazione storica.

I   protagonisti assoluti sono i libri, con il loro carico di mistero, di fascino e soprattutto con il loro potere di aprire le menti e permettere all’anima di viaggiare e vivere altrove e in altro modo.
È naturale pertanto il senso di terrore che talvolta possono generare  questi volumi, antichi e preziosi, per le idee sovversive e pericolose che custodiscono. Allo stesso modo, preti e rabbini, nobili e borghesi sperano di ottenere potere e ricchezza sfruttando i libri e i loro segreti, ma sono armi difficili da controllare, che possono imboccare strade impreviste, finire dimenticati su uno scaffale buio, così come accendere la miccia di una rivolta.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Raphael

Jerusalmy

Libri dallo stesso autore

Intervista a Jerusalmy Raphael


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Le storie di Natale scritte da Silvana Sanna

Pierluigi Cappello

Secondo le cronache ufficiali Giulia Di Marco è stata un'eretica, uno dei più clamorosi scandali del Cristianesimo. La sua vera storia, raccontata in prima persona, inizia in Molise: venduta come amante bambina a un uomo che poteva essere suo nonno, Giulia cresce nella miseria e anni dopo dovrà abbandonare una figlia in fasce. A Napoli diventa "suor Partenope" e indica al popolo una nuova strada per arrivare a Dio: l'estasi. Venerata come una santa, finisce per dare fastidio al nemico più terribile, il Papa. Perseguitata, torturata per mesi e costretta all'abiura, Giulia inizierà una nuova vita a Roma, divenendo confidente di Gian Lorenzo Bernini, l'architetto che sta aprendo l'Urbe al futuro.

Io, Partenope

Vassalli Sebastiano

“Il grande Gatsby” ovvero l'età del jazz: luci, party, belle auto e vestiti da cocktail, ma dietro la tenerezza della notte si cela la sua oscurità, la sua durezza, il senso di solitudine con il quale può strangolare anche la vita più promettente. Il giovane Nick Carraway, voce narrante del romanzo, si trasferisce a New York nell'estate del 1922. Affitta una casa nella prestigiosa e sognante Long Island, brulicante di nuovi ricchi disperatamente impegnati a festeggiarsi a vicenda. Un vicino di casa colpisce Nick in modo particolare: si tratta di un misterioso Jay Gatsby, che abita in una casa smisurata e vistosa, riempiendola ogni sabato sera di invitati alle sue stravaganti feste. Eppure vive in una disperata solitudine e si innamorerà insensatamente della cugina sposata di Nick, Daisy... Il mito americano si decompone pagina dopo pagina, mantenendo tutto lo sfavillio di facciata ma mostrando anche il ventre molle della sua fragilità. Proprio come andava accadendo allo stesso Fitzgerald, ex casanova ed ex alcolizzato alle prese con il mistero di un'esistenza ormai votata alla dissoluzione finale.

Il grande Gatsby

Fitzgerald Francis Scott