Senza categoria

La gatta che suonava il piano

Nicodemo Nicola

Descrizione: Tre racconti, una sola storia. 1944. I nazisti occupano Parigi. Edifici crollati, i corpi delle vittime campeggiano come vessilli nei luoghi degli scontri. Fame, disperazione e rassegnazione riempiono gli animi avviliti dei parigini. Ma c'è ancora speranza nei cuori di chi non si è mai arreso, di chi combatte, di chi ogni giorno ravviva la fiamma del ricordo e di una promessa. C'è bisogno di lotta nel cuore di Vincent, che ha perso tutto ma vuole difendere il futuro di sua figlia. C'è entusiasmo, voglia di vivere e di riconquistare la libertà, nei cuori di un gruppo di operai che non sanno nulla di guerra, di odio, di armi, ma scelgono di ribellarsi al nazismo e di riscrivere il finale ad una insulsa pagina di storia, per la loro città occupata.

Categoria: Senza categoria

Editore: Narcissus Self Publishing

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788867550296

Trama

Le Vostre recensioni

Presentazione dell’autore

La gatta che suonava il piano è un’antologia di tre racconti storici. Vincent, il protagonista, vive a Parigi con la moglie e sua figlia Francine. Non è, però, la ville lumière che tutti conosciamo, o la Parigi degli anni Venti, coi caffé letterari frequentati da scrittori bohémien. È la Parigi degli anni Quaranta, dell’occupazione nazista, teatro di guerra e di distruzione. Il fuoco tedesco e la fame costringono gli uomini a fuggire. Quelli che restano sono tramutati in sagome selvagge, spettri di vite umane che ancora si aggirano tra le macerie di una città ferita.

La speranza, però, non muore, neanche in un animo distrutto dalla morte. L’insegna del caffé Chez Dubois dondola ancora fuori dal locale. È il segno dell’ultimo frammento di civiltà. All’interno, una gatta che suona il piano è la metafora di una promessa che non può essere tradita. I parigini devono lottare per la loro patria e per la libertà. Vincent, in prima persona, lotta per l’amore di sua figlia.

L’antologia, che non si presenta come una ricostruzione storica dei fatti accaduti, ha l’intenzione – forse ben più complessa – di scrutare una piccola parte dell’animo umano, per scoprirne le emozioni e le fragilità.

Amore, dolore, paura e speranza creano un equilibrio delicato. Nella sua semplicità e brevità, il testo è un’interpretazione, del tutto personale, di un’esperienza umana, che – si spera – arrivi al cuore.

“I personaggi sanno rimanere impressi, nella testa o nel cuore, anche se protagonisti di poche pagine” – Romanzistorici.it

“Gli avvenimenti storici fanno da corollario a una storia personale di speranza e amore” – Mondoscrittura

Sito dedicato: www.nicolanicodemo.blogspot.it

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Nicola

Nicodemo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nicodemo Nicola

Terra di miele

Elena Gaddi

Chi ha letto "La donna di Gilles" sa che non c'è un'altra scrittrice capace come Madeleine Bourdouxhe di raccontare gli sbigottimenti e le lusinghe dell'amore: senza sbavature né svenevolezze, ma con un'intensità e un'evidenza che hanno qualcosa di lancinante. In questo secondo romanzo della Bourdouxhe (che Jonathan Coe ha definito «una delle più belle scoperte letterarie degli ultimi anni») non siamo più nella grigia e fuligginosa periferia di Liegi, bensì nella "douceur de vivre" della Parigi della fine degli anni Trenta; e se Elisa, la struggente protagonista della Donna di Gilles, viveva nell'attesa, nel dono di sé, nella devozione assoluta per un marito di cui tutto sapeva accogliere e perdonare, Marie (che pure ama profondamente il suo, di marito) scopre la violenza della passione quando, su una spiaggia della Costa Azzurra, incrocia lo sguardo di un ragazzo di vent'anni dalle spalle sottili, i fianchi stretti e le lunghe gambe abbronzate. Un pomeriggio si incontrano, come per caso, su un sentiero che costeggia il mare e, su un pezzetto di carta che lei non getterà, lui scrive un numero di telefono. Che Marie chiamerà, tornata a Parigi, dalla cabina telefonica di un caffè. In una breve Nota all'edizione Gallimard della Donna di Gilles, Madeleine Bourdouxhe aveva scritto: «L'annientamento nell'amore: un po' la storia di tutte le donne», ma qui la prospettiva è cambiata, e il suo sguardo segue con vibrante complicità il percorso di una donna che affronta, con un'audacia che quasi la stupisce, «l'intransigenza del desiderio»...

Marie aspetta Marie

Bourdouxhe Madeleine

Giulio Cesare non è morto, durante la congiura delle Idi di marzo...

Cesare il conquistatore

Forte Franco

Il creatore di ‘Barbatoze’ parla dello stato attuale delle Graphic Novel in Egitto e i possibili sviluppi futuri