Senza categoria

La gatta che suonava il piano

Nicodemo Nicola

Descrizione: Tre racconti, una sola storia. 1944. I nazisti occupano Parigi. Edifici crollati, i corpi delle vittime campeggiano come vessilli nei luoghi degli scontri. Fame, disperazione e rassegnazione riempiono gli animi avviliti dei parigini. Ma c'è ancora speranza nei cuori di chi non si è mai arreso, di chi combatte, di chi ogni giorno ravviva la fiamma del ricordo e di una promessa. C'è bisogno di lotta nel cuore di Vincent, che ha perso tutto ma vuole difendere il futuro di sua figlia. C'è entusiasmo, voglia di vivere e di riconquistare la libertà, nei cuori di un gruppo di operai che non sanno nulla di guerra, di odio, di armi, ma scelgono di ribellarsi al nazismo e di riscrivere il finale ad una insulsa pagina di storia, per la loro città occupata.

Categoria: Senza categoria

Editore: Narcissus Self Publishing

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788867550296

Trama

Le Vostre recensioni

Presentazione dell’autore

La gatta che suonava il piano è un’antologia di tre racconti storici. Vincent, il protagonista, vive a Parigi con la moglie e sua figlia Francine. Non è, però, la ville lumière che tutti conosciamo, o la Parigi degli anni Venti, coi caffé letterari frequentati da scrittori bohémien. È la Parigi degli anni Quaranta, dell’occupazione nazista, teatro di guerra e di distruzione. Il fuoco tedesco e la fame costringono gli uomini a fuggire. Quelli che restano sono tramutati in sagome selvagge, spettri di vite umane che ancora si aggirano tra le macerie di una città ferita.

La speranza, però, non muore, neanche in un animo distrutto dalla morte. L’insegna del caffé Chez Dubois dondola ancora fuori dal locale. È il segno dell’ultimo frammento di civiltà. All’interno, una gatta che suona il piano è la metafora di una promessa che non può essere tradita. I parigini devono lottare per la loro patria e per la libertà. Vincent, in prima persona, lotta per l’amore di sua figlia.

L’antologia, che non si presenta come una ricostruzione storica dei fatti accaduti, ha l’intenzione – forse ben più complessa – di scrutare una piccola parte dell’animo umano, per scoprirne le emozioni e le fragilità.

Amore, dolore, paura e speranza creano un equilibrio delicato. Nella sua semplicità e brevità, il testo è un’interpretazione, del tutto personale, di un’esperienza umana, che – si spera – arrivi al cuore.

“I personaggi sanno rimanere impressi, nella testa o nel cuore, anche se protagonisti di poche pagine” – Romanzistorici.it

“Gli avvenimenti storici fanno da corollario a una storia personale di speranza e amore” – Mondoscrittura

Sito dedicato: www.nicolanicodemo.blogspot.it

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Nicola

Nicodemo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nicodemo Nicola


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Negli ultimi anni, è comparsa una nuova categoria di persone: questi soggetti hanno un lavoro ma lo stipendio non consente loro di pagare un affitto e dunque sono spinti per strada. Vivono dove possono, vagano da un luogo all’altro, dormono nella loro macchina. Il grande etnologo Marc Augé, che dà qui prova anche di un talento letterario, immagina la vita di uno di questi “vagabondi”, gli effetti distruttivi prodotti dalla perdita di punti di riferimento spazio-temporali, inventando un genere, l’etnofiction, l’autore utilizza la forma del racconto per evocare un fatto sociale: il suo eroe, un medio funzionario messo in difficoltà da due divorzi e dall’aumento degli affitti, potrebbe non essere cos’i diverso da tutti noi...

DIARIO DI UN SENZA FISSA DIMORA

Augé Marc

Il canto della balena

Sobrero Corrado

È stato addestrato dall'FBI negli Stati Uniti, è un esperto in rapimenti e torture, ha ucciso centinaia di persone e per vent'anni ha mantenuto la carica di comandante della polizia dello stato del Chihuahua, lavorando allo stesso tempo al soldo di un cartello messicano della droga. Nel suo mondo di corruzione, mantenere l'ordine significava operare contemporaneamente nell'interesse di entrambi, della polizia e dei narcotrafficanti: quando dirigeva la squadra speciale anti sequestro a Juàrez organizzava rapimenti nella stessa città; quando uccideva sotto ricompensa testava i fucili di precisione che facevano parte dell'equipaggiamento dei federali. Non era un fuorilegge. Non era un ribelle. Era lo Stato. Sembra una storia inventata, la paradossale sceneggiatura di un film d'azione, ma quello che Charles Bowden e Molly Molloy hanno trascritto in questo libro è la nuda verità, le parole ascoltate direttamente dalla bocca di un assassino. Frutto di giorni di colloqui proseguiti per un intero anno, El Sicario è il ritratto di una persona reale, un killer professionista che dopo aver commesso un'impressionante sequela di violenze ed essersi macchiato di terribili atrocità, ha deciso di smettere, uscendone vivo. Ora trascorre un' esistenza da fuggitivo perché sulla sua testa pende una taglia da 250.000 dollari.

El sicario

Bowden Charles

Pubblicato nel 1911, il Bestiario, o Il corteggio d’Orfeo, prima raccolta di poesie di Guillaume Apollinaire, si colloca in un felice punto d’intersezione tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento, momento di forte crescita della poesia europea. Tratto distintivo della raccolta è quell’aggancio realistico che equilibra la continua tentazione verso il nonsense, quell’intrattenibile e abbagliante pienezza del sentimento che genera una straordinaria congiunzione tra la «fatuità » del Mallarmé minore e la gustosa sapienzialità terrestre dei bestiari medievali. Incredibilmente sospeso tra le sinuose eleganze dell’Art Nouveau e la solida concretezza delle scomposizioni cubiste, il poeta crea effetti stilistici unici, senza mai rinunciare a sfruttare gli spazi aperti della sua immaginazione formale, cassa di risonanza della sua malinconia, della sua vitalità, del suo male di vivere. Ricchissima di senso metrico e sonoro, fondata sul valore espressivo della parodia e del falsetto, la poesia di Apollinaire è proposta nell’attenta traduzione di Giovanni Raboni a cui fanno da indispensabile complemento le incisioni di Raoul Dufy, presenti già nell’edizione originale.

Bestiario

Apollinaire Guillaume