Senza categoria

La gatta che suonava il piano

Nicodemo Nicola

Descrizione: Tre racconti, una sola storia. 1944. I nazisti occupano Parigi. Edifici crollati, i corpi delle vittime campeggiano come vessilli nei luoghi degli scontri. Fame, disperazione e rassegnazione riempiono gli animi avviliti dei parigini. Ma c'è ancora speranza nei cuori di chi non si è mai arreso, di chi combatte, di chi ogni giorno ravviva la fiamma del ricordo e di una promessa. C'è bisogno di lotta nel cuore di Vincent, che ha perso tutto ma vuole difendere il futuro di sua figlia. C'è entusiasmo, voglia di vivere e di riconquistare la libertà, nei cuori di un gruppo di operai che non sanno nulla di guerra, di odio, di armi, ma scelgono di ribellarsi al nazismo e di riscrivere il finale ad una insulsa pagina di storia, per la loro città occupata.

Categoria: Senza categoria

Editore: Narcissus Self Publishing

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788867550296

Trama

Le Vostre recensioni

Presentazione dell’autore

La gatta che suonava il piano è un’antologia di tre racconti storici. Vincent, il protagonista, vive a Parigi con la moglie e sua figlia Francine. Non è, però, la ville lumière che tutti conosciamo, o la Parigi degli anni Venti, coi caffé letterari frequentati da scrittori bohémien. È la Parigi degli anni Quaranta, dell’occupazione nazista, teatro di guerra e di distruzione. Il fuoco tedesco e la fame costringono gli uomini a fuggire. Quelli che restano sono tramutati in sagome selvagge, spettri di vite umane che ancora si aggirano tra le macerie di una città ferita.

La speranza, però, non muore, neanche in un animo distrutto dalla morte. L’insegna del caffé Chez Dubois dondola ancora fuori dal locale. È il segno dell’ultimo frammento di civiltà. All’interno, una gatta che suona il piano è la metafora di una promessa che non può essere tradita. I parigini devono lottare per la loro patria e per la libertà. Vincent, in prima persona, lotta per l’amore di sua figlia.

L’antologia, che non si presenta come una ricostruzione storica dei fatti accaduti, ha l’intenzione – forse ben più complessa – di scrutare una piccola parte dell’animo umano, per scoprirne le emozioni e le fragilità.

Amore, dolore, paura e speranza creano un equilibrio delicato. Nella sua semplicità e brevità, il testo è un’interpretazione, del tutto personale, di un’esperienza umana, che – si spera – arrivi al cuore.

“I personaggi sanno rimanere impressi, nella testa o nel cuore, anche se protagonisti di poche pagine” – Romanzistorici.it

“Gli avvenimenti storici fanno da corollario a una storia personale di speranza e amore” – Mondoscrittura

Sito dedicato: www.nicolanicodemo.blogspot.it

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Nicola

Nicodemo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nicodemo Nicola


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Due ‘cold cases’ che, dopo anni di stasi, diventano improvvisamente urgenti. Uno perché la vittima muore con dieci anni di ritardo rispetto alle intenzioni dell’aspirante omicida. Era riuscita a resistere tutto quel tempo con un proiettile nella schiena, senza che si riuscisse a trovare chi glielo aveva piantato, ma la sua morte riporta il caso alla ribalta. L’altro perché un nuovo elemento apre d’improvviso una finestra sulla strage di bambini avvenuta nel corso di un incendio doloso. E chi gli danno come partner? Una giovane ‘rookie’ senza nessuna esperienza di omicidi, a cui Bosch deve fare da tutore. Una bella sfida. Appassionante come al solito, incalzante e veloce. Connelly non delude mai.

La strategia di Bosch

Connelly Michael

Un giorno il mondo si sveglia e scopre che sono finiti il petrolio, il carbone e l'energia elettrica. È pieno inverno, soffia un vento ghiacciato e i denti aguzzi del freddo mordono alle caviglie. Gli uomini si guardano l'un l'altro, hanno occhi smarriti e il terrore stringe i loro cuori. E ora come faranno? La stagione gelida avanza e non ci sono termosifoni a scaldare, il cibo scarseggia, non c'è nemmeno più luce a illuminare le notti. Le città sono diventate un deserto silenzioso, senza traffico e senza gli schiamazzi e la musica dei locali. Rapidamente gli uomini si accorgono che tutto il benessere conquistato, fatto di oggetti meravigliosi e tecnologia all'avanguardia, è perfettamente inutile. Circondati dal superfluo e privi del necessario, intuiscono che una salvezza esiste, ma si nasconde in un sapere antico, da tempo dimenticato. Capiscono che se vogliono arrivare alla fine di quell'inverno di fame e paura,"l'inverno della morte bianca e nera", devono guardare indietro, tornare alla sapienza dei nonni che ancora erano in grado di fare le cose con le mani e ascoltavano la natura per cogliere i suoi insegnamenti. Così, mentre un tempo duro e infame si abbatte sul mondo intero e i più deboli iniziano a cadere, quelli che resistono imparano ad accendere fuochi, cacciare gli animali costruendo trappole con i rami più teneri, riconoscere le erbe che nutrono e quelle che guariscono. Segnati dalla fatica e dalla paura, i superstiti si faranno più forti e insieme anche più saggi. La fine del mondo storto raddrizzerà gli animi, cancellerà la supponenza del ricco e punirà l'arroganza del povero, che si ritiene l'unico depositario di coraggio e resistenza. Resi uguali dalla difficoltà estrema, gli uomini si incammineranno verso la possibilità di un futuro più giusto e pacifico, che arriverà insieme alla tanto attesa primavera. Ma il destino del mondo è incerto, consegnato nelle mani incaute dell'uomo... Facendo un passo indietro per trovare la voce più pura e poetica della natura imperiosa, e balzando in avanti con la forza di un'immaginazione visionaria e insieme intensamente realistica, Mauro Corona ancora una volta stupisce costruendo un romanzo imprevedibile. Un racconto che spaventa, insegna ed emoziona, ma soprattutto lascia senza fiato per la sua implacabile e accorata denuncia di un futuro che ci aspetta.

LA FINE DEL MONDO STORTO

Corona Mauro

Tre viaggi nel corso di un anno. Turchia, Iraq, Siria, per documentare la vita della resistenza curda in una delle zone calde meno spiegate dai media mainstream. Zerocalcare realizza un lungo racconto, a tratti intimo, a tratti corale, nel quale l'esistenza degli abitanti del Rojava (una regione il cui nome non si sente mai ai telegiornali) emerge come un baluardo di estrema speranza per tutta l'umanità.

Kobane calling

Zerocalcare

THE TWILIGHT SAGA

Meyer Stephenie